11°

Barricate

Epopea parmigiana

Epopea parmigiana
Ricevi gratis le news
1

Una rigorosa ricostruzione delle leggendarie giornate dell'agosto del 1922. Quando l'amore per la libertà spinse i nostri concittadini a insorgere contro i fascisti di Balbo. Ecco cosa avvenne davanti e dietro le barricate.

CHRISTIAN STOCCHI

Parma è sempre vivo il mito delle Barricate del 1922. Il contesto storico è quello di un periodo di notevoli tensioni sociali, quando, dopo lo sciopero nazionale proclamato per il primo agosto dall’Alleanza del Lavoro a tutela delle «libertà politiche e sindacali» («contro le violenze fasciste» e «l’indifferenza dello Stato verso di esse»), esplose la violenza squadrista. Per quanto lo sciopero fosse stato sospeso il 3 agosto, la repressione continuò senza sosta e senza concessioni, al punto quasi ovunque fu imposto a forza l’ordine, mentre «in due soli casi le forze popolari riuscirono a respingere l’aggressione delle squadre fasciste: a Parma e a Bari, realtà nelle quali era consistente la presenza anarchica e sindacalista rivoluzionaria, e, grazie a ciò, gli Arditi del popolo mantennero intatta la loro forza, quando non l’ebbero addirittura accresciuta».

Così sintetizza la situazione di quella delicata fase storica (e in particolare di quei giorni) Andrea Staid, docente di Antropologia culturale al «Naba» di Milano, in un libro su un tema forse poco scandagliato dalla ricerca accademica: quello degli Arditi del popolo. E, in queste pagine, trovano ampio spazio sia le vicende di Parma (già in copertina compare l’immagine della Barricata di via Bixio, datata agosto 1922) sia i protagonisti delle barricate. «Gli Arditi del Popolo», saggio pubblicato da Milieu Edizioni (11,90 euro; 130 pp.), è frutto di un’attenta opera di ricerca, che contestualizza e approfondisce, come spiega già il sottotitolo, «la prima lotta armata al fascismo» del 1921 e 1922. Del resto, «l’antifascismo, – premette l’autore – inteso sia come teorizzazione politica che come risposta militare, nasce quasi contemporaneamente alla comparsa dello squadrismo, ma le prime forme di resistenza […] sono senza dubbio meno note di quelle legate alle esperienze della Guerra civile spagnola e della Resistenza».

Già, ma chi furono e che cosa rappresentarono gli Arditi del popolo? Un’organizzazione antifascista sorta, su iniziativa di Argo Secondari, nel 1921 da una scissione dagli Arditi d’Italia, gruppo combattentistico di reduci della Grande Guerra e dell’impresa di Fiume. I membri erano per lo più attivisti comunisti, anarchici, socialisti, sindacalisti rivoluzionari. Il loro scopo? Opporsi alla violenza squadrista.

Dopo avere analizzato lo sviluppo di questa organizzazione e la funzione della stampa anarchica e comunista, Staid, che non dimentica nemmeno di illustrare i simboli dell’arditismo, si concentra per gran parte dell’opera sui fatti di Parma, in cui spicca naturalmente la figura di Guido Picelli, lasciando quindi ampio spazio alla documentazione fotografica. La mobilitazione popolare fu davvero eccezionale e, dopo cinque giorni di intensi combattimenti, risultò vincente sui circa 10mila uomini reclutati (molti anche da fuori Parma) dai fascisti. Nota l’autore che «Parma era, come dice Italo Balbo nel suo diario: “Rimasta quasi impermeabile al fascismo”. E inoltre, dal luglio 1921, operava contro le aggressioni delle squadre nere l’organizzazione armata degli Arditi del popolo, costituita dal deputato socialista Guido Picelli, che reclutava giovani lavoratori soprattutto tra le fila del socialismo radicale e dell’anarchismo».

Caddero tuttavia dietro le barricate allestite dai movimenti popolari Ulisse Corazza, Gino Gazzola, Carluccio Mora, Giuseppe Mussini, Mario Tomba.

La mobilitazione ebbe una grande capacità di coinvolgimento, in quanto «accanto ai trecento Arditi del popolo ci fu la quasi totalità della popolazione», compresi i ragazzi e le donne.Lo stesso Balbo sembrò, come chiaramente si evince dai suoi diari, guardare ammirato all’organizzazione, alla disciplina e al coraggio delle forze popolari, in particolare degli abitanti dell’Oltretorrente.

Il saggio, arricchito anche da un’utile bibliografia, presenta quindi la trascrizione delle diciotto testimonianze raccolte in occasione del sessantesimo anniversario delle barricate, nell’ambito di un progetto promosso da Ancr e Istituto Storico della Resistenza; queste parole restituiscono appieno l’emozione e la straordinarietà di quelle giornate, anche a distanza di tanto tempo (gli anziani testimoni sono stati inoltre filmati nel documentario «Le barricate di Parma», realizzato nel 1983 a cura di Anna Paola Olivetti e Paola Zanetti).

«Come si son fatte le barricate? – ricorda, non senza intensa partecipazione, Virginio Barbieri, che all’epoca aveva soltanto 15 anni - Si son fatte togliendo tutti i ciottoli dalle strade, va bene, facendo le buche e i marciapiedi sulle strade, i marciapiedi di marmo, il marmo ai marciapiedi messo davanti al riparo delle barricate».

«Picelli era il capo, il condottiero, - tiene a sottolineare invece Giuseppe Azzi – e personalmente, senza direttive di nessun partito, Picelli […] ha creato questi Arditi del popolo e li ha fatti funzionare».

Anche in queste pagine, insomma, stanno scritti in modo indelebile l’amore viscerale di Parma per la libertà e, in particolare, l’orgoglio di un quartiere unico come l’Oltretorrente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luca

    03 Agosto @ 12.18

    letto di tutto e di più sulle barricate a Parma quello che emerge è che Balbo ordinando il ritiro delle 10.000 camice nere evitò un ulteriore spargimento di sangue consapevole che ormai i "rossi" erano stati sconfitti in tutta Italia. Dopo pochi anni (1925) Mussolini venne a Parma in occasione della posa della prima pietra al monumento a Corridoni in oltretorrente acclamato da migliaia di "popolani".... questi i fatti.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Sei un esperto di... tutto! Rispondi ai nostri 10 quiz

GAZZAFUN

Pronto ad un nuovo ripasso di cultura generale? Provaci subito

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi: foto

PARMA

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi Foto

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

tg parma

Fango, acqua, lavoro e tanta amarezza: parlano gli sfollati di Colorno Video

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ENZA

Si lavora per il ripristino delle sponde di Enza e Parma Video

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

1commento

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

6commenti

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

La Commissione Ue contro Ryanair: "Lo sciopero è un diritto fondamentale"

BOLOGNA

Peculato: condannato l'ex capogruppo Pd in Regione Marco Monari

SPORT

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

RUGBY

Carlo Orlandi (Zebre): "Cerchiamo di migliorare il possesso palla" Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

CONSIGLI

Nozze rovinate: la sposa è allergica alla torta

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS