12°

Parma calcio

Musetti il bomber crociato

Musetti il bomber crociato
Ricevi gratis le news
0

L'autore dello storico primo gol stagionale è rientrato dopo l'infortunio ed è tornato subito protagonista: nella sua carriera, dal Martina Franca alla doppietta di domenica contro il San Marino è stato anche protagonista di una sfida contro il Parma in serie B...

Alberto Dallatana

Quattro gol in 288 minuti giocati, ovvero uno ogni 72. Riccardo Musetti è il giocatore del Parma che, in campionato, ha la miglior media realizzativa. La doppietta di domenica contro il San Marino è pesantissima, sia perché ha permesso ai crociati di ribaltare una partita fondamentale, sia perché dà ad Apolloni – specialmente dopo l’infortunio di Longobardi - la certezza di poter contare appieno su di lui.

Carrarese di Gragnana, nato il 24 marzo 1983, Musetti si è ritagliato uno spazio nella storia del Parma Calcio 1913 lo scorso 6 settembre, ad Arzignano, segnando su rigore il primo gol ufficiale di questo nuovo corso. Subito dopo però, un infortunio al tendine d’Achille lo ha costretto a star fuori un mese e mezzo.

Rientrato a Brescello contro il Lentigione, gioca titolare in Coppa Italia a Correggio e a Carpi con il Castelfranco, senza brillare. Mercoledì scorso subentra contro il Legnago e sigla il terzo gol con un intelligente colpo di punta, mentre a San Marino, davanti alla sua ex squadra (6 reti in 16 presenze l’anno scorso), Apolloni lo schiera sulla linea dei trequartisti e il «Muso» (questo il suo soprannome) si rivela determinante.

Piuttosto riservato e completamente assente sui social network, Musetti è un giocatore duttile, una prima punta che in carriera ha però giocato in tutte le posizioni dell’attacco. Uno che lavora per la squadra, che ama correre e andare a cercare la palla senza aspettarla in area. Anche per questo non ha mai segnato caterve di gol.

Cresciuto nella Carrarese, ad appena 16 anni debutta in prima squadra, lanciato da Fabrizio Tazzioli in un Como-Carrarese del 1999, in C1. Il grande calcio lo sfiora soltanto: la Samp lo acquista per 200 milioni di lire, poi va al Napoli, che nel 2002 lo manda al Martina Franca, in C1, dove resta per tre stagioni. Passa poi all’Imolese in C2, ma è quando torna dalle parti di casa, nella Massese, che sboccia il suo talento: segna 11 gol in C1 e va alla Pro Sesto, che lo sceglie per sostituire Ghezzal (sì, proprio «quel» Ghezzal), e lui ripaga la società lombarda con altre 11 reti e diversi assist. Merita la chiamata del Treviso in B, nella stagione 2008-2009, con Luca Gotti (attuale vice di Donadoni) in panchina. Quell’anno incrocia il Parma, giocando contro la squadra di Guidolin all’andata: al «Tenni» finisce 2-2 e lui per poco non segna. In totale realizza cinque reti, ma i veneti retrocedono.

Dopo stagioni così, Musetti per la C1 è un pezzo pregiato. Lo vogliono in tanti, lo prende la Cremonese. Segna 15 gol (la sua stagione migliore) e fa coppia con Massimo Coda, un altro che di lì a qualche stagione vestirà la maglia del Parma. Arrivano terzi. Ma l’anno successivo è un incubo: esonerato Baroni, arriva Leo Acori, che fa fuori quattro «senatori» tra cui proprio Musetti. Prima però, il 14 novembre, c’è Cremonese-Paganese. È la famosa partita che diede il via all’inchiesta di Cremona sul calcioscommesse, quella in cui il portiere grigiorosso Paoloni «avvelenò» cinque suoi compagni mettendo del Lormetazepam (un ansiolitico che ha come principio attivo la Benzodiazepine) nelle borracce. Uno di questi era proprio Musetti, che a gennaio cambia aria e va a La Spezia in prestito.

Intanto, a Cremona, l’interregno di Acori dura pochissimo e, nell’estate del 2011, Musetti torna all’ombra del Torrazzo, dove la sua stella però non brilla più. Cambia completamente aria, va a Sorrento e ci resta per due stagioni piene di infortuni. Nel settembre 2014 sembra tutto fatto per il ritorno a casa, a Carrara, invece no, perché il suo cartellino rimane intrappolato nelle lungaggini burocratiche di un club della serie B rumena al quale si era legato. Resta fermo quattro mesi, poi Galassi lo porta a San Marino, dove ritrova Tazzioli, il suo primo allenatore, che viene presto esonerato. Musetti, nonostante la retrocessione finale, lascia un buon ricordo, tanto che domenica i suoi ex tifosi lo hanno applaudito a fine partita.

Il resto è storia nota: quando Galassi gli propone di scendere tra i dilettanti per venire al Parma, Riccardo accetta la crociata senza pensarci due volte. E domenica al Tardini arriva l’Imolese, un’altra sua ex…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Simonetti dei Goblin e le sue musiche da brivido: "I giovani ci riscoprono grazie a internet" Video

Il principe Harry e Meghan Markle si sposeranno il 19 maggio

LONDRA

Il principe Harry e Meghan Markle si sposeranno il 19 maggio

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

GAZZAFUN

Parma tra passato e presente: riscopri la tua parmigianità

Lealtrenotizie

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

polizia

Giovanissimi e violenti: denunciati due bulli 19enni

Una delle vittime massacrata per aver raccolto un rifiuto a terra

3commenti

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

POLIZIA

Rubavano gomme ai camion: 10 arresti, anche la Stradale di Parma nell'operazione

I malviventi viaggiavano fra la Puglia, l'Emilia-Romagna e il Piemonte

alluvione

Rischio nuova piena: evacuazione totale di Lentigione Foto

Due intossicati a causa di un generatore elettrico

la storia

Colorno, i richiedenti asilo al lavoro a fianco dei volontari

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

tg parma

Fra la gente di Colorno, tutti al lavoro contro il fango Video

TRASPORTI

Ferrovia interrotta per alluvione: bus sostitutivi e nuovi orari fra Parma e Brescello

Ecco cosa cambia sulla parte di linea Parma-Suzzara interrotta a causa dell'esondazione dell'Enza

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

Multati altri 3 tifosi che hanno esposto una "coreografia non autorizzata" fra il primo e il secondo tempo

1commento

tgparma

Arrestata Francesca Linetti: da Parma alla corte dei Casalesi

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

3commenti

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MANTOVA

Uccide i figli: indagato il marito di Antonella Barbieri

SPAGNA

Preso Igor il russo, il killer di Budrio, dopo una sparatoria in cui ha ucciso due agenti e un civile

4commenti

SPORT

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

VIDEO

Rugby Noceto: Leone Larini spiega come è cresciuta le squadra

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260