-3°

la novità

Scolari malati, certificati medici addio

Scolari malati, certificati medici addio
4

Rientro a scuola dopo una malattia: cambiano le regole. Il certificato medico non sarà più necessario. Tutte le novità e i pareri di docenti, medici e genitori.

Patrizia Celi

Tra le novità del nuovo anno scolastico i parmigiani troveranno a settembre anche l’abolizione del certificato medico per la riammissione scolastica in caso di assenza superiore ai 5 giorni. Un provvedimento assunto recentemente dalla Regione Emilia Romagna con la Legge Comunitaria per il 2015. «La norma di semplificazione voluta e approvata dalla Regione solleva pediatri e medici di assistenza primaria da un pesante quanto inutile adempimento burocratico e toglie un obbligo alle famiglie, tuttora imposto nonostante non sia più previsto dal Testo unico delle leggi sulla Pubblica istruzione 297/1994» spiega il consigliere regionale del Pd Massimo Iotti.

L’argomento è delicato perché la nuova norma di fatto trasferisce ai genitori la responsabilità del rientro a scuola dopo un periodo di malattia (anche infettiva). Così, ancor prima che arrivino le disposizioni attuative, la legge inizia a fare discutere genitori e insegnanti.

Favorevoli alla nuova norma regionale sono i pediatri di base, che lamentano il proliferare di certificati il più delle volte inutili e confidano nel senso di responsabilità di mamma e papà. «Capita spesso che, dinanzi a forme lievi di gastroenterite o febbre leggera, la famiglia non ci contatti neppure. Poi passa in ambulatorio per avere il certificato di riammissione e noi dobbiamo redigerlo basandoci sul racconto dei genitori, non avendo seguito il caso. Così il nostro intervento diventa una pura formalità» spiega Emanuele Voccia, pediatra di libera scelta e responsabile provinciale di Cipe (Confederazione italiana pediatri).

Di diverso avviso molti insegnanti e gran parte dei genitori intervistati, che non vedono di buon occhio questo onere, a loro dire potenzialmente pericoloso per la salute degli studenti. «Lasciare a mamma e papà la responsabilità di stabilire se il bambino è guarito non è corretto - dice Chiara, madre dell’adolescente Luca e della piccola Maria, che frequenta la scuola primaria -. Il genitore non ha conoscenze adeguate ed è coinvolto emotivamente. C’è il rischio di sbagliare e recare danno non solo al proprio figlio, ma anche agli altri bambini della classe».

I pediatri però ricordano che i loro ambulatori sono sempre aperti e che, nel dubbio, il genitore può richiedere una visita per il proprio figlio, prima di riportarlo a scuola. «Siamo disponibili, come sempre, per situazioni di reale urgenza o richieste della famiglia - spiega Paolo Bocchia, pediatra e consigliere della Fimp (Federazione italiana medici pediatri) -. Con questa norma il nostro lavoro scrupoloso potrà così essere concentrato sui casi che effettivamente necessitano di valutazione». «Di fatto ci sono altre forme di vita in comunità, come ad esempio il catechismo e l’attività sportiva, nelle quali il rientro da malattia è già deciso solo dai genitori. Per non parlare poi dei bambini e ragazzi non vaccinati, che vanno a scuola senza problemi, pur essendo un potenziale veicolo di epidemie - aggiunge Voccia -. Quello che serve è un patto sociale con oneri per tutti, basato sul senso di responsabilità».

Tra l’esigenza istituzionale di ridurre la burocrazia e il timore delle famiglie di una minore tutela della salute degli studenti, per ora il dipartimento di Salute pubblica dell’Ausl di Parma non commenta, in quanto la legge è stata deliberata, ma le disposizioni attuative non sono ancora giunte alle Aziende sanitarie. L’Emilia Romagna non è la prima regione a legiferare in tal senso: la Lombardia fu la prima nel 2003; da segnalare la recente sentenza favorevole alla Liguria del Consiglio di Stato (marzo 2014), a seguito del ricorso presentato dai genitori al Tar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    27 Luglio @ 19.05

    LE MALATTIE CONTAGIOSE DEVONO ESSERE DENUNCIATE , dal Medico che fa la diagnosi , all' Ufficio di Igiene Pubblica dell' AUSL La denuncia all' Ufficio di Igiene Pubblica dell' AUSL non è un "certificato per la scuola" . Poi, se volete discutere su quanti Medici facciano la denuncia , e quanti non la facciano , è un altro discorso.......Il "certificato per la scuola" serviva a giustificare l' assenza , non aveva finalità epidemiologiche.

    Rispondi

  • RuizM.

    26 Luglio @ 10.56

    Finalmente. ...

    Rispondi

    • Biffo

      26 Luglio @ 19.09

      Bravo, così chi, prof o alunno, si fosse ammalato di qualche morbo che contagia, quando il bravo bimbo rientra, se lo becca tutta la classe, compresa la tua prole... finalmente. Una mia collega insegnante, che, per fare l'eroina di turno, era venuta a scuola con febbrone da influenza, e se ne vantava poule, era stata redarguita, giustamente, dal preside, e invitata a tornarsene immediatamente a casa.

      Rispondi

  • Biffo

    26 Luglio @ 10.55

    Così, nel vaso di malattie epidemiche, si ammalerà tutta la scuola, compresi prof, presidi e bidelli.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Libri e dischi, non si sbaglia mai: la cultura è sotto l’albero

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

Lealtrenotizie

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

allarme

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

1commento

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

5commenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

5commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Comune

Bilancio: tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift