-6°

POLITICA PD

Renzi stravince: a Parma al 68%

E in Emilia al 72 - A Parma Civati batte Cuperlo

Matteo Renzi

Matteo Renzi

8

«Si profila una vittoria molto forte di Matteo Renzi, molto forte soprattutto in regioni importanti, è un segno inequivoco che avrà un mandato democratico molto forte e una responsabilità molto forte». Così Guglielmo Epifani commenta i dati in arrivo dallo scrutinio ai seggi.

A metà spoglio il sindaco di Firenze è sul 68%, e in Emilia arriva al 72.

I dati forniti alle 22 a Parma  danno Renzi al 68,62 davanti a Civati (15,88) e Cuperlo (15, 50). I voti di Parma e provincia sono stati oltre 26mila.

La frase - "Non è la fine della sinistra, è la fine di un gruppo dirigente della sinistra". Lo ha detto Matteo Renzi sottolineando come "non è la fine della sinistra ma stiamo cambiando i giocatori, noi non stiamo andando dall’altra parte del campo".

Ampio servizio sulla Gazzetta di Parma in edicola 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    09 Dicembre @ 21.03

    SI ANDREA , i vitalizi dei Parlamentari , i pensionati da 40000 - 50000 euro al mese ( mi han detto che ce ne sarebbe uno da 90000 euro al mese. Sarà vero ? ) , le solite cose risapute, se pur vere , ma, qui si minaccia di andare a far macelleria sociale su chi ha maturato , in una vita di lavoro , pensioni di 2000 - 3000 - 4000 - 5000 euro che sono , senza dubbio , buone pensioni , ma è esagerato , secondo me , definire "pensioni d' oro" . Si vanno a colpire sempre i soliti , cioè la piccola borghesia , che già paga di tutto e di più .

    Rispondi

  • Andreaparma

    09 Dicembre @ 19.40

    Vorrei fare notare che anche i vitalizi dei parlamentari, a Roma e regionali, sono dei diritti acquisiti. Ma penso che nessuno si batterebbe per mantenerli. Il punto è che se servono risorse, queste, in un modo o nell'altro, si cercano e si trovano. Giusto quindi reclamare di più da chi molto ha ricevuto alle spalle degli altri, ingiustamente. In caso contrario, si fa come si è sempre fatto: spremere tutti in modo indiscriminato, una vera e ingiusta macelleria sociale. Vedi Tares, Iva e altre imposte. E l'Imu, non detraibile, che spreme risorse anche alle imprese con i conti in rosso? (+120% sui capannoni a Parma). In merito all'Euro, lo spread medio dei titoli di stato Italia-Germania, prima dell'Euro, sfiorava il 4%; con l'Euro arrivò allo 0,6%, con grande risparmio sugli interessi (enormi) pagati. L'Italia, cicala e senza una politica industriale di nessun tipo, anziché approfittare della situazione e aggiustare i conti in un momento economico favorevole, continuò a spendere male e sempre di più, fino alla resa dei conti del 2011, quando ci misero di fronte alla dura realtà, che ora non presenta né alternative né scorciatoie.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    09 Dicembre @ 17.47

    "RIPARAMETRARE" LE PENSIONI GIA' IN ATTO SULLA BASE DEL "CONTRIBUTIVO" SAREBBE UN' ABERRAZIONE ! Il sistema "retributivo" è necessario per mantenere l' assegno pensionistico adeguato al costo della vita. Nonostante questo il "contributivo" è già entrato in vigore per tutti con la "Legge Dini" dal 1 gennaio 1996. ABBIAMO GIA' DATO FIN TROPPO ! Peraltro, chi sa di maturare una pensione misera col "contributivo" , ha facoltà di sottoscrivere i fondi integrativi appositamente costituiti , ai quali , però , per il momento, stanno aderendo in pochi , mentre gli anziani, già in pensione, non hanno questa possibilità , e, pertanto , devono aver RISPETTATI I LORO DIRITTI ACQUISITI. LE LEGGI NON POSSONO AVERE VIGORE RETROATTIVO ! Le "pensioni d' oro" sono un argomento prediletto della divulgazione scandalistica , ma bisogna vedere poi qual' è il loro peso reale sul Sistema. Certamente tutti ci indigniamo quando sentiamo di persone che ricevono 40000 - 50000 euro al mese di pensione , ed anche più , ma dovremmo indignarci anche per tutti quelli che hanno ricevuto pensioni premature. FINO AL 1996 I DIPENDENTI PUBBLICI SON POTUTI ANDARE IN PENSIONE CON 16 ANNI , 6 MESI E 1 GIORNO DI LAVORO . C' è stata molta gente , soprattutto donne , andata in pensione a 34 anni ! MA E' OVVIO CHE, QUELLE PENSIONI, ORMAI DOBBIAMO CONTINUARE A PAGARLE FINO ALLA MORTE DEL TITOLARE . Che vogliamo fare ? Andare da una settantaquattrenne , andata in pensione quarant' anni fa , e dirle : "Scusi signora, abbiamo scherzato ! Non si può andare in pensione a trentaquattro anni, adesso lei deve tornare a lavorare " ? IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO E' STATO MESSO IN EQUILIBRIO DEFINITIVAMENTE DALLA "LEGGE DINI" DEL 1996 (che ha , tra l' altro, eliminato anche le "baby pensioni" ) ED ULTERIORI MACELLERIE SOCIALI SON SOLO VILTA' ! E' ORA DI FINIRLA , ed è questo che la gente di Sinistra si aspetta dal Segretario del Partito che si fa passare per Guida della Sinistra. USCIRE DALL' EURO AVREBBE SENZA DUBBIO CONSEGUENZE MOLTO GRAVI , MA NON POSSIAMO NEMMENO ANDARE AVANTI COSI' ! E, se uscisse l' Italia, uscirebbero anche la Grecia , e , probabilmente , Spagna e Portogallo , Poi vedremmo quanto resterebbe sull' "albero della cuccagna" di Germania e Francia. SARA' MOLTO IMPORTANTE VEDERE I RISULTATI DELLE ELEZIONI EUROPEE DI PRIMAVERA , perchè , a Strasburgo , potrebbero trovarsi un Parlamento pieno di deputati anti-euro............ poi ridiamo un pò.

    Rispondi

  • Andreaparma

    09 Dicembre @ 16.21

    Renzi non ha bisogno di avvocati d'ufficio, ma ricordo al sig. Gio che Prato fa Comune e Provincia.

    Rispondi

  • Andreaparma

    09 Dicembre @ 15.43

    Uno dei problemi maggiori del paese sono i debiti che lo sommergono, e che ora dobbiamo pagare. Abbiamo vissuto per decenni al di sopra dei nostri mezzi, causa uno stato sprecone, che elargiva a destra e a manca, e che spendeva malamente i soldi indebitando le generazioni successive. Anch’io ho sentito Renzi parlare di pensioni d’oro maturate con il sistema retributivo, e dentro di me l’ho applaudito: il retributivo è stata un’ingiusta, miope e clientelare follia, che ha contribuito a creare il debito che ci opprime. Personalmente credo sia giusto riparametrare le pensioni maturate col retributivo in relazione a quanto versato e con progressività: quelle basse dovrebbero essere diminuite di poco o niente e le più alte abbassate maggiormente. Uscire dall’Euro, infine, ci darebbe la possibilità di svalutare, innescando, come un tempo, la spirale tassi d’interesse-inflazione e aumentare l’indebitamento, con interessi via via crescenti che ci porterebbero alla bancarotta. Adesso bisogna spendere bene i pochi soldi a disposizione e fare riforme coraggiose che solo un governo molto forte e con obiettivi a lungo termine può pensare di affrontare. Ma deve avere un altrettanto forte consenso popolare, altrimenti non combina niente, come da 40 anni a questa parte. Forse Renzi è in grado: se non lui, chi? D’Alema? Berlusconi? Grillo?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

VIABILITA'

Cascinapiano, i residenti: "Chieste strisce pedonali e più luci: inascoltati"

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: un ferito grave

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

1commento

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

DOPPIO ENRICO VIII

Sorpresa al Regio: Spotti recita "muto", Zanellato canta

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali Foto

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

14commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

4commenti

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

19commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

14commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

mafia del brenta

Sequestrato il "tesoro" di Felice Maniero

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video