-2°

Mediopadana

Italo raddoppia le corse

Italo raddoppia le corse
Ricevi gratis le news
5

Dal 13 dicembre alla stazione Mediopadana di Reggio Emilia nuovi orari: Italo raddoppia le corse per Milano e Roma.

Santa Lucia non dimentica i pendolari.

E lo fa in grande stile raddoppiando le corse in direzione Milano, in direzione Roma ma non solo. Tant'è che dal 13 dicembre i treni di Italo che fanno tappa alla Mediopadana della vicina Reggio Emilia da 12 diventeranno 23.

E anche per noi parmigiani sarà una grande comodità. Grazie al fatto che proprio dal giorno di Santa Lucia entrerà in funzione anche l'atteso Italobus che collegherà la stazione dell'alta velocità con la nostra città ma anche con Mantova, Cremona, Modena e Carpi.

Insomma, un vero super collegamento quasi da «metropolitana» per favorire gli spostamenti su rotaie.

Domenica prossima scatta infatti l'orario invernale per le ferrovie e sul tabellone delle stazioni i viaggiatori troveranno una piacevole sorpresa.

Soprattutto nella prima mattina e alla sera le novità sono tante.

Per chi ad esempio deve andare a Milano non ci sarà più soltanto il treno delle 8.24 e delle 10.24, ma anche quello delle 11.24, delle 12.34 e delle 13.24; alla sera al vecchio 19.24, si aggiungono quelli delle 20.24, delle 21.24 e delle 23.24.

Lo stesso vale per il ritorno. Che proprio per i viaggiatori della nostra città è da tempo un problema, in particolare nella fascia oraria serale. Sarà così attivata una corsa da Milano per Reggio alle 18.35 e una alle 20.35. E a proposito di Milano, Italo si fermerà anche in Centrale, migliorando le frequenze e l'offerta del sistema ferroviario del nord Italia.

Così come a Torino, dove arriverà finalmente in centro città con la fermata di Porta Nuova che si aggiungerà in questo modo a quella di Porta Susa.

Anche per Roma la situazione migliorerà: per rientrare a Reggio si potrà partire dalla capitale anche alle 5.45, alle 8.45, 9.45, 10.45 e alle 11.45, mentre alla sera si aggiungono i treni delle 18.15 e delle 20.45.

Da Reggio per Roma alla mattina si potrà partire anche alle 10.23 o alle 12.23, alle 13.23 e alle 14.23, mentre alla sera si aggiunge il treno delle 21.23. E in poco tempo si è già davanti al Colosseo.

Un bel regalo quello della Santa Lucia 2015 per chi da sempre ama viaggiare in treno, ma anche per chi vuole iniziare a farlo con queste nuove corse di Italo, comode e veloci.

E in stagione di nebbia o addirittura di ghiaccio meglio il treno della macchina. r. c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nicola Martini

    06 Dicembre @ 14.01

    Egr. Sig. Giuseppe (commento odierno delle h 10.27), senza intento polemico beninteso, ma il concetto di Alta Velocità è ben chiaro in molte teste. Ciò che può apparire inaccettabile a chi risiede a Modena, Parma o Piacenza è che gli si voglia far credere che una stazione a Reggio Emilia possa servire un bacino d'utenza dal modenese sino al piacentino. Le stazioni del Tav in linea sono tanto utili quanto di prossimità, pertanto con l'impostazione data si condanna al sottoutilizzo la linea e si lasciano a piedi solo tra Milano e Bologna (a spanne) ca. 1.500.000 di passeggeri ogni anno. Una delle cose che fa più innervosire è che a territori come Parma, Modena o Piacenza, ben più importanti sotto il profilo ferroviario di Reggio E. (basta guardare un orario pre attivazione AV) siano state letteralmente segate le gambe sotto il profilo dei servizi di qualità, pur di far andare la gente alla Mediopadana. Se non ricordo male a Parma una decina di anni fa fermavano 3 o 4 coppie di ES una coppia del Cis nonchè l'EN (questo servizio non AV). A Parma erano state garantite con l'attivazione della linea veloce inizialmente 12 coppie (poi ridotte a 6) di treni AV, le quali non si sono mai materializzate. Chi conosce i sistemi ferroviari non dovrebbe stupirsi in quanto le interconnessioni sono raccordi d'emergenza o per l'AC. Chi conosce l'AV sa benissimo che il modello francese a cui ci si è ispirati (alti spunti in velocità e fermate ogni 80 km) è adatto a realtà con presenza antropica sparsa. Anche in Francia però vi sono i correttivi per le realtà densamente popolate come l'Emilia. Il caso della LGV Méditerranée è indicativo in quanto dimostra la sostenibilità di fermate ravvicinate (Marsiglia- Aix en Provence Tgv - 20 km). Personalmente mi ispiro al modello nipponico (sono 50 anni che fanno andare l'AV) e indico il modello della Sanyo Shinkansen che per caratteristiche tecniche e presenza antropica è molto simile alla nostra Mi-RO AV. Come può vedere nei 554 km tra Shin-Osaka ed Hakata le stazioni intermedie sono 17 ed in città anche ben più piccole di quelle emiliane. Basta diversificare i servizi per caricare la linea il più possibile (lunga, media e breve percorrenza) per garantire un servizio a tutti e con tempistiche che fanno impallidire le nostre. Basta prendere spunto da chi quotidianamente fa correre su quella linea oltre 120 coppie di treni e trasporta 60.000.000 pax/anno. Cordialmente.

    Rispondi

  • Giuseppe

    06 Dicembre @ 10.27

    E quanti se fermasse anche a Modena, Piacenza e,perchè no, anche a S.Ilario........? Forse il concetto di ALTA VELOCITÀ non è ancora chiaro.

    Rispondi

    • E.

      06 Dicembre @ 21.01

      Giuseppe, basterebbe che fermasse a Parma e non a Reggio. Ovviamente non tutti a Parma e Reggio zero. Alcuni a Parma, altri a Reggio e altri né a Parma né a Reggio. Forse anche lei non ha chiaro del tutto il concetto di alta velocità....e comodità. E se un servizio è comodo la gente lo usa...altrimenti no.

      Rispondi

    • gigiprimo

      06 Dicembre @ 15.47

      vignolipierluigi@alice.it

      Mi riferivo alle promesse! Se fosse per la rapidità, mi spieghi perché deve amdare a Bologna e non su una linea diretta Milano Piacenza Firenze?

      Rispondi

  • gigiprimo

    06 Dicembre @ 08.45

    vignolipierluigi@alice.it

    Quanti viaggiatori in più se fermasse a Parma?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

1commento

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande