19°

29°

CYBERBULLISMO

Il provveditore: «Eramo ha ragione»

Eramo risponde al genitore: la lettera

Il provveditore: «Eramo ha ragione»
Ricevi gratis le news
2

Fa discutere il caso di cyberbullismo, il giorno dopo la denuncia del dirigente della Jacopo Sanvitale-Fra' Salimbene. Il provveditore si schiera con Pier Paolo Eramo e lancia un appello alle famiglie: «Aiutate la scuola». I ragazzi si difendono: «WhatsApp? E' uno scherzo». Ecco come la pensano un neuroscienziato e un oculista. Il preside della Sanvitale/Salimbene risponde al genitore che aveva parlato di "due pesi e due misure" (LEGGI LA LETTERA DEL GENITORE E LA RISPOSTA)

Chiara Pozzati

«Sconfiggere la nuova violenza cyber, ma anche quella “reale”? Si può, ma solo rivedendo globalmente l’attività scolastica. Esiste un bullismo figlio della noia pura. La visione legata solo a un disagio sociale è distorta. Occorre ripensare interamente ai programmi, anche (e soprattutto) in chiave preventiva. E puntare sullla collaborazione scuola-famiglie». Parola di Giovanni Desco al timone dell’Ufficio scolastico provinciale, l’ex Provveditorato agli studi.

Questo il caso che fa discutere: l'altro giorno il dirigente della Jacopo Sanvitale-Fra' Salimbene, Pier Paolo Eramo, ha pubblicato sul sito della scuola una conversazione su Whatsapp tra ragazzini 12enni, con insulti e ingiurie pesanti. I provveditore ieri è intervenuto sul caso: «L’azione di denuncia del dirigente in questione è la seconda in nemmeno un anno. Non bisogna dimenticare la lettera aperta, a firma di tutti i presidi cittadini di medie e superiori, pubblicata lo scorso aprile sulla Gazzetta, con un'inchiesta di due pagine. Lettera che metteva in guardia sui rischi connessi all’uso di WhatsApp e che non mi pare abbia trovato ancora l’attenzione adeguata». E difende l’operato di Eramo dalle critiche ricevute da alcuni genitori: «Non mi pare che il dirigente chiami fuori il mondo dell’istruzione, anzi mi sembra che voglia entrare nel cuore del problema e che chieda l’aiuto di tutti. La scuola ha una forza e una responsabilità altissima: può trasformare tutto in risorsa educativa. Dall’alluvione alla violenza: nessun episodio va censurato, anzi abbiamo il dovere di fornire strumenti educativi ai ragazzi. Questo per aiutarli ad affrontare la realtà in tutte le sue forme. Recentemente il Miur ha fissato linee guida ad hoc sul cyberbullismo, integrate nei vari regolamenti scolastici. Ed è proprio il ministero dell’Istruzione a ricordarci quanto sia fondamentale agire su due binari: “favorire la conoscenza dei contenuti tecnologici e la conoscenza delle problematiche psicopedagogiche correlate”, spiega direttamente il documento ufficiale». Ma di fatto non ci sono provvedimenti concreti. «Sotto questo profilo esiste uno statuto – redatto da studenti e studentesse e datato 1997 – che fissa diritti e doveri degli alunni. Quindi dal punto di vista disciplinare (note, espulsioni e provvedimenti vari) nelle nostre scuole è tutto ben codificato e integrato nei regolamenti d’istituto. La partita vera è un’altra, anche perché spesso questi comportamenti avvengono fuori da scuola. E’ necessario far breccia nel muro di omertà degli adolescenti. E per fare questo occorre l’aiuto di tutti, anche delle famiglie». Insomma, secondo Desco la «via maestra rimane quella della prevenzione. L’obiettivo è riuscire a coinvolgere i ragazzi, entusiasmandoli e rendendoli protagonisti (e progressivamente responsabili) del mondo che li circonda».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rottamepr

    03 Dicembre @ 07.24

    La scuola ha un ruolo motivo importante ma ancor di più la famiglia. La famiglia educare ed insegnare ai propri figli il rispetto e la civiltà. Se questo ragazzi sono dei bulli e' perché hanno molto probabilmente alle spalle una famiglia disgraziata (benestante o meno, italiana o straniera.) . Certi genitori dovrebbere stare accanto ai loro figli e seguirlo passo x passo anziché preoccuparsi solo e solamente se la scuola scelta x loro e' più rinomata oppure non ha troppi stranieri...

    Rispondi

    • Biffo

      03 Dicembre @ 09.56

      Molti genitori sono troppo impegnati a chattare con Whatsapp, a guardare i porno in rete, a giocare con la Playstation, al bar a discutere di c..., o in giro, di notte, alla caccia di prostitute. Le mammine moderne seguono le orme dei maritini, non al bar, ma al cellulare con le amiche sciacquette e ricevono i loro gigolò in casa, quando i mariti pattugliano le strade in cerca di amore mercenario. Un po' sul modello di "American beauty", insomma.

      Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

2commenti

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

SPORT

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

SOCIETA'

perugia

Oca lo becca al parco, nonno risarcito dalla Regione

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti