11°

17°

Topi d'appartamento

Il ladro: «Contro i furti fate così»

Il ladro: «Contro i furti fate così»
Ricevi gratis le news
8

Chi meglio di un ladro, «professionista» riconosciuto (anche se pentito), con una condanna e diversi anni di carcere alle spalle, può dare consigli per evitare di farvi svaligiare casa? Eccoli.

Chiara Pozzati

Dopo anni gli è rimasto l’«occhio clinico». Quel «radar per i soldi», come lo definisce, che si attiva con uno sguardo. «Adocchiavo le mie vittime un po’ ovunque: al bar, al supermercato, per strada. E mi mettevo a seguirle per vedere dove abitavano. Oggi non capita più, ma ancora riconosco chi può contare su un solido stipendio e dunque su una bella casa».

Kevin (il nome è di fantasia, ma il resto no) è una di quelle persone che ti auguri di non incontrare mai sulla tua strada, o almeno anni fa quando era nel pieno dell’attività. Quasi 30 anni, nomade («ma nato in Italia»), padre di almeno quattro pargoli scalmanati, professione: ladro d’appartamento.

Come difendersi dai professionisti dello scasso? «Gioielli in cassette di sicurezza, mai troppi contanti in casa, sbarre a porte e finestre e allarmi collegati direttamente con le centrali di polizia e carabinieri. Non ci sono molte altre soluzioni ».

Che il mestiere del bandito («con un codice però», assicura) lo avesse nel dna, è lui stesso a dirlo: «Ho imparato a rubare fin da bambino, per alcuni di noi è praticamente un lavoro». E allora, come «esperto in materia», svela cosa passa nella mente dei soliti ignoti, gli intrusi che non si fanno scrupoli a violare il posto che dovrebbe essere più sicuro al mondo. Ma soprattutto come difendersi da chi svaligia le case altrui per professione.

A guardarlo sembra un ragazzotto come tanti: tono pacato, lieve accento bergamasco e un sorriso furbetto. Il suo curriculum è zeppo di colpi in appartamenti, villette, aziende, locali, nel 2009 però è stato incastrato dalla polizia, ha scontato anni in cella, poi ai domiciliari, quindi con l’obbligo di firma in Questura. «Oggi, però, sono un uomo libero - giura - ho pagato il debito con la giustizia e ho cambiato da tempo attività».

L’incontro è stato (quasi) casuale di fronte a un caffè. Non si fida molto dei giornalisti, ma del resto il sentimento è reciproco. I patti sono chiari: niente nomi, solo i racconti dei bei tempi andati. E il viale dei ricordi è assai lungo.

«Una volta ho trovato 80mila euro in contanti sotto il divano di un soggiorno, in un’altra casa dei cinesi conservavano mazzette da 500 euro nascoste nelle pentole. I bottini più sostanziosi, però, sono nelle aziende. Ovviamente il periodo migliore è sempre l’estate, quando non si respira, le finestre sono aperte e in una notte puoi ripulire anche tre o quattro appartamenti».

I vacanzieri sono avvertiti. Ma come scelgono le prede? «Semplice, le vedi al bar, al supermercato o per strada vestite bene, con i gioielli giusti e il Rolex al polso. Quindi scatta il pedinamento. Credimi, nessuno se n’è mai accorto. Prendi la macchina e li segui fino a casa, se vedi che non rientrano subito temporeggi, così dai un’occhiata anche al quartiere».

Primo comandamento del ladrone: «Mai attirare l’attenzione. Solo in due occasioni mi è stato chiesto che ci facevo in una strada da alcuni vicini di casa. Le risposte sono standard: “Aspetto un amico, un parente, mi sono perso, stavo cercando uno studio dentistico”. Ho sempre preferito le villette, rispetto alle palazzine: isolate con più finestre e balconi a un’altezza accettabile. In un condominio è molto difficile non farsi “sgamare” dai dirimpettai».

Secondo comandamento: acquisire le abitudini delle vittime. «Per un po’ ti apposti sotto casa per capire gli orari e soprattutto chi la abita davvero. Bastano cinque giorni, massimo una settimana, poi entri in azione. Sai dove abitano, dove lavorano, chi frequentano, le abitudini e le tempistiche».

Le tecniche di effrazione, poi, sono un mondo su cui Kevin taglia corto: «Io ho sempre adottato il “metodo” standard: un piede di porco e due cacciaviti formato maxi: in cinque, sei minuti sei dentro. Naturalmente non in tutti i casi è così, alcune blindature reggono. Per entrare dalle finestre occorre ancor meno. Ho sempre agito fino al terzo piano, arrampicandomi sulle grondaie, ma sapevo di ragazzini giovanissimi che facevano acrobazie da gatto, impressionanti».

Una volta entrati, però, ci vuole calma, freddezza: «Il consiglio che posso dare per non farsi derubare? Abolire la camera da letto e tutti i mobili che contiene dalla lista dei nascondigli: è la prima stanza che viene passata al setaccio». Ma non si è mai sentito in colpa? «In realtà no, ma perché ho un “codice”: non sono mai andato a rubare a poveri, non ho mai alzato le mani su donne, bambini o vecchiette. Puntavo solo a gente coi soldi, liberi professionisti in primis. Per vedere i veri criminali dovreste aprire un capitolo sui ricettatori, i compro-oro capofila, che sono tutti italiani e non di rado ti danno pure le dritte su dove colpire».

Da una cosa sola l’ex ladro è sempre tenuto distante: la violenza. Nè rapine nè omicidi. Mai. «A volte insieme ai guanti mi portavo le fascette per legare i polsi, ma ho sempre sperato (e sono stato esaudito) di non incontrare i padroni di casa. Preferivo rubare contanti, ma anche i gioielli fruttano bene».

E’ vera la leggenda che gli zingari non rubano l’argento? «Forse i vecchi, io prendevo tutto quel che trovavo. Provavo a entrare nella testa del proprietario e a ragionare come lui. Una volta fatta incetta di gioielli o bigiotteria, scappavo e solo in un secondo tempo “scremavo” la refurtiva». Perché ha smesso? «Semplice, ormai mi conoscevano nel giro delle forze dell’ordine e mi sentivo braccato. Ho una famiglia a cui provvedere, oggi vivo in appartamento». Se qualcuno ti venisse a rubare in casa? «Ma chi? Solo un pazzo». Sorride e se ne va.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    28 Giugno @ 22.22

    Diabolik

    Rispondi

  • paolo

    28 Giugno @ 19.32

    Un brutto articolo ho letto sulla sulla gazzetta...il ladro passa per un uomo dalla vita avventurosa ...." Bei tempi andati..." Passa anche per gentiluomo perche pur avendo con se lacci di nylon per legare il proprietario non li hai mai usati....insomma un articolo che fa quasi venir voglia di fare il ladro....secondo me un brutto articolo male impostato dalla giornalista/redazione che non ci insegna nulla.

    Rispondi

    • 29 Giugno @ 07.17

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - L'unica cosa che l'articolo vuole insegnare è colme difendersi dai ladri: e visti i tempi che corrono ci pare ce ne sia bisogno ! Quanto al resto, è ben specificatac da subito la reciproca diffidenza fra intervistato e intervistatrice: quindi basta leggere veramente, e non con quel pregiudizio che vediamo in tanti commenti, che magari spesso vogliono proprio insegnarci...l'obiettività (meglio, ovviamente, se dietro la protezione di un nickname anonimo.....)

      Rispondi

  • Vercingetorige

    28 Giugno @ 10.57

    SIAMO SICURI , eh , che è "pentito" ? Perchè , se no...........

    Rispondi

    • Andrea

      28 Giugno @ 12.05

      di che ti preoccupi non esistono fantasmi, dovrebbe esistere i ladri? dormi tranquillo!

      Rispondi

      • Vercingetorige

        28 Giugno @ 18.17

        COME HO DETTO ALL' APRIPORTA , che mi proponeva di cambiarmi la serratura per 800 euro ( solo per la serratura ) : "Guardi , lasciamo stare , perchè , se il ladro entra qui , 800 euro non li trova ! Vorrei vedere come fa il ladro , al buio e di nascosto , a trovare soldi dove non li trovo io , di giorno e con tutta calma" ! I ladri esistono , i fantasmi no !

        Rispondi

        • Goldwords

          28 Giugno @ 18.53

          Io ne ho trovato uno in casa mia, di ladri, ci siamo messi assieme a cercarli, i soldi dico!!

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va