19°

29°

elezioni europee

Pizzarotti e le consultazioni M5s: "C'è gente sconosciuta, mai attiva sul territorio"

Il sindaco: "Non so che competenze possano esprimere. Spero siano premiate invece quelle persone conosciute sul territorio" . E sulle Province: "Riforma pasticcio"

Federico Pizzarotti

Il sindaco Pizzarotti

Ricevi gratis le news
16


BOLOGNA, 1 APR – "E' un dato di fatto che in tutti i territori si è candidata gente che noi non abbiamo mai visto. Questo non è un valore aggiunto o un valore negativo, ma questo vuol dire che non si sono spesi per il territorio. Non so quali competenze possano esprimere rispetto ai temi da portare avanti. E' vero che sono temi europei però l’attivismo è sempre stata una delle basi fondanti del movimento. E in questo modo viene un pò fatto cadere". Così il primo cittadino di Parma, Federico Pizzarotti, ha risposto ai giornalisti che a Bologna gli chiedevano un commento sulla modalità di selezione dei candidati del Movimento 5 Stelle per le elezioni europee.
Per Pizzarotti, comunque, molto dipenderà anche dal risultato delle consultazioni online: "Spero siano poi premiati invece quelle persone conosciute sul territorio. Diversamente, perchè dovrei votare uno sconosciuto? Avere avuto un controllo del territorio dava un valore aggiunto per un tessuto di attivismo territoriale, questo è venuto sicuramente a mancare con questa modalità".

Pizzarotti ha spiegato che, per le elezioni europee, "si parla di una macroarea ma per la prima votazione a livello regionale si potevano raccogliere le candidature con un pò più di tempo. Siamo arrivati un pò troppo a ridosso delle elezioni, si poteva costruire una rete territoriale con l’impegno di tutti per avere un rapporto più diretto con le rappresentanze".
Modalità che per il sindaco a 5 stelle sono comunque migliori di quelle dei partiti: "Guardando il bicchiere mezzo pieno rispetto a quei nomi sconosciuti che propongono i partiti che decidono tra loro sulla base della spartizione, penso sia un grande passo avanti per l’Italia".
Pizzarotti, rispondendo alle domande dei cronisti, ha spiegato che, invece, nelle amministrative sul territorio "sono tutte persone che conosciamo, quindi attivisti di lungo e medio corso. Difficile" avere la stessa conoscenza "per elezioni più ad ampio raggio dove basta essere iscritto". L’attivismo, come la conoscenza, "è importante, non deve essere un vincolo o un veto o un endorsement. Deve essere sapere che quando c'è da fare i banchetti a meno tre ci sei anche tu. Altrimenti presentarsi alle europee è un contesto sicuramente più comodo rispetto alle regionali o alle elezioni dei piccoli comuni dove c'è tanto lavoro ma poco conosciuto dal punto di vista mediatico". Il rischio è "dare più spazio a persone che potrebbero cambiare idea e potrebbero non avere valori così consolidati a lungo termine. Dissapori nel movimento? Credo che sia più mediatico che reale".

 

PIZZAROTTI E LA RIFORMA DELLE PROVINCE: "UN PASTICCIO"

"Per adesso, comunque, è un pasticcio". È questo il giudizio del primo cittadino di Parma, Federico Pizzarotti, sulla riforma delle province di cui si sta discutendo in Parlamento. "Non so quale amministratore – ha detto da Bologna – specie tra città capoluogo, possa essere d’accordo con una riforma che vede una centralità dei comuni all’interno delle Province, ma quindi anche un ulteriore lavoro senza una certezza delle deleghe e delle risorse".
Il sindaco emiliano spera comunque in "un’evoluzione di questa riforma. Diversamente tutti i sindaci di città capoluogo dal primo gennaio saranno anche presidenti della Provincia. Con un problema oggettivo di tempo disponibile per approfondire le tematiche e per risolvere i problemi dei cittadini".
Quanto al problema dell’assenza di un’elezione diretta nei nuovi enti, per Pizzarotti "c'è un problema di rappresentanza rispetto ai comuni in cui si è stati eletti. Ma il problema che io vedo è soprattutto quello del tempo. Perchè non era questo il taglio delle Province che noi da sempre portiamo avanti. Quello era un taglio che doveva rivedere complessivamente gli enti. Mentre l’ente rimane – ha concluso – complessivamente intatto. Capiremo come i dipendenti verranno smistati. Per adesso è comunque un pasticcio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    03 Aprile @ 23.01

    La parte piu' comica e' quella in cui dice di non sapere "quali competenze possano esprimere": da due anni stiamo ancora aspettando di scoprire le sue e di quelli della sua giunta (a parte Bosi che vende fumo). A meno che lui non pensasse di presentarsi per un posto di cabarettista, nel qual caso Grillo dovrebbe scritturarlo, al posto di criticarlo...

    Rispondi

  • sergio3

    03 Aprile @ 08.25

    pizzarotti sconosciuto era, e ritornerà.

    Rispondi

  • Giovanna

    02 Aprile @ 11.04

    Ecco lor Signori l'Embelma di tutto e del contrario di tutto: il Sindaco Pizzarotti da Parma, che se continua così diventerà presto ex...Giovanna

    Rispondi

  • Vercingetorige

    02 Aprile @ 10.20

    MARANTELLI CHI ?

    Rispondi

  • HARRIS

    02 Aprile @ 08.26

    @redazione. In effetti quello che dite voi nell'articolo è simile a quello che dice Pizzarotti a grandi linee, nulla da dire: però questo modo di riportare i comunicati potreste magari utilizzarlo anche con il signor Dall'Olio al quale si da in questo periodo tantissimo spazio e si fa un copy&past dei suoi comunicati. Ma non è questo il motivo per cui ora replico, è un altro: Lei, Balestrazzi, parla spesso di MinCulPop facendo riferimento al periodo fascista e spesso voi giornalisti accusate Grillo e il m5s di essere su quello stampo. Nulla di più falso, anzi i veri fascistoni (che qualcuno appoggia leggendo gli articoli di fondo prima di certe elezioni...), massonici sono quelli che aboliscono il senato andando contro la costituzione ed elimininando di fatto un passaggio delle prassi legislativa; chi fa leggi elettorali con un premio per la maggioranza (esagerato) con un quorum bassissimo; chi regala miliardi calpestando quello che dice il regolamento della banca d'italia che vincola l'uso delle riserve statutarie. Ma ritorniamo al MinCulPop: penso che questo termine si possa di più riferire all'informazione che c'è in Italia che le ricordo è al 57° posto al mondo dove nei tg nazionali si parla quasi esclusivamente del pdpdl dando massimo 5 secondi alla seconda forza politica italiana. MInCulPop si riferisce più alle università: ricordo che quando vinse Prodi ho visto professori della mia facoltà abbracciarsi come se l'Italia avesse vinto i mondiali quando erano uscite le proiezioni che decretavano la vittoria di Prodi, inoltre nei testi universitari obbligatori per gli esami c'erano saggi di autori di sinistra contro il liberismo, come il testo Krugman "meno tasse per tutti". Inoltre i testi delle scuole superiori non fanno neanche cenno alle foibe. Nessun tg che parla degli incontri segreti della Bilderberg quando i potenti del mondo si riuniscono. E lei parla ora di MinCulPop?? Farebbe meglio ad associare il termine MinCulPop al controllo dell'informazione e del pensiero che c'è ora in Italia ad opera di forze politiche calpestano la democrazia. Allora per restare in tema Pizzarotti ha ragione quando parla di giornali che mistificano quello che lui dice come accaduto ieri. Se dovesse solo vincere il m5s alle nazionali certi giornalisti e certi giornali che ricordo ricevono massicci finanziamenti pubblici e sono servi delle lobby e partiti chiuderanno dall'oggi al domani. Verrà quel giorno... in cui non ci sarà più il Min Cul Pop REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - 1) Trattiamo Pizzarotti, Dall'Olio e gli altri allo stesso modo: solo un bugiardo può dire il contrario (e basta guardare l'archivio); 2) L?accenno al Minculpop non l'ho mai rivolto al movimento ma ai toni di lettori come lei; 3)Come ho spiegato mille volte, se l'insinuazione sui finanziamenti pubblici è diretta a noi dimostra ulteriore ignoranza: la critica vale per i giornali di partito. Noi abbiamo agevolazioni su tariffe postali (e se ricordo bene sulla carta), ma se viviamo è perchè siamo forti sul mercato. Quindi, in complesso, la sua mi sembra l'ennesima lezioncina fuori tono, e in questo caso anche fuori bersaglio...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

1commento

SPORT

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti