-3°

COMUNE

Tassa dei rifiuti, «buco» da quasi 4 milioni

Tassa dei rifiuti, «buco» da quasi 4 milioni
Ricevi gratis le news
55

Crescono i parmigiani che non pagano la tassa dei rifiuti. Il «buco» ammonta a 3.800.000 di euro. Cosa farà il Comune per correre ai ripari? Parla l'assessore Ferretti.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    24 Marzo @ 10.26

    Giorgio R.

    Pensare prima a risolverlo no ? Evidentemente le menti pensanti dirigenziali prendono troppi soldi o sbagliamo ? Quanto prendono i dirigenti Iren e cosa fanno realmente ? Sono posti politici e pericolosi per noi. La raccolta differenziata va fatta per la plastica, lattine aluminio, vetro, carta in bidoni già separati e con il badge in piazzole adeguate 24 ore su 24 come fanno in Trentino e altri posti dove fra le altre cose danno servizi gratis come asilo o scuola mensa. Assurdo avere camion e camioncini con operatori. Noi ci andavamo in bicicletta o a piedi in un'area con tutti i bidoni, contenitori, già SEPARATI e non come adesso che poi devono fare la cernita ! Chi avrà problemi seri a non riuscire a portare le cose avrà un servizio a parte. Poi sappiamo come potrebbe essere con meno camion e camioncini dove dietro potrebbe esserci altro..... Qui c'è troppo magna magna legalizzato e tasse troppo alte per mantenere macchine da soldi dall'accoglienza finta a molto altro ! UNO SCHIFO ! Ora però i soldi sono finiti e quindi qualcosa accadrà.

    Rispondi

    • Medioman

      24 Marzo @ 15.11

      Ai miei tempi, c'era pure il "robivecchi" che passava, con carretto a pedali, a raccogliere quello che era riciclabile, e magari ti dava pure qualche soldino; però, in quella maniera, non si potevano stipendiare "dirigenti iren", consulenti ambientali, tromboni di partito. E, soprattutto, il robivecchi non emetteva scontrini (cosa gravissima, per chi vuole schedarci in ogni nostra attività).

      Rispondi

  • Gio

    24 Marzo @ 10.08

    Giorgio R.

    NO LAVORO NO SOLDI ! POI VOGLIAMO PARLARE DI TUTTE LE ACCISE E TASSE BALZELLI VARI ABBINATI ? E' vero poi che questa raccolta differenziata porta a porta fa diminuire i costi ? E' tutto troppo costoso e si dovrebbe tornare alla raccolta fatta in zone stabilite. La plastica, la carta e forse anche l'umido si potrebbero portare dove c'è la raccolta con un tesserino con chip che rivela se uno lo fa oppure no. Chi ha problemi a deambulare o comunque a portare il tutto avrà il servizio porta a porta. Tutti questi camioncini che girano con operatori a bordo hanno un costo che evidentemente la differenziata non copre. Andavamo a portare la plastica e vetro in bicicletta o a piedi quando avevamo tempo in una piazzola e NON avevamo necessità del porta a porta. Per non parlare del businness dei bidoni in plastica che anche quelli costano.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    23 Marzo @ 17.46

    QUI IL PROBLEMA E' L' ESTESA EVASIONE DELLA TASSA SULLA NETTEZZA URBANA . L' inadeguatezza del sistema di raccolta c' entra in via indiretta, congiuntamente ad altri fattori !

    Rispondi

    • Medioman

      23 Marzo @ 19.11

      Mi tocca darle ancora ragione; però, "mi consenta", perché c'è ancora gente che dice che gli "evasori" sono solo i lavoratori autonomi? che, invece, i dipendenti e i pensionati NON EVADONO perché hanno le trattenute alla fonte? Lo vada a spiegare a Bersani e ai suoi accoliti! P.s.: oltre alla "tassa rifiuti", ce ne sono tante altre.... ma, siccome si rischia di perdere voti, stanno tutti muti come pesci. Gli "occupanti abusivi" la pagheranno, la tassa rifiuti?

      Rispondi

      • Vercingetorige

        24 Marzo @ 11.29

        MEDIOMAN , la TARI non è "trattenuta alla fonte" .

        Rispondi

        • Medioman

          24 Marzo @ 13.51

          Lo so perfettamente, è proprio per questo che "prendo in giro" quelli che dicono: io non sono evasore, perché ho le trattenute!

          Rispondi

        • Medioman

          24 Marzo @ 15.03

          ooops, precisazione: è proprio per questo, che prendo in giro le "anime belle" che dicono: dipendenti e pensionati NON POSSONO EVADERE perché hanno le trattenute! E il bello è che c'è anche chi ci crede!

          Rispondi

  • gigiprimo

    23 Marzo @ 13.57

    vignolipierluigi@alice.it

    Quello nella foto è il rudo prodotto in via Corso Corsi! non si potrebbe intervenire sui 'proprietari' di queste case? hanno tutti affittato in 'chiaro'? che paghino le eventuali multe in base alle metrature e si rifacciano sugli inquilini! Non si può permettere un rudo così, ed è costante!

    Rispondi

  • Samuele

    23 Marzo @ 12.03

    I bei tempi qundo si butta tutto insieme alla carlona, tanto c'e ò'inceneritore che purifica tutto e profuma l'aria al mughetto e poi si da lavoro a tanto politici, figli di politici, amanti di politici... e si arricchiscono pure i partiti. A natale arrivavano a casa di questi bravi amministratori decine di regali preziosi, orologi, viaggi. Quelli si che erano bei tempi già... MA torneranno tranquilli perchè l'avidità vince sempre alla lunga specie se deve crescere in un ambiente di ignoranza...

    Rispondi

    • Vercingetorige

      23 Marzo @ 12.43

      ALLORA NON HAI CAPITO , il che non meraviglia ! Piu' "CARLONA" DEL LETAMAIO CHE C' E' ADESSO ! Per quanto possa meravigliarti , la "differenziata" si può fare anche da persone intelligenti !

      Rispondi

      • Samuele

        23 Marzo @ 13.12

        ALLORA NON HAI CAPITO TU CARO LA DIFFERENZIATA SI PUò FARE BENE SE TUTTI COLLABORANO CORRETTAMENTE E NON CI SONO FURBI, MALEDUCATI E INCIVILI ! SONO QUELLI CHE CAUSANO IL LETAMAIO CHE VEDI TU !!

        Rispondi

        • Medioman

          23 Marzo @ 15.05

          Samuele, sei rimasto al Medioevo, quando per guarire le persone si usavano le "macumbe". Oggi, esistono tecnologie un pochettino differenti: è possibile (anche se economicamente, magari, poco conveniente) "rigenerare" senza prima dover "separare". Però, con quello che ci fanno pagare la "differenziata", potrebbero diventare "convenienti", e soprattutto creare nuovi posti di lavoro. Solo nel comune di Parma (se non ho capito male) questo sistema costa TRENTOTTOMILIONI ai cittadini!

          Rispondi

        • gigiprimo

          23 Marzo @ 13.50

          vignolipierluigi@alice.it

          Ricorda che la differenziata si faceva anche più di sette anni fa! era meno 'pesante' per tutti noi, però anche allora c'erano i maleducati che riempivano i cassonetti di tutto, hanno tolto i cassonetti e hanno messo le campane ma dentro queste cosa ci trovano? Ho dei dubbi! e l'indifferenziato cosa contiene?

          Rispondi

      • Asterix

        23 Marzo @ 13.09

        Bravo tipo i cassonetti di Forlì, bel sistema, provato e validato nella sua utilità.

        Rispondi

        • Immanuel

          23 Marzo @ 15.17

          E' vero, tenere l'immondizia in casa è una virtù al giorno d'oggi ...

          Rispondi

        • Asterix

          23 Marzo @ 15.33

          Immanuel hai letto l'articolo di cassonetti di Forlì, forse no se commenti cosi. Basta dare aria ai polpastrelli e tutto va bene. Un po' come Vercingetorige che fa il Salomone di Parma sposando soluzioni già in uso e palesemente sbagliate. Buona fine ... In merito alla foto i mobili forse è meglio tenerli in casa non sul marciapiede.

          Rispondi

        • Immanuel

          23 Marzo @ 17.36

          Guarda, io dico che imporre alla gente di tenere il rudo in casa è vergognoso. C'e' chi non ha giardini, cortili e neanche balconi. Questa cosa andava valutata. Detto questo io non ho mai abbandonato niente per strada. Poi a Forlì non so come va, vedo come va qui da noi. Comunque darò un'occhiata all'articolo (sai dove lo trovo?)

          Rispondi

        • Vercingetorige

          23 Marzo @ 17.27

          NO , VERCINGETORIGE SPOSA LE SOLUZIONI PIU' EFFICIENTI ! Andatele a vedere in Trentino - Alto Adige : Valle delle Giudicarie , isole ecologiche accessibili con "badge" 24 ore su 24 , "differenziata" all' 81 % , nessun sacchettino per strada ! La "soluzione già in uso e palesemente sbagliata " era quella dei sacchettini infami già praticata , trent' anni fa , dall' AMNU , e palesemente fallita ! Vercingetorige non vuol fare il "Salomone" , ma , dovendo proprio scegliere , preferisce fare il Salomone che il salamone !

          Rispondi

        • Gio

          24 Marzo @ 10.16

          Giorgio R.

          CONDIVIDO CON VERCINGETORIGE. Prima dell'avvento della differenziata porta a porta andavamo in bicicletta o a piedi anche in piazzole portando la plastica, la carta il vetro lattine tutto nei cassonetti prestabiliti suddividendo le lattine dal vetro e dalla plastica. Ora devono fare la cernita ! E' assurdo avere camioncini con operatori a bordo che girano inquinando e avendo un costo che poi grava su di noi tutti e bidoni che hanno comunque un costo. Tempo fa' si faceva senza badge ora si potrebbe fare con badge. Quale è IL PROBLEMA ? Chi ha seri problemi a muoversi potrebbe avere il servizio diverso. Poi sappiamo il costo dei numerosi camion che girano a cosa può portare.....costi per noi e regali per qualcun altro. NON SIAMO CONTENTI DI QUESTO SISTEMA.

          Rispondi

        • Asterix

          23 Marzo @ 18.30

          Per il Salomone di Parma e altri la vera realtà del trentino non è quella che salomoneggia Vercingetorige, un articolo a caso. In fondo trovate quello che cercate cioè la dimostrazione che la "soluzione Trentina" forse non è la più corretta, o almeno nessun sacchettino per strada vero, sono nei boschi. http://ricerca.gelocal.it/trentinocorrierealpi/archivio/trentinocorrierealpi/2015/03/08/trento-troppi-rifiuti-abbandonati-nei-boschi-della-val-di-non-43.html. Per Immanuel http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/26/rifiuti-flop-chiavi-cassonetti-regione-paga-70mila-euro-comune-ritira/1456566/

          Rispondi

        • Vercingetorige

          24 Marzo @ 11.35

          SE LA "CENSURA" ME LO PERMETTE , LE RISPONDO "PALLE" ! Io , in Trentino - Alto Adige , ho una casa dove trascorro parte dell' anno. Ho un servizio molto migliore che a Parma. Vuoto la mia spazzatura quando voglio , in silos differenziati , registrando i miei conferimenti col "badge" , e pago meno che a Parma.

          Rispondi

        • Asterix

          24 Marzo @ 13.14

          Bene secondo Vercingetorige in trentino c'è un servizio migliore. Ma come può una sensazione personale prevaricare articoli come sopra. Semplicemente non può in trentino si abbandonati i rifiuti nei boschi i cassonetti con "intelligenti" si sono dimostrati inefficienti ed onerosi. Quindi le PALLE chi le racconta, a voi il giudizio.

          Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Il dolore del cuore” di Giovanni Scialpi (Shalpy) si trasforma in un messaggio universale d’amore

MUSICA

“Il dolore del cuore”: ecco il nuovo singolo di Scialpi Video

Lealtrenotizie

Incendio in una casa a Siccomonte: foto

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

9commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento