mobilità

Piste ciclabili a ostacoli

Piste ciclabili a ostacoli
Ricevi gratis le news
19

La mobilità sostenibile a Parma è ancora un miraggio: molte piste ciclabili sono poco invitanti e poco sicure: buche che costringono i ciclisti a continui sobbalzi come in via Emilia est; piante ad altezza uomo sul cavalcavia di via Mantova, nessuna «zebra» ciclopedonale sul Lungoparma e addirittura cinque attraversamenti stradali in piazzale Marsala.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fortunato

    20 Settembre @ 17.18

    piste ciclabili , quasi tutte da rifare.....

    Rispondi

  • salamandra

    19 Settembre @ 22.05

    La foto però è ralativa a una pista cicloPEDONALE che è cosa ben diversa da una pista ciclabile. Tanto che i ciclisti non hanno neanche l'obbligo di percorrerla.

    Rispondi

  • sabcarrera

    19 Settembre @ 13.24

    Se le auto sono pericolose andrebbero bandite dal centro citta

    Rispondi

  • BETTA

    19 Settembre @ 13.24

    Ma......e quando le piste ciclabili non esistevano????? Ne approfitto per sottolineare che, in Via Trento, la pavimentazione delle piste ciclabili non mi sembra così 'poco confortevole'......forse sarebbe meglio che certi ciclisti, proprio in via Trento, imparassero ad usarle le piste ciclabili invece di pedalare sulla strada percorrendo il sottopasso della ferrovia incuranti delle automobili. E vogliamo parlare di via Venezia? A me sembra che la pista ciclabile sia più che dignitosa....peccato che, parecchi ciclisti, non solo ne abbiano il rifiuto (voglio ricordare che le piste ciclabili non mordono) ma percorrano via Venezia, in strada, anche in contromano. E vogliamo parlare di viale Tanara e viale Fratti??? Le biciclette fanno lo slalom tra le automobili a volte. Le piste ciclabili sono piene di ostacoli come il cervello di molti ciclisti.

    Rispondi

  • sindaco

    19 Settembre @ 12.32

    vorrei far notare che le piste ciclabili e le corsie degli autobus non si fanno semplicemente disegnando delle righe gialle per terra invece che bianche o mettendo colonnotti o cordoli per ridurre la sede stradale. sono capace anch'io di fare l'assessore alla mobilità così. la prima cosa da fare è studiare se in una data strada C'E' SPAZIO SUFFICIENTE PER FARCI STARE LE COSE CHE SI HA INTENZIONE DI FARCI STARE. Complicato, vero? Perchè lo spazio che si moltiplica da solo non credo sia stati già inventato, o gli amici di grillo l'hanno fatto e io sono rimasto indietro? In molte strade specie centrali la distanza tra le case parallele alla strada semplicemente non è sufficiente a farci stare una sede stradale, un marciapiede, una pista ciclabile e-o una corsia dell'autobus, tutte di larghezza adeguata (e prive di ostacoli artificiali o naturali) e sufficiente a non renderle inutili. la "pista ciclabile"larga mezzo metro in via montanara è l'esempio lampante. ma molte altre sono state fatte semplicemente dividendo a metà o mettendo in condivisione marciapiedi esistenti tra pedoni e ciclisti... e tutte le corsie degli autobus sono state fatte riducendo la sede stradale per gli altri veicoli... ha senso secondo voi vedere viali abbastanza larghi (ma non larghissimi, al'estero ad esempio è molto diversa la situazione, quindi non paragonabile), in cui tutti i veicoli possono circolare senza darsi fastidio (e se se lo danno è perchè i guidatori non sanno guidare, ma questo è un altro lunghissimo discorso), ristretti a dismisura per dividere i flussi, col risultato di averne metà deserti perchè controllati da telecamere (24 ore su 24, quindi anche al di fuori dell'orario di utilizzo, quindi un abuso) e tutti gli altri mezzi (auto, moto) incolonnati e imbottigliati in una sola corsia? perchè questo è ciò che ci aspetta. volente o nolente un pò di veicoli privati per la città ci saranno sempre (già solo quelli dei residenti) quindi il problema si pone eccome. annullarli e pretendere che la gente esca di casa propria col bue e l'asinello è roba semplicemente da fanatici e sognatori.... non credo sia il caso di perdersi in utopie, ma cercare di affrontare al meglio quello che già c'è... e questo è sicuramente più difficile che sognare...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

MILANO

Fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS