24°

Comune-Iren

Differenziata: obiettivo 80%. E arriva la app per "sentinelle ambientali"

Pizzarotti e il presidente Profumo: a Parma polo per trasformare i rifiuti. E da fine 2014 si pagherà per quanti rifiuti si producono

Il sindaco Pizzarotti e il presidente Iren Profumo

Il sindaco Pizzarotti e il presidente Iren Profumo

11

 

Chiara Cacciani

I "quasi nemici" provano ad essere amici. Accantonato per un momento l'affaire inceneritore e la causa da 27 milioni di danni per lo stop al cantiere- "ma ce l'abbiamo bene presente", dice il sindaco Pizzarotti -,  Comune e Iren trovano terreno fertile sul tema della raccolta rifiuti. E la sfida è lanciata: il traguardo dell'80 percento di differenziata e un sistema di recupero della materia per arrivare a fae di Parma una citta' modello tra le realtà di medie-grandi dimensioni. Il "come" lo hanno illustrato in tandem in municipio il sindaco Federico Pizzarotti e il presidente di Iren Francesco Profumo.
I punti salienti riguardano gli investimenti in nuovi trattamenti e metodi di recupero dei materiali, un progetto in collaborazione con l'universitaà di Parma per l'innovazione, il trasferimento tecnologico e la promozione di servizi più vicini ai cittadini. E poi l'arrivo della tariffazione puntuale entro la fine del 2014.

"Questa è l'occasione per rinsaldare i rapporti tra il Comune e l'azienda - sottolinea Pizzarotti-. La novita' è il passaggio dalla trasformazione del rifiuto in energia all'ottica del recupero della materia, un tema che a noi è caro da tempo".  "Abbiamo sviluppato un progetto ad hoc per Parma: "Parma 80%" - conferma Profumo-. L'idea è che il rifiuto e' un bene che puo' essere trasformato in materiale: una bottiglietta di plastica può ritornare ad essere tale, o diventare scaglie da riutilizzare, o diventare qualcosa che non sappiamo ancora. Ecco allora perchè puntiamo sulla ricerca: abbiamo scelto come partner l'università e stiamo provando a coinvolgere chi sul territorio si occupa di innovazione a tema ambientale".

Profumo parla della volontà di creare a Parma uoo dei poli Iren per la trasformazione dei rifiuti, che comprenda anche un centro ricerca e un osservatorio sugli elementi che hanno un impatto sull'ambiente. Il presidente di Iren parla poi del ruolo del sindaco in questo progetto, con la possibilita' di far crescere sul territorio occasione di lavoro e di crescita.
Ad illustrare meglio le metodologie prescelte per concretizzare "Parma 80%" è Raphael Rossi: "Sin dal suo insediamento l'Amministrazione si è posta gli obiettivi più alti possibili. L'80 percento di differenziata è sfida impegnativa, vinta fino ad ora solo in piccoli contesti. Il valore aggiunto sarà la tariffazione puntuale: si pagherà per quanto rifiuto indifferenziato si produrrà grazie a tecnologie per il conteggio che partiranno dai singoli cassonetti o sacchetti. La premialità è l'elemento fondamentale per arrivare ai risultati: chi non differenzia, ancor prima delle multe, avrà un disincentivo economico. E alla fine non si pagherà piu' tutti per un comportamento non corretto di pochi".

Durante l'incontro ha fatto il suo debutto ufficiale la App "EcoIren": per avere a portata di clic tutte le indicazioni sulla raccolta differenziata nella propria via, per poter prenotare il ritiro dei rifiuti ingombranti, per la localizzazione dei centri di raccolta, degli sportelli Iren e dei distributori di acqua pubblica. Ma anche per fare fotosegnalazioni su cassonetti danneggiati, rifiuti abbandonati o situazioni anomale. La volontà di Iren è che i cittadini possano diventare "sentinelle ambientali" della loro zojna di raccolta rifiuti. Nella App - dedicata a Lorenzo Argenti, il dipendente di Iren morto in estate in un tragico incidente stradale - ci sara' anche il ricettario degli avanzi.

La App al momento è scaricabile gratuitamente su cellulari e dispositivi mobili Apple, poi tocchera' ad Android. 

Sul tema inceneritore, invece, poche novità. E' ancora pendente la causa da 27 milioni di euro da parte di Iren contro il Comune per lo stop al cantiere dell'inceneritore. E se Profumo ha preferito "glissare", poche le parole di Pizzarotti: "Non è un tema di cui ci dimentichiamo. Ci sono anche altre partite aperte con Iren. L'anno prossimo ci torneremo su".

E per quanto riguarda invece la crisi e i risvolti sulle famiglie, il sindaco ha ribadito che c'e' l'accordo con l'azienda per evitare che ci siano distacchi delle utenze domestiche nelle prossime settimane.

 

IL COMUNICATO DEL COMUNE

 

Si scrive “Progetto Parma 80%”, si legge Parma capitale della raccolta differenziata. Questo l’obiettivo ambizioso che Comune e Iren hanno formalizzato nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco Federico Pizzarotti e il presidente di Iren Francesco Profumo.
“Questa – ha detto il sindaco Pizzarotti – è una occasione per rinsaldare il rapporto fra Comune e Iren. La raccolta differenziata, il rapporto con il territorio, la trasformazione dei rifiuti in risorse, l’introduzione di nuove tecnologie per ottimizzare il servizio di raccolta, l’informazione diffusa ai cittadini e nelle scuole sono temi che ci vedono impegnati insieme a vantaggio della collettività”.
Il processo è già in fase avanzata. Il Comune di Parma ha avviato a fine dello scorso anno, insieme ad Iren e con la collaborazione progettuale del Conai, un importante progetto di trasformazione del sistema di raccolta dei rifiuti urbani con l’obiettivo di accrescere i quantitativi e la qualità dei materiali raccolti in modo differenziato.
“Si tratta – ha affermato il presidente Francesco Profumo - di un primo importante passo per far diventare Parma un modello innovativo nella gestione del ciclo integrato dei rifiuti in una logica di sostenibilità ambientale ed economica per il territorio. Il Progetto Parma 80% diventerà un patrimonio aziendale. Per raggiungerlo serviranno un rapporto molto stretto sul territorio e un collegamento diretto con la ricerca, con l’Università, al quale stiamo già lavorando. Si tratta di disegnare un nuovo modello di sviluppo, che vede al centro il cittadino, di cui il Sindaco è espressione più diretta, nella doppia veste di rappresentante dei cittadini e azionista di Iren. Potremo andare insieme all’Anci – ha concluso Profumo - e portare Parma come esempio nazionale”.
La sfida che Parma vuole lanciare è quella di essere il primo capoluogo di medie-grandi dimensioni con un livello di raccolta differenziata all’80% e con un sistema di recupero di materia che diventi modello trasferibile ad altre realtà del nostro Paese. Un progetto per far diventare Parma un polo di eccellenza nella gestione dei rifiuti.
La riduzione della produzione dei rifiuti e la loro massima valorizzazione come materia sono gli obiettivi intorno a cui il Comune di Parma e Iren intendono coinvolgere il mondo della ricerca locale e delle imprese che operano nel settore degli imballaggi per sviluppare sistemi innovativi di gestione e un nuova cultura del rifiuto come risorsa.
Rispondendo alle domande dei giornalisti, Profumo ha annunciato che Parma sarà uno dei tre poli di eccellenza di Iren per il recupero, sottolineando che si deve comunque operare su area vasta per raggiungere risultati importanti.

 

 

Il sindaco ha ribadito che l’obiettivo resta quello dello spegnimento progressivo di tutti gli 8 inceneritori operanti in Emilia Romagna, operando in un sistema integrato a livello regionale, che non può prevedere importazione di rifiuti da altri territori. Pizzarotti e l’assessore Folli hanno anche annunciato il raggiungimento del 58% di raccolta differenziata a Parma entro fine anno. Quanto alla scadenza del contratto per la raccolta, Pizzarotti ha detto che è in corso una discussione fra le istituzioni interessate su ambito e modalità di gara.

Un cambio di passo
Se negli ultimi anni abbiamo assistito allo sviluppo di tecnologie e processi per la trasformazione del rifiuto in energia e in nuova materia prima, l’obiettivo ora diventa quello di investire in nuovi trattamenti e metodi di recupero dei materiali che si stanno sviluppando in questi anni. Come completare la filiera industriale di gestione del rifiuto,
definendo nuove strategie e nuovi servizi dai quali potranno derivare anche nuove occasioni di produzione di lavoro e creazione di nuova occupazione.

Insieme per la ricerca
Il Comune e Iren, insieme all’Università di Parma, hanno quindi condiviso il progetto che porterà alla costituzione di una partnership per l’innovazione, il trasferimento tecnologico, la promozione di servizi sempre più vicini ai cittadini e sempre più smart dal punto di vista tecnologico, economico, ambientale e della fruibilità.

Tariffazione puntuale (meno residuo, minori costi)
Prima di tutto per quanto concerne la crescita della raccolta differenziata: su questo fronte prosegue l’opera di trasformazione del servizio ai cittadini con l’adozione di sistemi intelligenti applicati alle metodiche di raccolta che consentono di introdurre i presupposti per un sistema tariffario, che sarà portato a regime nel corso del 2014, per cui ogni utenza pagherà per quanto rifiuto produce.
Accanto alle novità di servizio si intensifica, già nei prossimi giorni, l’attività di comunicazione e informazione ai cittadini sui corretti comportamenti per la gestione domestica dei rifiuti; comportamenti che contribuiscono alla riduzione dell’impatto ambientale e alla futura applicazione della tariffa puntuale che tiene conto del concreto impegno di ciascuna utenza nella separazione dei rifiuti per il loro avvio a recupero. La campagna di comunicazione punta anche a fornire ai cittadini, attraverso una serie di brevi appuntamenti televisivi serali, la conoscenza dell’intero ciclo di raccolta e recupero dei rifiuti riciclabili e delle corrette modalità di separazione a livello domestico per accrescere la cultura della valorizzazione del rifiuto. Qualità e quantità di materiali avviati a recupero sono infatti fattori fondamentali non solo in termini di tutela ambientale, ma anche per la riduzione dei costi di lavorazione e per il recupero degli incentivi provenienti dal sistema Conai.

 


Sempre nella logica di servizio, è da oggi disponibile la APP “EcoIren” realizzata da Iren per consentire ai cittadini di disporre in tempo reale e in modo georeferenziato di tutte le informazioni necessarie ad una corretta gestione della separazione e del conferimento dei rifiuti. La App consente di:
conoscere le modalità di raccolta differenziata in vigore presso il proprio indirizzo,
prenotare il recupero di rifiuti ingombranti,
consultare il Rifiutologo per sapere in quale contenitore va gettato un determinato rifiuto,
verificare dove sono il Centro di raccolta, lo sportello Iren e il distributore Acquapubblica più vicini,
segnalare la presenza di rifiuti abbandonati,
consultare e suggerire ricette realizzate con avanzi di cucina,
ricevere notizie in tempo reale sulle principali novità,
consultare video con interessanti ed utili consigli di carattere ambientale.
Focalizzare su Parma la ricerca collegata al ciclo integrato dei rifiuti è un ulteriore e importante occasione di collaborazione con l’Università per lo sviluppo di progetti di ricerca finalizzati alla riduzione degli imballaggi, alla prevenzione della produzione e alla riduzione dei rifiuti prodotti a livello domestico. In questo contesto l’obiettivo è anche quello di coinvolgere le imprese del territorio che, anche in relazione alla particolare vocazione agro-alimentare, hanno maggiormente sviluppato esperienze e ricerca applicata sul tema della produzione e riduzione degli imballaggi.
Comune di Parma, Iren e Università possono insieme giocare una partita importante nella co-progettazione di una città intelligente nella gestione dei rifiuti, definendo i piani di sviluppo, le priorità d’intervento, la costruzione del sistema di scambi e di interazioni di dati, il tutto per continuare ad adeguare i servizi alle esigenze dell’ambiente, dei cittadini e delle imprese, integrandoli con quelli del territorio.

 

Guarda il servizio del TgParma


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Goldwords

    10 Gennaio @ 17.53

    Questa notizia era di metà Dicembre, oggi siamo a metà Gennaio circa e mi ritorna in mente questa frase "l’opera di trasformazione del servizio ai cittadini con l’adozione di sistemi intelligenti applicati alle metodiche di raccolta" Ma non è che ci stanno prendendo per i ... fondelli? Ma questi dive vivono? Profumo, un nome una certezza!! Vada nelle strade di Parma e troverà tanti accoliti!! Soprattutto nei borghi!!

    Rispondi

  • sbairds

    18 Dicembre @ 09.22

    rifiuto a peso? Prevedo una distesa di rudo nelle campagne...

    Rispondi

  • frail

    17 Dicembre @ 22.00

    demenziali...e se uno sbatte il suo indifferenziato da qualche parte? e nn paga...danno la multa al sacco? inoltre parlare di fantomatiche multe, controlli spietati etc ancor prima di aver risolto i problemi tecnici (x es nn riuscire a rispettare i gg e orari di esposizione) dà proprio l'idea di gente pratica e concreta :((( prima danno le multe e a risolvere i problemi ci penseranno poi...intelligenti...

    Rispondi

  • Vercingetorige

    17 Dicembre @ 19.40

    HO NOTATO , ALLA CONFERENZA - STAMPA , UNA POLTRONA VUOTA E MI SON MESSO A PENSARCI SOPRA A LETTO , NELL' INIZIALE DORMIVEGLIA , COSI' HO FATTO UN SOGNO . Un uomo alto , con pantaloni , giubba e berretto rossi , cinturone e stivaloni neri , con due piccoli occhi vicini vicini, una mandibola asburgica , una bocca grande con gli angoli tristemente rivolti verso il basso , una lunga barba bianca , scappava di corsa portando in spalla un sacco di "rudo" , inseguito da una maestra in "toppless" leopardato , che brandiva una scopa . Di fianco a lui fuggivano due pizzardoni , col "bonètt" in testa ed una fascia al braccio con la scritta " N.I.A. " Uno , maschio , allampanato , segaligno , menava le tibie come stantuffi , l' altra , femmina , più larga che lunga , rotolava come una palla caduta dall' albero di Natale. Ad un cenno dell' uomo in rosso , si allargarono, uno sulla sinistra, l' altra sulla destra, per depistare la maestra ................poi mi sono svegliato.......................

    Rispondi

  • Serventi

    17 Dicembre @ 16.05

    per "paolohome": a parte che la richiesta del cassonetto sarebbe meglio farla ad IREN e che il comune risponde sempre, puoi dire la zona, non esattamente anche solo la via o vicino a ".." tanto per venire a vedere se è vero quello c'è scritto.. giusto per capire se questo commento così fumoso serve solo per coprire il mio, uscito pochissimi minuti prima del tuo...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

CANNES

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Medico aggredito e rapinato nel suo studio

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato nel suo studio

A Felegara

Uccide la moglie malata e si taglia la gola

VIA VERDI

Arrestato studente con 60 grammi di «fumo»

TRAVERSETOLO

Il rock «di centrodestra» del Primo Maggio

Ozzano

Vandali al cimitero: auto danneggiate

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

TERENZO

L'Asiletto, i bimbi a scuola dalla natura

TORNOLO

Don Massimo lascia le sue cinque parrocchie

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

3commenti

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

xxx

notizia 4

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

anteprima gazzetta

Omicidio-suicidio: Felegara sotto choc

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Trump assume la figlia come dipendente federale

La testimonianza

Carminati: "Sono un fascista degli anni '70"

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

Musica

Stoccolma: finalmente Dylan ritirerà il Nobel

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon