15°

29°

Emergenza

Allarme bomba: ecco cos'era il falso ordigno

Allarme bomba: ecco cos'era il falso ordigno
Ricevi gratis le news
3

Un quartiere in ostaggio della paura: strade blindate per un allarme bomba. Ma quello che sembrava un ordigno era solo un rifiuto ingombrante. Ecco la cronaca di una mattina diversa da tutte le altre.

Chiara Pozzati

Prima è stato messo fuori da casa, come rifiuto ingombrante destinato allo smaltimento. Poi qualche furbetto l’ha rubato, ci ha giocato per un po’ e l’ha abbandonato proprio di fronte al Catasto in via Bodoni.

Così è scattato l’allarme bomba - con caos connesso - che ha tenuto sotto scacco il cuore di Parma per ore. Al centro di quest’incredibile caso, deflagrato ieri mattina, un parabordo da yacht, tappezzato di fogli di giornale in lingua inglese ed araba, che si è materializzato di fronte all’elegante palazzone color ocra. L’edificio, fra gli altri, ospita anche gli uffici del Nac (il Nucleo antifrode carabinieri).

Dopo una mattina da cardiopalma, con tanto di strade bloccate, artificieri da Bologna, cani antibomba in azione e traffico in tilt, il malcapitato proprietario di quel rifiuto «pericoloso» si sarebbe fatto avanti con le forze dell’ordine. Per chiarire quest’equivoco «esplosivo».

Il condizionale però è d’obbligo perché i contorni della vicenda sono ancora fumosi. Ma si tratterebbe di un gesto avventato di qualche buontempone che, in barba al legittimo proprietario, non solo ha rubato un oggetto, ma ha scatenato il panico sulle strade del centro. Per ripercorrere ogni istante di questo lunedì di ordinaria follia occorre mettere indietro l’orologio. Sono le nove: via Bodoni si ferma, si blinda. Così pure una buona fetta di via Verdi e gran parte di strada Garibaldi. Una mattina ad alta tensione dopo il rinvenimento di un parabordo da yacht, comparso in una via zeppa di telecamere.

Un obiettivo che avrebbe potuto tranquillamente considerarsi «sensibile», soprattutto perché all’interno della sfera in plastica, di solito fa capolino dalle imbarcazioni attraccate per proteggerle dagli urti, avrebbe potuto nascondersi un ordigno. E sale la tensione anche a Parma, dopo gli attentati di Parigi e gli annunci choc dell’Fbi, che ha indicato alcune città dello Stivale come possibili obiettivi dell’Isis.

Così, anche la nostra città ha accusato il colpo, figlio molto probabilmente di quella che pare a tutti gli effetti una bravata. All’interno del presunto ordigno – fatto brillare dagli artificieri della polizia approdati da Bologna con tanto di cani antibomba - non c’era nulla. Niente materiale esplosivo o sospetto. Rimane il fatto che fin dalle nove un nugolo di curiosi si assiepa attorno al nastro bianco e rosso, qualcuno è in preda alla psicosi, altri inviperiti per non poter raggiungere uffici e case nella zona rossa.

Sono solo i primi di un folto pubblico che rimarrà a picchettare – qualcuno tenterà addirittura di «forzare» – i limiti dell’area a rischio. Senza perdersi una virgola di quel che succede, con il panico che cede il posto alla curiosità col passare delle ore.

«Possiamo solo dire che il parabordo è comparso dopo le nove, perché alle otto e trenta il portiere di uno dei palazzi è passato proprio di fronte al Catasto e non c’era nulla – svela uno degli storici commercianti della via -. Chi lo sa, magari le telecamere hanno ripreso tutto».

Ad ogni buon conto nessun edificio è stato evacuato e neppure i negozianti hanno ceduto. Le serrande prendono ad abbassarsi solo attorno alla pausa pranzo: «Che dobbiamo fare? dopo torniamo?» chiede pacifica una commessa a un poliziotto. «Guardi dovrebbe finire tutto tra poco - risponde lui con piglio rassicurante - e tutto tornerà alla normalità».

Intanto alcuni residenti si affacciano alle finestre: chi è guardingo, chi sbuffa, chi si sbraccia chiedendo allo stuolo di divise: «Posso uscire di casa? Dovrei andare a prendere il pane…».

E se qualcuno si sente barricato nel proprio appartamento, anche nelle retrovie non mancano i disagi. Il traffico sprofonda nel caos in via Verdi, diventata off limits al crocevia con via Bodoni e fino alla Pilotta. Le pattuglie dei vigili dirottano le auto in arrivo nelle laterali, impossibile procedere.

Volanti, scientifica, digos, carabinieri, pompieri, municipale e ambulanze - come da prassi - sorvegliano la zona in attesa degli artificieri. Gli esperti arrivano da Bologna e l’attimo da cardiopalma scatta attorno a mezzogiorno. Si amplia la zona off-limits: via la «platea», via i giornalisti e via perfino le altre divise. Alle 12,09 in punto un boato fa sobbalzare il centro, come un petardo amplificato che fa vibrare muri e anime.

Gli artificieri fanno «brillare» il parabordo che ora può essere passato sotto la lente degli investigatori.

Gli uomini della Scientifica chiudono il cerchio, lo sequestrano e se ne tornano in Questura. Toccheranno ore di lavoro a testa bassa e labbra sigillate. Questo fino a pomeriggio inoltrato quando il proprietario della sfera si sarebbe precipitato dalle forze dell’ordine per chiarire l’equivoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marco

    02 Dicembre @ 00.01

    Ma basta con ste manie di protagonismo di questa cittadina che vuol sembrare grande.

    Rispondi

  • StefanoC

    01 Dicembre @ 11.54

    Adesso quotidianamente bloccheranno il quartiere Montanara per rifiuti a destra e manca?

    Rispondi

  • ANONIMUS

    01 Dicembre @ 10.17

    NO??? E chi l avrebbe mai detto?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti