22°

32°

CLODIENSE-PARMA 0-3

Parma primo da solo

Parma primo da solo
Ricevi gratis le news
3

Il Parma vince in scioltezza a Chioggia (3-0 alla Clodiense) e resta da solo in vetta alla classifica del girone D di serie D.

Paolo Grossi

Impeccabile. Il Parma che ieri ha regolato senza alcuno sforzo la Clodiense sul suo campo è stato per certi versi il migliore visto fin qui. Per carità, la prova con l'Altovicentino alla luce del diverso valore dell'avversaria resta la più importante, e ci sono ancora adesso ampi margini di miglioramento, ma la prestazione di ieri è stata assai convincente soprattutto sul piano della mentalità. Nel primo tempo, è vero, si sarebbero potuti segnare più gol, ma un po' il bravo portiere Okroglic e un po' per poca determinazione ne è arrivato uno solo. Però la squadra è sempre stata sul pezzo, concentrata, grintosa, più reattiva di avversari che pure avevano nell'agonismo l'unica arma possibile da usare contro i crociati. Apolloni a metà strada è anche passato al 4-4-2 e d'altra parte ha interpreti duttili, in grado di rispondere alle sue esigenze senza creare scompensi. Quel che è piaciuto di più, al di là della disinvoltura con cui è stata liquidata la pratica, è stato il mordente, la generosità con cui si è lottato su ogni pallone. E va notato come i tre gol siano stati il coronamento di azioni splendidamente congegnate.

Dentro Fall e Lauria

Apolloni dopo una settimana di dubbi aveva scelto di lanciare dal primo minuto Fall, il 18enne senegalese tesserato in settimana ma che si stava allenando da tempo con i crociati. Zommers era comunque rientrato in tempo dallo stage con la Under 21 lettone. In avanti spazio a Lauria e turno di riposo al fin lì sempre presente Melandri. Lo stadio Ballarin a causa della fatiscenza delle curve (chiuse) ha visto la capienza ridotta a meno di mille posti ed è per più di metà gialloblù grazie alla bella coreografia degli oltre cinquecento tifosi arrivati in Laguna.

I veneti, schierati con il 4-3-3, iniziano con un bel piglio, e sono loro a scoccare le prime due conclusioni, peraltro fuori bersaglio, verso la porta di Fall. Sull'altro fronte Lauria e Baraye peccano di frenesia e sbagliano la misura di diversi gesti tecnici. La Clodiense appoggia i suoi tentativi di ripartenza sulla punta centrale Simunac, un ariete che ricorda nelle movenze Bonazzoli e che sa mettere giù e difendere i palloni. Il primo tentativo offensivo del Parma è di Lauria su punizione al 14' ma il portiere Okroglic respinge la botta arrivata da posizione defilata. Lo stesso portiere un minuto dopo si stende in tuffo per deviare un tiro dal limite di Baraye imbeccato dalla sponda di Longobardi. Al 18' bravo Ricci a scappare palla al piede rimettendo poi la palla in mezzo dove Baraye in anticipo viene steso nella lunetta dell'area. Calcia la punizione Corapi che scavalca la barriera ma trova ancora Okroglic bravo a deviare in tuffo. Di poco a lato una girata da dentro l'area di Baraye al 23'. Al 28' passa il Parma, Baraye serve sulla trequarti Ricci che di prima metta la palla sulla corsa di Corapi, smarcandolo davanti al portiere. Freddissimo il regista crociato, con un bel cucchiaio scavalca Okroglic spedendo la sfera in rete. Sfiora il pareggio la squadra di casa al 31' quando su morbido cross di Boscolo Berto Prelcec sfiora di testa mandando la palla fuori di un soffio. Al 35' piccolo pasticcio del giovane Fall che prima sbaglia il rinvio dal fondo poi recupera il pallone respinto da Lucarelli, lo porta a spasso e, pressato, lo raccoglie con la mani quando secondo l'arbitro non è ancora dentro l'area. Punizione e ammonizione, ma per fortuna non ci sono altre conseguenze. Il Parma sfiora il raddoppio al 43' quando Lauria lancia in verticale Longobardi il cui tocco è respinto in uscita a terra dal portiere. All'intervallo il vantaggio dei crociati è meritato e il solo gol di scarto non rispecchia l'andamento della frazione.

Senza ostacoli

Poco male, perché i crociati rimediano subito: al 5' infatti Lauria fugge sulla destra e dal fondo crossa verso il palo lontano, Baraye va in cielo e con una sorta di terzo tempo sovrasta Marchioron e schiaccia di testa in rete. E' il primo frutto del passaggio al 4-4-2 in cui Baraye gioca spesso addirittura davanti a Longobardi ed anche la sua sesta rete in campionato. La gara si srotola poi senza sussulti fino al 40' quando Miglietta crossa da sinistra, Lauria di testa appoggia indietro e Longobardi con una bella girata volante da centro area centra la traversa. Dopo resta il tempo per una ammonizione inutile rimediata da Adorni e per un bel diagonale di Simunac prima che Miglietta infili da centro area il 3-0 su assist di Melandri e bel velo dell'appena subentrato Sereni. Una bella azione costruita dai tre giocatori entrati dalla panchina, cosa assai significativa sullo spessore della rosa crociata.

Un'altra festa

I tifosi hanno dato spettacolo come la squadra e in questa stagione si stanno divertendo. Adesso i crociati sono solitari in vetta e giovedì sono attesi a Cervia dalla Ribelle, già superata (ma in campo c'erano formazione alternative) in Coppa Italia. In questo momento non ci sono nuvole all'orizzonte: L'unica potrebbe formarsi nella difficoltà da parte di Apolloni nel dare a tutti lo spazio che reclamano. Ma le vittorie sono la miglior sordina a eventuali mugugni, e questo Parma sembra non voler smettere di vincere. Che è poi il modo più sicuro per arrivare in Lega Pro.

Tre gol tre punti e tantissimo morale

Paolo Emilio Pacciani

E' vero, si giocava in casa dell'ultima in classifica, ma proprio contro la Clodiense il Forlì (altra pretendente alla promozione insieme a Parma e Altovicentino) era stato costretto al pareggio. E l'esperienza di Budrio invitava a non dare nulla per scontato.

Ecco, il Parma ha fatto tesoro del pareggio con il Mezzolara e ieri ha giocato da grande squadra senza lasciare scampo ai veneziani. Al punto che l'esordiente Fall non si è in pratica nemmeno sporcato i guantoni.

Una prova di forza, quella offerta dal Parma in laguna, che ribadisce il concetto già espresso sin dall'esordio stagionale: quella di Apolloni è la squadra più forte del girone e vuole vincere il campionato senza che il suo primato sia mai messo in discussione. Lo ha fatto nello scontro diretto con l'Altovicentino (che ieri ha battuto il Forlì e scavalcato il Lentigione, battuto dall'Arzignanochiampo) e lo ha ribadito anche nelle sfide contro squadre ben più deboli.

Ieri a segnare sono stati due giocatori come Corapi e Miglietta che non avevano ancora iscritto il proprio nome nella classifica marcatori, ma anche Baraye, che ancora una volta si è dimostrato un “fuori categoria” per la serie D. Come aveva “pronosticato” Andrea Galassi, nell'intervista concessa lunedì alla Gazzetta di Parma: il senegalese «è forte anche di testa, e ve ne accorgerete appena farà un gol anche così». Detto, fatto. E bravo Baraye che partita dopo partita dimostra di voler approfittare dell'opportunità che gli offre il Parma per entrare nel calcio professionistico dalla porta principale: vincendo.

Non meno significative sono le altre due reti. Quella di Corapi, bellissima, premia uno dei giocatori più talentuosi del Parma, un giocatore dai piedi buonissimi (non solo per la serie D) che finora aveva solo sfiorato il gol. Quella di Miglietta è una vera e propria iniezione di fiducia per un giocatore arrivato a Parma con la prospettiva di essere titolare inamovibile e che finora ha dovuto fare la riserva, seppure di lusso.

Nelle prossime settimane il Parma potrà capire ancora meglio quale sarà il suo futuro: prima la trasferta di Cervia contro la Ribelle (giovedì), poi gli “scontri diretti” con Forlì (al Tardini) e Lentigione (a Brescello). Se la risposta sarà analoga a quella data contro l'Altovicentino Apolloni potrà essere soddisfatto.

Le pagelle di Paolo Grossi

FALL 6

Non si può dire che sia bello da vedere, né che dia tranquillità quando ha la palla tra i piedi ma abbiamo fiducia in Fulgoni e se lui ci ha visto del talento probabilmente presto lo vedremo anche noi.

ADORNI 6,5

Ha un po' macchiato una prova maiuscola con un'ammonizione da amatori nel finale, ma prima è stato bravissimo in entrambe le fasi. Impressiona in particolare la calma olimpica con cui affronta ogni situazione.

CACIOLI 6,5

Di testa le ha prese quasi tutte, ha accusato qualche sbavatura in fase di impostazione e in avvio ha un po' sofferto l'ariete della Clodiense. Resta comunque una garanzia e il confronto con i centrali avversari è sempre tutto a suo favore.

LUCARELLI 7

Gran bella partita, in cui il capitano ha definitivamente dimostrato di essersi calato con efficacia nella nuova categoria senza accusare scompensi e anzi fungendo da esempio per il gruppo.

SAPORETTI 6,5

Come sempre spinge poco e preferisce tenere la posizione per coprire meglio la difesa. Pur non avendo piedi raffinati pare però in netta crescita.

GIORGINO 7

E' uno spettacolo vederlo muoversi nel traffico del centrocampo perché ha un istinto, un mestiere e anche una tecnica che sono di categoria superiore.

CORAPI 7

Gran bel gol e buon lavoro in mezzo per l'ormai solita oretta in cui Apolloni lo tiene in campo. Ci aveva provato anche su punizione, ma il portiere era stato bravo.

MIGLIETTA 7

Ha fatto passi da gigante dal giorno del suo arrivo e il gol di ieri è un segnale importante. Speriamo lo aiuti a sbloccarsi del tutto.

LAURIA 7

All'inizio ha sbagliato molto per troppa frenesia, poi pian piano è cresciuto sino a confezionare l'assist per Baraye e quello per Longobardi che ha centrato la traversa.

BARAYE 7

Un po' a rilento nel primo tempo, in cui comunque cerca la via del gol due volte, si trova subito meglio come attaccante vicino a Longobardi, tanto che va in rete appena si sposta in avanti. Anche lui pare sempre di passaggio in D.

MELANDRI 6,5

Qualche spunto in velocità e l'assist per il 3-0.

RICCI 7

La prima segnatura è in buona parte merito del suo illuminante tocco per Corapi. Oltre alla corsa, alla grinta e al tiro ha insomma mostrato anche numeri di alta tecnica. Probabilmente è l'Under più forte del girone.

SERENI

Tre minuti in campo e un elegante velo sul gol di Miglietta.

Il migliore

LONGOBARDI 7

Per noi il migliore. Gli manca il gol perché la sua girata centra la traversa ma i movimenti e i ripiegamenti sono oro colato per la squadra. Lavora tantissimo con verve e intelligenza. Impagabile.

ALL.APOLLONI 7

Bada al sodo e limita al minimo il turn over, Ieri però ha avuto risposte positive. La squadra ha giocato coralmente, costruito tre gol molto belli, rischiato poco o nulla. Avanti così e sarà più facile gestire una rosa molto ampia.

Arbitro

VIGILE 7

Ha lasciato molto correre senza mai perdere le redini del match. Ottimamente coadiuvato da assistenti ben concentrati non ha praticamente sbagliato nulla. Davvero bravo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • hal

    12 Ottobre @ 12.06

    Forza ragazzi

    Rispondi

  • parmigianoreggiano

    12 Ottobre @ 10.01

    parmigianoreggiano

    WOW

    Rispondi

  • DAVIDE

    12 Ottobre @ 09.54

    Come avevo pronosticato venerdì, ci sarebbero state delle sorprese domenica sera (vedi Lentigione). E puntualmente si è avverato ! Era comunque prevedibile. Ora però attenzione a giovedì pomeriggio nel turno infrasettimanale. Turno molto molto difficile (non sono matto !). L'euforia, la consapevolezza della forza, il rilassamento potrebbero giocare brutti scherzi con la Ribelle (giocano a Cervia tra l'altro per richiamare più pubblico possibile: cioè quelle 10/15 persone in più !). Occhio quindi. La lezione l'abbiamo già imparata (Mezzolara docet) ma comunque massima attenzione: non si sa mai.....

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

turku

Finlandia, c'è anche un'italiana tra i feriti a colpi di coltello. La Polizia: "E' terrorismo"

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti