18°

32°

Calcio

Il Parma frena col Mezzolara

Il Parma frena col Mezzolara
Ricevi gratis le news
0

Non è arrivata la quinta vittoria consecutiva: il Parma non va oltre lo 0-0 con il Mezzolara e viene raggiunto in testa dal Lentigione.

Paolo Grossi

Prima o poi doveva esserci il grumo, l’inciampo, la scivolata. Chiamatelo come volete ma a Budrio contro il Mezzolara il Parma per la prima volta in questo campionato non ha vinto e si è dovuto accontentare di uno 0-0. Diciamo che è emersa una faccia sporca della serie D che non avevano ancora incontrato. Niente di losco però. Non è colpa dell’arbitro, gli avversari sono stati corretti, il campo era, anche se strettino, decente. I bolognesi guidati dall’ex bomber di A Fabio Bazzani sono però stati più squadra di chi li aveva preceduti nel calendario e soprattutto il Parma è stato meno intenso del solito. Proprio come aveva detto alla vigilia Apolloni, è solo mettendoci più voglia degli avversari che si fanno venir fuori le superiori doti tecniche. Ieri il Parma non l’ha fatto e dovrà riflettere sui limiti emersi.

Aria di festa

Il prepartita è un po’ come essere in gita: piadine, panini con salsiccia, birrino, e i tifosi che sciamano tranquilli per le strade di Budrio, spesso con famiglie al seguito. Un gruppo di ultras del Bologna verso l’una prova a provocare le avanguardie parmigiane, ma quando i Boys arrivano non trovano più nessuno con cui confrontarsi perché si trattava di diffidati che all’ora della partita devono essere in Questura a firmare. Al fischio d’inizio lo stadio Zucchini è tutto gialloblù, come il se Parma giocasse in casa.

Apolloni lascia a riposo Saporetti riproponendo Ricci terzino. Dall’altra parte c’è Messina e non Adorni. Il Mezzolara si schiera con un 4-4-2 molto stretto, compatto.

Attacco statico

Il Parma parte bene, muove palla rapidamente e arriva in area due-tre volte senza però concretizzare le chance. Il Mezzolara si fa vivo al 13’ e Iarrusso con la punta in acrobazia prova a pungere ma Zommers è ben piazzato. Il primo vero tiro dei crociati, dopo che Baraye ha mal gestito due buone situazioni in ripartenza, lo scocca in girata Longobardi, ma il suo rasoterra è fiacco e Busato lo blocca a terra. Al 31’ altro rischio per i crociati quando Visani su respinta della difesa sfugge ai difensori e anticipa anche Zommers in uscita disperata ma il suo diagonale si perde a lato. Al 34’ sbaglia un controllo Cacioli e Macagno a calciare da buona posizione ma centra Zommers che para in due tempi. Insomma il Parma si espone a diversi rischi senza riuscire a pungere in avanti. Baraye invece di cercare spazio tra le linee, che in effetti sono abbastanza compresse, fa il centravanti aggiunto, appiattito sulla linea di Longobardi e così facilmente neutralizzabile.

Al riposo si va sullo 0-0. Il Mezzolara ha usato, bene, le sue armi. Gamba e agonismo in dosi massicce. Su questo piano è stato l’avversario più “carico” che il Parma finora ha trovato sulla sua strada, non riuscendo a trovare i fili di una manovra efficace. Troppo statici i tre alle spalle di Longobardi, che mai incrociano le corse o provano ad aprire spazi. Pochi tagli, zero sovrapposizioni sulle fasce, ben coperte dal 4-4-2 avversario. E questo atteggiamento durerà fino alla fine.

Nella ripresa diagonale alto di Sereni al 4’ dopo una manovra ben congegnata e l’assist finale di Baraye. Bravo, il senegalese, al 7’ quando addomestica di testa un pallone che arriva da fallo laterale e saetta in girata: il portiere devia in corner. La novità è che sulla trequarti adesso gioca Longobardi con Baraye che gli sta davanti. Per poco però, perché al 16’ Apolloni lo toglie manda dentro Lauria. Al 23’ colpi di testa di Longobardi alto di poco. E fuori anche un colpo di testa di Sereni al 26’. In campo c’è solo il Parma e a questo punto Apolloni gioca anche la carta-Guazzo, che entra per Longobardi. L’occasione più nitida capita al Parma al 32’ quando Guazzo apre per Melandri a destra, e i radente basso del “Micio” attraversa lo specchio di porta senza che Lauria, slanciatosi in spaccata, riesca a deviarlo. Lo stesso Lauria chiama Brusato a un bel tuffo per respingere un tiro dal limite, poi, in pieno recupero, Sereni col piattone non trova la porta.

Leggerezza

A differenza di quanto auspicava Calvino per la scrittura, nal calcio la leggerezza è un difetto, perché è sinonimo di poca concentrazione, poca fame, poca cattiveria. Ieri il Parma, forse ammorbidito dalle grandi manifestazioni di entusiasmo che lo circondano, è stato leggero in tutti i reparti, specie negli ultimi trenta metri. Si giocava come se prima o poi il gol della vittoria dovesse arrivare per diritto divino. Bene, ci è stato ricordato che non funziona così.

Le pagelle

ZOMMERS 6

Nessun intervento impegnativo, ma l’ordinario l’ha svolto senza sbavature.

MESSINA 5,5

Una prova opaca. Scarso il contributo in avanti, affanni di troppo in difesa.

CACIOLI 6

Stranamente in imbarazzo nel primo tempo, si è presto rimesso in carreggiata vincendo tutti i duelli aerei.

LUCARELLI 6

Anche lui ha commesso errori pericolosi in fase di disimpegno, poi se l’è cavata con il consueto mestiere. Gli avversari tecnicamente non erano granché, se no il Parma sarebbe andato sotto.

RICCI 6

Resta il piccolo rammarico di non averlo visto agire più avanti, dove domenica scorsa era stato decisivo. Nel finale
ha provato comunque a spingersi in attacco pur partendo dalla terza linea.

GIORGINO 6

Nel grande assembramento del centrocampo ha cominciato bene poi, forse preoccupato di dover lottare sulle respinte da una parte e dall’altra, ha tenuto la posizione. D’altra parte in attacco non si aprivano spazi per le sue incursioni.

CORAPI 6

La sua è stata una buona prova. L’agilità gli ha consentito di patire meno di altri gli spazi stretti. Non era facile impostare il gioco, e infatti non c’è riuscito molto.

MIGLIETTA 5,5

Quando entra non apporta grandi benefici. Dovrebbe essere un big in questo campionato, dovrà solo, speriamo, recuperare condizione fisica e convinzione.

BARAYE 5

Non era facile ieri giocare tra centrocampo e attacco, ma lui certamente ha fallito la missione. Non ha mai fatto movimenti da trequartista, è semplicemente stato un centravanti aggiunto senza avere la combattività che serviva per fare a sportellate. Qualche iniziativa personale a testa bassa che si è spenta sui piedi degli avversari.

MELANDRI 6,5

Il migliore dei crociati. Ieri ha fatto sempre e solo l’ala destra. L’ha fatta bene, purtroppo i suoi suggerimenti sono caduti nel vuoto. Però almeno ha saltato uomini, creato situazioni, movimentato l’attacco. Peccato si sia mosso su un binario come faceva Biabiany. Magari accentrandosi avrebbe potuto produrre qualcosa di più.

LAURIA 5,5

Qualche spunto e una frazione di ritardo sul traversone di Melandri che poteva valere il gol decisivo. Ma in sostanza non ha inciso come ci si aspettava.

SERENI 5

Prova a dir poco incolore. Palloni persi, occasioni fallite. Sotto questo aspetto è sempre il solito. Perfetto tempismo negli inserimenti, pessimo senso del gol sotto porta. Si è fatto anche ammonire per un intervento da tergo dopo che aveva perso un pallone a centrocampo. Non bene insomma.

LONGOBARDI 5,5

Generoso, svetta su molti palloni aerei e fa anche buone sponde. Però sulla palla migliore che riceve non gli riesce l’aggancio e l’occasione, ghiotta, sfuma. La presenza nei suoi paraggi di Baraye poi gli ha tolto spazi.

GUAZZO 5,5

Qualche tocco di fino ma dentro lui fuori Longobardi il Parma non ha più vinto un duello aereo e visto che ormai si giocava solo per lanci lunghi, alla resa dei conti non è stato un cambio produttivo quello che lo ha coinvolto.

ALL.APOLLONI 6

Il suo compito sarà tenere alta la fame di una squadra che ieri, dopo quattro vittorie di fila, è apparsa un poco sazia. Avremmo provato Ricci più avanti nel finale quando gli avversari avevano meno energie e lasciavano qualche spazio in più. Altra complicazione, ma quella era prevista, sarà gestire la rotazione dei vecchi, far crescere fisicamente chi ne ha bisogno, senza contraccolpi sul piano del gioco e dei risultati. Potrebbe aiutare fare un lungo cammino in Coppa Italia.

Non bisogna farne un dramma

Chi aveva cominciato a sognare una parata trionfale verso la Lega Pro, fatta di sole vittorie, ora può svegliarsi. La serie D, come era stato preannunciato da tutti i “veterani” della categoria, è un campionato duro, insidioso. Una maratona che si vince nel tempo, non uno sprint che ci si aggiudica con poche falcate.

Ieri è bastato che il Parma fosse meno determinato, meno “affamato” (e anche meno preciso) del solito per non riuscire a trovare il bandolo della matassa contro un Mezzolara che, a ragion del vero, Bazzani ha schierato in maniera impeccabile. I crociati non hanno trovato spazi e quando sono riusciti ad andare al tiro hanno sbagliato le conclusioni. Peraltro non hanno nemmeno sofferto più di tanto in difesa e lo 0-0 finale rispecchia sostanzialmente l'andamento di una partita nella quale non c'è stata una squadra in grado di imporsi.

Con questo pareggio il Parma si vede raggiunto in testa alla classifica dal Lentigione e sente nuovamente il fiato sul collo dell'Altovicentino, che si è immediatamente ripreso dopo il ko del Tardini. Teoricamente potrebbe anche essere scavalcato dal Forlì, che dopo aver saltato tre partite è tornato a giocare e ha vinto la seconda partita delle due giocate, quindi restando a punteggio pierno. Vedremo cosa combinerà nei recuperi infrasettimanali che dovrà giocare.

Niente di grave, ci mancherebbe, per il Parma che deve imparara dalla lezione di ieri a dare sempre il cento per cento. Ma, soprattutto, è importante che questo pareggio non venga vissuto come un passo falso che mini l'entusiasmo. I tifosi per primi devono continuare ad avere lo stesso fantastico atteggiamento avuto finora. Le insidie non mancheranno lungo la strada, ma se affrontate tutte insieme si posso tranquillamente superare. Paolo Emilio Pacciani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

Prevenzione

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

3commenti

TRAVERSETOLO

Quattro profughi in un appartamento: è polemica

4commenti

OSPEDALE

Pronto soccorso, Brescia «corteggia» Cervellin

Fidenza

Morto a 51 anni Giorgino Ribaldi

Universiadi

Folorunso e Fantini: «Vogliamo la finale»

PERSONAGGI

102 anni, addio alla ricamatrice Lina Zanichelli

Sissa Trecasali

La barca affondata nel Po non si trova

pedoni penalizzati

Marciapiedi dissestati: problemi di sicurezza

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

7commenti

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

9commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

15commenti

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

1commento

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

15commenti

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

14commenti

ITALIA/MONDO

torino

Incidenti stradali: muore imprenditore edile Mattioda

terrorismo

Rotterdam: arrestato il secondo uomo

SPORT

Calciomercato

Paletta, accordo Milan-Lazio

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

SOCIETA'

televisione

La caduta della Guaccero in diretta è virale

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente