-2°

10°

partecipata

Parma Gestione Entrate: visita della Finanza

Intanto fa discutere la sentenza del giudice di pace: PGE non potevariscuotere

«Parma Gestione Entrate non poteva riscuotere le multe»
Ricevi gratis le news
18

La «battaglia» fra il Movimento Nuovi Consumatori e Parma Gestione Entrate va avanti e si arricchisce di un nuovo capitolo, o meglio, di una nuova sentenza. E' quella depositata il 19 novembre da un Giudice di Pace dice che Parma Gestione Entrate, prima dell’iscrizione all’Albo dei riscossori avvenuta lo scorso 6 novembre, non era legittimata ad operare, e l’iscrizione non ha effetto retroattivo. Ecco i dettagli.

Parma Gestione Entrate al centro della cronaca. Da una parte la sentenza di un giudice di pace, secondo cui PGE non era autorizzata a riscuotere le multe (qui sotto l'articolo di oggi della Gazzetta). Dall'altra, questa mattina, la Guardia di Finanza ha effettuato un'ispezione nella sede della società partecipata di viale FRatti, con l'acquisizione di documenti.

«Parma Gestione Entrate non poteva riscuotere le multe» (Gazzetta di Parma 27-11)

Pierluigi Dallapina

La «battaglia» fra il Movimento Nuovi Consumatori e Parma Gestione Entrate va avanti e si arricchisce di un nuovo capitolo, o meglio, di una nuova sentenza.

Per la precisione, la sentenza su cui punta i riflettori Filippo Greci, presidente dei Nuovi Consumatori, è quella depositata il 19 novembre scorso da un Giudice di Pace nella quale viene confermata una tesi ripetuta da Greci fino allo sfinimento: Parma Gestione Entrate, prima dell’iscrizione all’Albo dei riscossori avvenuta lo scorso 6 novembre, non era legittimata ad operare, e l’iscrizione non ha effetto retroattivo.

«La sentenza conferma che tutti gli atti amministrativi compiuti dalla società comunale prima della data di iscrizione sono nulli, in quanto Pge non era iscritta all’apposito albo», sostiene Greci, commentando la sentenza relativa al ricorso presentato da un cittadino contrario al pagamento di una multa.

Nella ventina di pagine della sentenza, viene spiegato che Pge non sarebbe stata autorizzata a riscuotere per conto del Comune a causa delle modifiche normative contenute nella Finanziaria del 2008 proprio in materia di società di riscossione.

«La modifica operata dalla cosiddetta Legge Finanziaria 2008 non consente più, a far data dal primo gennaio 2008 che le società miste di riscossione delle entrate locali non siano iscritte all’albo», si legge nel dispositivo del giudice, che prosegue: «Le società miste non iscritte all’albo dei riscossori non possono più operare in relazione al conferimento di nuovi incarichi e sono tenute a modificare la propria situazione di mancata iscrizione che le abilitava all’attività di riscossione in precedenza alla modifica legislativa in maniera legittima».

Parma Gestione Entrate, viene ricordato, è stata costituita il 31 gennaio 2006, e a quanto pare per poter operare avrebbe dovuto adeguarsi alle novità introdotte nel 2008.

Detto questo, ne consegue che «dal primo gennaio 2008 l’attività della Parma Gestione Entrate non trovi più nessun titolo o legittimazione di prosecuzione in assenza di iscrizione; pertanto, gli atti della stessa emessi dopo detta data sono da considerare redatti in assenza di titolo per l’esperimento dell’attività».

E ancora: «Nelle more del giudizio, Parma Gestione Entrate si è iscritta all’albo dei riscossori. Questo comporta che dalla data di iscrizione, 6 novembre 2015, la stessa può legittimamente operare nell’attività di riscossione per il contratto già in essere col Comune di Parma».

A questo punto, Greci dichiara di voler proseguire la propria battaglia contro l’attività della società di riscossione. «E’ chiaro che l’iscrizione all’albo non ha efficacia retroattiva, quindi, tutti i cittadini che hanno subito fermi amministrativi, pignoramenti del quinto dello stipendio o ingiunzioni fiscali prima del 6 novembre, possono rivolgersi alla nostra associazione per il risarcimento dei danni. Fino ad ora sono state appellate 64 sentenze da Pge, e i nostri associati si sono costituiti in tutte quante. Ora sono in partenza tutte le cause risarcitorie».

LA REPLICA DELL'ASSESSORE

La sentenza del giudice di pace non sembra sorprendere l’assessore al Bilancio, Marco Ferretti, colui che lo scorso 12 novembre aveva annunciato, in una conferenza stampa, l’iscrizione di Parma Gestione Entrate all’Albo dei soggetti abilitati ad effettuare attività di liquidazione e accertamento dei tributi. «E’ vero, l’iscrizione all’albo non è retroattiva, peccato che Parma Gestione Entrate operasse nella piena legittimità anche prima di tale iscrizione», replica Ferretti impegnato ormai in un braccio di ferro continuo con il Movimento Nuovi Consumatori. «Il Giudice di Pace può aver detto che Pge operava in modo illegittimo, noi però siamo convinti dell’esatto contrario, e lo dimostra il fatto che Pge e Comune si costituiranno in appello. Questo vuol dire che andiamo avanti», afferma l’assessore, per ricordare a tutti quelli che hanno fatto ricorso che quello vinto davanti al Giudice di Pace è solo il primo round di uno scontro giudiziario che si preannuncia molto più lungo.«Di tutta questa storia – commenta – dispiace il fatto che il Comune sia costretto a spendere i soldi dei cittadini per pagare degli avvocati che difendano l’ente da accuse infondate». P.Dall.

DELLE SANZIONI NON V'E' CERTEZZA...

Carlo Brugnoli

Chi ha ragione? Il Comune, per il quale Parma gestione entrate era legittimata, fino a qualche settimana fa, a raccogliere le sanzioni per violazioni del codice della strada e a effettuare fermi amministrativi dei veicoli pur non essendo iscritta all'Albo nazionale dei riscossori o il giudice di pace che ha accolto il ricorso di un'automobilista multata stabilendo la non retroattività della stessa iscrizione? La disputa va avanti da mesi e genera una incertezza che non giova a nessuno. Né al Comune né agli automobilisti sanzionati. Sia chiaro: le multe vanno pagate e su questo siamo tutti d'accordo. Ma sarebbe ora che si chiarisse la questione: Parma gestione entrate era legittimata a riscuotere o ha ragione il Movimento nuovi consumatori che da tempo porta avanti questa battaglia? Una risposta certa si attende. Ma non con i tempi biblici della giustizia amministrativa perché gli stessi tempi la pubblica amministrazione non li attende: le multe vanno pagate entro pochi giorni altrimenti scattano ulteriori e salatissime sanzioni.

cbrugnoli@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Uccio

    27 Novembre @ 18.47

    Michele, vai ad abitare in una città amministrata da ladri e mafiosi. Non ti va mai bene niente; ricordati che le contravvenzioni e le tasse vanno pagate, qualsias tipo dii amministrazione governi. Se qui il comune ha creato "Parma Gestione Entrate", è perché ha voluto togliere Equitalia (come in tutti i comuni 5stelle). Se tu le tasse locali non vuoi pagarle qui, cambia città e valle a pagare a quelle "sanguisughe di Equitalia.

    Rispondi

    • Filippo

      27 Novembre @ 19.33

      Ma perché commenti, se non sai quello di cui parli? PGE non è stata creata da questa amministrazione, quindi quello che fanno gli altri comuni a 5 stelle è irrilevante, e comunque il fine rispetto a equitalia è identico, con la differenza che PGE fino a 15gg fa operava senza autorizzazioni (ma con il beneplacito dei paladini della correttezza formale e della trasparenza). E le tasse locali non c'entrano un fico secco: questa è l'ennesima dimostrazione del grande livello culturale, per non dire intellettivo, dei tifosi pentastellati.

      Rispondi

  • matteo

    27 Novembre @ 15.10

    ED ECCOLO ANCORA UNA VOLTA MICHELE CHE STRAVOLGE L'ARTICOLO INVENTANDOSI UN MOTIVO PER ATTACCARE PIZZAROTTI E IL M5S. Michele, prima di sparare le solite inutili scemenze, informati e studia. agenzia delle entrate non dipende da pizzarotti e/o m5s! La vuoi smettere di infangare in questo modo? Se vuoi veramente attaccarli fallo con dati certi e notizie vere. Altrimenti sei solo un disturbatore dei forum cercando di spammare all'infinito togliendo la possibilità agli altri di discutere costruttivamente! il metodo di lasciare sempre l'ultima parola è diventato ormai anacronistico......lo fanno solamente i soliti prepotenti tendenzialmente fascisti di potere dei media.

    Rispondi

    • gigiprimo

      27 Novembre @ 17.09

      vignolipierluigi@alice.it

      E i comunisti dove li metti? non potevi scrivere: ignoranti? (da ignorare)

      Rispondi

    • Gianni Cesari

      27 Novembre @ 15.47

      giannicesari

      Parma Gestione Entrate S.p.a. NON è l' "Agenzia delle Entrate". Nomi simili ma Enti diversi! Parma Gestione Entrate, riporta nel proprio sito "E' la nuova società per la gestione delle entrate tributarie ed extratributarie a cui ha dato vita il Comune di Parma con il patner privato I.C.A. s.r.l. di La Spezia." "Comune di Parma"! Intende ora? Ha capito? alzi la manina e mi faccia cortesemente capire che ha inteso, grazie per l'attenzione!

      Rispondi

  • gigiprimo

    27 Novembre @ 14.26

    vignolipierluigi@alice.it

    E adesso, che Parma Gestione entrate è entrata nell'albo dei riscossori, quelle sedicimila multe che ricorso faranno? e quelli che non pagarono a suo tempo alla stessa, quando riceveranno il sollecito? cosa faranno? E attenti! sapete bene la fine di Renzo in quei 'tumulti'!? Ah, ma erano altri tempi, oggi la giustizia è diversa!?!?

    Rispondi

  • Patrizia Adorni

    27 Novembre @ 10.23

    se ci sono così tante sentenze che lo dicono ... qualcosa c'è che non va bene,

    Rispondi

    • gigiprimo

      27 Novembre @ 17.21

      vignolipierluigi@alice.it

      Cara Patrizia, ma sai quante sono le sentenze, quanti i ricorsi e quante le multe? lo puoi leggere anche al contrario, ci può essere sempre chi ha un angelo in terra (mi vergognavo a scrivere paradiso)

      Rispondi

  • gigiprimo

    27 Novembre @ 09.37

    vignolipierluigi@alice.it

    Cioè? le multe non andavano pagate presso Parma gestione entrate, ma a chi andavano pagate? forse all'agenzia delle entrate? Non alla infomobility, no ai vigili urbani. Sempre il solito avvocato che, non avendo altro da fare e conoscendo il casino (leggi di stato) creato da altri avvocati seduti in parlamento, mettono i 'poveri Renzi' in loro potere. Poi nascono i vari movimenti a difesa e qualche volta trovano lo spazio, lasciato in essere dai furbi legislatori, per il ricorso. Rimane il fatto, ce ne freghiamo delle leggi, e a volte per pochi centesimi, ci vediamo costretti a pagare le multe. Tralascio reati di maggior peso, ma quei pochi centesimi perché non pagarli? queste, delle multe, sono argomentazioni di lana caprina! si dice così?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

INCHIESTA

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

1commento

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

TECNOLOGIA

Telefoni e tablet in classe: a Parma non sono una novità

COLLECCHIO

In vent'anni, in Comune, 20 dipendenti in meno

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

ALLARME

Bocconi avvelenati al parco Martini: area transennata

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

11commenti

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

anteprima gazzetta

Inchiesta sulle nomine al Maggiore, il punto della situazione Video

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

CASERTA

Bellona, uccide la moglie e spara dal balcone: 5 feriti. Poi il suicidio

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video