18°

32°

rifiuti

La Giunta alla Regione: "Premi per chiudere prima gli inceneritori"

Le osservazioni del Comune sul Piano regionale Rifiuti. Chiesta l'autorizzazione per un impianto di trattamento meccanico biologico

La Giunta alla Regione: "Premi per chiudere prima gli inceneritori"
Ricevi gratis le news
11

 

"Serve più coraggio per modificare un piano rifiuti che nasce già vecchio: a differenza di quanto previsto dal Piano Regionale Gestione Rifiuti, in Emilia Romagna da qui al 2020 (tempo di vigenza del piano) si possono dimezzare gli inceneritori in funzione, si devono prevedere soluzioni innovative per il trattamento a freddo del rifiuto residuo, si può accelerare notevolmente con la raccolta differenziata, come dimostra il fatto che oggi la città di Parma ha già raggiunto l’obiettivo che la Regione prospetta per l’anno 2020".
Queste in sintesi le osservazioni al Piano Regionale approvate oggi con apposita delibera dalla Giunta Pizzarotti.
“La Regione – afferma il sindaco Federico Pizzarotti – ha presentato un piano che vuole mantenere accesi gli impianti a favore delle società multiutility. Purtroppo solo 3 comuni su 340 (Parma, Forlì. e Coriano) hanno espresso le loro critiche ad un piano troppo conservatore e poco capace di guardare al futuro”.
L’assessore all’ambiente Gabriele Folli rincara la dose: “La maggioranza dei comuni capoluogo - fa notare l’assessore –, il Presidente ANCI Emilia Romagna e il sottosegretario Bertelli, non a caso tutti esponenti del PD, non hanno neppure preso in considerazione ciò che si può facilmente dimostrare, cioè che già oggi in Emilia Romagna ci sono in attività tre forni inceneritori in più di quelli che servono. E in prospettiva si potrebbe andare quasi all’azzeramento – insiste Folli – se solo si pianificasse la costruzione di impianti di trattamento a freddo si potrebbero eliminare altri due forni. E soprattutto, se tutti facessero come Parma con la raccolta differenziata, gli inceneritori finirebbero presto nel dimenticatoio. Basti pensare – conclude Folli – che il Piano prevede per le città capoluogo l’obiettivo del 67% di raccolta differenziata da raggiungere nel 2020, mentre noi quel traguardo lo abbiamo già raggiunto con sei anni di anticipo”.
In relazione alle richieste specifiche per il nostro territorio, le osservazioni approvate dal Comune di Parma e proposte oggi alla Regione chiedono di ridurre la quantità massima dei rifiuti conferibili al forno inceneritore di Parma, commisurandola al residuo dei rifiuti prodotti in Provincia e di autorizzare la costruzione sul territorio parmense di un impianto di trattamento meccanico biologico, come soluzione alternativa all’incenerimento, iniziativa quest’ultima su cui ben 3 raggruppamenti di aziende hanno proposto studi di fattibilità e piani economici con costi di smaltimento inferiori a quelli sostenuti attualmente nell’inceneritore di Ugozzolo".
Infine, le osservazioni del Comune di Parma prestano particolare attenzione a prevedere meccanismi premianti per i Comuni virtuosi che raggiungono risultati migliori nella raccolta differenziata: si chiede che fra i criteri per la dismissione degli impianti di incenerimento non più necessari si tenga conto del principio di prossimità, del valore residuo del capitale investito e dell’efficienza energetica, ma anche della quantità di rifiuto residuo prodotto pro capite, in modo, appunto, da chiudere prima gli impianti ubicati nelle città dove cittadini ed amministrazioni sono responsabili e virtuosi nella gestione dei propri rifiuti urbani.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Hecks

    19 Maggio @ 11.41

    "di autorizzare la costruzione sul territorio parmense di un impianto di trattamento meccanico biologico, come soluzione alternativa all’incenerimento". Ma ancora non gli hanno spiegato che un impianto di TMB non è proprio una soluzione alternativa all'incenerimento?

    Rispondi

  • Stefano

    17 Maggio @ 15.54

    reinard.alfa@gmail.com

    Se la giunta propone anche la differenza di costi tra le due soluzioni se ne può parlare, se invece come prevedo la chiusura degli inceneritori significa ancora pagare per mandarli all'estero allora che paghino loro con i loro soldi, non con i soldi di tutti.

    Rispondi

  • Goldwords

    17 Maggio @ 00.23

    Certo che la giunta di Parma ha proprio i titoli per dar lezioni sui rifiuti!!! Venissero a vedere in che condizioni è Parma. Gli unici che non vedono la situazione, sono quelli che fanno proposte indegne!! Abbiamo noi il restante della percentuale in casa a marcire!! Mandateli via questi qui assieme ai dirigenti IREN, incapaci pure loro!! Stanno portando la città ad un livello di degrado assurdo e vogliono dar lezioni!!!

    Rispondi

  • Franco

    16 Maggio @ 21.32

    A tutti i favorevoli all'inceneritore... andateci a lavorare, se vi piace tanto!

    Rispondi

  • Gea

    16 Maggio @ 18.37

    O, ma la giunta del comune di Parma ha un chiodo fisso ormai, brava gente ripigliatevi !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

Prevenzione

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

TRAVERSETOLO

Quattro profughi in un appartamento: è polemica

OSPEDALE

Pronto soccorso, Brescia «corteggia» Cervellin

Fidenza

Morto a 51 anni Giorgino Ribaldi

Universiadi

Folorunso e Fantini: «Vogliamo la finale»

PERSONAGGI

102 anni, addio alla ricamatrice Lina Zanichelli

Sissa Trecasali

La barca affondata nel Po non si trova

pedoni penalizzati

Marciapiedi dissestati: problemi di sicurezza

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

cina

Tifone Hato il peggiore in Cina da 50 anni: almeno 12 morti

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente