22°

32°

Topi d'appartamento

Il ladro: «Contro i furti fate così»

Il ladro: «Contro i furti fate così»
Ricevi gratis le news
8

Chi meglio di un ladro, «professionista» riconosciuto (anche se pentito), con una condanna e diversi anni di carcere alle spalle, può dare consigli per evitare di farvi svaligiare casa? Eccoli.

Chiara Pozzati

Dopo anni gli è rimasto l’«occhio clinico». Quel «radar per i soldi», come lo definisce, che si attiva con uno sguardo. «Adocchiavo le mie vittime un po’ ovunque: al bar, al supermercato, per strada. E mi mettevo a seguirle per vedere dove abitavano. Oggi non capita più, ma ancora riconosco chi può contare su un solido stipendio e dunque su una bella casa».

Kevin (il nome è di fantasia, ma il resto no) è una di quelle persone che ti auguri di non incontrare mai sulla tua strada, o almeno anni fa quando era nel pieno dell’attività. Quasi 30 anni, nomade («ma nato in Italia»), padre di almeno quattro pargoli scalmanati, professione: ladro d’appartamento.

Come difendersi dai professionisti dello scasso? «Gioielli in cassette di sicurezza, mai troppi contanti in casa, sbarre a porte e finestre e allarmi collegati direttamente con le centrali di polizia e carabinieri. Non ci sono molte altre soluzioni ».

Che il mestiere del bandito («con un codice però», assicura) lo avesse nel dna, è lui stesso a dirlo: «Ho imparato a rubare fin da bambino, per alcuni di noi è praticamente un lavoro». E allora, come «esperto in materia», svela cosa passa nella mente dei soliti ignoti, gli intrusi che non si fanno scrupoli a violare il posto che dovrebbe essere più sicuro al mondo. Ma soprattutto come difendersi da chi svaligia le case altrui per professione.

A guardarlo sembra un ragazzotto come tanti: tono pacato, lieve accento bergamasco e un sorriso furbetto. Il suo curriculum è zeppo di colpi in appartamenti, villette, aziende, locali, nel 2009 però è stato incastrato dalla polizia, ha scontato anni in cella, poi ai domiciliari, quindi con l’obbligo di firma in Questura. «Oggi, però, sono un uomo libero - giura - ho pagato il debito con la giustizia e ho cambiato da tempo attività».

L’incontro è stato (quasi) casuale di fronte a un caffè. Non si fida molto dei giornalisti, ma del resto il sentimento è reciproco. I patti sono chiari: niente nomi, solo i racconti dei bei tempi andati. E il viale dei ricordi è assai lungo.

«Una volta ho trovato 80mila euro in contanti sotto il divano di un soggiorno, in un’altra casa dei cinesi conservavano mazzette da 500 euro nascoste nelle pentole. I bottini più sostanziosi, però, sono nelle aziende. Ovviamente il periodo migliore è sempre l’estate, quando non si respira, le finestre sono aperte e in una notte puoi ripulire anche tre o quattro appartamenti».

I vacanzieri sono avvertiti. Ma come scelgono le prede? «Semplice, le vedi al bar, al supermercato o per strada vestite bene, con i gioielli giusti e il Rolex al polso. Quindi scatta il pedinamento. Credimi, nessuno se n’è mai accorto. Prendi la macchina e li segui fino a casa, se vedi che non rientrano subito temporeggi, così dai un’occhiata anche al quartiere».

Primo comandamento del ladrone: «Mai attirare l’attenzione. Solo in due occasioni mi è stato chiesto che ci facevo in una strada da alcuni vicini di casa. Le risposte sono standard: “Aspetto un amico, un parente, mi sono perso, stavo cercando uno studio dentistico”. Ho sempre preferito le villette, rispetto alle palazzine: isolate con più finestre e balconi a un’altezza accettabile. In un condominio è molto difficile non farsi “sgamare” dai dirimpettai».

Secondo comandamento: acquisire le abitudini delle vittime. «Per un po’ ti apposti sotto casa per capire gli orari e soprattutto chi la abita davvero. Bastano cinque giorni, massimo una settimana, poi entri in azione. Sai dove abitano, dove lavorano, chi frequentano, le abitudini e le tempistiche».

Le tecniche di effrazione, poi, sono un mondo su cui Kevin taglia corto: «Io ho sempre adottato il “metodo” standard: un piede di porco e due cacciaviti formato maxi: in cinque, sei minuti sei dentro. Naturalmente non in tutti i casi è così, alcune blindature reggono. Per entrare dalle finestre occorre ancor meno. Ho sempre agito fino al terzo piano, arrampicandomi sulle grondaie, ma sapevo di ragazzini giovanissimi che facevano acrobazie da gatto, impressionanti».

Una volta entrati, però, ci vuole calma, freddezza: «Il consiglio che posso dare per non farsi derubare? Abolire la camera da letto e tutti i mobili che contiene dalla lista dei nascondigli: è la prima stanza che viene passata al setaccio». Ma non si è mai sentito in colpa? «In realtà no, ma perché ho un “codice”: non sono mai andato a rubare a poveri, non ho mai alzato le mani su donne, bambini o vecchiette. Puntavo solo a gente coi soldi, liberi professionisti in primis. Per vedere i veri criminali dovreste aprire un capitolo sui ricettatori, i compro-oro capofila, che sono tutti italiani e non di rado ti danno pure le dritte su dove colpire».

Da una cosa sola l’ex ladro è sempre tenuto distante: la violenza. Nè rapine nè omicidi. Mai. «A volte insieme ai guanti mi portavo le fascette per legare i polsi, ma ho sempre sperato (e sono stato esaudito) di non incontrare i padroni di casa. Preferivo rubare contanti, ma anche i gioielli fruttano bene».

E’ vera la leggenda che gli zingari non rubano l’argento? «Forse i vecchi, io prendevo tutto quel che trovavo. Provavo a entrare nella testa del proprietario e a ragionare come lui. Una volta fatta incetta di gioielli o bigiotteria, scappavo e solo in un secondo tempo “scremavo” la refurtiva». Perché ha smesso? «Semplice, ormai mi conoscevano nel giro delle forze dell’ordine e mi sentivo braccato. Ho una famiglia a cui provvedere, oggi vivo in appartamento». Se qualcuno ti venisse a rubare in casa? «Ma chi? Solo un pazzo». Sorride e se ne va.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    28 Giugno @ 22.22

    Diabolik

    Rispondi

  • paolo

    28 Giugno @ 19.32

    Un brutto articolo ho letto sulla sulla gazzetta...il ladro passa per un uomo dalla vita avventurosa ...." Bei tempi andati..." Passa anche per gentiluomo perche pur avendo con se lacci di nylon per legare il proprietario non li hai mai usati....insomma un articolo che fa quasi venir voglia di fare il ladro....secondo me un brutto articolo male impostato dalla giornalista/redazione che non ci insegna nulla.

    Rispondi

    • 29 Giugno @ 07.17

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - L'unica cosa che l'articolo vuole insegnare è colme difendersi dai ladri: e visti i tempi che corrono ci pare ce ne sia bisogno ! Quanto al resto, è ben specificatac da subito la reciproca diffidenza fra intervistato e intervistatrice: quindi basta leggere veramente, e non con quel pregiudizio che vediamo in tanti commenti, che magari spesso vogliono proprio insegnarci...l'obiettività (meglio, ovviamente, se dietro la protezione di un nickname anonimo.....)

      Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Giugno @ 10.57

    SIAMO SICURI , eh , che è "pentito" ? Perchè , se no...........

    Rispondi

    • Andrea

      28 Giugno @ 12.05

      di che ti preoccupi non esistono fantasmi, dovrebbe esistere i ladri? dormi tranquillo!

      Rispondi

      • Vercingetorige

        28 Giugno @ 18.17

        COME HO DETTO ALL' APRIPORTA , che mi proponeva di cambiarmi la serratura per 800 euro ( solo per la serratura ) : "Guardi , lasciamo stare , perchè , se il ladro entra qui , 800 euro non li trova ! Vorrei vedere come fa il ladro , al buio e di nascosto , a trovare soldi dove non li trovo io , di giorno e con tutta calma" ! I ladri esistono , i fantasmi no !

        Rispondi

        • Goldwords

          28 Giugno @ 18.53

          Io ne ho trovato uno in casa mia, di ladri, ci siamo messi assieme a cercarli, i soldi dico!!

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti