15°

29°

'ndrangheta

Mafia a Parma, un impero da 15-20 milioni

Mafia a Parma, un impero da 15-20 milioni
Ricevi gratis le news
15

Un impero tra i 15 e i 20 milioni investito dalla 'ndrangheta tra Parma e provincia. E' quanto emerge dal decreto di sequestro preventivo firmato dal gip di Bologna nell'ambito della maxi inchiesta Aemilia: numerose le società immobiliari e non finite sotto sequestro. Ecco l'elenco di tutte le aziende per cui sono scattati i sigilli.

Georgia Azzali

E' il tesoro della 'ndrangheta in terra parmigiana. Cinque società immobiliari, un'azienda di autotrasporti, una per il commercio di legname e una per la gestione di bar e locali, oltre a numerosi immobili a Sorbolo. A conti fatti, un patrimonio tra i 15 e i 20 milioni di euro.

La CT Vrabie

Molto più che un'appendice, il decreto di sequestro preventivo firmato dal gip bolognese Alberto Ziroldi insieme alla maxi ordinanza di custodia cautelare. Altre 136 pagine che vanno a rimpolpare un faldone gigantesco di atti. Partiamo dalla città, da quelle società che, in una girandola di cessioni e intestazioni fittizie, erano in realtà foraggiate dalla cosca cutrese Grande Aracri. I sigilli sono scattati per la CT Vrabie: una srl di autotrasporto merci fondata nel giugno 2012 e con sede in via Sartori 6/A. Nemmeno l'ombra di una targa sulla palazzina, ma per gli inquirenti - e il giudice - quella era una delle tante imprese intestate al boss Michele Bolognino. Uno dei rivoli in cui finivano i soldi della cosca da riciclare. La ditta era infatti fittiziamente intestata alla romena Carmen Vrabie e a Catianna Bolognino, tutte e due indagate per aver fatto da prestanome.

Bolognino, boss a Parma

Il re della 'ndrangheta a Parma, Bolognino. Il punto di riferimento in città, e nella bassa reggiana, per la «casa madre di Cutro» e per il grande capo Nicolino Grande Aracri. Finito in carcere, con l'accusa di associazione mafiosa, oltre che per un'altra sfilza di reati, Bolognino, 47 anni, era residente a Montecchio, ma di fatto domiciliato in via Zanetti 6, una traversa di via Volturno.

E a Parma aveva imparato bene a muoversi. Il sistema? Tentare di comparire il meno possibile. E men che meno nelle compagini societarie. Come nel caso della srl Dodonut, con sede in via Mansfield, una società per la somministrazione di alimenti e bevande attraverso ristoranti e caffè, fittiziamente intestata a Catianna Bolognino e ad Antonio Marzano, quest'ultimo originario di Locri ma residente a Salso. Il gip ha messo sotto sequestro le quote societarie, ma anche il bar «Il Bocconcino», chiuso da tempo.

La Top Service

Sigilli anche per la società Top Service: una srl di costruzione e vendita di immobili, con sede in via Bologna 4/B, ma con locali anche a Montecchio e Bologna. Anche qui a figurare ufficialmente erano Carlo Trento e Paolo Riillo, ma il vero dominus, secondo gli inquirenti, era Palmo Vertinelli, uomo di Grande Aracri a Montecchio.

K1, Aurora Building, Gea e Medea

La cosca che fa impresa in città. Ma soprattutto si impadronisce di un intero quartiere in costruzione a Sorbolo. Circa 200 immobili - tra appartamenti, garage, cantine e aree cortilizie - sparsi in via Torino, via Trieste, via Marmolada e via Genova. Una complessa operazione di reimpiego di «flussi finanziari, beni e servizi di provenienza illecita - scrive il gip -, siccome riconducibili alle attività criminali poste in essere dalla cosca Grande Aracri, fatti pervenire attraverso Cappa Salvatore e gestiti da Giglio Giuseppe, Pallone Giuseppe, Gerace Salvatore e altri». E' così che sono scattati i sigilli per gli immobili intestati alla K1, per quelli della Aurora Building, della Gea immobiliare, oltre che della Medea immobiliare, quest'ultima intestataria di due terreni nella zona Golese. Non solo. Il gip ha sequestrato anche le intere quote societarie, poiché facenti capo a uomini vicini alla cosca. Si tratta delle società che originariamente erano riconducibili all'imprenditore Francesco Falbo, «costretto, attraverso continue pressioni esercitate dagli indagati, a liberarsi delle quote a lui intestate per cederle ad esponenti del sodalizio», scrive il giudice nel decreto di sequestro preventivo. Un maxi intervento immobiliare realizzato proprio attraverso quei soldi sporchi, secondo l'accusa, tanto che lo stesso Falbo è sotto inchiesta per utilizzo di fondi di provenienza illecita.

La Trs di Sorbolo

Ma nella rete dei sequestri è finita anche la Trs, una srl per l'ingrosso di legno e legnami costituita nel settembre 2013 a Sorbolo e con sede in via Torino. Una delle tante società che ruotavano nella galassia della cosca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Franca

    03 Febbraio @ 15.31

    I cutresi sono nell'edilizia da anni in molti comuni del parmense e nessuno ha mai denunciato niente: chiedetevi il perché. ..

    Rispondi

    • annamaria

      04 Febbraio @ 12.36

      Quoto Franca in toto. Un'occhiata anche all'escavazione della ghiaia sarebbe opportuna: anche li c'è la lunga mano di questi criminali.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    02 Febbraio @ 19.20

    ADESSO , PERO' , QUANDO , FRA POCHI MESI , IL COMUNE DI PARMA RICOMINCERA' LO SBUDELLAMENTO SELVAGGIO DI TUTTE LE STRADE DELLA CITTA' , comprese quelle appena sbudellate l' anno prima , con grossi ingorghi del traffico , e conseguente inquinamento , disagi per i residenti e danni per le attività commerciali , BISOGNEREBBE CHE GUARDASSE BENE CHI MANDA A SBUDELLARE , APPALTATORI E , SOPRATTUTTO , SUBAPPALTATORI .

    Rispondi

  • Vercingetorige

    02 Febbraio @ 19.11

    LA SIGNORA KATIA TORRI , DA ANNI , DENUNCIA LA PRESENZA A PARMA DI "PALAZZINARI " , CHE , PROPRIETARI DI CENTINAIA DI IMMOBILI , LI TERREBBERO DELIBERATAMENTE VUOTI PER SOSTENERNE IL PREZZO. ABBIAMO RIPETUTAMENTE CHIESTO ALLA SIGNORA TORRI DI FARCI I NOMI DI QUESTI "PALAZZINARI , MA NON HA MAI RISPOSTO. Adesso , l' operazione "Aemilia" pare abbia in effetti scoperto centinaia di immobili di proprietà sospetta . Allora , signora Torri , avete occupato le case della 'ndrangheta ? Intendete occuparle , o ............gambe mie non è vergogna il fuggir quando bisogna ?

    Rispondi

    • Michele E

      03 Febbraio @ 09.33

      Fosse così avrebbe fatto l'unica cosa buona, ma dubito la KT ci arrivi

      Rispondi

  • Biffo

    02 Febbraio @ 16.34

    Ma come, Parma Bel'Arma non era l'unico luogo al mondo esente da infiltrazioni mafiose? Tutti puri e candidi, come cresimandi, in prima fila, nella lotta al crimine organizzato. Ma mi faccia il piasciere, diceva Totò, il comico, non Riina. Questo fa proposte che non si possono rifiutare!

    Rispondi

  • Gio

    02 Febbraio @ 11.39

    Giorgio R.

    Saranno anche poche mele marce questi dell'a 'Ndrangheta Calabrese ma hanno rovinato la Lombardia con le escavazioni e si sono visti persino filmati documentari di ex imprenditori onesti ai quali sono state bruciate le ruspe ecc. Hanno rovinato la Liguria e l'Emilia. Solo poche mele marce o una consuetudine e un modo di vivere di diverse centinaia di persone che scappano dal loro paese perché sono loro la causa del poco lavoro e portano però ancora qui un modo di vivere sbagliato che NON porta a nulla??

    Rispondi

    • fernand

      02 Febbraio @ 14.19

      gio hai ragione comunque ora son cavoli nostri son tutti in emilia.......leggi il commento di Pierpaolo pasolini sulla citta' di cutro saluti

      Rispondi

    • Davide

      02 Febbraio @ 13.08

      La 'Ndrangheta è considerata a livello internazionale al secondo posto dopo la Mafia russa tra le organizzazione criminali più potenti e pericolose. Nel Nord Italia tutto cominciò ai tempi dell'istituzione demenziale, circa 35 anni fa, del "soggiorno obbligato" per i mafiosi. Fu come produrre metastasi di un cancro. Nessuno 'scappa' da quei luoghi, semplicemente si sposta in luoghi più redditizi per qualsivoglia attività, anche legale ma sviluppata grazie a denaro procurato illegalmente. Qui in Germania si ricorda ancora con raccapriccio la strage di Duisburg, 6 morti, in una resa dei conti tra due 'ndrine rivali. In Germana non si era mai vista una cosa del genere.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Rischio attentati: barriere e new jersey a feste e mercati

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

11commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti