19°

rifiuti

La Giunta alla Regione: "Premi per chiudere prima gli inceneritori"

Le osservazioni del Comune sul Piano regionale Rifiuti. Chiesta l'autorizzazione per un impianto di trattamento meccanico biologico

La Giunta alla Regione: "Premi per chiudere prima gli inceneritori"
Ricevi gratis le news
11

 

"Serve più coraggio per modificare un piano rifiuti che nasce già vecchio: a differenza di quanto previsto dal Piano Regionale Gestione Rifiuti, in Emilia Romagna da qui al 2020 (tempo di vigenza del piano) si possono dimezzare gli inceneritori in funzione, si devono prevedere soluzioni innovative per il trattamento a freddo del rifiuto residuo, si può accelerare notevolmente con la raccolta differenziata, come dimostra il fatto che oggi la città di Parma ha già raggiunto l’obiettivo che la Regione prospetta per l’anno 2020".
Queste in sintesi le osservazioni al Piano Regionale approvate oggi con apposita delibera dalla Giunta Pizzarotti.
“La Regione – afferma il sindaco Federico Pizzarotti – ha presentato un piano che vuole mantenere accesi gli impianti a favore delle società multiutility. Purtroppo solo 3 comuni su 340 (Parma, Forlì. e Coriano) hanno espresso le loro critiche ad un piano troppo conservatore e poco capace di guardare al futuro”.
L’assessore all’ambiente Gabriele Folli rincara la dose: “La maggioranza dei comuni capoluogo - fa notare l’assessore –, il Presidente ANCI Emilia Romagna e il sottosegretario Bertelli, non a caso tutti esponenti del PD, non hanno neppure preso in considerazione ciò che si può facilmente dimostrare, cioè che già oggi in Emilia Romagna ci sono in attività tre forni inceneritori in più di quelli che servono. E in prospettiva si potrebbe andare quasi all’azzeramento – insiste Folli – se solo si pianificasse la costruzione di impianti di trattamento a freddo si potrebbero eliminare altri due forni. E soprattutto, se tutti facessero come Parma con la raccolta differenziata, gli inceneritori finirebbero presto nel dimenticatoio. Basti pensare – conclude Folli – che il Piano prevede per le città capoluogo l’obiettivo del 67% di raccolta differenziata da raggiungere nel 2020, mentre noi quel traguardo lo abbiamo già raggiunto con sei anni di anticipo”.
In relazione alle richieste specifiche per il nostro territorio, le osservazioni approvate dal Comune di Parma e proposte oggi alla Regione chiedono di ridurre la quantità massima dei rifiuti conferibili al forno inceneritore di Parma, commisurandola al residuo dei rifiuti prodotti in Provincia e di autorizzare la costruzione sul territorio parmense di un impianto di trattamento meccanico biologico, come soluzione alternativa all’incenerimento, iniziativa quest’ultima su cui ben 3 raggruppamenti di aziende hanno proposto studi di fattibilità e piani economici con costi di smaltimento inferiori a quelli sostenuti attualmente nell’inceneritore di Ugozzolo".
Infine, le osservazioni del Comune di Parma prestano particolare attenzione a prevedere meccanismi premianti per i Comuni virtuosi che raggiungono risultati migliori nella raccolta differenziata: si chiede che fra i criteri per la dismissione degli impianti di incenerimento non più necessari si tenga conto del principio di prossimità, del valore residuo del capitale investito e dell’efficienza energetica, ma anche della quantità di rifiuto residuo prodotto pro capite, in modo, appunto, da chiudere prima gli impianti ubicati nelle città dove cittadini ed amministrazioni sono responsabili e virtuosi nella gestione dei propri rifiuti urbani.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Hecks

    19 Maggio @ 11.41

    "di autorizzare la costruzione sul territorio parmense di un impianto di trattamento meccanico biologico, come soluzione alternativa all’incenerimento". Ma ancora non gli hanno spiegato che un impianto di TMB non è proprio una soluzione alternativa all'incenerimento?

    Rispondi

  • Stefano

    17 Maggio @ 15.54

    reinard.alfa@gmail.com

    Se la giunta propone anche la differenza di costi tra le due soluzioni se ne può parlare, se invece come prevedo la chiusura degli inceneritori significa ancora pagare per mandarli all'estero allora che paghino loro con i loro soldi, non con i soldi di tutti.

    Rispondi

  • Goldwords

    17 Maggio @ 00.23

    Certo che la giunta di Parma ha proprio i titoli per dar lezioni sui rifiuti!!! Venissero a vedere in che condizioni è Parma. Gli unici che non vedono la situazione, sono quelli che fanno proposte indegne!! Abbiamo noi il restante della percentuale in casa a marcire!! Mandateli via questi qui assieme ai dirigenti IREN, incapaci pure loro!! Stanno portando la città ad un livello di degrado assurdo e vogliono dar lezioni!!!

    Rispondi

  • Franco

    16 Maggio @ 21.32

    A tutti i favorevoli all'inceneritore... andateci a lavorare, se vi piace tanto!

    Rispondi

  • Gea

    16 Maggio @ 18.37

    O, ma la giunta del comune di Parma ha un chiodo fisso ormai, brava gente ripigliatevi !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma - Entella 3 - 1: fai le tue pagelle

10' GIORNATA

Parma-Entella 3-1: fai le tue pagelle

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

8commenti

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga: marocchino in manette

Studente straniero 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

32commenti

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

Foto del lettore Andrea

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

SPORT

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro