15°

28°

intervista

Don Scaccaglia: «Salvato per un soffio»

Don Scaccaglia: «Salvato per un soffio»
Ricevi gratis le news
6

Dopo tre mesi di ospedale, don Luciano Scaccaglia è tornato nella parrocchia di Santa Cristina: «Sto benino. Devo ringraziare Luigi Roncoroni». - Leggi ora la versione integrale dell'articolo

Luca Molinari

La voce è fioca e il volto provato dalla malattia, ma il calore è quello di sempre. Don Luciano Scaccaglia, il «pretaccio» di Santa Cristina, ci apre la porta di casa col sorriso. Il sacerdote 79enne ripercorre il calvario di questi mesi - durante i quali ha rischiato la vita - con lucidità e senza filtri, trasformando l'esperienza di malato in una testimonianza carica di fede e speranza.

Don Scaccaglia come ci si sente nel tornare a casa dopo tre mesi d’ospedale e case di cura?

«Adesso sto benino, ma devo ancora riprendere pienamente le mie forze. Tutto è iniziato il 17 giugno, quando sono stato operato da Luigi Roncoroni: un intervento molto delicato per un tumore al pancreas. Mi hanno salvato per un soffio, devo ringraziare Roncoroni e la sua equipe per la professionalità che hanno dimostrato anche questa volta».

Anche?

«Ho 79 anni e nell’ultima parte della mia vita ho avuto due operazioni delicate. La prima è avvenuta nel 2002 per una colecistite acuta. Anche allora stavo per morire e fu sempre Roncoroni a operarmi. In ospedale, scherzando, mi hanno chiesto se avevo sette vite come i gatti dato che anche stavolta mi hanno salvato in corner».

Come sono stati questi mesi?

«Sono stato al Maggiore è poi alle Piccole Figlie fino a poco tempo fa. Mi sono ripreso poco per volta, ma ho sofferto tanto. Soprattutto in ospedale ho trascorso giorni tremendi perché non riuscivo a dormire la notte. L’esperienza di non riuscire a dormire, soprattutto per un malato, è terribile perché non arriva mai la mattina. E’ un’attesa infinita ogni notte. L’esperienza del dolore ti matura perché capisci che non sei nulla e ti trovi a dipendere totalmente dagli altri a causa della tua fragilità assoluta. Sono momenti difficili e anche un po’ umilianti. Solo quando ti ammali comprendi realmente cos’è la malattia e cosa provano i malati. Come preti spesso andiamo a fare visita ai malati, ma molto spesso si rimane al di là della malattia, limitandosi a recitare una preghiera e pronunciare belle parole. In ospedale sono passati numerosi parrocchiani a salutarmi. Quando mi trovavo alle Piccole Figlie era ricoverato anche un altro sacerdote a cui sono molto legato e ho ricevuto la visita di quasi tutti i preti della diocesi. Mi ha fatto molto piacere anche la visita dei quindici ragazzi, tredici africani e due afgani, che ospito nella canonica. Per loro sono come un padre e io li considero dei figli».

Le è mancata molto la parrocchia in questi mesi?

«I primi tempi le celebrazioni sono state affidate ai Missionari Saveriani, ma i miei parrocchiani e collaboratori si sono impegnati per mandare avanti la parrocchia. Ogni domenica dopo la messa delle 11 si ritrovavano per stabilire chi curava la liturgia e i canti, chi la parte economica e chi quella pastorale. Per certi versi la vita pastorale della parrocchia è andata avanti meglio rispetto a quando c’era il parroco. Scherzi a parte questa esperienza ha fatto maturare molto i laici trasformando la loro presenza da passiva ad attiva».

Ha già celebrato qualche funzione?

«Sono già stato in chiesa, ma non ho ancora celebrato la messa perché faccio fatica a parlare. In questo periodo sono affiancato da don Corrado Mazza, il parroco delle chiese confinanti, che considero un fratello. Mi aiuta a portare avanti la parrocchia e ogni mercoledì vado nella sua canonica per il catechismo ai ragazzi. Cantiamo e preghiamo assieme. Sono i bambini a darmi la forza di riprendere la routine. Poco alla volta sto tornando a una pastorale viva. Tra due settimane spero di celebrare la messa. Sarà una grande festa di un padre, o meglio di un nonno che è risorto e che riabbraccia i propri figli e nipoti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuseppe

    20 Ottobre @ 10.12

    Un prete non solo di strada ma coscienzioso verso gli umili,i poveri , gli affamati e in particolare verso tutte le etnie senza distinzioni.Penso che oggi preti del genere non ne esistono tanti ,personaggi scomodi in particolare alla gerarchia della Chiesa e ai bigotti che la seguano, non c'è niente di meglio a servire DIO come l'esempio di Padre Scaccaglia. Un augurio sincero di salute e stia con noi per tanto tempo ancora abbiamo bisogno della sua voce.

    Rispondi

  • marirhugo

    18 Ottobre @ 13.10

    13 africani e due aghani. Ma il popolo non protesta? Molto strano, visto quello che si legge di solito qui sopra... e tutti i sondaggi..

    Rispondi

  • paolo

    17 Ottobre @ 18.51

    don luciano:l'erede di padre Lino, auguri <pretaccio>parma e i parmigiani hanno bisogno di te'

    Rispondi

  • fortunato

    17 Ottobre @ 16.29

    ce ne fossero di parroci come lei, auguri don Luciano.

    Rispondi

    • danila

      17 Ottobre @ 17.59

      condivido

      Rispondi

  • Remo

    17 Ottobre @ 10.03

    don Luciano, grande "prete di strada"!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Il caffè? Lo pago con la carta

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

CALCIO

D'Aversa si racconta

OSPEDALE

Il Maggiore: «Sostituiremo al più presto le sonde rubate»

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti