11°

17°

anti-degrado

Via Newton, il piccolo club del rastrello

Via Newton, il piccolo club del rastrello
Ricevi gratis le news
2

Un parco invaso dai rifiuti e ostaggio di maleducazione e vandali, come raccontano i suoi frequentatori. Ma c'è chi ha deciso di fare la propria parte...

Chiara Cacciani

Il piccolo club del rastrello si riunisce puntuale alle 8.30 per tre giorni a settimana. Giancarla, nonna di 6 nipoti, Mara, neopensionata, e Sabrina, ferrea nel voler restare invisibile a taccuini e macchine fotografiche. Ma solo a loro, perché per il resto no, è impossibile non notare questo terzetto in azione nel parco Galeone di via Newton: testa bassa, occhio allenato e mani svelte, attrezzate di guanti, sacchetti e sì, il rastrello di cui sopra («se no come si fa a tirar su tutti i mozziconi?»).

Mara, Giancarla e Sabrina: custodi volontarie e senza bisogno di «grazie» di uno spicchio prezioso (e frequentatissimo) di verde nel cuore del Lubiana, con strategica vista scuole.

«Abito in zona da 3 anni e il parco lo vivo quotidianamente, soprattutto coi nipoti – racconta Giancarla, che di cognome fa Ferrari –. Ogni mattina scendevo alle 8 col cane e camminavo tra quel che restava soprattutto dei bivacchi della notte. E allora ho cominciato da sola». Che significa tirar su cartacce, mozziconi, preservativi, lattine, contenitori di succhi di frutta, cartine di caramelle e vetri rotti. «Fino a quando una mattina ero così disperata per la sporcizia che ne ho parlato a una mia vicina».

Mara Boni, appunto, che vive affacciata sul parco da 12 anni e vuole che sia «un piacere guardarlo dalla finestra. E da quando sono in pensione finalmente posso dedicarmi a questo progetto. Lo faccio volentieri, e lo faccio anche sapendo che il giorno dopo sarà probabilmente uguale. E io ci ritornerò, coi miei guanti e i miei sacchetti. Lo faccio da cittadino e in questo senso sì, ho accolto l'appello del sindaco: credo che ciascuno di noi, individualmente, può aiutare a migliorare le cose».

Passeggiata col cane dopo passeggiata, e vedendole motivate e indaffarate, anche Sabrina si è unita a loro. «La gente ci guarda con stupore, a volte forse ci considerano poco normali. “Tanto c'è Iren...”. Invece qui i problemi restano, e noi volevamo fare la nostra parte – spiega Giancarla –. Abbiamo stabilito dei buoni rapporti con chi viene a pulire, e abbiamo rassicurato chi pensava potessimo togliergli del lavoro. E per quanto riguarda gli altri fruitori del parco, noi non speriamo tanto che qualcuno si unisca a noi, ma piuttosto che ci aiutino sporcando meno e mettendosi una mano sulla coscienza».

«E in effetti – ammette Mara – da quando ci siamo noi a pulire le mamme un po' ci hanno seguito. Il nostro è un appello alla civiltà, e l'esempio è importante, importantissimo». «Anche per questo è un peccato non essere riusciti a collaborare con la scuola», si dispiace Giancarla. Che auspica anche una maggiore attenzione e un maggiore ascolto da parte di Comune e Iren. «I tempi sono quelli che sono, lo sappiamo. Ma ciascuno deve fare la sua parte: e qui servono manutenzione del verde e delle strutture, e affrontare il tema della sicurezza». Parlano di giochi lasciati rotti per mesi nonostante mille segnalazioni («e fino a quando un papà non ha preso un trapano e sistemato quel che poteva»), altri che ancora attendono di essere restituiti ai bambini, di erba tosata solo dopo tante insistenze («e con l'erba alta non si vede cosa si calpesta, non si vedono le deiezioni dei cani e nemmeno i mozziconi»), di rami caduti sotto il peso della neve e rimasti in giacenza due mesi nonostante tante chiamate che segnalavano il pericolo per i bambini. E del problema – sentitissimo – dei vandali.

«E quando comincia la bella stagione – rincara la dose Mara – qui non si dorme più: nell'area del parco arrivano ragazzi che urlano, divelgono cestini, dormono, si drogano, fanno l'amore. Utilizzano quel salottino di tavoli e panchine sotto le tettoie: che è molto bello, per carità, ma per cittadini civili. O il Comune si viene a riprendere i suoi arredi, oppure deve esserci della vigilanza. Noi abbiamo dimostrato che facciamo la nostra parte, ma perché quando facciamo queste segnalazioni non viene mai nessuno?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fortunato

    24 Maggio @ 17.42

    vogliamo mettere a posto la città da queste nefandezze si o no, basta !!!!!! vogliamo più sicurezza, più controlli dai vandalismi ,ormai siamo stanchi , basta!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va