11°

17°

COLLECCHIO

Cambiata ancora la siepe della discordia

Cambiata ancora la siepe della discordia
Ricevi gratis le news
0

E' stata sostituita la siepe della discordia al parco Molendi. Era piena di spine e i genitori la ritenevano pericolosa per i bambini. Ma anche la nuova siepe aveva spine. Il caso è approdato in consiglio: leggi le reazioni della minoranza e la soluzione trovata dall'amministrazione.

COLLECCHIO

Giancarlo Zanacca

Son trascorse due settimane e la siepe di Osmanthus aquifolium che aveva preso il posto della Piracanta attorno al parco Molendi è stata sostituita nuovamente con dell’alloro decorativo. Dopo anni di polemiche, infatti, il Comune aveva deciso di intervenire facendo rimuovere la vecchia siepe di Piracanta caratterizzata da lunghe spine che aveva creato non pochi problemi ai bambini che frequentano il parco Molendi dove si trovano un piccolo campo da calcio, un’area gioco bimbi e un campo da pallavolo.

Alcuni genitori avevano segnalato piccoli infortuni ai bambini: uno di loro, di non più di tre anni, si era punto vicino all’occhio. Da qui la decisione del Comune di procedere. E alla fine di ottobre la cooperativa Emc2 aveva messo a dimora 240 piantine di Osmanthus aquifolium, una siepe con infiorescenza particolarmente profumata ma che non ha incontrato il gradimento dei genitori dei bambini che frequentano l’area verde. «Siamo passati dalla Piracanta con spine lunghe e pericolose sul fusto a questa – ha spiegato una signora di mezza età – con la particolarità che le spine, invece di averle sul fusto, le ha sulle foglie. E’ una cosa che ha dell’incredibile: si chiede di togliere una siepe con le spine e ne mettono un’altra con foglie spinose, pur non pericolose come le precedenti».

Qualcuno deve averlo fatto presente in Comune e la cosa ha destato non poche prese di posizione, soprattutto da parte dei due gruppi di minoranza “Liberi e uniti per Collecchio” e “Per Collecchio solidale”. Francesco Fedele del primo gruppo ha commentato: «Siamo passati dalla piracanta a un pungitopo – sottolinea – senza che nessuno del Comune si sia accorto della svista. Mi chiedo che fine abbiano fatto le due siepi precedenti, spero siano state utilizzate altrove, e se il Comune abbia dovuto sostenere nuovi costi».

Anche Roberta Delsanto di “Per Collecchio solidale” ritiene che ci sia stato qualcosa che non è andato per il verso giusto. Sta di fatto che il Comune è intervenuto e la coop Emc2 che ha “adottato” l’area ha provveduto in tempi rapidissimi a sostituire la siepe di pungitopo con una siepe di alloro decorativo a foglie larghe e senza spine.

I genitori dei bambini che frequentano l’area sono soddisfatti anche se molti di loro sono perplessi per quanto accaduto. «Hanno detto che si erano rivolti ad un agronomo – aggiunte un papà sorridendo – mi chiedo se corrisponda al vero, perché sarebbe veramente disarmante».

Dal Comune fanno sapere che l’area è stata adottata dalla coop Emc2 che si occupa di cura del verde urbano e viene utilizzata per attività che interessano il reinserimento socio lavorativo di persone con disagio. Di costi diretti il Comune non ne ha sostenuti: tutto è avvenuto a carico della coop stessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va