20°

'NDRANGHETA

Aemilia, ecco i nuovi sequestri a Parma

Aemilia, ecco i nuovi sequestri a Parma
Ricevi gratis le news
5

Un altro maxi sequestro di beni legato alla 'ndrangheta: 30 milioni di beni riconducibili agli imprenditori Palmo e Giuseppe Vertinelli di Montecchio, già in cella. Ma i sigilli sono scattati anche per alcuni immobili e società tra Parma e provincia. Leggi tutti i dettagli.

Georgia Azzali

Gli affari prima di tutto. Anche quando si è dietro le sbarre. I business della 'ndrangheta in terra d'Emilia non si fermano. Tanto da far scattare un nuovo sequestro preventivo per 30 milioni di euro. Al centro del provvedimento, richiesto dalla Dda di Bologna e firmato dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Reggio Emilia, la galassia di società, immobili e soldi riconducibili ai fratelli Palmo e Giuseppe Vertinelli, imprenditori cutresi di Montecchio, tornati in cella a settembre, dopo essere stati arrestati (e poi scarcerati) durante la maxi operazione «Aemilia» dello scorso gennaio. Il Ros, insieme ai comandi provinciali di Reggio Emilia, Parma, Crotone, Aosta e Verona, ha messo sotto sequestro 12 imprese, 71 immobili e 22 auto, oltre a una serie di conti. Nella nostra città sono finiti nel mirino l'unità amministrativa, in via Micheli, della Opera srl di Crotone, e il cantiere di una palazzina in via Pelacani. Sigilli anche per alcuni immobili in provincia: un terreno e alcuni cantieri a Montechiarugolo, in via Verdi e in via Di Vittorio, e altre due unità immobiliari a Soragna, in via Bersaglieri d'Italia. La Opera srl, società di trasporti, è anche proprietaria del 37,92% delle quote del Consorzio stabile Gecoval scrl di Saint-Vincent, che ha sede legale in Valle d'Aosta e due unità amministrative a Crotone e a Parma.

Dalla Val D'Aosta alla Calabria: ecco la ragnatela dei beni dei Vertinelli, in carcere con l'accusa di associazione mafiosa. Imprenditori al servizio del «re» di Cutro, Nicolino Grande Aracri, secondo gli inquirenti. Con un patrimonio fatto di imprese edili, ma anche bar e ristoranti. Palmo, partito come muratore e arrivato nel Reggiano una trentina d'anni fa, risulta anche titolare del ristorante «Millefiori», sulla strada per Calerno, che lo scorso gennaio finì sotto sequestro, insieme ad altri beni riconducibili a lui e al fratello. Altri provvedimenti preventivi scattarono poi a febbraio e luglio.

Colpi pesanti, a cui i due fratelli imprenditori hanno però saputo «reagire». Perché nel frattempo avrebbero creato la società Sime srl, fissando la sede legale a Verona ma soprattutto intestandola a un giovane prestanome. Una nuova realtà, in cui avrebbero poi trasferito i sub appalti che facevano capo alle vecchie imprese finite nella rete dell'inchiesta.

Operazione perfetta. Fino al sequestro di ieri. Perché nella società ex novo, guidata da una testa di legno, è stato possibile trasferire tutti gli asset delle aziende già sequestrate, compresi clienti, fornitori e maestranze. Insomma, il lavoro - e il giro d'affari - erano garantiti.

Un modo per continuare a far soldi. In proprio, ma anche per conto della cosca, secondo gli inquirenti. Perché le aziende dei due imprenditori avrebbero dovuto garantire il riciclaggio dei soldi dell'associazione, attraverso il solito «giochino» delle intestazioni fittizie. Una miriade di piccole realtà, dietro cui mascherare i veri titolari.

Due uomini della cosca, Palmo e Giuseppe Vertinelli, secondo gli inquirenti. Imprenditori «collusi», in rapporto costante con pezzi grossi dell'associazione, tra cui il referente parmigiano Michele Bolognino, ma anche garanti in varie occasioni del rapporto tra la struttura emiliana e «Mano di gomma», il grande capo Grande Aracri. E proprio con Bolognino, residenza ufficiale a Locri ma case a Gattatico e Parma, i fratelli Vertinelli si sarebbero accordati per il passaggio della gestione occulta della società Millefiori e del ristorante «Il Cenacolo del pescatore».

Molte attività al di là dell'Enza. Ma le conoscenze - e gli affari - dei Vertinelli arrivavano anche a Parma. La società immobiliare Top service, con sede in via Bologna, faceva parte della loro galassia, ma anche la srl Opera di Crotone aveva qui una sua costola. E l'impresa edile di famiglia ha lavorato a lungo in vari cantieri della provincia. Un'ampia rete di investimenti e interessi. Nel nome di Grande Aracri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Eddard

    01 Novembre @ 09.54

    castamerains@gmail.com

    Da sempre, sarà 30 o 40 anni che a montecchio si sa di questi signori ma nessuno sapeva tra carabinieri polizia guardia di finanza!?!? Questo stato è marcio fino al midollo...

    Rispondi

  • Eddard

    01 Novembre @ 02.45

    castamerains@gmail.com

    Da sempre, sarà 30 o 40 anni che a montecchio si sa di questi signori ma nessuno sapeva tra carabinieri polizia guardia di finanza!?!? Questo stato è marcio fino al midollo...

    Rispondi

  • Massimiliano

    31 Ottobre @ 18.48

    Beh, commenti contro questi loschi figuri, pochi, pochissimi parmigiani, che si nascondono dietro un nick name, hanno il coraggio di scriverne. Dal mio invece, pochi giorni ne feci uno lunghissimo, con tanto di nomi e cognomi. Ma si sa che i parmigiani sono ignavi e vigliacchi......

    Rispondi

  • Roberto

    31 Ottobre @ 18.28

    Nessun commento contro questi personaggi che fanno affari a casa nostra?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro