-2°

incidente

Il «pirata» patteggia. Con la pena sospesa

Investì e uccise donna in viale Rustici, poi fuggì. Ecco cosa accadrà

Il «pirata» patteggia. Con la pena sospesa
Ricevi gratis le news
14

Era stata travolta davanti alla palestra di viale Rustici, il 19 febbraio 2014, Mara Aicardi. Uccisa e abbandonata sull'asfalto. Ora Fabio Apollonio, l'avvocato che l'investì, è pronto a patteggiare: 2 anni, con la condizionale. Questo l'accordo tra difesa e pm. Leggi tutti i dettagli.

Georgia Azzali

Forse aveva intravisto quell'ombra all'ultimo istante. Il buio, il viale poco illuminato: probabile che non si fosse accorto di quella figura che stava attraversando il Lungoparma. Il corpo di Mara Aicardi, 65 anni, era stato sbalzato a qualche metro di distanza. Ma il suo viaggio verso casa era proseguito. Aveva ingranato la marcia della Bmw e se ne era andato, l'avvocato Fabio Apollonio. C'era lui alla guida di quella station wagon scura, che qualche testimone aveva visto sfilare via la sera del 19 febbraio 2014, subito dopo l'incidente. Accusato di omicidio colposo e omissione di soccorso, nei prossimi giorni Apollonio dovrebbe chiudere i suoi conti con la giustizia: patteggiamento a 2 anni. E pena sospesa. Questo l'accordo raggiunto tra il difensore del legale, Mario Bonati, e il pm Andrea Bianchi. Un'intesa che dovrà passare al vaglio del giudice, a cui comunque spetterà l'ultima parola. Insomma, sul piano penale la vicenda (salvo colpi di scena, perché il gup ha la facoltà di respingere il patteggiamento) dovrebbe concludersi così: nessun giorno di carcere o domiciliari. Ma anche nessun «privilegio», perché molti altri casi di omicidio colposo e omissione di soccorso hanno avuto un epilogo analogo: è la legge che lo consente, in attesa delle nuove norme sull'omicidio stradale. Per Apollonio sarà inoltre previsto un periodo di sospensione della patente. E' chiaro, però, che se l'avvocato dovesse commettere nuovi reati nei prossimi cinque anni ed essere condannato, a quel punto dovrà scontare anche questi 2 anni «abbonati» dalla condizionale. Un patteggiamento maturato nel corso dei mesi. E sancito - per quanto il passaggio non sia dirimente - dopo il risarcimento garantito dall'assicurazione di Apollonio alla famiglia di Mara Aicardi, assistita dall'avvocato Marco Moglia. Nulla trapela sulla somma, ma è certo che non potrà compensare ciò che marito e figlio hanno subito. I familiari, inoltre, potrebbero decidere di proseguire la battaglia facendo causa civile.

Perché è impossibile cancellare la trama di quel mercoledì di febbraio. E l'angoscia dei giorni successivi, quando l'uomo dell'auto scura non aveva ancora un nome. Quel 19 febbraio Mara Aicardi era andata a lezione di thai fit allo Spa Center di viale Rustici. Un'ora di allenamento: l'appuntamento fisso della settimana che non voleva mai perdere. Era uscita dalla palestra una manciata di minuti prima delle otto. Pochi passi, per attraversare il viale, e il botto. Quello che qualcuno ha udito anche dall'interno del centro sportivo. La donna era stata sbalzata nelle vicinanze del marciapiede che costeggia il torrente. Abbandonata sull'asfalto, mentre l'auto si allontanava verso la periferia. Le indagini della polizia municipale si mettono subito in moto. C'è chi riferisce di aver visto una station wagon scura filare via dopo l'incidente. Vengono acquisite le immagini di alcune telecamere della zona, con la speranza che possano aver inquadrato il pirata. Tre giorni dopo l'incidente, però, in «Gazzetta» arriva una telefonata: una voce anonima suggerisce due lettere, tre numeri e ancora due lettere. Ha un'unica incertezza, relativa all'ultima lettera. Ma secondo lui, è quella la targa dell'auto che ha investito e ucciso Mara Aicardi. Dal giornale parte subito la segnalazione ai vigili urbani. E la macchina viene trovata in una carrozzeria di San Michele Tiorre, dove era stata portata il giorno dopo l'incidente per essere riparata. La Bmw risulta intestata a una società, ma si scopre subito che è in uso ad Apollonio. Il professionista, rimasto sempre a piede libero, viene interrogato per la prima volta il 27 febbraio, ma nega ogni responsabilità. Il giorno dopo si ripresenta davanti al pm e fa solo parziali ammissioni: dice di aver avvertito un colpo, di aver rallentato, ma di non aver notato auto ferme o persone a terra. Gli inquirenti, però, sono convinti di non aver fatto errori. E poi la perizia sull'auto chiuderà il cerchio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • filippo

    17 Novembre @ 19.32

    VERGOGNA! e renzi non doveva introdurre l'omicidio stradale? tutte chiacchiere

    Rispondi

  • Anna

    17 Novembre @ 13.58

    Non conosco e quindi non commento la legge, ma ritengo in generale che fuggire dovrebbe costituire aggravante. Perché se danno 2 anni a chi scappa, a chi si ferma subito basta una pacca sulla spalla... Comunque sia, che tragedia per tutti.

    Rispondi

    • StefanoC

      17 Novembre @ 18.04

      In realtà, se ti fermi, è molto peggio. Perdi la patente subito (al tizio non mi pare l'abbiano ritirata fino al processo...) perdi l'auto, etc... @gazzetta: sarebbe interessante un confronto tra questo pirata assassino, e il povero cristo che ha ammazzato il poliziotto in moto su Strada La Spezia, tagliandogli la strada. Però lui si è fermato a prestar soccorso. Grazie, Stefano

      Rispondi

    • salamandra

      17 Novembre @ 16.12

      Piú o meno è effettivamente così adesso. C'è da tempo in discussione una legge sull'omicidio stradale (con il rischio che si passi all'eccesso opposto immagino).

      Rispondi

  • Filippo

    17 Novembre @ 13.12

    Sono fortunato che non è successo a me, ma è molto più fortunato l'avvocato.

    Rispondi

    • 17 Novembre @ 13.18

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Comunque la si pensi sulla possibile conclusione giudiziaria (e qui ognuno sta esprimendo liberamente le sue opinioni), non mi verrebbe da usare la parola fortuna per chi ha comunque vissuto una simile esperienza, e del quale nè noi nè lei possiamo conoscere l'effettivo stato d'animo.

      Rispondi

      • Filippo

        17 Novembre @ 14.40

        La fortuna dell'avvocato, dopo essere scappato lasciando una persona morire a terra come un animale, è quella di non avere a che fare con qualcuno di vendicativo. Del suo stato d'animo, oggi, proprio non mi preoccuperei.

        Rispondi

        • Biffo

          17 Novembre @ 18.03

          Io credo che la fortuna dell'avvocato consista solo nell'essere, appunto, tale.

          Rispondi

  • Alessandro

    17 Novembre @ 12.05

    quanta tristezza,poi scrivono la legge è uguale per tutti,cioè ti prendono anche per il c., o ma si rendono conto che è scappato questo avvocato,pensava di avere investito cosa? che vergogna

    Rispondi

  • Francesco

    17 Novembre @ 11.08

    Se non fose scappato, sicuramente prenderebbe anche il risarcimento, di guistizia.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5