20°

36°

I dati

Comune: un dipendente su 5 è a casa

Comune: un dipendente su 5 è a casa
Ricevi gratis le news
39

Nel 2014, il tasso medio di assenze dei dipendenti del Comune di Parma è stato del 21,2% Su cinque dipendenti, uno non è al lavoro, per ferie, malattia, aspettativa o permessi.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matteo

    22 Gennaio @ 19.36

    In un'azienda privata con 100 dipendenti, ogni giorno 10 sono a casa in ferie (facile calcolo, fra ferie e festività ogni lavoratore ha più u meno 37 giorni, un anno ne ha 365...) a questi si aggiungono gli ammalati, gli infortunati, quelli in permesso o aspettativa, per un numero che varia fra i 5 e gli 8. Quindi in un'azienda privata la normalità è di 15/18 assenti su 100. Nel settore pubblico l'aspettativa è molto più accessibile che non in quello privato, e in entrambi non è retribuita, quindi, nel settore pubblico gli assenti aumentano in percentuale, ma attenzione: NON RUBANO SOLDI A NESSUNO. Negli enti pubblici poi, è noto a tutti, vengono assunti grazie a leggi specifiche gli invalidi per handicap, infortuni gravi o malattie croniche; persone con problemi fisici o psichici predisposte maggiormente all'assenza per malattia, senza inganni, ma la percentuale degli assenti sale. Ma attenzione, si tratta di ASSENTI, non ASSENTEISTI. Se alla Gazzetta di Parma qualcuno ha scoperto un giro di finti malati comunali, o false certificazioni per richiedere permessi retribuiti, si faccia avanti, per il bene di tutti: questo si, sarebbe giornalismo.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    21 Gennaio @ 12.06

    INSOMMA , L' ARTICOLO DELLA "GAZZETTA" E' FORMALMENTE CORRETTO E I DATI CHE RIPORTA ESATTi , PERO' , in questo momento , in cui il governo Renzi-Berlusconi sta preparando una riforma della Pubblica Amministrazione che sembra cancellerà molti diritti acquisiti dei Dipendenti Pubblici , quel titolone in prima pagina non può non dare l' impressione di "tirargli la volata" . Probabilmente non è stato fatto intenzionalmente , ma il risultato è quello....E' lo stesso dubbio sollevato da Grillo a proposito dello scandalo sui Vigili di Roma........Poi , tutti sappiamo che ci sono Pubblici Dipendenti che abusano delle loro tutele contrattuali e , anche questo , non è bene.............

    Rispondi

  • Gio

    20 Gennaio @ 22.04

    Giorgio R.

    No comment ! C'è un po' di confusione. C'è gente che timbra e va via ? C'è gente che timbra anche per altri ? Non mi sembra. No comment !

    Rispondi

  • ottapatti

    20 Gennaio @ 19.18

    Non voglio entrare nel merito della notizia ma, da essa, prendere spunto per alcune considerazioni. In Italia i lavoratori possono essere suddivisi in due grandi categorie: quelli occupati nel settore privato e quelli operanti nel settore pubblico. I primi (settore privato) che, a seconda dell'andamento della loro azienda e del contingente contesto economico, rischiano quotidianamente il loro posto, consapevoli che potrebbero finire in regime di ammortizzatori sociali o, nella peggiore – ma non rara - delle ipotesi, licenziati. I secondi (settore pubblico) i quali, a prescindere da qualsiasi vicissitudine economica, dormono sonni tranquilli forti del fatto che, il denaro per la loro mercede, si riesce sempre a trovare, in genere con l'aumento del debito pubblico o con quello delle imposte. Trovo che, un siffatto sistema, configuri una profonda ingiustizia sociale, con lavoratori garantiti (avete mai saputo di un qualche dipendente pubblico finito in cassa integrazione o licenziato perché l'amministrazione cui appartiene è andata in default?) ed altri che convivono con la spada di Damocle sul capo. Credo anche che, senza significative e draconiane correzioni (ma, quando mai arriveranno?), il perdurare di una tale situazione porterà all'implosione dell'intero sistema lavoro con conseguenze chiaramente immaginabili. Infine, ma non meno importante, se per ridurre drasticamente certi insensati compensi riconosciuti ad alcuni dipendenti pubblici, servono norme a prova di Corti supreme (che in questi casi, badate, agiscono sempre in conflitto di interessi, con esito facilmente prevedibile), si facciano una volta per tutte queste norme!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      21 Gennaio @ 11.55

      LE DINAMICHE DEI COMPORTAMENTI DEI DIPENDENTI NELLE GROSSE AZIENDE PRIVATE SONO SOVRAPPONIBILI A QUELLE DEI DIPENDENTI PUBBLICI . Marchionne si è ripetutamente lamentato della valanga di assenze in certi stabilimenti FIAT in concomitanza con importanti partite di calcio. Quel che dice il signor ( o signora ) "ottapatti" può valere per aziende private artigianali piccole.

      Rispondi

    • federicot

      21 Gennaio @ 01.22

      federicot

      Il pubblico ha mica lo scopo di lucro.....informati meglio e studia prima di dividere in due categorie

      Rispondi

      • Margherita

        21 Gennaio @ 14.06

        Il settore dei dipendenti pubblici dovrebbe essere a servizio dei cittadini, visto che i loro stipendi vengono pagati con i soldi di imposte e tasse....ma al di là dei dati riferiti alle assenze, quello su cui ci si dovrebbe interrogare è se i nostri dipendenti pubblici fanno bene il loro lavoro. Sicuramente ottapatti non ha tutti i torti, infatti basta frequentare alcuni uffici statali e parastatali per accorgersi delle differenze con un qualsiasi altro luogo di lavoro "privato"...non cè bisogno di studiare, basta un'ora di fila davanti ad uno sportello qualsiasi.

        Rispondi

  • Selene

    20 Gennaio @ 18.57

    Sarebbe interessante vedere le statistiche dei dipendenti privati della Gazzetta di Parma visto che la media nazionale dice che sono "assenteisti" più i lavoratori privati di quelli pubblici. Sempre molto facile "sparare sulla Croce Rossa" e sul settore pubblico in generale tanto per riempire le pagine di un quotidiano. Settore pubblico che ricordo ha un contratto di lavoro nazionale bloccato dal 2009 !!! Le statistiche ed i numeri non servono a nulla.... ricordo il famoso esempio del mezzo pollo e della mezza insalata.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti