omicidio

Alessia, il compagno ricercato per omicidio volontario

Parlano i vicini di casa: video

Gettata nella vasca e uccisa di botte
Ricevi gratis le news
22

Com'è morta lo dirà l'autopsia. Ma il suo corpo martoriato una verità la urlava: quando sono arrivati i soccorritori Alessia Della Pia, 39 anni, giaceva nell'androne di una palazzina di via dei Bersaglieri, quartiere Cinghio Sud. Immobile e gelida, coperta di lividi. I vestiti fradici.

Ancora senza esito le ricerche del 27enne tunisino accusato (per cui esiste un mandato di cattura per "omicidio volontario") di avere brutalmente picchiato e ucciso a Parma la compagna Alessia Della Pia, 39 anni. La donna stata ritrovata senza vita nel primo pomeriggio di ieri nell’androne di un palazzo in via Bersaglieri, strada del quartiere Cinghio Sud, alla periferia di Parma.
Polizia e Carabinieri stanno proseguendo la caccia dell’uomo che, secondo una prima ricostruzione, avrebbe prima picchiato la donna nell’appartamento, tentato di affogarla nella vasca e poi, ormai senza vita, trascinata in ascensore fino all’androne di ingresso del palazzo dove la donna risiedeva da circa un mese. Qui l’uomo avrebbe telefonato al 118, avvisando delle condizioni della donna, per poi darsi alla fuga.
Il 27enne ha numerosi precedenti per droga ed ora ricercato in tutta Italia. (Caccia all'uomo - Video)

Parlano i vicini di casa: il video del Tg Parma

La cronaca della vicenda

Com'è morta lo dirà l'autopsia. Ma il suo corpo martoriato una verità la urlava: quando sono arrivati i soccorritori Alessia Della Pia, 39 anni, giaceva nell'androne di una palazzina di via dei Bersaglieri, al Cinghio Sud (nel quartiere Montanara). Immobile e gelida, coperta di lividi. I vestiti fradici: non solo calci e pugni, hanno tentato anche di affogarla.

Inutile provare a strapparla alla morte, però i rianimatori si sono incaponiti lo stesso: lunghi minuti a sperare in un flebile respiro, poi si sono arresi.

I primi a raggiungere il palazzo - affacciato su un piazzale interno, in mezzo ad altre torri di cemento identiche - sono stati proprio loro: un drappello di tute arancioni, ambulanza e automedica partite dalla centrale in codice rosso, l'esperienza aveva fatto presagire che la cosa potesse essere seria.

Alle 12,38 era arrivata una chiamata al 118: una voce maschile chiamava da un cellulare. Frasi concitate: chiedeva aiuto per la sua compagna. Un uomo che si è eclissato pochi istanti dopo l'arrivo dell'ambulanza. I carabinieri lo stanno cercando, ma in qualche modo è riuscito a sparire, a rintanarsi chissà dove.

Chi è quest'uomo? Sulla cassetta della posta c'è un nome straniero accanto a quello di Alessia ma sull'identità del fuggitivo gli investigatori per ora preferiscono restare vaghi, non aggiungere troppi dettagli in questo momento delicatissimo. Restiamo all'essenziale: origini tunisine, 28 anni, un passato turbolento legato alla droga dentro e fuori dal carcere, fino a poco tempo fa era agli arresti domiciliari.

Più ci scavi dentro e più la droga appare lo sfondo desolante di questo omicidio atroce, forse la chiave per spiegare una violenza così spaventosa. Vero anche che, con il passare delle ore, questa storia si puntellava di interrogativi. Un copione agghiacciante - che si ripete all'infinito: lui che si avventa su di lei, lui che la uccide - dove però forse non tutto è ancora così chiaro e non soltanto perché chi ha massacrato Alessia è ancora fuori, libero, in fuga.

In via dei Bersaglieri ieri s'è concentrato un esercito di carabinieri - poi anche il pm Andrea Bianchi, il medico legale - e sono rimasti inchiodati lì dal primo pomeriggio fino a quando s'è fatto buio, poi altre lunghe ore in caserma, ad ascoltare i testimoni.

In quel condominio ci abita tanta gente, pensionati in prevalenza: molti hanno visto e sentito (e non solo quello che è successo ieri), molti hanno parecchio da raccontare. La cosa strana è che qui, Alessia Della Pia, quasi nessuno la conosceva. Il suo nome sul campanello era comparso da poche settimane, forse un mese.

«Anche lei aveva dei problemi, un passato turbolento», l'unica voce che la mette un po' più a fuoco è di un uomo che abita non molto lontano, sempre in questo quartiere. Alessia ha un figlio di vent'anni che ieri è stato ascoltato a lungo dagli uomini dell'Arma. Ha una mamma, che adesso si starà macerando nella sofferenza più grande. Alessia abitava in via Dei Bersaglieri ma c'è chi giura di averla vista tra quelle mura pochissime volte. «Ci stava un ragazzo giovane, con una ragazza sui vent'anni», ripetono in tanti. Poche settimane, ma già molto turbolente: le urla e i tonfi inconfondibili dei pestaggi foravano spesso quelle mura.

«Una settimana, saranno state le cinque del mattino, ho sentito una voce di donna che urlava “aiuto, aiuto” e una maschile che gliene diceva di tutti i colori», sussurra un'anziana che abita in una palazzina vicina. Quella notte in via dei Bersaglieri era accorsa la polizia, nell'androne avevano trovato un giovane e una ragazza (che non era Alessia), entrambi con i segni di percosse. Era finita lì senza denunce (se non per il giovane che era insieme alla coppia e aveva chiamato il 113: è risultato che aveva rubato una bicicletta, ma questa è un'altra storia).

L'indagine è tutt'altro che chiusa ma l'impressione è che intorno a quella casa ruotasse un piccolo campionario d'umanità disastrata, dove la violenza spesso diventava il linguaggio dominante. Manca il movente: ma quest'orizzonte desolante suggerisce che sarà vuoto e marcio (i soldi per la droga, la gelosia, i debiti) come chi ha il coraggio di ammazzare di botte una donna fragile e inerme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    07 Dicembre @ 21.16

    sta scritto nella cronaca; legggete, razzisti da tastiera "alle 12,38 era arrivata una chiamata al 118: una voce maschile chiamava da un cellulare. Frasi concitate: chiedeva aiuto per la sua compagna...." e comunque a voi, razzisti da tastiera, la morte di una donna uccisa in quel modo interessa proprio poco; stessero cercando un italiano avremmo l'1% dei commenti. E tra i commenti c'è pure chi insinua che "un po' queste donne se la cercano" Gli inquirenti stanno cercando il compagno perche' in questi casi si cerca sempre il compagno; ma resta il giallo. E' scritto qui sopra

    Rispondi

    • sabcarrera

      09 Dicembre @ 10.10

      Chiama aiuto dopo essere scappato?

      Rispondi

    • Filippo

      08 Dicembre @ 18.56

      filippo.cabassa.1970@gmail.com

      Continua così caro Marirhugo. Gli atteggiamenti come i tuoi sono quelli che fanno vincere la destra.

      Rispondi

  • Patti

    07 Dicembre @ 21.03

    ...e poi i razzisti siamo noi!!!!!!!!

    Rispondi

  • giuseppe

    07 Dicembre @ 19.34

    No,ma che dite?Vade reto crocifisso! Vade retro presepe! Dobbiamo integrarci con Loro o, meglio ancora, calare tosto le braghe!!! Vero, sig./sig.ra Marirhugo???

    Rispondi

  • Massimo

    07 Dicembre @ 19.23

    Donne state alla larga dagli uomini nordafricani e dalla loro religione.sono troppo diversi da noi e purtroppo non cambieranno di certo per voi.

    Rispondi

    • Filippo

      08 Dicembre @ 08.18

      filippo.cabassa.1970@gmail.com

      Massimo sai come si dice purtroppo "la tàca pu la s... che che la còla dal marangon"

      Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Dicembre @ 19.17

    MA GUARDA UN PO' : "IL COMPAGNO E' RICERCATO PER OMICIDIO VOLONTARIO" ! SARA' PERCHE' IL GROTTESCO TERMINE DI "FEMMINICIDIO" NEL CODICE PENALE NON C' E' ? Al limite , per assurdo , non sarebbe neanche perseguibile , visto che , nel Codice , non è previsto come reato . La Legge persegue l' uccisione di una persona , non discrimina "femminicidi" e "maschicidi" ! Messaggi arrivati finora a commento di quest' orrendo crimine 162 . Pubblicati 5 . 157 da querela ?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande