POLEMICA

«Abolito il Natale al Quadrifoglio»

«Abolito il Natale al Quadrifoglio»
Ricevi gratis le news
44

Il Natale alla scuola dell'infanzia Quadrifoglio? Quest'anno sarà senza i canti tipici di questa festività. A denunciarlo è una mamma, a cui però la scuola replica: «Non cancelliamo le tradizioni».

Francesco Bandini

La festa di Natale alla scuola dell'infanzia Quadrifoglio? «L'hanno sostanzialmente abolita, cancellando ogni riferimento alla ricorrenza», lamenta una mamma. «Non è vero, i simboli del Natale sono rimasti e nessuno vuole cancellare la tradizione, solo che lo spettacolo in programma non sarà uno spettacolo natalizio», replicano da Parmainfanzia, la società partecipata che gestisce la struttura di via Gramatica.

LA DENUNCIA

In tempi in cui, in nome della laicità, un preside di una scuola nel Milanese ha cancellato il concerto di Natale per non urtare la sensibilità dei non cristiani, basta poco per far insorgere il sospetto che determinate decisioni vengano prese in nome di un certo conformismo spinto fino all'eccesso. È quello che deve aver pensato la mamma di un bambino che frequenta la scuola dell'infanzia «Quadrifoglio», nel quartiere Paradigna, che si è rivolta alla «Gazzetta di Parma» per sfogare la propria delusione per una scelta che reputa eccessiva e non rispettosa della sensibilità di molti. A turbarla, in particolare, il fatto che al posto del tradizionale momento in cui ai bambini venivano fatte cantare le canzoni tipiche del Natale, quest'anno è stato previsto uno spettacolo di animazione dal titolo assai poco natalizio: «Il brutto elefante». Uno spettacolo, peraltro, a pagamento (5 euro a famiglia), in quanto tenuto da un attore professionista. La rappresentazione farà riferimento a valori come amicizia, rispetto e condivisione, ma lascia l'amaro in bocca alla mamma che preferiva che si continuasse nella tradizione di una volta, quando i bambini si radunavano davanti a genitori e maestre per intonare «Jingle Bells» e «Tu scendi dalle stelle», quando c'era il presepe e quando Babbo Natale veniva a fare visita ai piccoli alunni.

«Non voglio obbligare nessuno a fare nulla, ma non voglio nemmeno che venga cancellato tutto – sostiene la mamma –. Non voglio che un bambino musulmano diventi cristiano, ma nemmeno che un bambino cristiano cresca senza sapere nulla delle proprie tradizioni e delle proprie radici». Spiega di avere chiesto chiarimenti a una delle maestre del proprio figlio: «Mi ha risposto che se vogliamo festeggiare il Natale dobbiamo farlo a casa nostra o in chiesa». La mamma sostiene che al Quadrifoglio non solo il Natale ha cambiato fisionomia, ma anche la festa di Santa Lucia: «Anziché la santa che porta le caramelle, quest'anno ci sarà una caccia al tesoro», lamenta.

LA REPLICA

«Non c'è nessuna volontà di cancellare gli aspetti tradizionali del Natale, che anzi continuano ad esserci», spiega Francesca Gavazzoli, direttore di Parmainfanzia. Quali sono questi aspetti? «La scuola che si addobba, i dolci natalizi, lo scambio degli auguri che ci sarà dopo lo spettacolo». Già, lo spettacolo: una rappresentazione che ha un elefante come protagonista e dove non c'è traccia della festa così come comunemente intesa. «Non è stato pensato come uno spettacolo natalizio – precisa la Gavazzoli –, ma come un regalo di Natale che la scuola fa ai bambini. Non è a tema natalizio perché rientra nel progetto didattico che le insegnanti stanno portando avanti con i piccoli alunni». E spiega che, se è pur vero che nel giorno dello spettacolo non ci saranno canti natalizi, questi non sono stati affatto aboliti dal Quadrifoglio: «Noi facciamo cantare spesso i bambini ed è naturale che in questo periodo dell'anno cantino anche canti a tema natalizio».

Ricorda che tutto questo è stato condiviso con i genitori nel corso di un incontro svoltosi a novembre, compresa la necessità di prevedere il pagamento di 5 euro per due spettacoli nel corso dell'anno scolastico (oltre a quello che ci sarà fra pochi giorni, ne è infatti previsto un altro in primavera). E anche sulla mancata comparsa di Santa Lucia, sostituita da una caccia al tesoro, sostiene: «Il senso della festa continua ad esserci: la sorpresa di un dono trovato misteriosamente».

Anche il vicesindaco Nicoletta Paci, che ha la delega ai Servizi educativi, respinge ogni accusa e ribadisce: «Nessun taglio alle tradizioni natalizie, bensì un'attività in più che si aggiunge ai festeggiamenti tradizionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rocco

    09 Dicembre @ 19.47

    @Immanuel credo ci sia molta differenza su come viene trattato il natale negli asili e nelle scuole (in realtà è l'attesa del natale, perché a natale siamo quasi tutti a casa). Di certo non è comune fare rappresentazioni a sfondo religioso, da quel che so. In genere si preferisce sottolineare il significato del natale preparando i bambini in un clima di attesa per le festività che ciascuno di loro passaerà a casa con le rispettive famiglie nei modi che ciascuno sceglie per se. Il clima d'attesa e di festa viene reso con addobbi e alberi di natale. Non è che il Natale non viene festeggiato, così come la Pasqua, ma non viene raccontato secondo la narrativa della religione cattolica. Questo perché la scuola è laica (quelle statali e comunali) perché lo stato è laico. Lo stato garantisce anche la libertà di culto nelle apposite sedi. In più lo stato garantisce e paga anche alla religione cattolica un ora a settimana di insegnamento a partire dai 2-3 anni fino ai 18.

    Rispondi

  • Immanuel

    08 Dicembre @ 14.47

    Ho fatto una domanda complicata? Perché in realtà anche nei vari dibattiti televisivi e radiofonici, non ho capito il vero motivo per il quale non deve essere celebrato il Natale nelle scuole (a parte un "per non disturbare nessuno" da parte del famoso preside). Per caso urta il fine intelletto dei rappresentanti di sinistra? Questione di principio sullo stato laico? Libero arbitrio dei bambini sul tipo di festeggiamenti? E si , i motivi sono tanti .... voi cosa ne dite?

    Rispondi

  • Armando

    07 Dicembre @ 18.57

    è vero che tutti i monsulmani non sono terroristi, ma è vero anche che tutti i terroristi sono monsulmani contro il terrorismo e contro la follia collettiva del'islam facciamo un bel presepe detto da me che sono ateo.

    Rispondi

  • Immanuel

    07 Dicembre @ 17.43

    Posso fare una domanda? Ma perché non va bene festeggiare il Natale? Qual è il problema? Ci sarà pure un problema con sti canti e ste luminarie ... io devo dire che non l'ho capito, ma ci deve essere ...

    Rispondi

  • Elli70

    07 Dicembre @ 11.14

    Concordo appieno con Stefania e Supermanz. In quanto alle luminarie io le abolirei volentieri. Mi fanno schifo! Se per voi festeggiare il Natale vuol dire accendere dei lumini e fare shopping, come festa religiosa!n siete messi veramente male. Ah, ma magari andate anche a messa! Solo quella volta, però! E poi, durante tutto l'anno, come applicate i valori cristiani?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS