12°

IL CASO

«Consuma troppo»: denunciata la Toyota

«Consuma troppo»: denunciata la Toyota
Ricevi gratis le news
10

Gli avevano assicurato che quella Yaris avrebbe «bevuto» poco, ma invece si sarebbe ritrovato con consumi di benzina doppi rispetto a quelli dichiarati dalla casa automobilistica. Così, stanco di non avere risposte chiare, l'avvocato Davide Fratta è passato al contrattacco denunciando la Toyota Italia e la concessionaria che gli aveva venduto l'utilitaria. Leggi la storia.

Georgia Azzali

Poca spesa, tanta resa. Come consumo di carburante, intendiamoci, perché l'auto - una Toyota Yaris Hybrid, 1.500 di cilindrata - non costava proprio due soldi: 16.542 euro, grazie allo sconto della promozione. Ma quel modello, almeno sulla carta, sembrava la soluzione migliore per risparmiare in pieni di benzina. Tanto da convincere l'avvocato Davide Fratta, nella primavera dello scorso anno, a rimpiazzare la vecchia Citroën C3 con quella nuova utilitaria giapponese. Un'auto intestata allo studio legale, di cui Fratta è socio. E che si presentava come la soluzione migliore: 32,20 chilometri con un litro di benzina nei percorsi cittadini e 28,50 in quelli extra-urbani e combinati. Ma in realtà quella Yaris consumerebbe il doppio di quanto messo nero su bianco: 15-16 chilometri per litro. Una beffa che ha convinto Fratta a passare al contrattacco, denunciando la Toyota Italia. I reati ipotizzati dall'avvocato? Frode in commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e truffa. Una querela che coinvolge anche la concessionaria da cui l'auto è stata acquistata.

Già poco dopo l'acquisto dell'auto, l'avvocato e gli altri soci si erano accorti che i consumi non erano proprio all'insegna del risparmio. «In concessionaria, però, mi sono sentito rispondere che probabilmente pigiavo troppo il piede sull'acceleratore», spiega Fratta. Ma anche con una «guida migliore» i consumi sarebbero rimasti sempre sui 15-16 chilometri con un litro. Ad agosto e settembre, in particolare, l'auto viene utilizzata molto più spesso rispetto ai mesi precedenti, ma il risultato (deludente) non cambia. E' così che Fratta decide di chiedere la risoluzione del contratto e il risarcimento del danno per la spesa doppia di carburante. Ma in concessionaria gli rispondono di rivolgersi direttamente alla casa madre, oltre che alla sede centrale da cui dipende il rivenditore parmigiano. «Il 12 ottobre ho inviato una lettera alla Toyota Italia e alla concessionaria in cui illustravo le mie rimostranze, chiedendo la risoluzione del contratto e il risarcimento del danno - spiega Fratta -, ma nessuna risposta è arrivata dalla direzione generale della casa automobilistica. Mi sono state recapitate, invece, due risposte, l'ultima proprio l'altro giorno, da parte del customer relation manager di Toyota Italia: lettere in cui veniva messo in evidenza il fatto che i dati sui consumi si basano su rilevazioni condotte in base alle normative europee, con prove svolte in ambiente "controllato". Inoltre, una delle risposte si concludeva sottolineando che le vetture ibride consentono "di ottenere benefici sotto il profilo dei costi d'esercizio, sia per quanto concerne i consumi di carburante che i costi di manutenzione". Insomma, un annuncio pubblicitario più che una replica seria».

Le ibride? Le auto con i motori del futuro, sia termici (benzina o diesel) che elettrici. Un futuro con meno spese: questa la garanzia che compare sui dépliant pubblicitari e viene riportata ufficialmente anche sui libretti delle macchina. Ma per Fratta la realtà non è nemmeno una copia sbiadita della promessa. «Ho inviato una lettera anche alla direzione generale della Toyota e ho provato anche a chiamare, perché l'obiettivo era quello di poter interloquire con un manager con poteri decisionali - spiega l'avvocato -, ma non è stato possibile. Anche un funzionario della concessionaria mi ha detto di aver provato ad intervenire sulla direzione di Toyota Italia. Nessuno, però, mi ha contattato per tentare di chiarire la vicenda».

Così, Fratta ha deciso di «protestare» ufficialmente. Martedì scorso ha presentato in questura la denuncia, sia in proprio che come socio dello studio legale. Perché, secondo lui, «va smascherato l'inganno». Quello che molti sospettano da tempo, ma a cui (forse) hanno fatto il callo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimiliano

    07 Novembre @ 22.59

    Ahahahahah che ridere...

    Rispondi

  • federicot

    07 Novembre @ 22.22

    federicot

    mi segno il nome dell'avvocato. avessi bisogno vado da un altro. Magari ne sa, ma uno che si beve la storia che la yaris fa 32 km mi fa dubitare ....

    Rispondi

  • Marco

    07 Novembre @ 17.07

    Passi la balla sui consumi, che quasi tutte le case automobilistiche si inventano, la cosa che rode a me è il silenzio della dirigenza, anche a fronte della minaccia di denuncia... Io credo che se minacciassi azioni legali, un qualche crumiro di Toyota Italia si farebbe sentire ALMENO per telefono... e invece no...

    Rispondi

  • Filippo

    07 Novembre @ 16.03

    Si vede che ha tempo da perdere. Trattasi di acquisto sbagliato. Se usata come va usata è un'auto da 25km/l, cioè avendo il piede leggero e stando sotto i 70km/h. Se no in alternativa c'è sempre il diesel

    Rispondi

    • Matilde

      17 Marzo @ 13.56

      scusami Filippo (ti do del tu) ma i miei consumi sono come quelli dell'avvocato. Tieni presente che avevo un GKk e facevo quasi 15 con un litro, quindi il mio piede è ok, credimi. Ma la mia auto credo che sia difettosa, perché altre persone che conosco mi parlano dei consumi bassi, come i tuoi, ma anch'io sono stata abbastanza rimbalzata da Toyota. Aggiungo che nessuno crede ai 30 con un litro, ma 22/23/24 si, sono plausibili. Qui siamo alla metà...

      Rispondi

  • paolo

    07 Novembre @ 13.14

    Mah tanto non paga l avvocato. Ma tutti sanno che nel uso normale i consumi sono maggiori dei dichiarati, e poi consumi misurati dal utente in modo tecnicamente molto discutibile. Comunque se la mia ibrida auris fa i venti la yaris fa più dei venti . Quindi o gli avvocati non sanno far i conti o ha un problema. Di certo non fa i 32. Se l auto secondo gli standard europei fa i 32 senza barare e credo proprio che li faccia il problema sono i test. Ma qui si apre un mondo che chi è tecnico immagina facilmente. Forse poteva essere più chiaro il venditore. Ma lo sanno tutti che il venditore è lì per vendere.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS