calcio

Parma, vatti a nascondere: 1-3 col Sassuolo. Acerbi: gol dopo il tumore

Parma, vatti a nascondere: 1-3 col Sassuolo. Acerbi: gol dopo il tumore
Ricevi gratis le news
21

Nuova sconfitta vergognosa per il Parma: sotto di due gol col Sassuolo a metà del primo tempo, i crociati hanno chiuso battuti per 1-3.

Alla fine, crociati sotto la curva fra contestazioni e alcuni applausi.

La bella storia di Acerbi - Un mese fa era tornato a giocare in serie A dopo aver combattuto il tumore  a un testicolo, oggi Francesco Acerbi ha segnato la sua prima rete in questo campionato, siglando il gol del temporaneo 2-0 del Sassuolo sul campo del Parma.
Al 23' del primo tempo, il giocatore si è lanciato in area mentre Berardi colpiva una punizione e in scivolata è riuscito ad insaccare, anticipando i difensore del Parma. Grande la gioia di Acerbi, che è stato festeggiato a lungo dai compagni.

La partita

Resta nel tunnel il Parma di Roberto Donadoni. Contro il Sassuolo, i crociati incassano la quinta sconfitta consecutiva eguagliando il record negativo della storia emiliana in serie A. Così male riuscì a fare solo Daniel Passarella nel 2001: cinque stop che costarono al tecnico argentino l’esonero e l’arrivo di Carmignani che, alla fine, salvò il Parma dalla retrocessione. Per ora Donadoni resta al suo posto ma contro la formazione di Di Francesco ha decisamente toccato il fondo.
Tre gol, un palo subito e una rete del solito Cassano ma a partita già chiusa, insomma una squadra decisamente allo sbando. Il Sassuolo invece, ritornato al suo classico 4-3-3, non sbaglia nulla confermando quanto fatto vedere con la Juventus: forza, velocità, precisione nei passaggi e, questa volta, anche un’ottima vena realizzativa. Prima del match del Tardini il Sassuolo aveva siglato solo quattro gol con Zaza e Berardi; questa volta segnano invece Floccari, Acerbi e Taider a conferma di come finalmente sia tutto il gruppo a funzionare.
Il Parma invece sbaglia tutto. Il tecnico sceglie il 4-5-1 con il solo Cassano in attacco e, ad esclusione di una fiammata iniziale, i ducali non riescono mai a pungere. A centrocampo con Lodi in panchina tocca a Mauri dettare i tempi del gioco ma l'italo-argentino fa quello che può schiacciato dalla mediana del Sassuolo aggressiva e pronta a verticalizzare in ogni momento per il tridente d’attacco. E poi ci sono gli errori personali: Alessandro Lucarelli sbaglia clamorosamente sui due primi gol avversari e in mezzo Lucas Souza, Rispoli e De Ceglie non azzeccano un passaggio. Nella ripresa il tecnico ducale prova prima il 4-4-2 con l’inserimento di Coda e, nel finale, un disperato 4-3-3 con Ghezzal e il Sassuolo deve arretrare il proprio baricentro. Proprio da una manovra del tridente arriva il gol di Cassano. E’ il 34 del secondo tempo, Ghezzal scodella al centro dalla sinistra, Consigli non interviene per il buon colpo di testa di Coda e Fantantonio può facile facile mettere in rete il suo quinto sigillo personale. E’ una fiammata, come detto, troppo tardiva. Prima solo Sassuolo con tre gol e un palo. Al 20' del primo tempo Taider scodella al centro dell’area di rigore, Lucarelli prova il fuori gioco ma sbaglia il movimento e Floccari, rimasto tutto solo, insacca di testa alla sinistra di Mirante. Quattro minuti più tardi il raddoppio. Punizione dalla sinistra di Berardi, palla ad Acerbi che anticipa Lucarelli e raddoppia con la punta del piede. Ad inizio ripresa, 7', il meritato tris: punizione dalla sinistra, Coda respinge di testa ma da trenta metri Taider fa partire un bolide imprendibile di sinistro che si insacca nel sette. La mira Taider l’aveva aggiustata all’ultimo minuto del primo tempo quando, su punizione, aveva colpito pure un palo. Nel finale come detto la rete crociata che è solo una parentesi in novanta minuti tutti nel segno di Di Francesco. Per i giocatori del Parma, al termine del match, c'è anche l’applauso ironico della curva nord, oltre ovviamente a tanti fischi proseguiti fuori dallo stadio dove i tifosi crociati hanno chiesto a gran voce un incontro con il presidente Ghirardi.

Donadoni: "S'è rotto qualcosa, ma dobbiamo lavorare"

Se mi sento in discussione? Io non sento niente. Io sento solo di dover fare il mio lavoro al meglio delle mie possibilità. Non decido io se resto o me ne vado. Io ho solo un dovere personale verso un gruppo che porto avanti da tre anni. E’ una domanda a cui non posso dar risposta anche se mi sento in difetto perchè ovviamente vorrei che la situazione fosse migliore di quella che è. Se si è rotto qualcosa? Questo è un dato di fatto: abbiamo perso sette volte, c'è poco da stare allegri. Più di metterci voglia di lavorare non possiamo fare, in qualche modo dobbiamo venirne fuori». Questa l’analisi sul proprio futuro dello stesso Roberto Donadoni, allenatore del Parma, reduce dalla quinta sconfitta consecutiva in campionato, oggi contro il Sassuolo in casa.
«Se siamo una squadra attrezzata da Serie A? - si chiede ancora il tecnico degli emiliani -. Volente o nolente devo lavorare con questo gruppo. Non dimentichiamo poi le assenze che da tempo ci penalizzano: c'è un elenco veramente lungo di problematiche. Se avessi a disposizione tutti i giocatori, i risultati sarebbero diversi, anche se siamo sempre nel campo dei se e dei ma».
L’allenatore crociato poi aggiunge: «Dopo ogni piccolo errore veniamo puntualmente puniti. Abbiamo concesso troppo sui due primi gol e continuiamo a commettere questi errori ogni domenica. Noi siamo troppo preoccupati di prendere gol e puntualmente lo subiamo. E con questo spirito è tutto più complicato».
Tutto diverso, invece, in casa Sassuolo. «Per noi era una partita fondamentale e adesso che è finita sembra sia stato tutto facile - esordisce Eusebio Di Francesco, tecnico degli ospiti -. Era un crocevia della stagione, contro una squadra che aveva una classifica molto simile alla nostra, ma ho visto un Sassuolo attento e ben messo in campo; mi spiace solo per il gol subito. Sono comunque contento, perchè lo scorso anno eravamo qui a parlare di una partita con il risultato completamente al contrario».
Azzeccata la scelta del ritorno al 4-3-3. «Dopo una bella prestazione con la Juventus so che starebbe stato un rischio, ma la squadra non ha fatto fatica, anzi al contrario ha avuto la mentalità giusta - spiega il tecnico dei neroverdi -. Sono contento in particolare della prestazione di Taider che ha giocato per la squadra e voglio dire grazie a Floccari, Pavoletti e Berardi che stanno facendo grandi cose nonostante ci sia un Zasa in grandissima forma. Noi poi siamo una squadra nata per il 4-3-3 e siamo ritornati a proporre quello che io voglio, ovvero fare la partita».

 

La gara minuto per minuto 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • VELENOSO

    26 Ottobre @ 09.15

    Lo scorso campionato avevamo in rosa Amauri, Schelotto,Molinaro, Parolo, Gargano, Mesbah,Pavarini, Biabiany, Cassani, Paletta, ora abbiamo Belfodil e Lodi retrocessi lo scorso campionato talmente scarsi che vedendoli giocare, ti viene il mal di fegato, Ghezzal sempre tra i peggiori in campo, Ristosky e Santacroce, due nullità e niente più.. PER QUESTO, AL DI LA DEGLI ERRORI DI FORMAZIONE Donadoni è IL MENO RESPONSABILE DI TUTTI. VERRA' PURTROPPO ESONERATO PER DARE UNA SCOSSA ALL'AMBIENTE DOPO LA PARTITA CON LA jUVENTUS, DOPO 8 SCONFITTE CONSECUTIVE pagando errori non suoi..Abbiamo scambiato OKAKA per Pozzi che sono due anni che è infortunato. Ormai GHIRARDI SI DEVE DIMETTERE. TACOPINA. AVREBBE PRESO ILPARMA PER 12 MILIONI E MEZZO MA GHIRARDI NE VOLEVA 30 E L'AFFARE è SALTATO. QUANDO SARA' IN B, Ghirardi. rimpiangerà di non averlo venduto a quella cifra perchè in B C ON IL BACINO D'UTENZA DEL BOLOGNA SE LA SQUADRA E' STATA VALUTATA 6 MILIONI, PARMA in serie B, visto il bacino d'utenza che abbiamo, dovrebbe valere la metà e cioè 3 milioni.Ah, se il Ghiro accettava quell'offerta.......

    Rispondi

  • Lorenzo

    26 Ottobre @ 07.48

    Il problema è che il presidente oltre ad avere preso in giro tutti i tifosi con la sua pagliacciata estiva, ha preso in giro anche i giocatori. Mi chiedo se voi giocaste nel Parma dove l'anno scorso avete fatto un campionato memorabile e per colpa del presidente vi è stato tolto ciò che avete conquistato sul campo (Europa) voi cosa fareste quest'anno? Io personalmente lo manderei a fan....., oppure a quel paese.

    Rispondi

  • Dino

    26 Ottobre @ 07.18

    parmigianoreggiano

    Fuori DONDORELLA, dentro HERNONE.

    Rispondi

  • federicot

    26 Ottobre @ 07.08

    federicot

    E come godo! No ma volevate fare l'europalig? Spero in 3 retrocessioni di fila così finalmente faranno un bel parco al posto di quel simil stadio.

    Rispondi

  • Mary

    25 Ottobre @ 22.39

    Bello parlare ora che niente va , Ghirardi voleva andare e tutti a chiedere di restare , il suo mandato e finito ..........doveva stare almeno 5 anni mi sembra che li ha passati da tempo .......quello che non capisco e contro chi stanno remando i giocatori ...... poi se si giocano contro (quando scommettono) diventa brutto per chi va allo stadio e ancora continua a cantare per la squadra del cuore ....... sempre forza CROCIATI e il PARMA ai Parmigiani dove sono finiti nessuno si fa avanti

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene,la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

parmense

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2

Sommerso anche il cortile della Reggia

1commento

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

3commenti

maltempo

Emergenza elettricità: 8mila utenze isolate nel parmense

1commento

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

6commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

26commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno  

1commento

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS