-2°

Dramma

Quando in sala parto entra il lutto

Quando in sala parto entra il lutto
0

In Italia una gravidanza su sei finisce con un aborto spontaneo o con la perdita del bimbo al momento del parto. Se ne parlerà giovedì pomeriggio alla biblioteca di Alice, al Parco Ducale. Scopri come, e da chi, i genitori possono essere aiutati ad affrontare il lutto.

Chiara Cacciani

Sembra quasi un lutto fantasma. Forse perchè quella vita è rimasta invisibile agli occhi per tutto il resto del mondo, tranne che per una mamma e un papà. E a volte per una fratellino e una sorellina in attesa di diventare «i maggiori». Forse perchè è così doloroso e paradossale affrontare la morte di una vita non ancora nata, che si vorrebbe subito cancellare. Invece ha un nome, si chiama morte perinatale, e racconta di quelle gravidanze - in Italia una su sei, 2500 famiglie l'anno coinvolte - che si interrompono con aborto spontaneo o che si chiudono con la perdita del figlio al momento del parto. E' per rompere il silenzio che circonda le famiglie, per informare e anche per sensibilizzare i professionisti sanitari che in tante parti del mondo il 15 ottobre si celebra la Giornata mondiale della consapevolezza sulla morte perinatale. E quest'anno anche Parma celebra la «Babyloss awareness day».

L'appuntamento è alle 16 alla biblioteca di Alice, al Parco Ducale, con l'accoglienza e la distribuzione del materiale informativo. Poi alle 17 ci sarà la lettura di una favola per bambini e quello ciò che lega i «babyloss» dall'Australia alla Norvegia: l'onda di luce, l'accensione delle candeline della consapevolezza.

Ad organizzare l'appuntamento parmigiano è l'associazione Ciao Lapo onlus, che a Parma ancora non è ancora presente ma ha trovato l'appoggio della referente del Mippe (Movimento italiano psicologia perinatale) Erika Vitrano.

E' lei che - affiancata dall'ostetrica premio Sant'Ilario 2014 Clelia Buratti e dalla psicoterapeuta Eleonora Russo, vicepresidente di Futura - ha creato la rete dell'evento alla Biblioteca di Alice: dal Comune al Collegio Ostetriche, dall'associazione Futura a Anep, Semi per la Sids, Il Mondo e La Cova. In attesa che da questa giornata possa partire un percorso di iniziative dedicati alle famiglie.

«Il 15 ottobre non sarà ancora un momento per confrontarsi e scambiarsi esperienze, ma una prima opportunità per prendere contatto e rompere questo tabù – spiega Erika Vitrano – Il lutto in generale è un tabù, ma in questo caso, in particolare, i genitori si ritrovano soli». L'esempio è brutale ma efficace: «Si cerca di sostituire, spesso lo chiede il mondo intorno: magari pensando subito a un'altra gravidanza. Come quando muore il cane di famiglia e se ne prende subito un altro. Invece in nessuno di questi casi è utile sostituire». «Nei familiari, negli amici, è una situazione che provoca disagio, che crea le frasi «siete giovani, avete tutta la vita davanti, meglio ora, prima della nascita, che dopo».

Si tende a minimizzare. ovviamente in buona fede. E invece le coppie che hanno perso il loro bambino hanno bisogno che si riconosca il loro dolore, lasciando spazio e tempo per affrontarlo. E' un evento inaspettato e paradossale. Nemmeno chi è stato informato di una gravidanza a rischio è preparato, nè è immune, o è facilitato».

Anche perchè si mescolano sensi di colpa e nostalgia, senso di fallimento e ansia. Cosa si può fare, dunque? «Sarebbe bello e importante che le famiglie riuscissero a salutare il bambino - continua la psicologa -. Anche perchè spesso la mamma lo partorisce, il parto vaginale chiude il ciclo della gravidanza e la produzione degli ormoni del parto aiuta ad avere una ripresa migliore. Sembra tremendo, ma rispetto a chi in queste situazioni ha subito un cesareo, le madri che hanno partorito il loro bambino raccontano di aver superato meglio la separazione da lui e di aver tenuto un ricordo prezioso».

Anche medici e ostetriche sono chiamati in causa. «Gli operatori devono essere preparati a gestire queste situazioni. Una mamma che ha perso il suo bimbo ha bisogno di rispetto: è necessario tenerla lontano da dove ci sono altre mamme con bimbi vivi. E poi i genitori devono avere la possibilità di restare con il loro bambino». E' difficile affrontare questi aspetti - anche ascoltarli e scriverne - ma «per trenta minuti dal parto il bimbo, anche se nato morto, resta caldo e morbido: bisogna dare alle mamme la possibilità di tenerlo con sè, abbracciarlo, vestirlo, anche fotografarlo o prendere l'impronta della sua manina o del suo piede, se lo desiderano. Al momento le reazioni possono essere quelle di non volerne sapere nulla, di cancellare. Ma sappiano che chi non ha voluto o potuto salutare il suo bimbo poi lo rimpiange, e racconta di aver perso qualcosa di importante». Anche per il futuro.

Un'associazione per aiutare i genitori

Sono tre milioni i bimbi «mai nati» ogni anno nel mondo. Circa 2500 famiglie in Italia ogni anno perdono il loro bambino nell'ultimo trimestre di gravidanza o nelle prime ore di vita. Nel 70% dei casi si individuano le cause della morte, ed è un grande aiuto per lo studio della morte in gravidanza. L'Emilia Romagna è tra le regioni più all'avanguardia. Resta però tanto da fare quando le mamme e i papà restano soli con il loro dolore. Nei prossimi mesi anche a Parma l'associazione Ciao Lapo proverà a diventare un punto di riferimento.

..................................

Mamma: news da Parma e dal mondo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve un presidio fisso: ma non di militari"

7commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

29commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

terrorismo

Bild, jihadisti pronti ad attacchi chimici in Germania

SOCIETA'

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

consigli

Come superare un colloquio di lavoro in inglese in 9 domande

SPORT

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto