12°

San Pancrazio

«Rischio il carcere per un gioco bimbi»

Leggi l'articolo integrale

«Rischio il carcere per un gioco bimbi»
Ricevi gratis le news
27

Un ristoratore di San Pancrazio denuncia: «Tartassato dai vigili urbani per un gioco bimbi». E adesso rischia il carcere.

Francesco Bandini

Roberto Delendati ti fa salire al piano di sopra, apre una porta chiusa con un lucchetto, mostra un fagottone di plastica ripiegato su se stesso e incerottato da nastri adesivi con tanto di sigilli della polizia municipale, poi dice sconsolato e ancora incredulo: «Ecco qui il corpo del reato. Sì, è proprio un corpo del reato, neanche fosse una pistola». Il locale è «Il Viandante», un ristorante-pizzeria aperto da poco più di tre mesi in via Emilia Ovest a San Pancrazio, dove una volta c'era un mobilificio. Si sente un perseguitato dai vigili urbani, che pochi giorni fa hanno appioppato alla sua convivente – titolare della pizzeria – una raffica di sanzioni amministrative per qualche migliaio di euro e le hanno perfino contestato un reato del codice penale che prevede fino a 6 mesi di arresto. E tutto per cosa? Per quel fagottone che altro non è – o, meglio, era – che un gioco gonfiabile per bambini, un cosiddetto «saltarello», posizionato al piano di sopra in un ambiente destinato specificamente a spazio ludico.

Secondo i vigili, piombati in tre nel locale qualche giorno fa alle dieci di sera quando ancora diversi tavoli erano occupati da clienti, quell'innocuo gioco («regolarmente collaudato e assicurato», conferma Delendati) avrebbe necessitato di una specifica autorizzazione comunale, quella prevista dal vecchio Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza del 1931 per chi, «per mestiere», svolge attività di «pubblici trattenimenti». In più, oltre al gioco gonfiabile, nella pizzeria ci sono anche due materassini chiusi per far saltare i bambini: «Nemmeno i vigili sapevano se per quelli fosse necessaria l'autorizzazione, comunque per scrupolo mi hanno consigliato di renderli inutilizzabili». E così ha chiuso anche quelli con dei lucchetti.

Per quanto riguarda le varie violazioni contestate, Delendati cade dalle nuvole: «Prima di venire qui, avevo una pizzeria a Collecchio dove tenevo gli stessi giochi: mi hanno fatto molti controlli, i vigili urbani del paese venivano spesso a cena e tante volte portavano anche i loro figli a giocare, ma nessuno mi ha mai contestato la mancanza di autorizzazioni». E così quegli stessi giochi se li è portati nel nuovo locale a San Pancrazio, dove però ha avuto l'amara sorpresa. «In questi tre mesi, da quando siamo aperti, abbiamo avuto otto controlli, fra Comune e Ispettorato del lavoro, ed è sempre risultato tutto in regola». Finché non sono arrivati i vigili, qualche sera fa. Sono andati a colpo sicuro: «Ci faccia vedere i giochi che ha al piano di sopra», gli hanno intimato. E così è scattato il primo verbale, in cui contestano l'assenza di autorizzazione per il famigerato «saltarello»: la multa la stabilirà il sindaco, ma sarà compresa fra 258 a 1.549 euro. Intanto però c'è stato il sequestro dell'oggetto (preceduto da telefonata al pubblico ministero alle 11 di sera per la relativa autorizzazione) e la denuncia per la violazione dell'articolo 681 del codice penale, quello che sanziona l'«apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento». E poi, già che c'erano, gli hanno elevato altre tre multe: 400 euro per mancanza del cartello di divieto di fumo, 400 euro per mancata esposizione dell'etilometro e delle relative tabelle, 400 euro per la mancanza di autorizzazione comunale all'installazione delle tv.

«Un accanimento», lo definisce Delendati. Che però, a proposito del reato, mette in chiaro: «Siamo convinti di non aver commesso alcun reato. Qui il nostro lavoro non è far giocare i bambini, ma far da mangiare. Poi però, siccome vogliamo essere un locale per famiglie, offriamo un servizio aggiuntivo a chi ha figli piccoli, per cui mettiamo a disposizione gratuitamente questi giochi, e sottolineo gratuitamente. A Collecchio nessuno mi ha mai chiesto un'autorizzazione per questa cosa, qui sì. Sono d'accordo che si debba rispettare la legge, ma a quanto pare la legge non è uguale per tutti. È possibile che far giocare dei bambini possa essere un reato?». E osserva che, quanto a giochi bimbi, forse il Comune è più inadempiente di lui: «Ho fatto un giro con mia figlia di 5 anni in vari parchi cittadini e ho trovato i giochi in condizioni pietose, anche con situazioni di pericolo: ho scattato delle foto, poso documentare tutto. Sarebbe meglio che il Comune, invece che perseguitare i locali come il nostro, pensasse alle proprie mancanze».

Nota di colore a margine. Mentre gli agenti gli appioppavano tutte quelle multe, nel locale sono entrate alcune prostitute, di quelle che «esercitano» numerose e indisturbate tutte le sere lungo via Emilia Ovest: «Ho chiesto ai vigili se non potessero fare qualcosa per scongiurare questo fenomeno. Mi hanno detto che la prostituzione non è reato e che non possono farci niente. Se facessero più controlli invece che dire così, forse la situazione sarebbe diversa. E se la prostituzione non è reato, è forse un reato far giocare dei bambini?». E poi l'amaro sfogo: «Non lontano da qui, tempo fa, avevano sequestrato un centro massaggi, poi però l'hanno riaperto. Se va avanti così, ne apro uno anch'io: è più conveniente».

Cervellin: «In paese il problema è la prostituzione»

Comune e polizia municipale che si «accaniscono» su un pubblico esercizio per un semplice gioco bimbi. Ma, allo stesso tempo, vigili e forze dell'ordine latitanti nel contrasto alla prostituzione e al degrado che ne è il naturale corollario. È la situazione di San Pancrazio descritta da un residente un po' speciale: il direttore del pronto soccorso dell'ospedale Maggiore Gianfranco Cervellin, che da diversi anni vive nella frazione alle porte della città, neanche a farlo apposta proprio di fronte alla pizzeria «Il Viandante».

«Capisco il cavillo legale – commenta Cervellin –, ma punire un gioco bimbi, per di più gratuito, in una zona dove si dovrebbero fare ben altri interventi, trovo che sia veramente pazzesco». Il riferimento è alla presenza dilagante e in costante aumento di tante ragazze che si vendono per pochi euro a clienti che, appena cala il buio, affollano via Emilia Ovest per abbordare le giovanissime straniere e appartarsi con loro un po' ovunque. «Decine di prostitute di ogni nazionalità si infilano con i clienti in tutte le stradine e i parcheggi, dove poi lasciano quantità impressionanti di preservativi e fazzoletti sporchi. Una volta un mio vicino che la sera portava a spasso il cane è stato quasi investito da un cliente che, vedendolo avvicinarsi, è partito all'impazzata: il suo cane invece è stato centrato in pieno. È impensabile – aggiunge – che ci sia un apparato della giustizia che si muove per un gioco gonfiabile e non per un problema di salute pubblica, di sicurezza stradale e di decoro come quello della prostituzione». E conclude: «È più facile prendersela con chi fa giocare i bambini piuttosto che con il racket della prostituzione. Il buon senso mi sembra definitivamente defunto». f.ban.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nàno

    07 Agosto @ 15.53

    ......in compenso il Comune ha sostenuto la festa antiproibizionista......non possiamo meravigliarci di altro!!!!

    Rispondi

  • Medioman

    07 Agosto @ 00.37

    Sarei curioso di sapere se gli stessi vigili vanno mai a qualche "festa di partito".... ne vedrebbero delle belle!

    Rispondi

  • Beppe

    06 Agosto @ 20.04

    Anche il ....... ha dei giochi per i bambini. Sarei curioso di sapere se ha il permesso comunale, o se non sono mai stati controllati

    Rispondi

    • 06 Agosto @ 20.13

      Pubblico il commento, depurato del nome del locale, per spiegare ancora una volta ai lettori che qui c'è libertà di opinione, ma non possiamo rischiare (e far rischiare a voi) querele. Il suo commento equivale a quello di chi mi scrivesse: vorrei sapere se le attività del signor Giuseppe sono in regola, e se la Finanza le ha controllate. Quindi, dite pure la vostra su qualunque argomento, ma sempre nel rispetto delle leggi. Se invece avete elementi per accusare qualcuno di qualcosa, rivolgetevi agli enti preposti. Grazie

      Rispondi

  • burdlazz

    06 Agosto @ 19.38

    A me pare che il dott. Cervellin abbia perfettamente ragione. Il problema è che un vigile credo preferisca affrontare e magari accanirsi contro un innocuo barista piuttosto che fronteggiare un magnaccia sicuramente armato,

    Rispondi

  • Nàno

    06 Agosto @ 14.53

    Vergognatevi, con tutti i problemi VERAMENTE SERI che ci sono in giro.....molto facile fare cassa con chi puo' solo pagare.......meno male che ci siete voi a proteggere la nostra incolumita'!!!!!

    Rispondi

    • salamandra

      06 Agosto @ 15.35

      A ragionare su quali sono le cose "veramente serie" si finisce per combinare un bel nulla.

      Rispondi

      • Nàno

        06 Agosto @ 17.38

        .....ma non occorre, "ragionare" su quali siano i problemi veramente seri......Lei forse non ne e' al corrente????

        Rispondi

        • salamandra

          06 Agosto @ 21.43

          Mah non so... la fame nel mondo? la guerra? Intanto si metta lei a risolvere questi che qui possiamo pensare a cose realistiche...

          Rispondi

      • Gianluca

        06 Agosto @ 17.04

        L'articolo non è completo e raccoglie solo le considerazioni della parte punita, probabilmente il giornalista ha ascoltato solo le ragioni di una parte.

        Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Controlli congiunti della polizia municipale e ispettori Ausl: sequestrati alimenti in cattivo stato di conservazione in un esercizio commerciale

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

2commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

1commento

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

4commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

SOLIDARIETA'

La lotta di Isabella contro la Fop: via alla raccolta fondi

social

Rimosse le condoglianze per Riina: Facebook si scusa con la famiglia del boss

La salma del boss tumulata a Corleone (Guarda)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

POLIZIA

Donna uccisa in un parco a Milano

GENOVA

Omicidio a Sestri Levante: ucciso un artigiano

SPORT

IL COMPLEANNO

I settant'anni di Nevio Scala

1commento

INTERVISTA

Rugby, Giovanbattista Venditti: "Il Sud Africa punta su fisicità e aggressività" Video

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Vercelli

Maltrattamenti in un asilo, arrestate tre maestre Video

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery