-1°

SISSA TRECASALI

Si potrà sparare alle nutrie dopo la cattura

Si potrà sparare alle nutrie dopo la cattura
29

La novità rientra in un progetto pilota grazie all'accordo tra Comune e Consorzio di Bonifica

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Anna Maria

    10 Agosto @ 16.23

    No poverine sono troppo belle la mia cagnolina le piacciono molto a parte non ucciderle portale in un altro posto isolato

    Rispondi

  • xxl

    10 Agosto @ 15.28

    nilus75

    Questa è stupenda: "Invece di ucciderle catturiamole e portiamole da qualche parte dove non rechino danno agli argini". È da incorniciare... E pensa a quelli che uccidono i pidocchi quando magari potrebbero toglierli e metterli che ne so sulla testa di un calvo... E le zanzare tutte a casa di dracula...

    Rispondi

    • Manuela

      10 Agosto @ 16.32

      incornicia pure quello che vuoi, ma per me uccidere un qualsiasi essere vivente non ha senso. Cmq spero che tutti quelli che approvano questa nuova mattanza un giorno rinascano nutrie.

      Rispondi

      • lol

        10 Agosto @ 23.06

        Ma hai 5 anni per vivere in un mondo tutto tuo? Di senso non ce n'è, uccidere è uccidere, si deve agire cosi per evitare un ipotetico danno causato da un fiume che esonda le cui acque possano danneggiare la centrale elettrica che permette a te di andare su internet e scrivere commenti senza cognizione di causa su questa pagina. Chissà quante nutrie vengono soppresse per permetterti di accendere la luce ed il pc, magari le sparano prevenendo qualche rosicamento di cavo elettrico. Poi con questo caldo, figuriamoci il condizionatore. Poi credo anche ti sposti a piedi per evitare di spiaccicare le creature del signore sul parabrezza...giusto?

        Rispondi

        • giorgio mezzatesta

          11 Agosto @ 11.14

          le nutrie saranno anche un problema, ma cerchiamo di sforzarci di vedere quali sono i veri problemi delle esondazioni dei corsi d'acqua. Se non lo si è ancora capito, ci stanno prendendo in giro prendendo le nutrie come comodo capro espiatorio per non dover rivelare quali sono i veri problemi: cementificazione dei corsi d'acqua e estirpazione(per guadagnare spazio) di tutta la vegetazione ripariale. Le nutrie sono un serio problema soprattutto per la fauna autoctona con cui condivide lo spazio territoriale e, rispetto a ciò che fa l'uomo, un piccolo problema per i corsi d'acqua.

          Rispondi

        • Manuela

          11 Agosto @ 10.11

          ...e allora perché non legalizziamo anche la pena di morte?! IO VOTO SI, ma questo è un altro capitolo che non c'entra con gli animali... Quello che volevo dire nei miei post è solo che sicuramente anziché uccidere animali indifesi si potrebbe trovare altre soluzioni meno crudeli, appunto spostandole in altri punti dove non possano fare danni oppure fare come fa l'ENPA con i randagi che li cattura e li sterilizza.

          Rispondi

        • lol

          11 Agosto @ 16.42

          La nutria è solo una possibile causa in più per l' esondazione dei fiumi. Si, le soluzioni ci sono, ma uccidere è quella più economica. Catturarle e tenerle chiuse in qualche bel pacchetto costano soldi e tempo, che di questi periodi sono tanto preziosi. Io trovo crudele anche tenere pesciolini in vaschette e pappagalli in gabbiette. Purttoppo ci sono troppe teste da far contente.

          Rispondi

        • giorgio mezzatesta

          11 Agosto @ 19.45

          ma cosa bisogna ancora vedere per capire perchè i fiumi esondano??? Ma cosa entrano le nutrie. L'uomo invade ogni spazio destinato all'acqua e questa aumenta la sua velocità e violenza. Ma non le avete viste le foto dei nostri corsi d'acqua?Non facciamoci prendere in giro da chi fa comodo incolpare gli animali per evitare che si comprendano i veri motivi del dissesto idrogeologico.

          Rispondi

        • lol

          12 Agosto @ 01.00

          Ma infatti ho scritto che le nutrie sono una possibile causa in più, non la causa. L'uomo invade è vero. E poi paga dazio. Amen.

          Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    10 Agosto @ 15.21

    gli umani cementificano i corsi d'acqua, fanno piazza pulita della vegetazione ripariale e poi si lamentano dando la colpa alle nutrie se i fiumi esondano. Ho sentito dire da "esperti" che il grande secchia è esondato per colpa delle tane di nutrie, tassi e volpi.....ma come si fa a bere queste favole non sforzandosi nemmeno di capire che se è vero che le nutrie sono un problema soprattutto per la biodiversità, l'uomo è un problema per tutti noi. Ma come si fa a non capire che le nutrie sono un comodo capro espiatorio per evitare di occuparsi del vero degrado dei nostri corsi d'acqua ormai tutti ridotti al solo ruolo di fogne che magari poi vengono utilizzate per irrigare i campi e le coltivazione che ci arrivano a tavola. Io sarei preoccupato più di questo che dei castorini.

    Rispondi

    • fortunato

      10 Agosto @ 16.39

      giusto, la colpa del degrado che invade la natura non è delle povere nutrie , ma dell' uomo, e se no di chi ??? Dare sempre la colpa agli animali , facile dirlo......

      Rispondi

  • maxbonny

    10 Agosto @ 14.35

    Quindi, se ho capito bene.......Primo, frequentare un corso specializzato per affrontare il combattimento corpo a corpo con la pelosa fiera non autoctona. Secondo, messa la belva in stato di impotenza, il trafelato umano può giustiziarla a mezzo arma da fuoco. Uhmm........ Vorrei sapere se chi ha "pensato" questa procedura in realtà cerca un posto a Zelig. Comunque, ai soliti talebangreen vorrei far notare che gli argini "trattati" da queste deliziose bestiole alla prima piena sono destinati a saltare (vedasi inondazione della bassa modenese di due anni fa). Di fatto, e francamente con la mia piena approvazione, un mio carissimo amico di Polesine, che abita appunto sotto l'argine maestro di Po, quando ne vede una gli spara a vista, esattamente come fanno tutti.....ma proprio tutti....gli abitanti le sponde del "Placido Fiume" di Guareschiana memoria e senza che nessuno osi proferir verbo contrario.

    Rispondi

  • salamandra

    10 Agosto @ 13.14

    Anche senza catturarle, vorrei che gli sparassero.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti