19°

29°

BANCAROTTA FRAUDOLENTA

Crac Parma calcio, indagato Galliani

Il Milan: "Operazione Paletta perfettamente regolare"

Adriano Galliani
Ricevi gratis le news
9

Colpo di scena nell'inchiesta sul crac del Parma calcio. Spunta anche il nome di Adriano Galliani: l'amministratore delegato e vicepresidente vicario del Milan è indagato per concorso in bancarotta fraudolenta. Nella richiesta di proroga delle indagini, in arrivo in questi giorni ai vari indagati, compare solo il tipo di reato. Nulla si dice sul merito, ma pare che al centro dell'accusa ci sia la cessione di un giocatore dal Parma al Milan. Leggi i dettagli sulla Gazzetta di Parma.

Georgia Azzali

E' in casa Milan da quasi trent'anni, Adriano Galliani. Mai un incarico nel Parma calcio, ma spunta anche il suo nome tra gli iscritti nel registro degli indagati per il crac della vecchia società crociata: concorso in bancarotta fraudolenta per l'ad (con delega all'area sportiva) e vicepresidente rossonero, oltre che numero due della Lega calcio. Nei giorni scorsi dalla procura di Parma sono partite le richieste di proroga delle indagini per l'ufficio del giudice delle indagini preliminari. E, da lì, le notifiche sono state indirizzate ai vari indagati, ma non è detto che tutti abbiano già ricevuto l'atto, con il contestuale avviso di garanzia. Galliani, insomma, potrebbe non essere ancora a conoscenza dell'iscrizione a registro.

In ogni caso, sul documento di proroga delle indagini, come sempre avviene, compariranno pochissime parole: solo gli articoli che identificano il reato di concorso in bancarotta fraudolenta. Nulla più. Il diretto interessato non può conoscere nel merito ciò che gli viene contestato. E dalla procura non trapela alcun dettaglio sul contenuto dell'accusa.

Ma è chiaro che bisogna scavare nei rapporti tra le società. Negli affari tra i club crociato e rossonero, quando il Parma stava già franando sotto il peso dei debiti. Al centro dell'accusa nei confronti di Galliani, ci sarebbe la cessione di Gabriel Paletta, l'italo-argentino acquistato dal Milan durante il mercato dello scorso gennaio e passato in prestito all'Atalanta ad agosto. Allora, ci fu chi accusò il Parma di aver «svenduto» uno dei gioielli di famiglia. La cessione del difensore fu ufficializzata il 2 febbraio, anche se già da giorni giravano voci sul possibile addio del giocatore, e 24 ore prima fu Donadoni stesso a parlare della vendita, dopo aver incassato tre gol dal Milan a San Siro: «Paletta in panchina? E' un giocatore che il Parma ha ceduto, se no l'avrei fatto giocare. Va al Milan? Non lo so - precisò -, ma non è un discorso che mi riguarda, dico solamente che non è più nostro».

E la storia fu quella. Paletta sbarcò al Milan. Si parlò di circa 2 milioni e mezzo di euro sborsati dal club rossonero alla società parmigiana. Ma quanto pagò effettivamente il Milan? E, soprattutto, la cifra corrispondeva al valore reale del giocatore, o Paletta fu preso «sottocosto»? L'ipotesi degli inquirenti sarebbe infatti quella di una cessione a un prezzo decisamente inferiore alla quotazione del difensore. Talmente basso da creare un ulteriore depauperamento del patrimonio societario, contribuendo così ad aggravare il dissesto. Da qui, deriverebbe l'ipotesi - tutta da provare - di concorso in bancarotta fraudolenta per l'amministratore delegato del Milan.

Ghirardi aveva già detto addio al Parma, quando Paletta cambiò casacca. Ma dall'11 dicembre 2014, quando fu comunicata ufficialmente la vendita della società, fino ai primi di febbraio, giorni in cui divenne ufficiale la vendita di Paletta, alla guida del Parma ci fu un vertiginoso turn over di presidenti: Pietro Doca, orefice di origine albanese legato a Rezart Taci, Fabio Giordano (poi, senza ufficializzazioni, pare anche il padre Pasquale) ed Ermir Kodra, un 29enne albanese, già funzionario della raffineria di Taci. L'uomo a cui Ghirardi rivelerà di aver venduto la società, ma che non è mai uscito ufficialmente allo scoperto. Poi, arriverà anche l'ineffabile Giampietro Manenti, ma la cessione di Paletta era già stata conclusa. Portata a termine con Galliani dagli uomini della dirigenza gialloblù rimasti in società anche dopo l'uscita di scena di Ghirardi.

Concorso in bancarotta fraudolenta: solo un'ipotesi di reato, per ora. Perché è chiaro che per portare a processo Galliani, bisognerà dimostrare il dolo. Traducendo, sarà necessario provare che l'amministratore delegato rossonero era a conoscenza della situazione disastrosa del Parma, eppure consapevolmente portò a termine una trattativa che avrebbe fatto incassare al club crociato meno di quanto gli spettasse, contribuendo così ad aggravare il dissesto.

Insomma, la posizione dell'ad rossonero potrebbe anche essere archiviata alla fine dell'inchiesta. Ma per ora il suo nome è scritto nero su bianco nel registro degli indagati. 


IL MILAN: "PALETTA, OPERAZIONE REGOLARE". "In relazione alle notizie diffuse in ordine all'iscrizione di Adriano Galliani nel registro degli indagati del Tribunale di Parma con riguardo all'acquisto del calciatore Paletta, l’A.C. Milan sottolinea la perfetta regolarità dell’operazione ed è certo che identica sarà la valutazione dei magistrati competenti": è quanto afferma il club rossonero in un comunicato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • hal

    13 Ottobre @ 20.20

    Defrel di cui il cartellino era del parma e finito a cesena gratis grazie sl fallimento E stato venduto dal cesena per circa 7 mil di euro questi p***i del cesena dopo il guadagno hanno dato al parma 50 mila euro che non sono finiti ai curatori fallimentare per pagare dipendenti fornitori ecc bensi' alla lega calcio questa e' l'italia dello sport

    Rispondi

  • hal

    13 Ottobre @ 20.12

    Non gli fanno nulla a questo e difeso dsi migliori avvocati di milsno

    Rispondi

  • Vercingetorige

    13 Ottobre @ 19.49

    IN EFFETTI , PERO' , QUESTA STORIA , COSI' COME CI VIENE RACCONTATA , FA ACQUA COME UN GOMMONE DALLA LIBIA . L' accusa a Galliani sarebbe di avere comperato Paletta ad un prezzo molto più basso del suo valore effettivo , contribuendo così al dissesto del "Parma FC" . Però la cessione è avvenuta a gennaio , quando il "Parma FC" non era più di proprietà di Ghirardi , ma della "Dastraso Holding Limited " , società cipriota con un capitale sociale di 1000 euro , rappresentata , in quell' affare, dagli avvocati Giordano di Roma . Tutti dicevano che il "Deus ex machina" della Dastraso fosse il petroliere albanese Rezart Taçi , che , però , non ha mai ricoperto cariche sociali . Il Presidente del "Parma FC" era Ermir Kodra l' Amministratore Delegato e Direttore Generale Pietro Leonardi . Allora , quanto ha pagato il Milan per Paletta , e a chi ha dato i soldi ? Dove sono finiti quei soldi ? La Magistratura deve sapere cose che noi non sappiamo.

    Rispondi

  • Michela

    13 Ottobre @ 12.09

    Caro Gallo, il nostro caro Leo diceva che Paletta valeva 35 milioni di euro, come mai allora te lo sie portato via per un solo milione???? Qui cè puzza di truffa.

    Rispondi

    • giorgiop

      13 Ottobre @ 15.54

      giorgiop

      ??????????????

      Rispondi

  • Vercingetorige

    13 Ottobre @ 10.53

    GHIRARDI COMINCIA A "CANTARE" ? Lo aveva promesso , ma , finora , mai fatto.

    Rispondi

    • giorgiop

      13 Ottobre @ 12.38

      giorgiop

      Evidentemente ha cominciato con una stonatura. Ammesso che l'abbia fatto, cosa a cui non credo proprio.

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti