19°

29°

Preferenziali

Quelle 16mila multe in un mese

Corsie bus, 16mila multe in un mese
Ricevi gratis le news
82

In meno di un mese sono decine di migliaia gli automobilisti vittime (ma anche colpevoli) degli «occhi elettronici» entrati in funzione il 22 settembre nelle corsie preferenziali

Luca Molinari

Sedicimila multe in un mese. Le telecamere attivate per controllare l’accesso alle corsie preferenziali dei bus hanno fatto una strage tra gli automobilisti parmigiani. Il 22 settembre sono stati accesi tre nuovi varchi elettronici all’ingresso delle corsie riservate ai bus in via Zarotto, via Montebello e viale Falcone (in stazione).

Sul tema stamattina Radio Parma ore 9: segui la diretta

Fin dai primi giorni, nonostante le segnalazioni del Comune, il numero di passaggi non consentiti è stato altissimo. «Al 18 ottobre – spiega Giovanni Bacotelli, amministratore unico di Infomobility – i tre nuovi varchi elettronici hanno registrato circa cinquantatremila transiti; oltre sedicimila di questi sono sospetti (ossia a rischio di multa ndr)». Proprio in questi giorni dovrebbero essere recapitate a casa dei parmigiani le prime multe per il passaggio sotto i tre nuovi varchi. «Solitamente serve un mese di tempo prima che si riceva a casa la sanzione – sottolinea Bacotelli – I transiti sospetti infatti vengono trasferiti alla Polizia Municipale che effettua una ulteriore verifica prima di spedire le multe a casa tramite Parma gestione entrate». Il rischio è che nel frattempo qualche automobilista possa essere transitato più volte sotto i varchi. «Non c’è nessuna volontà persecutoria verso i parmigiani – precisa Bacotelli – tengo inoltre a precisare che Infomobility si occupa soltanto della gestione dei varchi, ma non incassa nulla dalle multe». «Purtroppo diverse persone – rimarca Bacotelli – nonostante i controlli della Municipale, erano abituate a utilizzare questi tratti di strada come se non esistessero divieti. In alcuni casi, abbiamo verificato che lo stesso mezzo è passato sotto i nuovi varchi più volte anche lo stesso giorno». Nei giorni successivi all’attivazione dei nuovi varchi, il Comune con una nota aveva comunicato che soltanto nelle prime 24 ore «il varco di Via Montebello ha registrato 502 passaggi totali, quello di via Zarotto 319 e quello della stazione 84 con stime sugli accessi non autorizzati che vanno dal 60% al 90% del totale degli accessi registrati a seconda del varco». Un trend che sembra essere proseguito con gli stessi ritmi per tutto questo mese. In quell’occasione l’Amministrazione comunale aveva inoltre sottolineato che «le corsie preferenziali dei bus sono lo strumento più economico ed efficace a disposizione delle amministrazioni per favorire gli utenti del trasporto pubblico e quindi rendere più appetibile il servizio in termini di puntualità e velocità di esercizio. Il transito per queste vie preferenziali, oltre che essere vietato dal codice della strada ai veicoli privati, causa intralcio del traffico del servizio pubblico e dunque disservizi al sistema di mobilità sostenibile cittadino».

Da qui l’idea di controllare elettronicamente gli accessi, anche per destinare ad altri servizi gli agenti della Municipale impegnati in questo tipo di verifiche. «Con l’implementazione di questi strumenti tecnologici di controllo – conclude la nota - è possibile mantenere costantemente monitorato l’accesso dei mezzi abilitati al passaggio nelle corsie riservate permettendo così di destinare ad altri servizi le forze di polizia municipale che a rotazione venivano destinate per sanzionare i veicoli privati a cui non è consentito l’accesso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Simone

    12 Febbraio @ 11.38

    ..anche io mi aggiungo alla lunga lista di automobilisti che si sono visti recapitare una contravvenzione per aver percorso 100 m. su Via Montebello quando solo l'ultimo pezzo di questa strada diventa riservato ai bus. 90 Euro per aver imboccato una strada che non avevo mai percorso, alle 22 di sera ci sta ero disattento, non trovavo una destinazione, ma mi ricollego a quanto sottolineato da altri commentatori, se segnalato in maniera più evidente non sarei incappato in questo furto legalizzato anche perché quando esci dalla rotonda per imboccare detta via non hai più scampo, subito prima del varco Via Terranova è strada chiusa, di conseguenza devi fare inversione, ma non risulta spontaneo pensare che la fregatura sta negli ultimi 100 metri.

    Rispondi

  • GIGI67

    20 Gennaio @ 18.10

    GIGI67

    Premesso che almeno due di queste corsie preferenziali le ritengo del tutto inutili (quella di Via Zarotto perché si è andata a congestionare Via Torelli e quella di Via Montebello, 100 m di nulla), se i segnali ci sono vanno rispettati, quindi chi becca la multa la paga, e poi magari si dà una ripassata al Codice della Strada, visto che in giro ci sono tanti ma tanti automobilisti "ignoranti" in materia! Mi astengo di esprimermi su quella in zona Stazione.

    Rispondi

  • Sannix

    29 Dicembre @ 22.31

    io lo trovo ingiusto.. a parte che non è segnalato in maniera corretta e l'automobilista non può capire subito se può entrare oppure no.. un semplice varco come quello del lungoparma dove è scritto accesso vietato oppure accesso consentito avrebbe fatto la differenza. e comunque sembra un tentativo molto furbesco di intascare dei soldi che altrimenti qualcuno non riuscirebbe ad incassare. mi piacerebbe che qualcuno del Comune o delle amministrazioni risponda e magari un domani pensi a soluzioni un pò più a favore dei cittadini (ad esempio un max di 1 multa per cittadino al mese) se dal secondo mese è recidivo e continua allora le multe sono legali. inutile fare 50 multe alla stessa persona che magari può aver sbagliato, non esistono solo fuorilegge!!! meditate,, gente (e Comune), meditate

    Rispondi

  • Tiziana

    16 Dicembre @ 18.33

    Anche per poter rapinare legalmente i cittadini!

    Rispondi

  • Vanz

    14 Dicembre @ 12.16

    Io sono uno dei tanti che si è ritrovato con la contestazione per avere transitato sotto alla telecamera di via Montebello..al di là del fatto che ritengo sia una corsia preferenziale inutile,credo che se uno sbaglia è giusto che paghi..però se le telecamere sono messe per monito e non per fare cassa allora invece che far pagare 6 contravvenzioni come al sottoscritto (per un totale di 444 euro,una cifra folle se commisurata al tipo di sanzione),né si fa pagare giustamente una e poi basta...anche perché io avevo già capito lo sbaglio alla prima. Invece il comune notifica dopo un mese e in quel lasso di tempo può succedere il finimondo. Credo sia assurdo notificare più sanzioni per la stessa infrazione per di più nello stesso punto. Ma di fatto è la storia del velox in tangenziale... Il comune ha bisogno di soldi e il modo per tirarli su lo trova..almeno xò che non si renda del tutto legale lo spaccio in giro x la città..

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

2commenti

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

1commento

SPORT

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti