-0°

12°

Luca Sisti

L'ultimo saluto a Moletolo

L'ultimo saluto a Moletolo
Ricevi gratis le news
0

Il dolore della famiglia e degli amici per la morte di Luca Sisti: l'ultimo saluto sarà dato alla Cittadella del rugby di Moletolo con una cerimonia civile.

Mara Varoli

In molti daranno l'ultimo saluto a Luca, alla Cittadella del rugby, a Moletolo: là dove c'era il suo mondo. Per la data si dovrà aspettare l'autopsia, ma quel che è sicuro è che sul campo ci sarà una cerimonia civile, nello stile che avrebbe voluto lui, «senza piangersi addosso» e con tutti gli amici che nel tempo hanno avuto la fortuna di mantenere la fiducia di un uomo schietto ed entusiasta della vita.

E Luca Sisti, morto a 32 anni nell'incidente stradale di domenica mattina a Monticelli, di amici ne aveva davvero tanti.

Il dolore della famiglia

«Un ragazzo che - sottolinea con orgoglio lo zio Fabio Faccini, già presidente di Legambiente e consigliere comunale, oggi presidente della Cooperativa sociale «Cigno Verde» - pur avendo dovuto affrontare prove dure, è riuscito sempre a costruire relazioni importanti. Così come gli avevano insegnato il padre e la madre».

Responsabile delle analisi video delle Zebre, «Luca a 22 anni aveva perso papà Gianni, elettricista e manutentore dell'Hotel Baglioni - continua lo zio -, e due anni fa la mamma Flavia, mia sorella, impiegata ai servizi sociali nel comune di Felino: entrambi morti per malattia. E oggi vedere questa calorosa partecipazione per il suo addio, mi ha fatto capire che Luca aveva conquistato i suoi spazi da persona aperta e positiva, nonostante quel grande dolore che ha dovuto affrontare. D'altronde, l'amicizia è un valore che ha proprio acquisito dalla sua famiglia».

Di mamma Flavia, Luca non aveva solo ereditato lentiggini e capelli rossi, ma anche quella capacità di condividere con gli altri le proprie passioni. E di papà Gianni, un grande tuffatore, l'amore per lo sport e la vivacità, inesauribile.

«Dopo il diploma si era iscritto a Scienze motorie, senza però laurearsi - ricorda zio Fabio -, nonostante Stefano Mari, il suo ex allenatore, avesse insistito tanto perché la terminasse. Per Luca, Stefano è stato come un padre: un supplente sempre presente e un punto di riferimento fondamentale».

L'ex allenatore Mari

«Anche senza la laurea - dice commosso Stefano Mari -, Luca ha avuto una brillante carriera sportiva, in qualità di tecnico. Dal judo a 13 anni, quando l'ho conosciuto, era passato al rugby: era un bambino molto generoso e non mancava mai a un allenamento. Aveva fatto presto a diventare capitano della squadra. E i genitori erano sempre con lui: lo portavano all'allenamento e assistevano alle partire. Ha giocato nel Rugby Parma, fino a 18 anni e ha partecipato alle selezioni regionali».

Una biografia che esce a singhiozzo, il giorno dopo lo schianto contro quel grosso palo della luce, che a pensarci fa venire i brividi. A 500 metri da quella casa che gli aveva regalato uno zio acquisito, zio Cirli. Sì perché Luca era nato a Parma, cresciuto in borgo San Giuseppe e poi in quel quartiere, il Rione Colombo, dal forte senso di comunità. Solo da qualche tempo si era trasferito a Monticelli.

Il ragazzo con il sorriso e con una carattere non comune, tant'è che se gli chiedevi «Come va?», lui rispondeva sempre «Tutto bene».

«Ho imparato da lui»

«Luca non aveva bisogno di dimostrare nulla - continua Stefano Mari -. Era spontaneo. E il rugby era stato per lui una scuola importante. A 18 anni in un incidente in motorino si era rotto una gamba e così ha smesso di giocare e ha iniziato a fare l'allenatore con i bambini e con gli under16. Era entrato anche a Giocampus: un entusiasta allo stato puro e un grande catalizzatore di interessi. E con l'Accademia federale aveva avuto l'opportunità di diventare videoanalyst delle Zebre, sviluppando una professionalità riconosciuta a livello internazionale. Un lavoro che lo portava spesso in giro per il mondo e quindi che gli aveva insegnato ad essere autonomo e libero, come voleva lui».

Un ragazzo immediato, con un sorriso non fine a se stesso, ma che diceva tanto. E cioè «che la vita - conclude Stefano - va affrontata nel migliore dei modi, con ottimismo. La sua non era superficialità. E io - si ferma Stefano - ho imparato da lui: gli volevo bene».

Volta del Giocampus

«Per noi oggi è stata una giornata impegnativa - interviene Elio Volta, coordinatore del progetto Giocampus -. Da un lato c'erano i bambini da intrattenere, così come avrebbe voluto Luca, e al tempo stesso la grande difficoltà emotiva. Per noi è stata una colonna portante. Era vice responsabile di Giocampus Estate, per l'animazione e per l'accoglienza del mattino: era il primo a divertirsi con i bambini e a travestirsi. Riusciva a trasmettere a tutti la gioia di vivere. Era l'angelo dei piccoli. Senza parlare degli istruttori, per i quali era una figura fondamentale. Da bravissimo sciatore, è stato importante anche per il progetto Neve. E se a Giocampus è stato portato il rugby è merito suo. Ci è sempre stato vicino: riusciva ad abbinare una grande professionalità a una carica di umanità e simpatia. Luca era un numero uno».

L'ultimo saluto

Dopo la cerimonia civile alla Cittadella del rugby, Luca sarà cremato, così come è stato per mamma Flavia e papà Gianni. Ma il suo spirito sportivo, la sua capacità di relazione e quel sorriso non saranno dispersi, ma saranno conservati e serviranno da esempio per altri giovani e per altri giochi che verranno sul campo della «sua» Moletolo. Magari con una borsa di studio.

Il ricordo degli amici Redolfini, Bricoli e Allodi

Gli amici erano la sua seconda famiglia. «Luca Sisti dava tanto e non pretendeva nulla»: è diretto Luca Redolfini, giocatore del Rugby Reggio e prima delle Zebre, che ha trascorso con Sisti l'ultimo sabato sera.

«Dopo cena, mi ha raggiunto a casa e poi con altri amici siamo andati a fare un giro in un locale della provincia. Alla fine, ci siamo salutati e mi ha detto: "Vado a casa, domani vado in Francia per un'amichevole" - continua Redolfini -. Poi, alle nove di mattina sono venuti a casa mia alcuni giocatori delle Zebre per darmi la tragica notizia. Non riuscivo a realizzare, non sapevo cosa pensare. Tanto silenzio. E pensavo alla serata prima: una serata tranquilla, dove non sono mancate le risate. Perché quando pensi a Luca, non si può fare a meno di sorridere».

«L'ho conosciuto tre anni fa sul lavoro - continua Redolfini -. C'è stato subito un ottimo rapporto che si è approfondito fuori dal campo e siamo diventati amici nella vita. La sua dote era di entrare nel cuore delle persone. Con qualsiasi persona riusciva a trovare il modo per entrare in sintonia: in ognuno degli amici cercava un tassello per ricomporre la sua famiglia».

Anche Tommaso Bricoli del Rugby Reggio non si dà pace: «Sono cresciuto nel Rugby Parma e quindi ci conoscevamo sin da piccoli. Il nostro rapporto è diventato più intenso dieci anni fa: da lì è stato un crescendo che ci ha portato ad essere fratelli. Era una persona a cui la vita non ha riservato momenti felici, tuttavia ha sempre mantenuto una personalità forte e un egocentrismo abbastanza spiccato. Era più predisposto ad aiutare che ad essere aiutato. Prima venivano gli altri e poi se stesso». Simone conosceva Luca dall'età di 5 anni, da quando Sisti si era trasferito con la famiglia in via Pietro Zani 14, a San Leonardo: «Lui abitava al secondo piano, io al terzo - racconta Simone Allodi -. E con gli sguardi da bambini è iniziata la nostra amicizia. Giocavamo e bisticciavamo, vivevamo insieme, ma la cosa bella è che io essendo più grande avevo sempre il sopravvento. Quando però Luca ha iniziato a giocare a rugby e ad avere una certa stazza, i ruoli si sono capovolti. Da grandi, la sua camera da letto era il ritrovo di tutti gli amici: i genitori gli avevano insegnato che le porte sono sempre aperte. Perché i suoi genitori erano come lui: generosi e altruisti. Una famiglia accogliente, che sapeva sacrificarsi per gli altri. E Luca sapeva farsi volere bene: un fratello non si dimentica». M.V.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Cecilia Rodriguez accolta dai fischi in discoteca fa il gesto dell'ombrello

Gf Vip

Fischi per Cecilia Rodriguez, che fa il gesto dell'ombrello

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo"

Spettacolo

Johnny Halliday, l'addio del suo popolo. Macron: "applaudiamolo" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Superati i 10 metri d'acqua: il ponte sull'Enza a rischio chiusura

sorbolo

Enza verso i livelli storici: il ponte resterà chiuso diverse ore

Preoccupa il Baganza nel Bercetese

2commenti

squadra mobile

Vicofertile, quattro kg di droga in casa del pusher "impenitente" Video

1commento

maltempo

Vetroghiaccio, disagi in Appennino. Berceto, tante case senza luce Le foto

ALLE PORTE DELLA CITTA'

Lupo investito da un'auto in via Emilio Lepido

20commenti

San Prospero

«La Vela» in stato di abbandono

1commento

SENZATETTO

Il Natale lontano di chi vive sotto i ponti

legambiente

Ecco le 10 linee ferroviarie peggiori d'Italia. C'è anche la Brescia-Parma

FORNOVO

Polemiche sull'albero di Natale

1commento

SALSO

Ancora furti: due case messe a soqquadro

1commento

sos animali

Sospetto avvelenamento di un cane in Cittadella

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Rimpatriata

Caro, vecchio quartiere Marchi

Intervista

Paolo Fresu mercoledì al Regio

ecco la neve in città

Parma indossa un manto bianco Gallery

inverno

Neve nel Parmense: rischio strade ghiacciate. Treni fermi. Bardi e Berceto: scuole chiuse Video - Foto

1commento

gabriella corsaro

Concerto di Natale al presidio Froneri Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

L'ESPERTO

Naspi cumulabile con altri redditi? Sì, ma solo in determinati casi

ITALIA/MONDO

sondrio

Passanti travolti al mercatino di Natale: "Ne dovevo uccidere di più"

birmania

Metodici stupri dell'esercito sulle donne Rohingya: l'indagine dell'Ap Le foto-simbolo

SPORT

calcio

Ottavi di Champions: Juventus con il Tottenham e Roma con lo Shakhtar

POSTICIPO

Il Milan soffre ma piega il Bologna

SOCIETA'

salute

Raddoppia il supplemento per l'acquisto farmaci di notte

NOVITA'?

Fiori d’arancio per Justin e Selena?

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS