-1°

12°

Val d'Enza

Ladri in casa: madre e figlia scappano in giardino

Raffica di furti tra Monticelli e Bannone

Raffica di furti tra Monticelli e Bannone
24

Una mamma di Monticelli che si è trovata i ladri in soggiorno, il titolare di un caseificio in val D'Enza che ha visto svuotato il deposito e il padrone di una azienda di Bannone a cui hanno rubato attrezzature e un'auto. L'emergenza furti non accenna a rientrare. E questa è la cronaca di una giornata di ordinarie razzie.

BIBBIANO

Umberto Spaggiari

Ancora un caseificio preso d’assalto dai razziatori di formaggio “Parmigiano-Reggiano”.

Nel mirino dei ladri è finita intorno alle 4 della scorsa notte, per la seconda volta nell’arco temporale di un mese, la latteria dell’azienda agricola Scalabrini, situata in località Ghiardo. Usando la stessa tecnica della precedente incursione, i malviventi dopo avere forzato l’inferriata di una finestra del reparto di stagionatura, in breve tempo si sono impossessati di 33 forme del pregiato prodotto caseario che hanno caricato su di un furgone “Fiat Scudo”.

Incuranti del fatto di essere stati scorti dal casaro che, svegliato dai rumori si è affacciato alla finestra della sua abitazione ed ha urlato tentando inutilmente di farli desistere, ma i componenti della banda, almeno tre persone incappucciate più una quarta con funzioni di palo, muovendosi rapidamente hanno proseguito nella loro azione per poi eclissarsi a bordo dell’automezzo con il bottino.

«Appena un mese fa abbiamo subito un analogo furto e non abbiamo avuto nemmeno il tempo di terminare i lavori per una sicurezza maggiore» ha spiegato uno dei titolari dell’azienda. «Intorno al magazzino abbiamo realizzato un fossato di protezione, ma non è bastato e purtroppo non sappiamo più cosa fare» ha aggiunto sconsolato.

Ed è allarme per la sequenza di furti di formaggio “Parmigiano Reggiano” in caseifici della Val d’Enza, messi a segno dai predoni del pregiato “grana”, veri professionisti perfettamente organizzati.

Sei i colpi effettuati, con un bottino di 500 forme per un valore stimato in oltre 250mila euro. La preoccupazione è tanta tra gli operatori del settore, anche perché si sentono indifesi di fronte a questi assalti. «Il problema è molto serio ed occorrerebbe maggiore vigilanza da parte delle forze dell’ordine – sostiene Vincenzo Salati presidente della latteria sociale Milanello, grosso impianto in comune di Campegine, al confine con il territorio di Gattatico, in cui quotidianamente si producono 84 forme di formaggio con il latte conferito da diciassette aziende agricole.

«Questi malviventi –aggiunge- agiscono di notte utilizzando dei furgoni, e purtroppo difficilmente vengono intercettati. Abbiamo i sistemi di allarme collegati con i carabinieri, ma quando i militari giungono sul posto, i ladri si sono già dileguati con un “carico” solitamente formato da 50 o 60 forme. Sono persone preparate, agiscono in sintonia, sfondano gli accesi e nell’arco di pochi minuti portano a termine il colpo per poi svanire con la preziosa refurtiva. Probabilmente studiano in precedenza l’obiettivo forse anche con la complicità di un basista. Purtroppo è un fenomeno diffuso, difficile da combattere».

Per aprirsi un varco non esitano ad utilizzare pale meccaniche come nella Codeluppi di Campegine da dove hanno razziato una sessantina di forme.«Cosa pensare di fronte a questa escalation. Bisognerebbe prenderli e metterli in carcere. Lo dico a nome di tutti i colleghi: siamo stanchi. Possiamo mettere allarmi, ma questi malviventi non si fermano. Ci vorrebbero interventi concreti», è l’amaro sfogo di uno dei gestori del caseificio. Capita anche che il colpo fallisca come, nemmeno un’ora prima, nella vicina latteria sociale “La Grande” dove l’arrivo dei carabinieri ha costretto alla fuga i malintenzionati. «Non così a febbraio quando hanno rubato venti forme –spiega la moglie del casaro.- Ma lo scorso anno quando mio marito li ha sorpresi all’opera, ha sparato in aria. Come conseguenza gli hanno ritirato il fucile che deteneva regolarmente! Ci vorrebbero leggi più severe, come funziona attualmente non siamo tutelati».Poche sere prima un centinaio di forme di “grana” messe a stagionare nel caseificio situato in località Ghiardo in comune di Bibbiano, si sono invece involate con l’aiuto delle mani dei predoni, e la scorsa notte altra incursione.Sul preoccupante fenomeno è intervenuto anche Antenore Cervi, presidente degli agricoltori della Cia reggiana.«Rubare formaggio è come rubare in una gioielleria: in pochi minuti, per l’elevato valore del prodotto, si riesce a fare un grande bottino con la differenza che in questi casi servono molte persone e forti muscoli. Di fronte a questo fenomeno siamo un poco tutti disarmati e solo le forze dell’ordine possono aiutarci con controlli di notte nei caseifici».

MONTICELLI - I LADRI IN CASA, MADRE E FIGLIA SCAPPANO IN GIARDINO

Ilaria Ferrari

Non sono ancora le 19, madre e figlia di 11 anni sono in casa, nel soggiorno al piano rialzato di una palazzina in piazzale Paer, a Monticelli.

Le finestre sono chiuse, le tapparelle, come facciamo tutti quando stiamo in casa, sono alzate. Sentono un rumore fortissimo: sono dei ladri in camera da letto. La brutta avventura è accaduta lunedì nella prima serata.

«Dopo aver sentito quel frastuono sono andata a vedere cosa fosse successo e ho sentito una voce maschile, italiana credo, dire ‘chiudi la porta, chiudi la porta’ – racconta la donna – ho subito capito che si trattava di malviventi così ho cercato di non fare rumore e sono tornata indietro, ho preso la bambina e sono fuggita fuori, nel giardino condominiale».

Ha avuto molta paura, la bambina piangeva. Una volta all’esterno la donna ha iniziato a gridare, a chiamare la vicina affinché le aprisse la porta “Ho i ladri in casa aiutami”. La vicina le ha aperto e, dopo avere a sua volta abbassato le serrande per paura che i ladri scavalcassero i balconi ed entrassero nel suo appartamento, sono stati avvertiti i carabinieri. Trascorrono circa 10 minuti e le due donne sentono un nuovo rumore: «Erano i ladri che uscivano dalla finestra e si buttavano prima sulla tettoia poi a terra”. Nel frattempo torna a casa il marito della donna e, insieme, entrano nell’abitazione. «La camera era completamente sottosopra – racconta la vittima – armadi e cassetti svuotati e buttati a terra. Altri locali non li hanno perlustrati. Il valore del furto è irrisorio: solo bigiotteria che hanno messo nella fodera di un cuscino del letto ma quello che spaventa è che sono rimasti in casa nonostante io li avessi sentiti e mi fossi messa ad urlare». E, ancora peggio, erano entrati ben sapendo che l’abitazione non era vuota: «Le luci erano accese, la televisione anche, si capiva che c’erano persone in casa ma loro non si sono spaventati: è questo che fa davvero paura».

Per entrare i malviventi sono arrivati alla finestra della camera, che dà sul retro dell’abitazione, e una volta scardinato il serramento l’hanno probabilmente colpito con una spallata e da qui il forte rumore. Poi, nonostante fossero stati notati, hanno continuato le loro ricerche nella stanza per fuggire infine prima dell’arrivo delle forze dell’ordine.

TRAVERSETOLO - RAZZIA DI STRUMENTI DA LAVORO IN UNA DITTA DI BANNONE

Bianca Maria Sarti

Mercoledì notte i ladri hanno fatto incetta di attrezzi che certamente torneranno utili nei prossimi furti: tra piedi di porco, trance, flessibili e un fuoristrada, sono spariti da un’azienda di Bannone beni del valore di diverse migliaia di euro. A subire il furto, che somiglia tanto a un rifornimento di attrezzature, è una ditta di Bannone, la «Alfieri Snc» che dagli anni ‘80 si occupa di tende da sole.

La banda di ladri ha agito indisturbata. «Proprio in questi giorni pensavamo di installare un allarme – spiega amareggiato uno dei titolari della ditta – .Con tutti i furti di cui si legge sui giornali, avendone subito uno in casa io stesso, avevamo già deciso di mettere in sicurezza i due capannoni, aspettavamo solo di avere la disponibilità economica per poterlo fare». Sono appena 200 metri a separare l’azienda dalla casa di uno dei titolari che oggi fa nuovamente i conti con i ladri, che erano già entrati nella sua abitazione a Bannone circa un anno e mezzo fa per rubare prevalentemente oro e preziosi. Questa volta, però, la merce a cui puntavano i malviventi era di tutt’altra natura. «Hanno forzato solo uno dei due capannoni, quello dei mezzi – racconta la vittima del furto. – Una volta entrati hanno rubato tantissimi oggetti, tra cui anche nostri lavori finiti, come un telone per la copertura di portici di ben 30 metri quadrati. Da un furgone sono spariti trapani, flessibili e persino l’autoradio, mentre dal magazzino hanno preso trance da lamiera, forbici, elettroutensili e diversi piedi di porco, il tutto del valore di qualche migliaia di euro. Poi, non contenti, hanno rubato un fuoristrada di uno dei soci dell’azienda e hanno svuotato il serbatoio di carburante di un cestello che utilizziamo sul lavoro».

Nessun danno significativo alle infrastrutture ma tanti i segni: «Prima di andarsene hanno pensato bene di utilizzare il bagno lasciandolo in condizioni indecenti». Questo furto somiglia tanto a una “spesa” per prossimi colpi: «Per gli attrezzi è sicuramente così – concorda il proprietario – mentre non ho idea dell’uso che faranno del telo, forse servirà per coprire mezzi o merci». La ditta ha denunciato i fatti ai carabinieri di Traversetolo. «E ora, a brevissimo, per davvero installeremo un impianto di allarme».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Andrea

    06 Novembre @ 18.08

    Giusto cosi! Votate Renzi e fate finta che vada tutto bene!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      06 Novembre @ 21.05

      Per tenere in piedi Renzi basta Alfano .

      Rispondi

  • patti

    06 Novembre @ 14.15

    ....ma fare le ronde è illegale!!!!!!

    Rispondi

  • filippo

    06 Novembre @ 13.32

    meno male che si era sicuri, non bisognava reagire, mai fare ronde, ecr ect, beato il prefetto che vive con auto blue e casa protetta...

    Rispondi

  • gianlucapasini

    06 Novembre @ 10.30

    E certo! Grazie alle leggi sull'eccesso colposo di legittima difesa per cui qualche giudice o avvocato del diavolo ti fa punire perché hai ucciso un ladro...

    Rispondi

    • Vercingetorige

      06 Novembre @ 11.37

      LADRO O NON LADRO si può uccidere una persona per "legittima difesa" solo se la propria vita è è in reale ed immediato pericolo ( non ipotetico) . Se questa condizione non esiste non si tratta di "eccesso colposo di legittima difesa" , ma di omicidio volontario . Questo non lo dice Vercingetorige perchè vuol fare il "buonista" . Lo dice il Codice Penale.

      Rispondi

      • gianlucapasini

        06 Novembre @ 17.28

        Lo so. Va abolito il reato di eccesso colposo di legittima difesa.

        Rispondi

      • Biffo

        06 Novembre @ 16.03

        E il Codice Penale, almeno per questi casi, quale divinità onnisciente ed infallibile l'ha mai scritto? Come fai ad accertarti che la tua vita è in reale ed immediato pericolo? Conduci un breve,ma approfonito esame con il furfante che ti è entrato in casa?

        Rispondi

      • Bastet

        06 Novembre @ 15.47

        poniamo Vercinge che,questi luridi nonché esseri lerci,si introducano a casa di persone anziane,portando via loro,tutto! compresi oro di famiglia (che se le rubi ad un 50enne va fuori di testa,.....un anziano potrebbe nn reggere il colpo) .... perdonami! ma se a mia nonna,avessero portato via i ricordi di mio nonno,sarebbe stato come ucciderla....e se io fossi in casa,non lo permetterei! ALTRO CHE RONDE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! IN OGNI CASO,mio marito nn starebbe a vedere due lerci schifosi mettermi le mani addosso! ricordiamo che a noi donne,possono fare ben altro (che è peggio che ucciderci!!!!ma forse gli uomini subnormali nn arrivano a capirlo) che portare via pc,cellulare ,anelli e vari ed eventuali! quindi ,si! se mi entrano in casa,ed escono orizzontali,è leggittima difesa. perché se mi trovo qualcuno in casa,tempo per la mia incolumità! che non è prendere un pugno....ma ben peggio!

        Rispondi

        • Vercingetorige

          06 Novembre @ 19.53

          NO , GIANLUCAPASINI , il reato di "eccesso colposo in legittima difesa" si applica nei termini e nei limiti previsti dall' artiolo 55 del Codice Penale , e non comprende l' omicidio volontario , a meno che non vi sia un pericolo reale ed immediato ( non ipotetico) per la sua vita. PROFESSOR "BIFFO" , i Parlamentari non sono certo né "onniscienti" , né Infallibili" , ma sta di fatto che , le Leggi vigenti , sono quelle che fa il Parlamento . La sua vita è in reale ed immediato pericolo se qualcuno si accinge ad aggredirla con un' arma . Se il ladro la minaccia con un coltello o con una pistola , lei può sparare per "legittima difesa" ,ma se è disarmato ,o, addirittura ,scappa, la "legittima difesa" non c' è ,perchè la sua vita non è in pericolo reale ed immediato. SIGNORA "BASTET" ,lei descrive uno scenario da "arancia meccanica" ! Lei , o suo marito ,non potete uccidere legalmente un uomo perchè lo giudicate "lurido e lercio". Il tentativo di stupro dev' essere reale, non immaginario

          Rispondi

        • Giuliano

          06 Novembre @ 20.21

          Infatti la legge andrebbe rivista

          Rispondi

        • Vercingetorige

          06 Novembre @ 21.08

          HO CAPITO , "GIULIANO" , ma è il Parlamento il solo ad avere la facoltà di "rivederla" .

          Rispondi

  • Andrea

    06 Novembre @ 10.25

    PREFETTOOOOOO???? Dove sei? Hai dormito tranquillamente al calduccio a casa tua? Hai fatto sogni d'oro? BRAVO!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Parma 1913: D'Aversa per la panchina, Sensibile-Faggioni ballottaggio ds

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Aemilia

I pm fanno appello contro il proscioglimento di Bernini

Il reato dell'ex assessore parmigiano era stato giudicato prescritto. Appello anche per il consigliere comunale di Reggio Emilia Pagliani.

prato

Sparita l'ultima lettera di Verdi: è giallo

1commento

Tg Parma

Verso il voto: primarie per Dall'Olio, nessuna alleanza per Alfieri

gazzareporter

Rifiuti e cartoni in Galleria Santa Croce Gallery

1commento

polizia

Lite al parco Falcone e Borsellino: recuperate tre bici rubate

5commenti

EMILIA ROMAGNA

Nuovi orari ferroviari sulle linee regionali dall’11 dicembre

tribunale

Botte e insulti alla moglie: due anni ad un 47enne romeno

Mezzani

300 grammi di cocaina scoperti dai carabinieri

Arrestato 32enne albanese

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery