11°

17°

NATALE

Le scuole disertano i presepi

Le scuole disertano i presepi
Ricevi gratis le news
43

L'Associazione italiana amici del presepio denuncia la scarsissima adesione di scuole e asili alla tradizionale rassegna nel chiostro dell'Annunziata. «Alle visite guidate gratuite, soltanto classi di scuole private o parificate» lamentano gli organizzatori. Leggi gli orari e scopri le caratteristiche dell'iniziativa.

Luca Molinari

La Mostra dei presepi? Snobbata da scuole e asili. E’ quanto emerge da una lettera inviata alla Gazzetta dall’Associazione Italiana Amici del Presepio, che ogni anno allestisce una mostra di natività nel chiostro dell’Annunziata e offre visite guidate gratuite alle scuole, al momento andate quasi deserte.

«Come ogni anno – si legge nella lettera - invitiamo le scuole di Parma, a partire dagli asili e dalle elementari, a partecipare alle visite guidate gratuite alla mostra: ad oggi rispetto alle precedenti edizioni, le prenotazioni delle classi sono diminuite sensibilmente, tanto che potremmo dire che si limitano a quelle degli istituti privati e parificati». «E’ come se la tradizione del presepe - proseguono gli Amici del Presepio - fosse riservata a chi frequenta scuole di stampo cattolico».

Secondo i rappresentanti dell’associazione portare classi di bambini a visitare la mostra «è quantomeno un modo per contestualizzare un periodo dell’anno, quello natalizio, che porta con sé diverse tradizioni culturali e anche religiose». All’interno della mostra sono presenti una quarantina di presepi provenienti da tutta Italia. Oltre alle classiche ambientazioni contadine, orientali e ai diorami, quest’anno la Natività è stata ambientata anche in una suggestiva cascina della pianura lombarda, realizzata dalla sezione di Casalmorano (Cremona).

Si tratta di veri e propri capolavori che formano una rassegna di alto livello pensata per favorire la diffusione del presepio, soprattutto all’interno delle famiglie e tra i giovani. «Quello che sta accadendo è molto triste – aggiungono gli Amici del Presepio - un luogo educativo come la scuola non trasmette più i valori con cui la nostra società è cresciuta». «Le precedenti non saranno generazioni perfette, ma possiamo pensare a generazioni future che siano prive di valori morali, sociali, culturali?» si domandano i rappresentanti dell’associazione.

E aggiungono: «A scuola si studia la storia delle religioni e allora perché non possiamo parlare di Natale, di presepe, del Bambino che viene». Lo scorso anno la sezione di casa nostra dell’Associazione Amici del Presepio ha festeggiato i trentacinque anni di fondazione e i vent’anni di mostre. «Mai come quest’anno –prosegue la lettera - ci siamo trovati di fronte ad un panorama di quasi completo disinteresse da parte di scuole dell’infanzia e primarie. Mai come oggi il nostro compito di diffusione della tradizione del presepio è difficile». «Confidiamo nel fatto - concludono - che le nuove generazioni che stanno crescendo possano essere più attente alle nostre belle tradizioni e tornino sulla buona strada, la stessa che avevano tracciato i nostri nonni e che adesso sembriamo aver perso di vista». La Mostra dei Presepi è stata inaugurata nei giorni scorsi e rimarrà aperta fino al 6 gennaio, quando l’iniziativa «Natale all’Annunziata» si concluderà con il suggestivo Corteo dei Magi. La mostra in questi giorni è aperta al mattino solo per le scuole e osserverà il seguente orario: giorni feriali dalle 15.30 alle 18.30.

Domenica e festivi dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Per le scuole sono previste visite guidate gratuite su prenotazione 0521-239267 (telefonare orari negozio).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    13 Dicembre @ 08.32

    R E N Z

    Alla scuola media S. Benedetto, anni '70, attesto che i SALESIANI non ci hanno MAI ma proprio MAI portati a vedere i presepi. Ci portavano a Vigo di Fassa per la settimana bianca, ma non ci hanno mai portati a vedere i presepi. Parola di ex allievo.

    Rispondi

  • LaoTzu

    12 Dicembre @ 07.09

    I fatti: alla gente, del presepio, interessa sempre meno, ai cattolici benpensanti questo dà sempre più fastidio.

    Rispondi

    • Federica

      12 Dicembre @ 18.02

      I FATTI: l'ignoranza dilaga e gli islamici faranno meno fatica a conquistarci. Ti piaccia o no è così.

      Rispondi

      • LaoTzu

        13 Dicembre @ 07.39

        Xenofobia mascherata da "difesa delle tradizioni"... all'estremo del suo modo di pensare ci sono le farneticazioni paranoidi dei Nazisti e le macchine di sterminio di tutti coloro che sono "diversi"...

        Rispondi

  • cambogiano

    11 Dicembre @ 22.29

    scusate, ma il valore aggiunto di questa mostra per una scolaresta qual'è? perdere 3 ore di lezione per vedere 40 presepi che senso ha? perchè non possono andare singolarmente i ragazzi nel tempo libero a vedere i presepi?

    Rispondi

    • LaoTzu

      15 Dicembre @ 14.17

      Premesso che il presepe come lo concepiamo oggi è una rappresentazione di culto cristiano-cattolico, c'è chi ancora pretende che la scuola pubblica (che deve essere laica e neutrale) si faccia strumento di condizionamento religioso? Non portare gli scolari a vedere il presepe non limita in alcun modo le libertà individuali in materia di religione e non impedisce certo agli scolari di andare a vederseli in privato.

      Rispondi

  • Zagor

    11 Dicembre @ 18.27

    Gli insegnanti non accompagnano più gli studenti ad ammirare i presepi semplicemente perché la scuola non sa più cosa dire, non riesce a far capire il senso di quel bambinello semivestito, non sa dargli un'identità, un fine, una simbologia....negli anni la scuola ha sostituito il crocifisso con le bandiere delle pace, ha trasformato la "laicità" in " laicismo", ha proibito i riti natalizi, si è auto-censurata per evitare di urtare la sensibilità religiosa altrui, ha annullato la propria identità culturale nel nome di un multiculturalismo fallimentare....Cosa possiamo pretendere da questa scuola? Avanti così e tanti auguri...

    Rispondi

    • LaoTzu

      13 Dicembre @ 07.47

      La scuola dovrebbe essere laica, e non l'ennesima occasione per fare propaganda confessionale alla chiesa cattolica. Strano però, che siano sempre i cattolici a stracciarsi le vesti per primi contro qualunque manifestazione di diversità che percepiscono come minaccia al loro sistema di pensiero rigido, bigotto e preconcetto.

      Rispondi

    • Federica

      12 Dicembre @ 18.06

      Meno male che non ho figli da mandare a scuola. Non ce l'avrei potuta fare. Avrei preso a schiaffoni fisicamente tutti quanti, dal preside fino all'ultimo degli insegnanti, o comunque me la sarei presa sia con chi decide queste cose, sia con gli esecutori. E' uno schifo. Invece per fortuna figli non ne ho, e non mi devo andare a litigare con nessuno sulle cose ovvie su cui non si doveva nemmeno discutere, e invece si permettono di spazzare via così.

      Rispondi

  • Daniela

    11 Dicembre @ 13.00

    E' la nostra cultura e negare la nostra cultura è un errore. Non è rispetto, solo ignoranza e l'ignoranza alimenta le differenze. Il rispetto per gli stranieri si ha facendo conoscere loro tutti gli aspetti di un paese in cui sono arrivati per vivere. così come fanno negli altri paesi. Se io vado in un paese musulmano devo portare rispetto ponendo attenzione al mio abbigliamento e coprendo il capo in certi casi. Altrimenti se la via è quella di negare il Natale allora tutte le scuole dovrebbero rimanere aperte. Anzi, di più, dovrebbero essere aperte 7 giorni su 7 e sono gli studenti a mancare la domenica (per i cristiani) il venerdi per i musulmani e il sabato per gli ebrei. Forse così gli insegnanti sarebbero più contenti. In fondo hanno dato il via loro a questa idiozia!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

1commento

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

Il regista James Toback

Dopo Weinstein

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

Notiziepiùlette

Ultime notizie

accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

Autovelox mobile

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

23commenti

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto a un passo dall'obiettivo quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" del Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL SALONE

Non solo Suv: Tokyo rilancia le sportive