23°

32°

Personaggi

Monsignor Dall'Aglio: «Quegli anni indimenticabili»

Monsignor Dall'Aglio: «Quegli anni indimenticabili»
Ricevi gratis le news
0

Monsignor Walter Dall'Aglio, canonico della Cattedrale, riceverà domani la cittadinanza onoraria di Noceto. Leggi il racconto dei suoi primi anni da sacerdote nel paese: gli scout, l'Azione Cattolica, il calcio. E un «sopralluogo» da record in Lambretta.

Luca Molinari

Il viaggio da Noceto a Madonna di Campiglio in Lambretta, il pellegrinaggio a Lourdes tra pentole e tende degli scout, i campi estivi a Vecciatica di Monchio. Sono trascorsi più di cinquant’anni da quando monsignor Walter Dall’Aglio - canonico onorario della Cattedrale - ha svolto il servizio di cappellano a Noceto, ma i ricordi di quell’esperienza sono rimasti più che mai nitidi nella mente e nel cuore del sacerdote ottantacinquenne. Ora che si appresta a ricevere la cittadinanza onoraria dal Comune di Noceto, monsignor Dall’Aglio ripercorre con dovizia di particolari i sette anni vissuti tra i giovani della parrocchia a partire dall’estate del 1953. «Sono stato ordinato sacerdote il 21 giugno del 1953 – ricorda – Dopo due settimane sono stato nominato cappellano di Noceto per affiancare l’allora parroco monsignor Luigi Copello e l’altro cappellano, don Armando Bizzi. Appena arrivato sono stato inviato a Vecciatica di Monchio per seguire le attività della colonia parrocchiale. Sono rimasto un mese tra lupetti e ragazze dell’Azione Cattolica, curando le iniziative estive della parrocchia». Una volta tornato, monsignor Dall’Aglio si è occupato dei giovani e degli scout, un gruppo fondato nel 1924 da don Giuseppe Cavalli e quindi da don Rino Monesi. «Nel 1954 – racconta il sacerdote – abbiamo celebrato il trentesimo di fondazione degli scout a Noceto invitando don Cavalli ed Ernesto De Bernardis». Indimenticabile il campo estivo dell’anno successivo a Madonna di Campiglio. «Prima del campo estivo – sottolinea monsignor Dall’Aglio – sono andato a Madonna di Campiglio per verificare dove potevamo essere ospitati. Ricordo il viaggio Noceto-Madonna di Campiglio in Lambretta assieme al capo scout, seduto dietro di me. E’ stata un’avventura indimenticabile».

Tre anni più tardi monsignor Dall’Aglio ha guidato il gruppo scout di Noceto in pellegrinaggio a Lourdes. «Nel 1958 – spiega – siamo andati a Lourdes nel primo centenario delle apparizioni della Madonna. Siamo partiti con uno scalcinato pulmino carico di pentole, tende e vettovaglie. Abbiamo impiegato due giorni per arrivare, visitando diverse città della Francia. La prima notte abbiamo fatto tappa a Nimes. Arrivati in città abbiamo trovato uno spazio vicino a un ruscello dove montare le tende e abbiamo pernottato lì».

Monsignor Dall’Aglio ha conservato l’agenda di quell’anno dove sono riportati tutti i dettagli del pellegrinaggio. «Abbiamo macinato la bellezza di 2.376 chilometri – prosegue – Una volta arrivati al santuario abbiamo montato le tende in uno spazio attrezzato partecipando alle celebrazioni e aiutando i malati e gli infermi come barellieri».

Gli anni vissuti a Noceto sono quelli in cui monsignor Dall’Aglio ha «imparato a fare il parroco». «Sono stati gli anni del fervore della prima messa – osserva – Il 2 novembre monsignor Copello mi aveva fatto presiedere la messa al cimitero. Avevo preparato alcune note scritte per l’omelia ma, davanti a tanta gente, ero andato nel panico e avevo improvvisato. Ho parlato col cuore, guadagnandomi la stima della gente».

Innumerevoli le partite di calcio organizzate in oratorio. «L’oratorio era il punto di ritrovo di tutta la gioventù – rimarca il sacerdote – Organizzavamo continuamente tornei di calcio. Proprio in quegli anni abbiamo ideato la manifestazione culturale “La noce d’oro”, che tutt’ora prosegue. I ragazzi rimanevano lì da mattina a sera perché era l’unico punto di ritrovo e le famiglie si fidavano di noi.
Due mamme affidandomi due adolescenti mi dissero: “Le affidiamo due ragazzi, li faccia diventare uomini”».

Lo scorso 2 luglio, in occasione dell’ottantacinquesimo compleanno, monsignor Dall’Aglio ha incontrato nuovamente i suoi “ragazzi” di Noceto. «Ci siamo ritrovati in quaranta a Costamezzana, dove abbiamo celebrato una messa dopo aver ricordato don Monesi al cimitero. Ho riabbracciato tanti ex Lupetti diventati papà e nonni. E’ stata una bella festa».

«Ripensando a quei tempi – conclude scherzosamente don Dall’Aglio – ringiovanisco».

LA CERIMONIA AL TEATRO MORUZZI

Monsignor Walter Dall’Aglio domani diventerà un cittadino nocetano a tutti gli effetti. La cerimonia di consegna della cittadinanza onoraria avverrà domani alle 21 nel teatro Moruzzi nell’ambito della cerimonia legata al «Premio San Martino 2015». Nella comunicazione inviata al sacerdote dal sindaco Fabio Fecci si legge che l’amministrazione comunale ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria a monsignor Dall’Aglio «per le attività in campo sociale, culturale e sportivo da lei svolte a favore della comunità nocetana».

«È A NOCETO CHE HO IMPARATO A FARE IL SACERDOTE»

Ordinato sacerdote il 21 giugno del 1953, monsignor Walter Dall’aglio due settimane più tardi viene nominato cappellano della parrocchia di Noceto, dove rimane fino al 1960. «È lì che ho imparato a fare il sacerdote», dice. Poi assume l’incarico di parroco di San Secondo, dove resta per 25 anni, guadagnandosi l’affetto dei parrocchiani. Dal 1985 al 2011 monsignor Dall’Aglio è vice rettore della basilica della Steccata al fianco di don Franco Sandrini, rettore per 28 anni.

Dal 2011 è canonico onorario della Cattedrale, un impegno che porta avanti tra celebrazioni, ma soprattutto confessioni. «Anche pochi giorni fa – racconta monsignor Dall’Aglio – sono rimasto in confessionale per tre ore. Ci sono tanti fedeli che chiedono di confessarsi. Alcuni vengono saltuariamente, ma c’è anche chi si accosta a questo sacramento una volta settimana, non tanto per riparare a peccati più o meno gravi, ma per prevenire le proprie colpe».

In Duomo si confessano persone di tutte le età. «Non mancano i giovani e le madri di famiglia- precisa monsignor Dall’Aglio – I peccati più comuni sono legati alla bestemmia, all’egoismo e alla superbia. In alcuni casi emergono anche dei peccati più gravi».L.M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

spagna

Barcellona, la polizia: "Cellula smantellata". La Catalogna smentisce

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti