15°

Le segnalazioni dei lettori

Rifiuti mescolati, rifiuti lanciati e altre proteste. E Mnc deposita esposto

C'è chi ha telefonato e chi ha mandato mail. Una lettrice: "La plastica finisce nel camion del residuo". Greci: "Truffa aggravata nei confronti dei cittadini"

Rifiuti mescolati, rifiuti lanciati e altre proteste. E Mnc deposita esposto
33

Cose mai viste: nel giorno dell'addio ai cassonetti, la plastica finisce nell'indifferenziato. E' giovedì e in questa zona della città i camion dei rifiuti passano puntualmente per raccogliere l'organico e il residuo: per intenderci, bidone marrone e bidone grigio. Ma qualcosa va storto: «E' così, gli addetti ai lavori hanno buttato i sacchi pieni di plastica e barattolame nel cassone dell'indifferenziato». Lo racconta la signora M. in una telefonata al cronista (l'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola).

Emanuela racconta invece con foto e parole a Gazzettadiparma.it la scena a cui ha assistito ieri in zona viale Piacenza: gli operatori che passavano a ritirare la differenziata avrebbero lanciato nei cortili condominiali i sacchetti "sbagliati", quelli non avrebbero dovuto essere esposti quel giorno. E si domanda: "E' possibile un comportamento del genere?". (leggi e guarda le foto).

E poi c'è la segnalazione di Aldo: "Questa mattina, mentre percorrevo in auto una strada periferica della città, ho scorto (abbandonato sull'asfalto, in mezzo alla strada) un sacco giallo di quelli per la raccolta della plastica dal quale spuntava un grosso peluche. Siccome alle elementari, qualche nozione di educazione civica la mia maestra ce la fece e non essendo distante, in quel momento, dalla stazione di raccolta rifiuti di Via Orlando, ho provveduto a caricare il sacco sull'auto nell'intento di depositarlo presso questo centro di raccolta. Arrivato a destinazione, mi "accoglie" un operatore molto scorbutico e non molto educato al quale racconto del rinvenimento di questo sacco. La sua risposta: "Lei non fa mica lo spazzino! Qui non lo può lasciare  perchè non ha la tessera (io risiedo fuori dal Comune di Parma) e questo va ad incidere sulla bolletta dei rifiuti." Faccio presente che è una questione di buon senso e di educazione; risposta: "Doveva far finta di niente e lasciarlo dov'era. Io non ci posso fare niente! Per me lo può anche andare a buttare dove l'ha trovato. Mi dispiace, ma non ci posso fare niente. Buongiorno!".Credo che il sistema vada rivisto un attimino....".

Disponibili ovviamente ad ospitare la replica di Iren, la domanda è: che cosa sta succedendo?

Intanto il Movimento Nuovi Consumatori annuncia un esposto per truffa aggravata. Ecco il comunicato:
"Con riferimento alla problematica della raccolta differenziata dei rifiuti all’indomani dell’inaugurazione della campagna sulla raccolta spinta, da parte del Comune di Parma, si comunica quanto segue.
Premesso che
il Comune di Parma ha impostato, organizzato e pianificato la raccolta differenziata dei rifiuti sul presupposto che la stessa portasse un beneficio socio- economico reale per la cittadinanza di Parma,
Che i presupposti della campagna differenziata poggiavano i propri pilastri anche sulla sacrosanta tematica della lotta per la preservazione della salubrita’ ecologica dell’ambiente e umana.
Che la martellante campagna messa in atto dal Comune di Parma per sensibilizzare da un lato l’opinione pubblica circa l’importanza di differenziare i rifiuti da un lato, e dall’altro l’altrettanto martellante campagna per “avvisare” la cittadinanza sulle conseguenze del non rispetto di quanto previsto tramite la minaccia di multe salatissime e l’assunzione di manipoli di guardie ecologiche pronte ad immortale e sanzionare i trasgressori di turno.
Che il Comune di Parma con ossessionante ed asfissiante propaganda pubblica organizzava incontri ad hoc nei vari quartieri cittadini per istruire sulla modalita’ della differenziata.
Che addirittura nei giorni scorsi e’ andata in onda per la centralissima via Cavour una rappresentazione di dubbio gusto, che scimmiottava un evento luttuoso quale il funerale e’ di solito sempre stato, nella quale si celebrava in pompa magna la fine dell’ultimo cassonetto di rudo.
Che sono pervenute a codesta associazione numerose testimonianze, anche tramite riproduzioni fotografiche, circa il mancato rispetto, da parte di alcuni degli addetti alla raccolta della differenziata, delle norme regolanti la raccolta della stessa.
Tutto cio’ premesso, la nostra associazione depositera’ nella giornata odierna un circostanziato Esposto-Denuncia alla Procura della Repubblica al fine di verificare se sussistono i presupposti del reato di truffa aggravata in danno dei cittadini che sono stati costretti in tutti questi mesi ad attuare la raccolta differenziata, anche in situazioni critiche come nel caso del quartiere Oltretorrente, con la minaccia, oltretutto, di pesanti sanzioni. Sara’ richiesto anche di verificare, alle autorita’ giudiziarie competenti, se la raccolta differenziata posta in essere dal Comune di Parma sia rispettosa dei dettami normativi alla base della stessa.
E’ intollerabile, infatti, che la cittadinanza venga “invitata” ad attuare una raccolta che parrebbe essere differenziata solo all’apparenza, quando coloro che dovrebbero attuarla, secondo le disposizioni ,sono i primi a non rispettarla, con buona pace di tutti i propositi ecologisti del Comune stesso."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Labandieraitaliana

    12 Maggio @ 11.43

    Signori basta pensare che tutto il vetro che raccogliamo per essere riciclato dovrebbe essere diviso nelle varie colorazioni...siete mai passati nel modenese?...ci sono colline sepolte di bottiglie di ogni tipo! Questa è la fine della differenziata noi non lo vediamo ma ci prendono in giro ogni giorno intascandosi i soldi della comunità europea. Tanto alla fine abbiamo l inceneritore che brucia tutto insieme e ci allieta con il suo profumo e il rudo in casa ce lo teniamo noi! È veramente vergognoso tutto questo sistema!

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    10 Maggio @ 22.10

    Concordo al 100% con l'esposto del MNC e con quanto commentano Old Sailor e Vercingetorige. Aggiungo: nella replica alla denuncia dell'episodio in cui il recupero del rifiuto e' stato effettuato mischiando di tutto, il solerte ufficio stampa di Iren la non ha chiarito un bel niente, se non addossare la colpa come al solito, ai cittadini. Ieri, una lettrice segnalava telefonicamente alla Gazzetta lo stesso problema ed oggi si aggiungono le denunce riportate in questo articolo. Allora ribadisco la questione, non cosi' difficile da comprendere ma che necessita una risposta chiara e definitiva: 1) e' vero che gli operatori se ne fregano di differenziare i rifiuti gia' suddivisi dai cittadini? 2) cosa risponde Iren a chi sostiene sul sito della Gazzetta che secondo fonti interne all'azienda, nell'inceneritore viene bruciato tutto indistintamente? 3) per finire, a quell'assessore giulivo che partecipava a quella patetica buffonata del funerale del cassonetto e che ha già messo le mani avanti dichiarando che le tariffe non scenderanno: cosa fa il Comune per accertarsi che Iren tratti davvero in maniera differenziata i rifiuti così raccolti ed esposti dai cittadini? La città vuole risposte puntuali e dettagliate, non la vostra solita aria fritta.

    Rispondi

  • Gea

    10 Maggio @ 13.01

    Mamma che zebedei con sta raccolta differenziata , non si parla di quasi altro a Parma, sinceramente, secondo me era meglio prima, comunque si deve fare.,,,, facciamola. Sarà una mia impressione però mi pare di vedere sempre più monnezza abbandonata qua è là anche fuori Parma , certamente mi sbaglio con tutto l'impegno del comune per sta benedetta differenziata..,,. Il suddetto comune si occupa anche di altre cose ? Quali ?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    10 Maggio @ 11.01

    "PRESENTE" LEI HA RAGIONE DICENDO che un esposto alla Magistratura sull' indecente raccolta dei rifiuti a Parma può essere eccessivo , però, quando , da mesi , da tutta la Città si leva un coro pressocchè unanime di proteste , ed i responsabili ci rispondono prendendoci per il naso , facendo addirittura una sfilata carnevalesca ( con la partecipazione anche di Dzevod e Bargnocla ? ) in via Cavour , qualcosa di efficace per farsi sentire lo dovremo pur trovare.

    Rispondi

  • Gianpaolo

    10 Maggio @ 02.06

    Buongiorno signor Aldo. Se riesce passi all'isola ecologica e dica quello che ha scritto, di verità c'è n'è la metà. Ci sono dei regolamenti per accedere all'isola ecologica e l'operatore è lì proprio per farli rispettare a tutti, non esistono casi di privilegio. Obbligatoriamente ci vuole la card o la bolletta dei rifiuti recente. Persino le cooperative che raccolgono gli abbandonati sul territorio di Parma accedono con un modulo. Non sono discariche ma centri di raccolta differenziata. Se l'Iren dopo aver ascoltato anche l'operatore ravvede un errore sicuramente lo solleverà dalla mansione. Distinti saluti

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Nuove date per i play-off

Spettacoli

Alessandro Nidi: «Sissi diventa un musical»

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv