15°

29°

polizia municipale

Nav, quei vigili in prima linea contro la violenza

Nav, quei vigili in prima linea contro la violenza
Ricevi gratis le news
3

Il nucleo è nato nel 2009: già 400 i casi di violenza affrontati

Chiara Pozzati

Già prima, sull’uscio, si respira aria diversa. A guardarti serafica e armoniosa è la Venere del Botticelli, stampata sulla porta a mo’ di auspicio, e la stanza è intima, accogliente. Siamo nel «quartier generale» del Nav, il Nucleo antiviolenza della polizia municipale, avamposto di speranza per tanti, tantissimi.

In sei anni i fascicoli approdati sulle scrivanie sono sestuplicati: nel 2009, la data di nascita ufficiale di questa task-force, i «casi» erano una settantina, alla fine del 2014 oltre 400. L’avamposto di speranza si trova nella pancia del comando di via del Taglio, al piano terra. A tirare le fila di questo porto sicuro sono l’ispettrice Debora Veluti, responsabile e anima del Nav, e tre agenti che preferiscono non rivelare il nome. Donne vittime di abusi di ogni genere, bimbi strappati all’innocenza, anziani soli, anime perse che annaspano ogni giorno di più. Il Nav si occupa di quella Parma sommersa e vicina, cruda e silenziosa che si consuma dietro una porta chiusa.

Uno dei fenomeni purtroppo più diffusi è l’abbandono scolastico: nel 2014 sono arrivate sulle scrivanie del Nav 110 segnalazioni. «In dieci casi sono stati denunciati i genitori – spiega Debora – perché il diritto all’istruzione è fondamentale e inviolabile. Negli altri casa si trattava di trasferimenti in altre città o in altre scuole, mai comunicati».

La scuola che «perde» i pezzi, purtroppo, «è un fenomeno in costante aumento». Nella maggior parte dei casi riguardano famiglie straniere, ma gli agenti si confrontano anche con parmigiani e italiani: «Si tratta di percentuali minime – chiarisce ancora l’ispettore -: un 10% contro un 90%, però ci sono». Non sempre tutto parte da padri e madri, «spesso si tratta di adolescenti incapaci di confrontarsi con gli altri, che preferiscono trascorrere le giornate tappati in casa davanti alla play-station o su Facebook». Borderline under 18.

Ma le pazienti e delicate indagini del Nucleo abbracciano anche i maltrattamenti sui più piccoli, gli indifesi. «Purtroppo, tra deleghe della Procura e segnalazioni, la media è ancora di 60 casi all’anno. Anche in questo caso non dobbiamo pensare solo alle botte – che pure purtroppo ci sono -. Ci siamo trovati di fronte a bimbi puniti con t-shirt e braghette all’aperto in pieno inverno, a piccoli segregati in casa perché i genitori non ritenevano che i compagni fossero una buona compagnia. Talvolta non vengono garantiti i servizi sanitari agli adolescenti, o vengono denigrati ogni giorno per una media scolastica poco soddisfacente».

«Uno degli episodi più crudi che abbiamo dovuto fronteggiare è stato senza ogni dubbio la storia di una bambina obbligata a odiare il padre, dopo un divorzio naufragato. Ad ogni richiesta della piccola, che desiderava vedere il genitore, erano botte da orbi con un mattarello. Tutto questo finché la bimba non si è confidata con la compagna di classe, che ha chiesto aiuto alla propria famiglia. Quest’ultima ci ha contattati immediatamente». Risultato? «Bimba allontanata dalla madre violenta e affidata al padre».

Delicatissimo è anche il fronte dell’ascolto e dell’aiuto alle donne prostrate da violenze di ogni tipo, una dozzina ogni anno. Cronaca di ordinaria sofferenza gestita con ascolto, umanità «ma anche attraverso una sinergia con i Servizi sociali, la procura e tutte le istituzioni». Spesso e volentieri di fronte alle orecchie amiche, discrete, della squadra speciale di via del Taglio le vittime trovano il coraggio di confidarsi.

Infine il Nav si occupa anche delle persone in difficoltà e che vivono particolari disagi. «Parliamo di anziani soli, adulti incapaci di provvedere al loro sostentamento – chiarisce la Veluti -. Non si tratta solo di un lavoro di ascolto. Noi mettiamo le mani in pasta, maciniamo chilometri, “galoppiamo per la città” e tutto quel che si può fare lo si fa». Il tempo per parlare è poco, il telefono squilla di nuovo. Un’altra storia attende la Veluti e i suoi. L’ennesima per cui giocarsi il tutto per tutto.

Indirizzo e tel:

Centrale Operativa
Sede: Via del Taglio 8/a
Telefono: 0521 – 218730, 0521 – 218000
Fax: 0521 - 218788
Orario di apertura: 07.00 – 01.00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    11 Aprile @ 09.22

    la rivolta di atlante

    2009 - BEI TEMPI , QUANDO IL CENTRODESTRA RIUSCIVA AD ESSERE CONCRETO E COMPETENTE LASCIANDO AGIRE CHI SAPEVA COME E DOVE AGIRE SENZA PERSONALISMI E NELL'ANONIMATO PIU' SICURO E CONFORTANTE - TORNERANNO MAI ?? QUANTO DESERTO CI TOCCHERA' ANCORA TRAVERSARE PRIMA DI RITROVARE IL VERO SUCCESSORE DI ELVIO UBALDI CHE UN FATO CRUDELE CI HA STRAPPATO NEL MOMENTO IN CUI PIU' LA CITTA' AVEVA BISOGNO DELLA SUA ESPERIENZA. QUANTO DESERTO ANCORA PIENO DI MIRAGGI E DI ILLUSIONI .... MA LA SPERANZA DEVE VIVERE PERCHE' E NELLA SPERANZA E NELLA UMANITA' DI QUESTI VIGILI CHE RISIEDE LA CIVILTA' E IL SUO MIGLIORAMENTO. ..... MA, QUANTA SABBIA C'E' !!??

    Rispondi

    • salamandra

      11 Aprile @ 10.45

      Indiscutibilmente concreto e competente a favore della criminalità. Ricordiamo le due grandi concretezze del centrodestra (ovviamente appoggiato dal suo miglio alleato, il PD): indulto e riduzione dei periodi di prescrizione.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Nada con A toys orchestra

musica

Nada a Parma con A toys orchestra

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

4commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

1commento

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

21commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

usa

Scontro fra treni a Filadelfia, 33 feriti

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

SPORT

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SOCIETA'

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

Usa

Quando la "diva" Luna oscura totalmente il sole  Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti