23°

politica

Dall'Olio: il segretario ideale del Pd è "Civenzi"

Il capogruppo stima Renzi ma voterà Civati

Nicola Dall'Olio, capogruppo Pd

Nicola Dall'Olio, capogruppo Pd

2

Il capogruppo del Pd, Nicola Dall'Olio, prende posizione sulle primarie Pd. Ecco il testo pubblicato sul suo blog:

Renzi o Civati? La mia posizione sulle primarie del PD
 
In una lontana estate del ’78, giocando a calcio nel cortile di Ronco, mi ero dato il nome di Betros, sintesi di quello che doveva essere ai miei occhi l’attaccante perfetto. Questo nome un po’ esotico mi pareva un’invenzione originale e ingegnosa, ma perfino mio nonno, che di calcio non se ne intendeva granché, aveva capito che si trattava dell’unione delle sillabe iniziali dei due attaccanti della nazionale dei mondiali di Argentina: Bettega e Rossi. 
Trentacinque anni dopo, un lasso temporale che fatico a capire come possa essere passato, non tiro più pallonate contro un muro. Il contesto e il “gioco” sono cambiati. Si tratta di scegliere chi sostenere per il congresso nazionale del PD. Potessi ancora baloccarmi con i nomi il mio candidato ideale sarebbe il connubio di due persone: Civati e Renzi. Entrambi hanno meno di 40 anni, si sono fatti e affermati da sé, al di fuori delle tradizionali filiere di cooptazione. Parlano il linguaggio del presente e guardano al futuro. Rappresentano e interpretano in modo complementare il rinnovamento. Quel rinnovamento indispensabile per recuperare la fiducia degli elettori e costruire una proposta politica convincente e al passo con i tempi.
Civati è più tecnico, più focalizzato sui temi e sui contenuti, sugli assist e sul gioco corale. Renzi è il bomber di razza, quello che sradica di potenza i palloni, magari passa poco la palla, ma tira sempre in porta. Sulla carta una bella coppia. Non è un caso che proprio da questa coppia sia partito il primo vero segnale di risveglio del PD con la prima Leopolda nel novembre del 2010.  
Poi le loro strade si sono separate e ora siamo qua a dover scegliere in una situazione di forte polarizzazione, in cui prevalgono gli schieramenti e le logiche di appartenenza. E per me non è semplice. A differenza di molti renziani last-minute, impegnati nello sport italico dei posizionamenti e del salto sul carro, alle scorse primarie ho sostenuto e votato Renzi senza indugio. Ho apprezzato da subito il suo coraggio e la sua forza, la sua anima liberal, la sua sfida aperta a una nomenclatura di partito arroccata e ormai inadeguata. E resto convinto che con lui avremmo vinto agevolmente le elezioni. Ma avevo anche detto che se ci fosse stato Civati lo avrei votato. E alla fine così farò. 
Si dice che in politica contino solo gli interessi. Che i rapporti personali stiano a zero. Non sono ancora arrivato a quel punto. Con Civati ci conosciamo da alcuni anni, mi ha sostenuto e aiutato nelle primarie per il Sindaco di Parma. E’ grazie o per colpa sua se ho ritrovato le motivazioni per restare a fare politica attiva nel PD in un momento in cui volevo mollare (Il nostro tempo, Bologna ottobre 2011). E queste cose, bene o male, per me contano. 
Ma c’è dell’altro. I contenuti. La mozione di Civati, oltre ad essere la più articolata e completa, è l’unica che coglie e mette al centro delle politiche di rilancio economico e sociale il tema della sostenibilità. Non l’ambiente. Non lo sviluppo sostenibile. Ma la sostenibilità. Una cosa diversa. Un principio guida su cui la sinistra dovrebbe (ri) costruire la sua proposta politica per una società più equa e per un benessere duraturo, aperto a tutti, anche agli ultimi della Terra, quei miliardi di persone di cui ci ricordiamo solo in occasione di tragedie come Lampedusa.
Voterò quindi Civati per coerenza e per dare più peso, dentro al PD, a questo tema centrale per un partito riformista che voglia guardare al futuro e liberarsi del provincialismo congenito della politica nazionale. Ma al di là dei nomi, ciò che più importa, in queste primarie, è che alla fine vinca davvero il rinnovamento, a dispetto dei convertiti dell’ultimo minuto e delle inestirpabili dinamiche correntizie. Dopodiché tutti a terra a spingere il carro per fare in modo che le cose cambino cambiandole. Con l’auspicio che si ricomponga sotto nuove forme quel connubio che, di fatto, il cambiamento lo ha innescato.
Renzi o Civati? La mia posizione sulle primarie del PD In una lontana estate del ’78, giocando a calcio nel cortile di Ronco, mi ero dato il nome di Betros, sintesi di quello che doveva essere ai miei occhi l’attaccante perfetto. Questo nome un po’ esotico mi pareva un’invenzione originale e ingegnosa, ma perfino mio nonno, che di calcio non se ne intendeva granché, aveva capito che si trattava dell’unione delle sillabe iniziali dei due attaccanti della nazionale dei mondiali di Argentina: Bettega e Rossi. Trentacinque anni dopo, un lasso temporale che fatico a capire come possa essere passato, non tiro più pallonate contro un muro. Il contesto e il “gioco” sono cambiati. Si tratta di scegliere chi sostenere per il congresso nazionale del PD. Potessi ancora baloccarmi con i nomi il mio candidato ideale sarebbe il connubio di due persone: Civati e Renzi. Entrambi hanno meno di 40 anni, si sono fatti e affermati da sé, al di fuori delle tradizionali filiere di cooptazione. Parlano il linguaggio del presente e guardano al futuro. Rappresentano e interpretano in modo complementare il rinnovamento. Quel rinnovamento indispensabile per recuperare la fiducia degli elettori e costruire una proposta politica convincente e al passo con i tempi.Civati è più tecnico, più focalizzato sui temi e sui contenuti, sugli assist e sul gioco corale. Renzi è il bomber di razza, quello che sradica di potenza i palloni, magari passa poco la palla, ma tira sempre in porta. Sulla carta una bella coppia. Non è un caso che proprio da questa coppia sia partito il primo vero segnale di risveglio del PD con la prima Leopolda nel novembre del 2010.  Poi le loro strade si sono separate e ora siamo qua a dover scegliere in una situazione di forte polarizzazione, in cui prevalgono gli schieramenti e le logiche di appartenenza. E per me non è semplice. A differenza di molti renziani last-minute, impegnati nello sport italico dei posizionamenti e del salto sul carro, alle scorse primarie ho sostenuto e votato Renzi senza indugio. Ho apprezzato da subito il suo coraggio e la sua forza, la sua anima liberal, la sua sfida aperta a una nomenclatura di partito arroccata e ormai inadeguata. E resto convinto che con lui avremmo vinto agevolmente le elezioni. Ma avevo anche detto che se ci fosse stato Civati lo avrei votato. E alla fine così farò. Si dice che in politica contino solo gli interessi. Che i rapporti personali stiano a zero. Non sono ancora arrivato a quel punto. Con Civati ci conosciamo da alcuni anni, mi ha sostenuto e aiutato nelle primarie per il Sindaco di Parma. E’ grazie o per colpa sua se ho ritrovato le motivazioni per restare a fare politica attiva nel PD in un momento in cui volevo mollare (Il nostro tempo, Bologna ottobre 2011). E queste cose, bene o male, per me contano. Ma c’è dell’altro. I contenuti. La mozione di Civati, oltre ad essere la più articolata e completa, è l’unica che coglie e mette al centro delle politiche di rilancio economico e sociale il tema della sostenibilità. Non l’ambiente. Non lo sviluppo sostenibile. Ma la sostenibilità. Una cosa diversa. Un principio guida su cui la sinistra dovrebbe (ri) costruire la sua proposta politica per una società più equa e per un benessere duraturo, aperto a tutti, anche agli ultimi della Terra, quei miliardi di persone di cui ci ricordiamo solo in occasione di tragedie come Lampedusa.Voterò quindi Civati per coerenza e per dare più peso, dentro al PD, a questo tema centrale per un partito riformista che voglia guardare al futuro e liberarsi del provincialismo congenito della politica nazionale. Ma al di là dei nomi, ciò che più importa, in queste primarie, è che alla fine vinca davvero il rinnovamento, a dispetto dei convertiti dell’ultimo minuto e delle inestirpabili dinamiche correntizie. Dopodiché tutti a terra a spingere il carro per fare in modo che le cose cambino cambiandole. Con l’auspicio che si ricomponga sotto nuove forme quel connubio che, di fatto, il cambiamento lo ha innescato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gianabo

    20 Novembre @ 14.14

    Civenzi! Così, che sia eletto uno o l'altro, lui ci sta sempre dentro. Bravo, questa si che è coerenza.

    Rispondi

  • 20 Novembre @ 07.48

    Renzi o Civati; non è certo un segretario che cambia le cose. Il problema sono le tessere finte, i congressi farlocchi, i vecchi parrucconi che non mollano la poltrona, i familismi, i favoritismi, le commistioni clientelari e l'illegalità in cui crapula questa partitocrazia senza idee e senza vergogna.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

sgarbi dorme in tv

video virale

Sgarbi si addormenta in diretta Tv. Lo sveglia il conduttore

Kate & Amal: eleganza e bellezza (in verde e in rosso) Gallery

Londra

Kate & Amal incantano in verde e in rosso Gallery

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo

parma

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo Gallery

prostituzione

16enni nigeriane sfruttate e picchiate scappano da Parma: salvate a Napoli

La triste storia di due ragazzine (una di loro incinta), tra la Libia e la nostra città 

7commenti

via spezia

Incidente: camion si ribalta a Stradella. Coinvolte due auto: tre feriti Foto

via Baganza

Paura in piazza Fiume: un uomo cade, arriva l'ambulanza

lega nord

Salvini candida la Cavandoli: "Possiamo vincere" Intervista

Via Verdi blindata (guarda) per la visita del leader del Carroccio: "A Parma prima i parmigiani" e "Porte aperte agli alleati e ai civici"

1commento

anteprima gazzetta

La vecchiaia raccontata da Giancarlo Ilari Video

tg parma

Felegara sotto choc per la morte dei coniugi Carpana Video

tra parma e milano

Re delle truffe tradito dalla pizza: preso nascosto nel sofà

ateneo

Elezioni universitarie: Sinistra studentesca pigliatutto

LIRICA

La Fondazione del Regio istituisce l'Accademia Verdiana

Si parte con un corso di perfezionamento per 10 cantanti lirici

Consiglio

La Provincia lascerà la sede di piazza della Pace

7commenti

lega pro

Dallara suona la carica: "Parma, lotteremo fino alla fine" Video

E ieri sera, il Matera ha battuto il Venezia 1-0 (Finale andata di Coppa Italia) - Da ieri, Munari e Frattali sono tornati in gruppo

tg parma

Borgotaro: gli alunni di elementari e medie disertano la scuola Video

Protesta delle mamme contro gli odori della Laminam

5commenti

Polizia

Furti al supermercato: quattro denunciati in poche ore. Tre sono minorenni

17commenti

foto dei lettori

Via Montebello: il parcheggio è "creativo"

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato del Rolex nel suo studio

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Recuperiamo (almeno) la speranza

EDITORIALE

L'ambulanza bloccata e la legge «fai da te»

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Parigi, allarme per i kamikaze con virus infettivi

Piacenza

Precipita con il deltaplano a motore e muore

SOCIETA'

MUSICA

E' morto Fausto Mesolella, storico chitarrista degli Avion Travel Live a Parma con la Toscanini

polizia

Una Lamborghini Huracàn per la Polstrada di Bologna

SPORT

LEGAPRO

Il Pordenone strappa un pari sul campo della Reggiana

gossip

Il nuovo amore di Valentino Rossi è una modella palermitana Video

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon