-2°

Motivazioni

Omicidio Guarino: scenari inquietanti

Omicidio Guarino: scenari inquietanti
4

Nuovi inquietanti scenari nelle motivazioni della Corte d'appello sull'omicidio di Raffaele Guarino nel 2010 a Medesano. «Connotati camorristici», scrivono i giudici.

Georgia Azzali

Era l'uomo che gli aveva rubato la donna della passione. E che lo stava spodestando dal trono di reuccio del giro d'usura del Parmense. Gelosia e affari (sporchi): un mix potentissimo che spinse Mario Illuminato a organizzare, con l'aiuto di Massimiliano Sinatra e Graziano Acampa, l'omicidio di Raffaele Guarino nella notte tra il 28 e il 29 ottobre 2010 a Medesano. Ne è convinta anche la Corte d'appello, che il 20 gennaio scorso ha confermato l'ergastolo a tutti e tre, ma per i giudici «la vicenda è intrisa di connotati camorristici». Pur non essendo stata contestata a suo tempo dalla procura di Parma l'aggravante mafiosa, altrimenti il caso sarebbe passato alla Dda di Bologna, i magistrati sottolineano nella sentenza, depositata nei giorni scorsi, che «l'appartenenza "a squadre", il curriculum criminale e/o vitae degli agenti (ma anche della vittima), il movente articolato ma ispirato a una regolazione dei conti anche con la massima espressione di violenza verso il rivale, il reperimento di arma con silenziatore, demandato a una ricerca in ambito malavitoso... fino al mantenimento della famiglia del colpevole in carcere sono solo alcuni dei profili più evidenti della colorazione (anche) mafiosa del delitto e del suo contesto».

Un pezzo grosso della camorra, Lelluccio Guarino. Un boss degli scissionisti di Barra, a Medesano in libertà vigilata. E ucciso con due colpi di pistola in faccia mentre dormiva nel suo letto. Tanto che fin da subito, tra le varie ipotesi, si profilò anche quella dell'omicidio mafioso. Ma ben presto si capì che era in quel contesto di (ex) amici e colleghi di prestiti a strozzo che bisognava indagare. Tuttavia, secondo i giudici d'appello, lo scenario in cui maturò il delitto ha caratteristiche analoghe ai delitti di criminalità organizzata.

Partiamo da Mario Illuminato: piccolo imprenditore napoletano, con base a Medesano, è lui, anche secondo i magistrati bolognesi, il mandante dell'omicidio. Lui che aveva una relazione con la cognata Nunzia Visconti, la vedova di suo fratello Salvatore, trovato morto nell'agosto 2003 dentro il bagagliaio della sua auto in un parcheggio di Casalecchio di Reno. Una morte mai chiarita, per la quale durante il processo Mario Illuminato ha accusato Gennaro, il padre di Nunzia Visconti, e Guido, lo zio della donna. Una ricostruzione frammentaria e confusa, ma che fa capire quanto i rapporti tra le famiglie si reggessero su equilibri pericolosissimi. Come quelli tra Illuminato e Guarino, inizialmente amici, poi divisi dai soldi dell'usura e da Nunzia, la donna che aveva preferito il boss di Barra all'amante storico.

E' il primo ad essere arrestato, Illuminato, il 17 marzo 2011. I carabinieri del Nucleo investigativo gli trovano in casa il Rolex Daytona di Guarino, sparito dalla villetta di via Fenoglio proprio la notte del delitto. Una prova schiacciante, tuttavia lui continua a negare. Fino a una delle ultime udienze del processo di primo grado, quando ammette di aver ammazzato Guarino dopo aver litigato con Nunzia che gli aveva confessato i tradimenti. Nessun complice, dunque, un delitto d'impeto. Ma, secondo la Corte d'appello, «l'imputato ha sicuramente mentito su molteplici circostanze, nel senso, in primo luogo, che gli elementi acquisiti nell'istruttoria provano con certezza che alla consumazione dell'omicidio parteciparono anche il Sinatra e l'Acampa e che il delitto fu premeditato».

Sinatra, il killer. Acampa, origini napoletane e casa a Collecchio, il complice che ebbe un ruolo determinante nel procurare al gruppo la 7,65 per ammazzare Guarino, tramite l'amico Gennaro Trambarulo, «un esponente di vertice di uno dei più sanguinari clan della camorra napoletana», scrivono i giudici. Non solo. Secondo la Corte d'appello, pochi giorni prima del delitto, «è senz'altro possibile che, non avendo la stessa caratura criminale, l'Illuminato si sia recato a Napoli per ottenere il benestare di qualcuno che, come il Trambarulo, potesse proteggerlo da eventuali vendette degli affiliati al clan Celeste-Guarino».

Il contesto camorristico. E su quello sfondo gli interessi di Illuminato, di Acampa (il suo «braccio destro nell'ambito della criminosa attività usuraria», scrivono i giudici), ma anche quelli di Sinatra, siciliano, residente a Noceto. Sulla posizione di quest'ultimo hanno avuto un ruolo pesantissimo anche per i giudici d'appello le dichiarazioni di Roberto Naddeo, l'amico di famiglia che nell'agosto 2011 comincia una breve relazione con Samantha Granata, la compagna di Sinatra. E' lui che poi rivela agli inquirenti le confidenze della donna: lei che dice all'amante di aver saputo dal compagno che fu lui a sparare a Guarino, lei che racconta dei vestiti gettati in un cassonetto, della fuga al Sud per evitare la prova dello stub subito dopo il delitto. Tutte dichiarazioni che poi la Granata riferisce al pm, senza però firmare il verbale, e che smentisce al processo, ma che la Corte d'assise di Parma aveva deciso di acquisire nella penultima udienza, perché il processo aveva dimostrato che la donna aveva ricevuto denaro e pressioni per tacere. A spingere Sinatra ad uccidere sarebbero stati i soldi, la garanzia di poter contare su una tranquillità economica: «la Granata per un lungo periodo di tempo fu retribuita dai congiunti di Mario Illuminato affinché - scrive la Corte d'appello - tacesse ciò che sapeva sull'omicidio di Guarino».

Nessuna attenuante. Tre ergastoli confermati. Per un omicidio in stile mafioso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    26 Aprile @ 07.06

    la rivolta di atlante

    CI VUOLE UNA BELLA ISOLA IN STILE ALCATRAZ DOVE FARE UN BEL RESORT E FARLI LAVORARE ALL'UNCINETTO .... ALTRO CHE SEMINARLI SU TUTTA LA NAZIONE COME IL ROSMARINO SULL'ARROSTO UN MALAVITOSO RESTA TALE ANCHE SE LO MANDI AL POLO NORD ... FIGURATI A MEDESANO TERRA DI SANI CONTADINI CON IL SORRISO FACILE .... VOLETE PROPRIO CHE SI TORNI A IMBRACCIARE LO STEN ( MITRA ) DEL NONNO SEPPELLITO UNTO NEL CAMPO DI POMODORI ?? FUORI DALLA NOSTRA TERRA ... NON VOGLIAMO CONFINATI ....... A NOI CI SERVONO SOLO QUELLI ONESTI , CHE SARANNO SEMPRE BENVOLUTI E BENE ACCOLTI ANCHE SE SONO NATI DENTRO L'ETNA O DENTRO O' VESUVIO ... CHE SE LI PORTINO A CASA LORO POLITICI FLACCIDI E MAGISTRATURA CONNIVENTE ... ALTRO CHE IMMIGRATI C'E' NE ABBIAMO DA SOPPORTARE GIA' ABBASTANZA

    Rispondi

    • Michele E

      26 Aprile @ 09.41

      D'accordissimo, sarebbe l'unica soluzione! ma Alcatraz andava bene per gli americani, qua servirebbe un bel po' più grossa e un bel po' più lontana dalla costa. Per il videocontrollo gratuito basta fare un canale h24 che trasmette "L'isola dei mafiosi".

      Rispondi

    • la rivolta di atlante

      26 Aprile @ 07.54

      la rivolta di atlante

      ANDREA , PERCHE' NON MI FAI ESSERE CHOCCANTE COME SCRIVO , VA BENE CORREGGERMI LA GRAMMATICA , OGNI TANTO , PERCHE' HO UN ITALIANO GLOBALIZZATO , MA QUALCHE ESPRESSIONE ALLA DEPARDIEU POTRESTI LASCIARLA ... CHE UNA QUALCHE SCOSSETTA EMOZIONALE FA BENE ANCHE AL BLOG ... O NO ? ITALICI VS ITALIANI .. ERA CARINO ?? L'ALTRO FORSE ERA UN PO' ECCESSIVO MA NON ERA INTESO COME RAZZIALE .... SE UNO E' NATO SOTTO AL SOLE E' SCURO ... E' LA NATURA NON E' UNA SUA SCELTA !! E SE UNO E' NATO IN MEZZO A UNA CERTA "CULTURA" HA ANCHE IL DIRITTO/DOVERE COME ESSERE UMANO DI MIGLIORARSI O NO ?? SAREMMO ANCORA CON LA CLAVA A TIRARE LE FEMMINE PER I CAPELLI ... WILMA DAMMI LA CLAVA !!

      Rispondi

      • la rivolta di atlante

        27 Aprile @ 05.22

        la rivolta di atlante

        SCUSA SBAGLIATO NOME , GABRIELE

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto via Doberdò

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

3commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

12commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

9commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria