-2°

anti-degrado

Via Newton, il piccolo club del rastrello

Via Newton, il piccolo club del rastrello
Ricevi gratis le news
2

Un parco invaso dai rifiuti e ostaggio di maleducazione e vandali, come raccontano i suoi frequentatori. Ma c'è chi ha deciso di fare la propria parte...

Chiara Cacciani

Il piccolo club del rastrello si riunisce puntuale alle 8.30 per tre giorni a settimana. Giancarla, nonna di 6 nipoti, Mara, neopensionata, e Sabrina, ferrea nel voler restare invisibile a taccuini e macchine fotografiche. Ma solo a loro, perché per il resto no, è impossibile non notare questo terzetto in azione nel parco Galeone di via Newton: testa bassa, occhio allenato e mani svelte, attrezzate di guanti, sacchetti e sì, il rastrello di cui sopra («se no come si fa a tirar su tutti i mozziconi?»).

Mara, Giancarla e Sabrina: custodi volontarie e senza bisogno di «grazie» di uno spicchio prezioso (e frequentatissimo) di verde nel cuore del Lubiana, con strategica vista scuole.

«Abito in zona da 3 anni e il parco lo vivo quotidianamente, soprattutto coi nipoti – racconta Giancarla, che di cognome fa Ferrari –. Ogni mattina scendevo alle 8 col cane e camminavo tra quel che restava soprattutto dei bivacchi della notte. E allora ho cominciato da sola». Che significa tirar su cartacce, mozziconi, preservativi, lattine, contenitori di succhi di frutta, cartine di caramelle e vetri rotti. «Fino a quando una mattina ero così disperata per la sporcizia che ne ho parlato a una mia vicina».

Mara Boni, appunto, che vive affacciata sul parco da 12 anni e vuole che sia «un piacere guardarlo dalla finestra. E da quando sono in pensione finalmente posso dedicarmi a questo progetto. Lo faccio volentieri, e lo faccio anche sapendo che il giorno dopo sarà probabilmente uguale. E io ci ritornerò, coi miei guanti e i miei sacchetti. Lo faccio da cittadino e in questo senso sì, ho accolto l'appello del sindaco: credo che ciascuno di noi, individualmente, può aiutare a migliorare le cose».

Passeggiata col cane dopo passeggiata, e vedendole motivate e indaffarate, anche Sabrina si è unita a loro. «La gente ci guarda con stupore, a volte forse ci considerano poco normali. “Tanto c'è Iren...”. Invece qui i problemi restano, e noi volevamo fare la nostra parte – spiega Giancarla –. Abbiamo stabilito dei buoni rapporti con chi viene a pulire, e abbiamo rassicurato chi pensava potessimo togliergli del lavoro. E per quanto riguarda gli altri fruitori del parco, noi non speriamo tanto che qualcuno si unisca a noi, ma piuttosto che ci aiutino sporcando meno e mettendosi una mano sulla coscienza».

«E in effetti – ammette Mara – da quando ci siamo noi a pulire le mamme un po' ci hanno seguito. Il nostro è un appello alla civiltà, e l'esempio è importante, importantissimo». «Anche per questo è un peccato non essere riusciti a collaborare con la scuola», si dispiace Giancarla. Che auspica anche una maggiore attenzione e un maggiore ascolto da parte di Comune e Iren. «I tempi sono quelli che sono, lo sappiamo. Ma ciascuno deve fare la sua parte: e qui servono manutenzione del verde e delle strutture, e affrontare il tema della sicurezza». Parlano di giochi lasciati rotti per mesi nonostante mille segnalazioni («e fino a quando un papà non ha preso un trapano e sistemato quel che poteva»), altri che ancora attendono di essere restituiti ai bambini, di erba tosata solo dopo tante insistenze («e con l'erba alta non si vede cosa si calpesta, non si vedono le deiezioni dei cani e nemmeno i mozziconi»), di rami caduti sotto il peso della neve e rimasti in giacenza due mesi nonostante tante chiamate che segnalavano il pericolo per i bambini. E del problema – sentitissimo – dei vandali.

«E quando comincia la bella stagione – rincara la dose Mara – qui non si dorme più: nell'area del parco arrivano ragazzi che urlano, divelgono cestini, dormono, si drogano, fanno l'amore. Utilizzano quel salottino di tavoli e panchine sotto le tettoie: che è molto bello, per carità, ma per cittadini civili. O il Comune si viene a riprendere i suoi arredi, oppure deve esserci della vigilanza. Noi abbiamo dimostrato che facciamo la nostra parte, ma perché quando facciamo queste segnalazioni non viene mai nessuno?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fortunato

    24 Maggio @ 17.42

    vogliamo mettere a posto la città da queste nefandezze si o no, basta !!!!!! vogliamo più sicurezza, più controlli dai vandalismi ,ormai siamo stanchi , basta!!!!!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa