15°

29°

Strognano

Cane da pastore sbranato dai lupi

Cane da pastore sbranato dai lupi
Ricevi gratis le news
129

Il Collie proteggeva un gregge di una quarantina di pecore quando è stato aggredito e dilaniato. Il padrone dice che «gli animali erano nervosi» e che i lupi sono stati avvistati intorno a casa. «E non è la prima volta che accade».

LANGHIRANO

Alex Botti

Titta è stata attaccata nel cortile di casa, trascinata nel bosco e sbranata. Mangiata subito dopo essere stata uccisa mentre cercava di difendere la vita delle pecore del suo gregge.

Titta era un Border Collie di sette anni, addestrata dal suo padrone Giuseppe Chierici dopo averla ricevuta in regalo. Fin dalla giovane età aveva dimostrato uno spiccato istinto per la pastorizia, pagato con la vita.

Il sopralluogo dei veterinari dell’USL su quel che resta del suo corpo ha confermato quello che si pensava: è stato un attacco di lupi.

Il punto dove è successo il tutto è una casa tra Strognano e Mattaleto, in località Vallata. Una casa indipendente non troppo distante dalle altre abitazioni. Qui Giuseppe vive da 20 anni, e fin da quando vi si è trasferito ha sempre avuto le pecore. Sono 40 esemplari quelli che compongono il suo gregge, che fino a pochi giorni fa era protetto appunto da Titta, di giorno e di notte. Ma l’ultima in cui ha fatto la guardia le è stata fatale.

«Era circa una settimana che sia Titta che gli altri cani abbaiavano insistentemente per tutta la notte -racconta Chierici - Per questo motivo ho capito che ci fosse qualcosa che non quadrava e l’ho lasciata libera per proteggere gli altri animali. Alla mattina l’ho cercata ma non riuscivo a trovarla. Ho fatto i miei lavori e nel primo pomeriggio l’ho trovata nel bosco vicino a casa, sbranata».

Un dolore immenso per chi aveva instaurato con lei un legame forte «eravamo sempre insieme e le avevo insegnato a controllare il gregge, tanto che ormai faceva tutto da sola».

Ma oltre il danno c'è anche la beffa: «La sera dopo mi ha chiamato un mio amico per avvisarmi di aver visto due lupi che si avvicinavano a casa mia, infatti poco dopo i miei cani hanno iniziato ad abbaiare, segno che erano nelle vicinanze, insomma probabilmente questi lupi non erano contenti di quello che avevano già fatto, non ne avevano avuto abbastanza. Ora non sono più tranquillo e non so come fare. Un tempo per cento pecore bastava un cane, ora per proteggere una pecora ci voglio cento cani».

L’argomento tanto discusso negli ultimi anni torna alla ribalta, nel trasporto dello sconforto e della rabbia di chi subisce una cosa del genere: «Permettere che questo accada è una mancanza di rispetto nei nostri confronti. Bisognerebbe difendere il nostro lavoro, non crearci questi ostacoli spesso molto pesanti. L’agricoltore è già di per sé in difficoltà per un’infinità di motivi, ed andrebbero aiutati non abbandonati anche a questo».

Chierici parla anche per il ricordo di due episodi simili che risalgono al 2013, in cui gli sbranarono una pecora ed cagnolino, ma non perde lo spirito di questa gente forte che comunque non molla nonostante tutte le difficoltà: «L'ideale sarebbe che i lupi mangiassero le cose brutte. Invece si accaniscono sulle pecore e i cani di uno come me che pensa solo a lavorare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maggie

    01 Dicembre @ 18.12

    si un border collie che è un cane paratore NON da guardiania a difendere il gregge! Raccontatele meno grosse, informatevi un pò dai! I maremmani, i ciarplanina sono da guardia alle pecore, non certo il povero border che le pecore le guida e l a sera dovrebbe dormire col pastore, ma che andiamo dicendo cavolate insieme la panico seminato a manciate

    Rispondi

  • franco

    04 Novembre @ 11.50

    mi dispiace ma a volte bisogna arrendersi ai fatti , certi animali di grossa taglia che vivono, in un ambiente troppo popolato dal'uomo fanno danni e vanno eliminati o per lo meno catturati e portati altrove dove il territorio è meno popolato. chi si oppone a questa idea per me si deve come ho gia detto in un altro commento farsi carico dei danni . perchè i cittadini sono lasciati completamente soli nessuno paga.

    Rispondi

    • jumbler

      04 Novembre @ 13.48

      Anche i danni che hanno fatto i politici, bisognerebbe farli pagare solo a quelli che li han votati e invece tutti ne pagano le conseguenze.....

      Rispondi

      • stefano

        04 Novembre @ 18.53

        Naturalmente chi è a corto di idee tira in ballo cose che non centrano nulla. Io sinceramente se fosse possibile lascerei i figli dei commentatori a favore del lupo una notte in un bosco da soli. poi inviterei i genitori a commentare il giorno dopo. sempre facile prendere parti quando si tratta di affari altrui.

        Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    03 Novembre @ 18.42

    ho letto cose importanti che vorrei riportare. Prima di tutto un rapporto ISPRA. I lupi i Italia sono circa 1800 circa così suddivisi: 57-80 sulle alpi, 1000-1400 sull'appenino centro settentrionale, 200-300 su quello meridionale. La regione con più lupi è la toscana. SPARARE AI LUPI è CONTROPRODUCENTE PERCHè L'ELIMINAZIONE DI UN ALFA FA PERDERE AL BRANCO LE TECNICHE DI CACCIA CHE COSì RIPIEGA SUGLI ANIMALI DA ALLEVAMENTO PIù FACILI DA PREDARE.

    Rispondi

    • stefano

      05 Novembre @ 14.40

      Sto ancora aspettando risposta sulla assoluta importanza per l'ecosistema dei caprioli ma a quanto vedo lei ama lasciare dichiarazioni a metà senza dare spiegazioni. ( lascio correre sul fatto che suo nonno fosse migliore di TUTTI gli emiliani come ha detto ) . Mi piacerebbe conoscere la risposta caro " dottore "

      Rispondi

    • stefano

      03 Novembre @ 20.03

      p.s. SE LO STATO ME LO PERMETTE SONO IN GRADO DI SPARARE A TUTTI I LUPI E LASCIARE STARE GLI ALFA. le sta bene così? Ma perchè in questo paese tutti quelli che arrivano da noi vogliono insegnare???? in meridione non li avete i lupi ma volete insegnare a noi come vivere, pensate agli sciacalli delle vostre parti per piacere, sempre se ne avete il coraggio.

      Rispondi

      • giorgio mezzatesta

        04 Novembre @ 11.56

        1) sono nato a Parma e anche se fossi nato a Reggio Calabria me ne vanterei. 2) a proposito di coraggio, esca dall'anonimato, così capiamo con chi si interagisce. Capisco che per lei può essere una prova estrema, ma ci provi su. Gazzetta mi ero ripromesso di non rispondere più a questa persona, mi scuso.

        Rispondi

        • stefano

          04 Novembre @ 18.29

          Ho messo commento con nome e cognome ma la gazzetta ultimamente non mi pubblica volentieri. Comunque nato a parma non significa nulla, un figlio di ghanesi nato a parma non ne fa un parmigiano. Mi permetta "dottore" ma non è questione di razzismo ma di etnia. Balotelli sarà anche italiano a parole, ma etnicamente parlando rimane africano. come mezzatesta non è di parma. p.s. nulla da dire contro il sud, i miei migliori amici sono del sud, ma non significa che siamo uguali.

          Rispondi

        • giorgio mezzatesta

          04 Novembre @ 19.21

          i miei genitori erano emiliani mentre il nonno era un magistrato calabrese, un uomo retto e perbene come non ce ne sono neanche nell'odierna emilia..dove vive lei. In effetti non siete uguali.....

          Rispondi

        • stefano

          04 Novembre @ 16.42

          solo un problema di registrazione. Stefano Greci.

          Rispondi

      • jumbler

        04 Novembre @ 10.58

        I lupi sono animali meravigliosi e di un'intelligenza incredibile e sono creature viventi adattate per essere in equilibrio e armonia con la natura. Purtroppo i loro nemici non sanno cosa sia l'onore e dalle nostre subdole armi non possono difendersi. Al contrario, la nostra intelligenza è proporzionale soltanto alla cerchia di individui pensanti, e non a tutti i presenti....ragion per cui,continuando a causare squilibri squilibri, è destinato in un ragionevole lasso temporale alla sua meritata estinzione.

        Rispondi

    • stefano

      03 Novembre @ 20.00

      In pratica sta dicendo che da noi non ci sono lupi se non leggo male, Posso sapere dove ha trovato questo rapporto geniale? Non è vero frutto di una guardia forestale del sud che non ha mai messo piede da noi? ce lo garantisce?

      Rispondi

  • stefano

    03 Novembre @ 18.13

    Gazzetta fate un favore ai parmigiani ( o almeno quelli che rimangono ) e abilitate i commenti su facebook. Così lavorate meno e noi parmigiani non siamo soggetti a censura secondo le vostre personali idee. Non solo avete ereditato la gazzetta dagli eroi del 45, anche le idee. A mio modesto parere. Ma i tempi stanno cambiando ancora e voi non vi rendete conto.

    Rispondi

    • 03 Novembre @ 18.37

      Le è già stato ampiamente spiegato che non si tratta di censura, in particolare "secondo le personali idee". Ci sono leggi (come quelle sulla diffamazione a mezzo stampa) e regole che tutti sono/siamo tenuti a rispettare. Tutto qua. Per il resto, chiunque può vedere che pubblichiamo commenti che esprimono le idee più diverse. Anche commenti suoi. Redazione Gazzettadiparma.it

      Rispondi

      • stefano

        03 Novembre @ 20.08

        non siete i miei avvocati o sbaglio? sarò padrone delle mie decisioni senza che voi mi fate da padre o da madre????? la magistratura ha stabilito che i giornali non sono responsabili dei commenti dei lettori ma voi mi sa che ci sentite quando vi fa comodo. Ripeto, fateci un favore e abilitate i commenti su fb

        Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    02 Novembre @ 20.25

    sarebbe utile, ma soprattutto costruttivo, che si dialogasse evitando di "accendersi " troppo. Ognuno di noi pensa di aver ragione e credo che solo coloro che esprimono la propria opinione tranquillamente, senza offendere chi la pensa diversamente, sia dalla parte giusta.

    Rispondi

    • stefano

      03 Novembre @ 09.00

      io non ho mai offeso nessuno. rimango sul fatto che un lupo in cortile è come avere una tigre in salotto. Pericolosi e dannosi. Poi se la mia sicurezza e dei miei animali vuole dire estinzione del lupo chi se ne frega????

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scoppia il motore della barca, si tuffa ma muore annegato

roccabianca

Barca inizia a inabissarsi per una rottura: 75enne si tuffa ma muore annegato

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

5commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

1commento

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

francia

Auto contro due fermate dell'autobus a Marsiglia, un morto. "Pista psichiatrica"

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

tg parma

Agosto 1984, quando i parmigiani andavano alla piscina Ex Enal Video

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti