13°

31°

Progetto

Cassa sul Baganza, primo passo

Cassa sul Baganza, primo passo
12

Via libera al progetto preliminare della cassa di espansione del torrente Baganza, l'opera che dovrà mettere definitivamente in sicurezza la città e Colorno. Scopri tutti i particolari della struttura.

Il primo passo verso la sicurezza idraulica della città è stato compiuto: il progetto preliminare della cassa di espansione del torrente Baganza è pronto. A predisporlo è stata Aipo, l'Agenzia interregionale per il fiume Po (ex Magistrato del Po), in collaborazione con lo Studio Maione e l'Università di Parma. L'elaborato è stato depositato nei giorni scorsi in Regione. Ma dentro la buona notizia ce n'è anche una meno buona, che di sicuro non tranquillizza gli abitanti delle zone a rischio esondazione: se tutto filerà liscio, infatti, l'opera non sarà ultimata prima di sei anni e mezzo, vale a dire tra la fine del 2022 e l'inizio del 2023.

A certificarlo è il cronoprogramma allegato al progetto preliminare, che descrive nel dettaglio la durata di ogni singolo passaggio necessario per arrivare a realizzare l'infrastruttura. E se è vero che altri interventi minori di messa in sicurezza sono in programma lungo il tratto urbano del torrente, è vero anche che l'idea di stare ancora quasi sette anni senza la principale opera in grado di evitare altri disastri come quello dell'ottobre scorso non è certo rassicurante per chi vive nei quartieri maggiormente esposti. D'altra parte, si tratta di tempistiche tecniche e burocratiche inevitabili per un'opera di queste dimensioni e di questa complessità.

Un primo punto fermo, comunque, è stato messo con il progetto preliminare appena depositato, che delinea un'opera strutturalmente più ampia e con una capacità di contenimento delle acque maggiore rispetto a quanto previsto dal progetto preliminare del 2005. Secondo quanto riportato nel documento, infatti, «l'approfondimento dell'analisi idrologica e idraulica ha evidenziato la necessità di un obiettivo di sicurezza “allargato” da Parma a Colorno, introducendo parametri progettuali molto più severi per la cassa di espansione». Insomma, alla priorità di mettere in sicurezza la città, è stata aggiunta quella di mettere altrettanto in sicurezza Colorno.

In particolare, è stata prevista una riduzione del 40% della portata in uscita a valle della cassa. Infatti, se il primo progetto prevedeva una portata in uscita di 500 metri cubi al secondo, l'attuale progetto ne contempla 300: ovviamente, meno acqua esce dall'invaso, minore è il rischio di esondazione in città e a Colorno in caso di piene del torrente. L'altra principale novità riguarda la previsione di un bacino molto più grande rispetto a quanto progettato dieci anni fa: dai 3,4 milioni di metri cubi si passa infatti a 4,7 milioni, con un incremento quindi del 38%.

L'opera sarà realizzata nel tratto di torrente compreso fra Sala Baganza e l'abitato di San Ruffino, fra i comuni di Parma, Collecchio, Sala Baganza e Felino: la zona è pressoché la stessa del precedente progetto, individuata come la più idonea per le sue caratteristiche morfologiche, in quanto. come si legge nella sintesi progettuale, in quel punto «le pendenze del fondo si addolciscono rispetto al tratto di monte, permettendo di invasare volumi significativi con tiranti (cioè livelli dell’acqua, ndr) non troppo elevati e conseguentemente ridurre l'altezza delle arginature».

Il costo complessivo dell'opera è quantificato in 55 milioni di euro, di cui 37 milioni per lavori, 8,7 di Iva, quasi 5 milioni per acquisizione di aree da espropriare, 2 milioni per collaudi e il resto per spese minori. L'invaso e tutti i manufatti occuperanno una superficie di oltre 83 ettari (vale a dire più o meno l'equivalente di 120 campi da calcio), di cui quasi 53 ettari su aree private (che dovranno quindi essere espropriate) e circa 30 ettari su aree demaniali.

Tornando al cronoprogramma dell'opera, il prossimo passaggio sarà la progettazione definitiva, che dovrà essere terminata entro sei mesi. Dopodiché sarà la volta dell'acquisizione dei vari pareri (fra cui la Via, ovvero Valutazione di impatto ambientale), cosa che richiederà nove mesi. Altri nove saranno necessari per l'affidamento dei lavori e la progettazione esecutiva. A questo punto, se non ci saranno stati intoppi, saremo indicativamente a metà del 2017, quando dovrebbero partire il cantiere vero e proprio, che richiederà non meno di quattro anni di lavori. Finiti i quali saranno necessari ulteriori sei mesi per il collaudo dell'opera. Se le tempistiche saranno state tutte rispettate, potremo vedere l’opera in funzione a fine 2022 o a inizio 2023. Nella speranza che fino ad allora non si siano verificati altri eventi disastrosi come quello dell'ottobre scorso. r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fede

    29 Luglio @ 23.44

    Solo pulire i letti dei torrenti!!!!!! Non si capisce il motivo della voglia spasmodica di riempire di calcestruzzo i greti dei torrenti!!!!! SCANDALOSO!!!!

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    27 Luglio @ 14.22

    la rivolta di atlante

    BEN 9 MESI DI ATTESA , SOLO PER LE CARTE E I PERMESSI VARI ............... QUESTA NAZIONE FRANERA' SOTTO LE SUE INUTILI CARTE E FOTOCOPIE CHE SERVONO SOLO A NUTRIRE LO STIPENDIFICIO STATALE .... POI 6 ANNI PER GETTARE UN BEL PO' DI CEMENTO , LA COSA PIU' FACILE IN ARCHITETTURA ..... SI TRATTA SOLO DI COSTRUIRE UN MEGA-LAVANDINO .... COSTRUIVANO PIU' VELOCEMENTE SIA GLI EGIZI CHE I ROMANI E FORSE ANCHE I VISIGOTI ..... IL VERO SCANDALO E' LA LENTEZZA DI REAZIONE DELLE AUTORITA' AD UNA EMERGENZA VERA .... E IL MENEFREGHISMO DILAGANTE .... E' ORA DI BUTTARE QUALCUNO DALLA TORRE DI COMANDO O FINIREMO NEL CAOS O NELLA DITTATURA POPOLARE PIU' BUIA.

    Rispondi

  • Rodolfo

    27 Luglio @ 13.51

    Aggiungo che fra sei anni il baganza sarà esondato almeno altre due volte

    Rispondi

  • Rodolfo

    27 Luglio @ 11.04

    Non voglio dire che le casse siano inutili, dico che tenere pulito il greto di un corso d acqua è fondamentale per evitare esondazioni. Certo una costruzione importante fa gola a chi la metterà in opera, è come costruire una gigantesca a costosa tettoia su un tetto che fa acqua.

    Rispondi

  • Umberto

    27 Luglio @ 09.16

    Parlamentari e parlamentaresse, consiglieri regionali, e consiglieresse, Sindaci e Sindachesse non contano nulla se sono del Pd. Renzi non li ha neanche in nota, il burosauro Bonaccini, non se li fila proprio. Se Renzi governa il Pd lo fa grazie al sistema feudale che ha ereditato: vassalli (i parlamentari), valvassori (i consiglieri regionali) e infine al livello più basso i valvassini (i sindaci). Lotte intestine, scontri e camarille, alleanze e tradimenti in una Regione in cui nessun Comune più può essere considerato predestinato a una guida pidina. In questa situazione i più forti si accordano e lasciano ai più deboli, come Parma gli stracci. Parma, perso definitivamente l'aeroporto che tanto fastidio dava a Bologna, perso il primato sulla sanità che la faceva seconda solo a Bologna, perso ogni prestigio e ogni regionale riconoscimento, deve affrontare in condizioni disastrose problemi enormi come la sicurezza idraulica. E allora? La città rimarrà a rischio inondazione altri sette anni almeno. Grazie Regione, grazie Pd. Una vera vergogna. I sindachini e le sindachine balbettano che forse un progettino della Provincia in qualche cassetto sarebbe meglio. Ma chi l'ha tenuto in quel cassetto, se pure fosse un progetto valido e lo tira fuori a scarico coscienza solo oggi? Il Pd parmigiano è ridotto a brandelli, proprio come ha ridotto a brandelli il nostro territorio. Troppo impegnati a cercare di montare sul l'autobus per Montecitorio o Palazzo Madama hanno svenduto tutto alla prepotenza di Modena, Bologna e Reggio Emilia. Vorremmo suggerire un'idea veramente luminosa e gratis, oltretutto. Serve una mano da parte di qualcuno espresso dal nostro territorio che sia più autorevole dei nostri parlamentarini. Perché allora i nostri prodi cavalieri della tavola quadrata del pd in forma Reggiana non saltano la gerarchia di partito e vanno direttamente a colei che ci ama e ci protegge? Onorevole Romani, si proprio lei in particolare, vada dalla Kyenge, modenese d'adozione, ma che tanto ha fatto sul piano personale per lei. La faccia venire a Parma, tipo via Navetta o via Montanara. A Calestano o Berceto, assediati dalle frane. Siamo sicuri che con Renzi, a far cambiare idea a Bonaccini e coop cantando ci penserà lei.

    Rispondi

    • lorenz

      27 Luglio @ 15.28

      lorenzg64@yahoo.it

      mah...posso dire che diffilcimente ho letto commenti più vaghi, qualunquisti e pieni di inesattezze come questo. Un esempio...dove ha letto che l'aeroporto è perso definitivamente? Ma secondo lei la politica e l'economia sono una gara regionale tra città come giochi senza frontiere? E la Kyenge..la Kyenge...mah

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

Incidente anche a Casaltone: auto ribaltata, ferita una donna

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover