18°

VIA SAVANI

Picchiato da un pusher durante la ronda

Picchiato da un pusher durante la ronda
24

Il racconto di Mohamed: un pusher gli ha rotto il naso durante la ronda:

«Ma io non mi arrendo»

Laura Frugoni

«Il rischio c'è sempre, lo sapevamo dall'inizio. E se invece di darmi un pugno in faccia quello tirava fuori un coltello?»

La domanda rimane sospesa nell'aria rovente del salotto di Mohamed: la sua faccia è una maschera tumefatta, occhi semichiusi e naso enorme, «steccato» e coperto dalle garze: la botta fa un male cane ma lui quasi se ne dimentica preso com'è dal filo del discorso. Racconta, s'infervora, quando si ferma per riprendere fiato ci pensa Sara, piccola guerriera quindicenne, una dei suoi quattro figli, a raccontare perché è giusto che il papà vada a fare le ronde in strada anche se sono pericolose.

Già, perché per il Comitato antidegrado di via Savani - finito il tempo degli applausi e dei «bravi» a scena aperta, con giusto qualche critica sussurrata sottovoce - è arrivato un momento che nessuno si augurava e qualcuno temeva: quello della conta dei feriti.

Mercoledì sera Mohamed s'è beccato un pugno in faccia da un pusher. Un colpo micidiale che gli ha spaccato il naso. Il referto parla chiaro: «frattura scomposta delle ossa nasali», trenta giorni di prognosi.

Non è l'unico ferito, lui stesso racconta che l'altra sera all'ospedale c'è finito un altro della ronda, un ex poliziotto. «Il pusher gli ha lanciato la bicicletta, ed è stato colpito a un braccio: ingessato, trenta giorni anche per lui».

Cinquant'anni compiuti il 6 luglio scorso, tunisino, Mohamed fa il muratore e abita in un popoloso condominio di via Savani con la sua famiglia da quasi due anni. L'inverno scorso è stato uno dei primi a scendere in strada ma prima di mettere in fila i morivi della sua crociata anti-spaccio accetta di ripercorrere quello che è successo mercoledì sera.

«Eravamo in una decina del solito gruppo, abbiamo cominciato a fare il giro come ogni sera. A un certo punto abbiamo visto quei due: li avevamo incrociati tante altre volte, fanno parte di un gruppo molto più grosso».

Dove avete incontrato i due pusher? «In viale Piacenza, vicino all'ingresso dell'istituto Bodoni. Sai dove c'è la fermata dell'autobus e dietro il piccolo parcheggio? Stanno sempre lì. Ci siamo avvicinati: “qui non si spaccia, andate via”. E loro come al solito hanno fatto finta di non capire: “parlo english, non comprendo italiano”. Uno ha mandato a quel paese Angela, una signora che viene spesso con noi. A quel punto è intervenuto Gino, un altro giovane del Comitato: “adesso chiamo la polizia” e ha preso il telefonino. Uno dei due spacciatori è diventato aggressivo, mi ha dato uno spintone e ha preso la bici. Voleva scappare, abbiamo cercato di trattenerlo: “Adesso stai qua”. Ha cominciato a dire parole brutte, ha lanciato la bici che ha colpito il nostro amico e si è allontanato ma non di molto. Gino era sempre al telefono con la polizia e a un certo punto quello è tornato indietro: ce l'aveva con lui, voleva prendergli il telefono. Stava per colpirlo quando mi sono messo in mezzo: e il pugno l'ho preso io».

Gli occhiali di Mohamed volati a terra con una lente rotta, la faccia ridotta a una maschera di sangue. In viale Piacenza è arrivata la polizia e poi un'ambulanza che l'ha accompagnato al pronto soccorso: è uscito dall'ospedale alle due del mattino.

Ne valeva la pena? «Certo - risponde senza la minima esitazione - questo è l'unico modo per farli andare via. Io sono stato il primo a scendere in strada. Ero esasperato: un mio amico di colore una sera era venuto a cena a casa mia, dopo tre giorni l'ho incontrato, mi ha detto. “ da te non vengo più”. Gli spacciatori sotto casa mia l'avevano accerchiato, e perquisito. L'hanno spaventato a morte».

«Il papà l'ha fatto per me - interviene Sara, fisico minuto e occhi vispi - ogni volta che tornavo a casa con l'autobus mi seguivano: prima dieci, poi venti. Importunavano me e le mie amiche: urlavano, mandavano baci, ci mancava solo che mi mettessero le mani addosso. Non riuscivo a studiare: erano sempre sotto le nostre finestre. Li ho visti che si “facevano”, si picchiavano. Sempre qua sotto». Papà dunque fa bene a fare le ronde? «Sì, è una cosa giusta. Se fosse da solo gli direi di non andare, ma c'è tanta altra gente».

Mohamed, rispondi all'avvocato del diavolo: c'è chi dice che voi delle ronde siete violenti, chi obietta che non siete attrezzati per “trattare” con certa gente, qualcuno tira in ballo anche il razzismo. «Il razzismo non c'entra niente - scuote la testa Mohamed - io stesso sono tunisino e nel Comitato siamo in due. Ho tanti amici di colore, che mi danno ragione. Noi non siamo violenti, non andiamo in strada armati di coltelli o catene, abbiamo le mani libere. Parliamo e basta. E comunque abbiamo fatto molto: rispetto a gennaio la situazione è migliorata parecchio. La maggior parte è andata via, ha cambiato aria».

Sono rimasti in strada gli ossi più duri. I più pericolosi. «Sì, ma se noi torniamo indietro adesso è finita. Ce li ritroviamo tutti qui di nuovo, ancora più aggressivi».

Se Mohamed non arretra di un passo, nelle parole dell'amico Gino oggi si sente soprattutto lo sconforto: «Faremo una riunione con tutti gli altri - dice - dobbiamo parlare di quello che è successo. Non ci aspettavamo una reazione del genere, così violenta: noi in strada scendiamo tutti i giorni, ma se poi dobbiamo anche prenderci gli schiaffoni... La verità è che questa situazione non interessa più a nessuno. Il sindaco, i politici: tutti sanno benissimo come stanno le cose ma nessuno muove un dito».

Mohamed ha qualche idea per diminuire i rischi delle ronde? «Sarebbe una buona cosa che un poliziotto o un carabiniere venissero a fare un giro insieme a noi, anche soltanto un'ora. L'abbiamo proposto, ma pare non sia possibile: ci vogliono le autorizzazioni, l'ok del prefetto...».

Tornerà in strada? «Certo che ci torno, e anche presto: io non ho paura. Non lo faccio per me ma per i miei figli e per il quartiere». Sara lo guarda orgogliosa: «Solo quando ero in ospedale ha saltato la ronda per stare con me. Gli anziani quando ci incontrano ci dicono grazie. Mio papà ha la testa dura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    07 Agosto @ 19.10

    la rivolta di atlante

    NON C'E' PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE .... MA ORA IL FRASTUONO E' IMMENSO .... BASTERA' CHE UN AGENTE E UN CITTADINO SIANO DELLA STESSA IDEA E CROLLERA' IL MURO DI GOMMA DELLE ISTITUZIONI TIMOROSE DI DOVER SVOLGERE IL LORO COMPITO IN MODO EFFICACE E LE LORO INTIMIDAZIONI SULLA DIFESA PERSONALE. DOPO ANNI DI PAROLE ADESSO SERVONO I FATTI O NON SE NE ESCE PIU'. FINO A QUANDO PENSATE CHE I CITTADINI POSSANO PRENDERE PUGNI NEL NASO E NON PENSINO A DARLI INDIETRO ?? E PER QUANTO TEMPO ANCORA GLI AGENTI VORRANNO UBBIDIRE E CONTROLLARE LE RONDE E NON I MALFATTORI ..... FINO A QUANDO PENSATE DURI LA PAZIENZA DEL POPOLO ???

    Rispondi

    • Margherita

      07 Agosto @ 21.36

      ...speriamo che la "pazienza" sia finita....lo scopriremo solo votando..... p.s. : ma lo spaccio di droga, una volta, non era illegale? Perchè a girar per strada si direbbe che questo tipo di "attività" ormai non sia più perseguibile. Tutto si svolge molto liberamente, a cielo aperto, e come lo vedo io dovrebbero vederlo anche gli agenti dei vari corpi di polizia......

      Rispondi

  • filippo

    07 Agosto @ 17.44

    Complimenti e onore al sig, Mohammed, che sicuramente è molto più integrato e intelligente dei tanti parmigiani che difendono sempre spacciatori e ladri, solo perché stranieri, CARI kOMPAGNI avete un commento da fare sui pusher di colore che occupano parchi e vie cittadine? Il prefetto cosa dice?

    Rispondi

  • Biffo

    07 Agosto @ 16.48

    Chi continua, qui sopra, a lanciare proclami reboanti di pestaggi senza remissione contro i pusher e dintorni, con o senza oggetti atti ad offendere, non ha capito che, anche se si osasse dare solo un buffetto ad uno di questi animali, arriverebbero subito, appunto, le forze dell'ordine, a schiere, non per punire il criminale forestiero, ma il parmigiano che ha osato anche solo sfiorarlo. Verrebbe condannato all'ergastolo per rasìsmo, fasìsmo, senofobia e privato, con disonore, della cittadinanza italiana.

    Rispondi

  • ombretta

    07 Agosto @ 13.17

    Grande MOHAMED!!!! La parte peggiore peggiore sono le persone che criticano e stanno alla finestra aspettando di vedere come andrà a finire sperando che la cosa non li riguardi!!!!! Ti auguro una pronta guarigione e ti mando un abbraccio grandissimo, anche a tutte le brave persone che insieme a te sacrificano tempo libero per liberare il quartiere da questa gentaglia!!!!

    Rispondi

  • Medioman

    07 Agosto @ 12.25

    Novant'anni fa, alcuni parmigiani "anomali" fecero le "barricate" contro Balbo; chissà se, prima o poi, altri parmigiani "anomali" faranno nuove barricate....

    Rispondi

    • Betti

      07 Agosto @ 12.57

      mi sento molto "anomala" e spero di essere in buona compagni

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto contro un camion: gravissimo un motociclista

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista 42enne 

Il 42enne Andrea Ardenti Morini vittima di un incidente sulla strada per Neviano Video

1commento

tg parma

50enne scomparso a Diolo: continuano le ricerche ma cresce la paura

soragna

Paura a Diolo: incidente, auto nel fosso

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

storie di ex

Ancelotti Re d'Europa: scudetto anche in Germania (col Bayern)

lavoro

Occupazione: Bolzano è regina (73%), Parma è quinta (68,7%)

agenda

Street food, primavera in tavola e... tattoo: l'agenda del sabato

domenica

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

tg parma

Forza Italia e Fratelli d'Italia: Vaccaro e Bocchi capolista

Allarme

Un'altra truffa del gas, occhio ai falsi lettori di contatori

polizia

"C'è un'auto sospetta": era rubata e carica di arnesi da scasso

Noceto

Noceto senza tangenziale, Fecci alza il tiro

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

12commenti

Viabilità

Troppi camion in paese, allarme a Vicofertile

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

1commento

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

egitto

Il portavoce di al-Sisi: "Col Papa non si è parlato di Regeni"

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

Calciomercato

Galliani lascia il calcio e cambia vita

formula uno

Gp di Russia: la prima fila è della Ferrari. Vettel in pole

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento