12°

19°

Aggredito anziano

Rapinato l'incasso di un distributore

Rapinato l'incasso di un distributore
Ricevi gratis le news
3

Il figlio non si sentiva bene e così l'incasso lo ha ritirato il padre. Ma l'uomo, anziano e malfermo sulle gambe, è stato seguito e aggredito. Finendo anche a terra. Ecco il racconto di quanto accaduto e la testimonianza del benzinaio. Che dice: «Come si fa adesso a non avere paura?»

Luca Pelagatti

Per agire i rapinatori sanno di avere bisogno di due cose: sangue freddo e un'arma. Il bandito che ha fatto sparire l'incasso della stazione di servizio Elp sulla tangenziale Nord l'arma non ha neppure dovuto estrarla. Perché ha agito di sorpresa. E perché la sua vittima, di certo, non poteva reagire. E lui lo sapeva.

«Evidentemente ha studiato il momento, ha atteso e seguito l'auto di mio padre-, spiega il titolare della pompa di benzina. - E ha compreso che non gli si sarebbe potuto opporre».

Già, perché l'uomo, oltre che parecchie primavere sulle spalle, ha la salute malferma. E adesso, in più, conosce anche la paura.

«E' successo qualche sera fa, pochi minuti dopo le 19 - prosegue il benzinaio. - Io quel giorno non mi sentivo molto bene, avevo un problema ad un ginocchio e sono dovuto andare dal medico per un trattamento. Così, diversamente dal solito, ho lasciato mio fratello solo a gestire la stazione di servizio».

In condizioni normali questo non avrebbe dovuto significare nulla. Ma, è chiaro, che qualcuno li stava tenendo d'occhio. E ha capito che era il momento giusto per agire.

«Verso le 19 mio fratello ha chiuso l'impianto, raccolto l'incasso come ogni sera. E mio padre ha preso in consegna i soldi, alcune migliaia di euro, per portarli a me, a casa. Noi abitiamo fianco a fianco, sembrava un gesto di routine. Nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo». Dieci minuti dopo l'anziano era davanti a casa, nella zona di via Venezia. Ed è sceso dall'auto parcheggiata nel solito posto, nel solito stallo per disabili. Perché l'abbiamo detto: l'uomo ha problemi di salute. E il gesto del bandito anche per questo fa ancora più schifo.

«Non ha neppure avuto il tempo di scorgere il bandito. Quell'uomo gli è arrivato da dietro, gli ha tirato uno spintone, lo ha buttato a terra. Poi gli ha strappato la borsa con l'incasso ed è fuggito».

Un piumino lungo e chiaro e un paio di jeans: ecco le uniche cose del rapinatore che la vittima è riuscita a vedere. Prima di alzarsi a fatica e arrivare con il passo incerto alla casa del figlio. «Mi ha suonato alla porta: l'ho trovato che tremava, con gli occhi lucidi. “Mi hanno appena rapinato”, ha solo avuto la forza di mormorare».

Subito, è ovvio, è partita la telefonata alla forze dell'ordine che hanno mandato in quella laterale di via Venezia una pattuglia.

Ma di tracce da raccogliere, purtroppo, non se ne sono trovate. E i dettagli per un identikit proprio non ci sono.

«Ora, l'unica speranza è qualche dettaglio possa essere stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. Forse in un fotogramma ci potrebbe essere l'immagine di un'auto che segue quella di mio padre».

Ma, si sa, sono speranze. La realtà è che per un colpo del genere è assai difficile incastrare il responsabile. Se, come è probabile, il bandito si era preparato forse non ha neppure dovuto pedinare l'auto, forse anzi l'ha preceduta per attendere la sua vittima. Ma queste, anche queste, sono congetture.

«La sola cosa sicura è che non si può vivere con la paura che accadano cose come queste», è lo sfogo del titolare della stazione di servizio. Che di furti e razzie dei balordi ha una certa esperienza. «In oltre vent'anni di lavoro mi era già capitato di essere derubato, di avere problemi. Ma una rapina come questa mai».

E una rapina non ti porta via solo i soldi. Ma anche la tranquillità. «E' inutile fingere, sono preoccupato. Ho due bambini piccoli e mi spaventa pensare che possa succedere di nuovo, magari qui a casa. Mio figlio questo timore lo sente ancora più di me. Ha paura a restare solo».

Paure non da bambino, queste. Queste sono i timori di chi ha scoperto troppo presto che i cattivi non sono solo nelle favole. Ma ci sono per davvero e sono capaci anche di fare male ad un nonno. Senza neppure un'arma ma con sangue freddo. E nessuna remore a fare male.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • filippo

    19 Dicembre @ 14.21

    del resto questi sono gli effetti dei famosi svuotacarceri del PD, 5 in due anni, per non mandare in galera più nessuno...grazie renzi

    Rispondi

  • BRUNO C.

    19 Dicembre @ 09.10

    x Michele : E CASA COSA FA' ?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

PARMA

Ruba 3mila euro: donna delle pulizie incastrata dalle telecamere Video

Lunedì

A1, chiusura casello di Parma in entrata per MI e uscita per BO 4 notti Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va