20°

Dramma

Quando in sala parto entra il lutto

Quando in sala parto entra il lutto
0

In Italia una gravidanza su sei finisce con un aborto spontaneo o con la perdita del bimbo al momento del parto. Se ne parlerà giovedì pomeriggio alla biblioteca di Alice, al Parco Ducale. Scopri come, e da chi, i genitori possono essere aiutati ad affrontare il lutto.

Chiara Cacciani

Sembra quasi un lutto fantasma. Forse perchè quella vita è rimasta invisibile agli occhi per tutto il resto del mondo, tranne che per una mamma e un papà. E a volte per una fratellino e una sorellina in attesa di diventare «i maggiori». Forse perchè è così doloroso e paradossale affrontare la morte di una vita non ancora nata, che si vorrebbe subito cancellare. Invece ha un nome, si chiama morte perinatale, e racconta di quelle gravidanze - in Italia una su sei, 2500 famiglie l'anno coinvolte - che si interrompono con aborto spontaneo o che si chiudono con la perdita del figlio al momento del parto. E' per rompere il silenzio che circonda le famiglie, per informare e anche per sensibilizzare i professionisti sanitari che in tante parti del mondo il 15 ottobre si celebra la Giornata mondiale della consapevolezza sulla morte perinatale. E quest'anno anche Parma celebra la «Babyloss awareness day».

L'appuntamento è alle 16 alla biblioteca di Alice, al Parco Ducale, con l'accoglienza e la distribuzione del materiale informativo. Poi alle 17 ci sarà la lettura di una favola per bambini e quello ciò che lega i «babyloss» dall'Australia alla Norvegia: l'onda di luce, l'accensione delle candeline della consapevolezza.

Ad organizzare l'appuntamento parmigiano è l'associazione Ciao Lapo onlus, che a Parma ancora non è ancora presente ma ha trovato l'appoggio della referente del Mippe (Movimento italiano psicologia perinatale) Erika Vitrano.

E' lei che - affiancata dall'ostetrica premio Sant'Ilario 2014 Clelia Buratti e dalla psicoterapeuta Eleonora Russo, vicepresidente di Futura - ha creato la rete dell'evento alla Biblioteca di Alice: dal Comune al Collegio Ostetriche, dall'associazione Futura a Anep, Semi per la Sids, Il Mondo e La Cova. In attesa che da questa giornata possa partire un percorso di iniziative dedicati alle famiglie.

«Il 15 ottobre non sarà ancora un momento per confrontarsi e scambiarsi esperienze, ma una prima opportunità per prendere contatto e rompere questo tabù – spiega Erika Vitrano – Il lutto in generale è un tabù, ma in questo caso, in particolare, i genitori si ritrovano soli». L'esempio è brutale ma efficace: «Si cerca di sostituire, spesso lo chiede il mondo intorno: magari pensando subito a un'altra gravidanza. Come quando muore il cane di famiglia e se ne prende subito un altro. Invece in nessuno di questi casi è utile sostituire». «Nei familiari, negli amici, è una situazione che provoca disagio, che crea le frasi «siete giovani, avete tutta la vita davanti, meglio ora, prima della nascita, che dopo».

Si tende a minimizzare. ovviamente in buona fede. E invece le coppie che hanno perso il loro bambino hanno bisogno che si riconosca il loro dolore, lasciando spazio e tempo per affrontarlo. E' un evento inaspettato e paradossale. Nemmeno chi è stato informato di una gravidanza a rischio è preparato, nè è immune, o è facilitato».

Anche perchè si mescolano sensi di colpa e nostalgia, senso di fallimento e ansia. Cosa si può fare, dunque? «Sarebbe bello e importante che le famiglie riuscissero a salutare il bambino - continua la psicologa -. Anche perchè spesso la mamma lo partorisce, il parto vaginale chiude il ciclo della gravidanza e la produzione degli ormoni del parto aiuta ad avere una ripresa migliore. Sembra tremendo, ma rispetto a chi in queste situazioni ha subito un cesareo, le madri che hanno partorito il loro bambino raccontano di aver superato meglio la separazione da lui e di aver tenuto un ricordo prezioso».

Anche medici e ostetriche sono chiamati in causa. «Gli operatori devono essere preparati a gestire queste situazioni. Una mamma che ha perso il suo bimbo ha bisogno di rispetto: è necessario tenerla lontano da dove ci sono altre mamme con bimbi vivi. E poi i genitori devono avere la possibilità di restare con il loro bambino». E' difficile affrontare questi aspetti - anche ascoltarli e scriverne - ma «per trenta minuti dal parto il bimbo, anche se nato morto, resta caldo e morbido: bisogna dare alle mamme la possibilità di tenerlo con sè, abbracciarlo, vestirlo, anche fotografarlo o prendere l'impronta della sua manina o del suo piede, se lo desiderano. Al momento le reazioni possono essere quelle di non volerne sapere nulla, di cancellare. Ma sappiano che chi non ha voluto o potuto salutare il suo bimbo poi lo rimpiange, e racconta di aver perso qualcosa di importante». Anche per il futuro.

Un'associazione per aiutare i genitori

Sono tre milioni i bimbi «mai nati» ogni anno nel mondo. Circa 2500 famiglie in Italia ogni anno perdono il loro bambino nell'ultimo trimestre di gravidanza o nelle prime ore di vita. Nel 70% dei casi si individuano le cause della morte, ed è un grande aiuto per lo studio della morte in gravidanza. L'Emilia Romagna è tra le regioni più all'avanguardia. Resta però tanto da fare quando le mamme e i papà restano soli con il loro dolore. Nei prossimi mesi anche a Parma l'associazione Ciao Lapo proverà a diventare un punto di riferimento.

..................................

Mamma: news da Parma e dal mondo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Maxi-sequestro di armi da guerra in provincia. In manette in cinque

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

1commento

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

9commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

4commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

roma

Massacrato dal branco: fermati due fratelli. Si nascondevano da parenti

Salute

Ausl, caso di meningococco nell'Appennino reggiano

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017