11°

29°

Il caso

Sala, il parroco racconta la sua verità

 Sala, il parroco racconta la sua verità
89

L’imbarazzo e la tensione gli si leggono in volto. Essere stato per una settimana alla «ribalta» della cronaca ha sicuramente lasciato un segno profondo ed amaro in don Giovanni Lommi, il parroco di Sala Baganza. Che ha deciso di raccontare la sua verità sul caso delle due giovani omosessuali che si baciavano in oratorio.

Gabriele Balestrazzi

L’imbarazzo e la tensione gli si leggono in volto. Essere stato per una settimana alla «ribalta» della cronaca ha sicuramente lasciato un segno profondo ed amaro in don Giovanni Lommi, il parroco di Sala Baganza.

Omofobia a Sala, esplode il caso: era questo il titolo che raccontavamo in prima pagina martedì 10 («Senza neppure virgolette», dirà poi con un sorriso stretto quando l’intervista – sciolta la diffidenza iniziale - si sarà allargata ad una riflessione su come ci si muove oggi nel giornalismo, nella chiesa, sul web). E questa era in effetti la pesante denuncia arrivata nelle redazioni da parte dell’associazione Ottavo colore, partendo dal racconto di due ragazze: due ragazze lesbiche «allontanate dal prete per un abbraccio affettuoso».

C’è voluta una settimana perché don Lommi si decidesse a parlare personalmente, al di là del comunicato ufficiale di mercoledì scorso della Diocesi. Senza nascondere la sua diffidenza verso le modalità del lavoro dei media, ma anche con la consapevolezza che da qui bisogna passare per fare chiarezza. E allora partiamo dai fatti e dalla sua versione.

«Eravamo nell’oratorio parrocchiale – racconta don Lommi – che ospitava contemporaneamente un compleanno con bambini e uno spettacolo musicale con una trentina di persone. Io facevo avanti e indietro per rispondere alle varie esigenze dei due eventi e avevo appena recuperato due panche. Nel corridoio che conduce all’uscita dalle due sale ho visto un quartetto che era rimasto lì un po’ a parte, senza sedersi su quelle panche, ma subito non vi ho fatto troppo caso. Poi, mentre stavo ascoltando la canzone di un amico (Michele) ho visto che due di queste persone si stavano baciando: un bacio intenso, alla francese per capirci. Allora, come ho fatto altre volte in oratorio, per gesti analoghi tra ragazzi e ragazze, mi sono avvicinato e – dopo aver chiesto se facevano parte del gruppo dello spettacolo – ho detto loro di darsi un po’ di contegno. Ma solo allora ho visto che si trattava di due donne».

E a quel punto che cosa è accaduto?

Subito è scattata una reazione molto forte nei miei confronti, con parole molto tese anche da parte delle altre due ragazze al loro fianco. «Due lesbiche non possono baciarsi…?» hanno detto a voce alta. Io ho provato a smorzare i toni, facendo segno con la mano di andare verso l’uscita perché potessimo parlarne con calma senza disturbare lo spettacolo. E qui un’altra di loro ha aggiunto: «Ah, così sbatti fuori le lesbiche?». Nel frattempo stava uscendo una famiglia che aveva preso parte alla festa di compleanno, ma il nostro dialogo si è interrotto immediatamente, perché mi sono sentito rivolgere insulti e parole di ogni tipo. Non riuscivo a spiegarmi, e a quel punto mi sono irrigidito e le ho invitate ad uscire dal cortile. Qui hanno dato letteralmente in escandescenze e allora ho telefonato ai carabinieri, che sono arrivati subito, mentre loro si allontanavano sempre protestando («Non possiamo neppure stare qui?»).

Ma se tutto è nato da un equivoco, perché non ha subito chiarito che il suo intervento non era contro un bacio gay, ma semplicemente per un atteggiamento che in generale non le sembrava consono al luogo e alla presenza di bambini?

Questa è stata la mia mancanza: mi sono irrigidito e spaventato. Anche qualche parrocchiano me l’ha rimproverato dicendomi: se sorridevi e ti spiegavi subito….

E perché poi aspettare tanti giorni, nel momento in cui il caso era diventato di pubblico dominio e visto che lei non era riuscito a spiegarsi direttamente con le ragazze?

Da quando la notizia è uscita sul sito della Gazzetta sono stato tempestato dalle telefonate di tanti amici preoccupati per me. E poi il giorno dopo il titolo sulle locandine del giornale…. Le dico la verità: anche quando mi avete chiamato dalla redazione per chiedere la mia versione è scattata la sfiducia verso chi mi sembrava dare in pasto a tutti quell’accusa. E poi mi ha rinfrancato il comunicato della Curia, a cui mi sono pienamente appoggiato.

La Chiesa, anche se ora con papa Francesco qualcosa sembra muoversi, ha sempre avuto sull’omosessualità posizioni piuttosto intransigenti: non ha pensato che questo rendesse in qualche modo verosimile il racconto reso pubblico dalle ragazze? E don Lommi è un tipo di prete che autorizza questa interpretazione omofoba del suo gesto?

Io credo nel rispetto di tutte le persone e nella massima accoglienza. E più volte nelle mie parrocchie ho incontrato persone omosessuali che volevano anche confrontarsi sul loro percorso dal punto di vista spirituale

Si era parlato di un incontro con le ragazze. E’ ancora possibile?

Io spero che vengano, per vedere insieme dov’è che non ci siamo capiti.

Chi deve chiamare chi?

Noi l’invito l’abbiamo fatto. E rimane valido

Che reazioni ha avuto dai parrocchiani?

Nell’incontro con i giovani del venerdì, inevitabilmente, si parlato solo di questo. E nelle messe di domenica, al momento degli avvisi, ho voluto brevemente precisare i veri contorni dell’episodio. Ho avuto molte manifestazioni di solidarietà, così come mi hanno tranquillizzato le parole del vescovo e di tanti confratelli.

Alla fine che cosa ha insegnato questa vicenda a don Lommi per il suo “mestiere” di sacerdote?

Adesso che l’amarezza sta passando c’è anche una autocritica per come in quel momento mi sono irrigidito, per farmi paladino della difesa dei piccoli che erano lì. Mi sono sentito dipingere come un mostro che fa discriminazioni: ora spero che tutto si possa ricomporre.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Cosbe

    20 Febbraio @ 15.26

    A voi non capita mai dopo 5 , 10, 15 articoli di fila?! E si che di strafalcioni ne abbiamo letti ma non mi sono mai permessa di prendervi in giro e dirvi che scrivete troppo! Non siete spiritosi.....

    Rispondi

    • 20 Febbraio @ 15.33

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Non ci siamo proprio capiti: nessuno se l'è presa con lei, ma c'era un involontario gioco di parole che faceva sorridere perchè "giuda" era riferito a un prete. Tutto qui: si rilassi. E per aiutarla in tal senso, le dirò che sono l'autore del titolo che - in piena vicenda Ruby - proclamò che al Regio sarebbe andata in scena "La forza del festino". Ma quando un lettore me lo fece notare fui il primo a riderci sopra: lo faccia anche lei

      Rispondi

  • Cosbe

    20 Febbraio @ 15.13

    si era uomo guida e si capiva bene dal senso dell'intero commento!!!...ho semplicemente invertito l'ordine di i e u!

    Rispondi

    • 20 Febbraio @ 15.16

      Certo, ma non potevo risparmiarmi la battuta...

      Rispondi

  • Cosbe

    20 Febbraio @ 02.41

    Il parroco ha fatto bene a fare quel che ha fatto se la ricostruzione reale è la sua. Diverso era il mio parere subito dopo aver letto la lettera denuncia dell'ottavo colore. Se la verità sta nel mezzo, magari hanno sbagliato tutti nei modi e/o nei comportamenti e mi sembra che anche il prete, con umiltà, abbia detto che magari ha sbagliato qualcosa. Sinceramente non mi interessa cosa sia successo davvero...chi non c'era si farà la sua idea dando ragione all'uno o agli altri. Intanto posso dire che il parroco ha risposto con grande diplomazia e senza inasprire i toni...peccato che non sia lo stesso nei tanti commenti qui sotto...magari imparare dal comportamento pacato di un uomo giuda, come dovrebbe essere un sacerdote, invece di andare a braccio nello sputare sentenze sarebbe bello..

    Rispondi

    • 20 Febbraio @ 07.03

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Immagino che "uomo giuda" sia un curioso e anche divertente (visto il settore...) lapsus per "uomo guida". Puo' succedere al quinto commento consecutivo sullo stesso argomento.....

      Rispondi

  • TheoGattler

    20 Febbraio @ 00.23

    Cosa sarebbe successo se, al posto delle due lesbiche, ci fosse stata una coppia etero ? Sicuramente dopo i (giusti) rimproveri del parroco, avrebbero immediatamente compreso la gravità del loro gesto e si sarebbero subito scusati. Oramai non esiste più limite all'arroganza LBGT..... TUTTA LA MIA PIU SINCERA SOLIDARIETA' A DON GIOVANNI LOMMI

    Rispondi

    • Alex

      20 Febbraio @ 10.55

      la storia dei "se" e dei "ma" non serve a granche'...

      Rispondi

  • Marco

    19 Febbraio @ 18.52

    Che dire, bisogna proteggere i bambini, "che qualcuno pensi ai bambini!!!" come dice la moglie del rev. Lovejoy. Proteggiamoli dall'amore, non si sa mai che vedere due persone che si bacino possano pensare che in questo mondo esista l'amore. chiamiamo i carabinieri, la polizia, la guardia forestale, la marina e il battaglione s. marco! anzi, perchè non istituiamo un nuovo ente (tanto ce ne sono pochi in italia) la polizia morale, in giro tutto il giorno a dar multe alle coppiette che si baciano. Però se lo vedono in tv va tutto bene, tanto in tv è tutto finto.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima