12°

Aggredito anziano

Rapinato l'incasso di un distributore

Rapinato l'incasso di un distributore
Ricevi gratis le news
3

Il figlio non si sentiva bene e così l'incasso lo ha ritirato il padre. Ma l'uomo, anziano e malfermo sulle gambe, è stato seguito e aggredito. Finendo anche a terra. Ecco il racconto di quanto accaduto e la testimonianza del benzinaio. Che dice: «Come si fa adesso a non avere paura?»

Luca Pelagatti

Per agire i rapinatori sanno di avere bisogno di due cose: sangue freddo e un'arma. Il bandito che ha fatto sparire l'incasso della stazione di servizio Elp sulla tangenziale Nord l'arma non ha neppure dovuto estrarla. Perché ha agito di sorpresa. E perché la sua vittima, di certo, non poteva reagire. E lui lo sapeva.

«Evidentemente ha studiato il momento, ha atteso e seguito l'auto di mio padre-, spiega il titolare della pompa di benzina. - E ha compreso che non gli si sarebbe potuto opporre».

Già, perché l'uomo, oltre che parecchie primavere sulle spalle, ha la salute malferma. E adesso, in più, conosce anche la paura.

«E' successo qualche sera fa, pochi minuti dopo le 19 - prosegue il benzinaio. - Io quel giorno non mi sentivo molto bene, avevo un problema ad un ginocchio e sono dovuto andare dal medico per un trattamento. Così, diversamente dal solito, ho lasciato mio fratello solo a gestire la stazione di servizio».

In condizioni normali questo non avrebbe dovuto significare nulla. Ma, è chiaro, che qualcuno li stava tenendo d'occhio. E ha capito che era il momento giusto per agire.

«Verso le 19 mio fratello ha chiuso l'impianto, raccolto l'incasso come ogni sera. E mio padre ha preso in consegna i soldi, alcune migliaia di euro, per portarli a me, a casa. Noi abitiamo fianco a fianco, sembrava un gesto di routine. Nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo». Dieci minuti dopo l'anziano era davanti a casa, nella zona di via Venezia. Ed è sceso dall'auto parcheggiata nel solito posto, nel solito stallo per disabili. Perché l'abbiamo detto: l'uomo ha problemi di salute. E il gesto del bandito anche per questo fa ancora più schifo.

«Non ha neppure avuto il tempo di scorgere il bandito. Quell'uomo gli è arrivato da dietro, gli ha tirato uno spintone, lo ha buttato a terra. Poi gli ha strappato la borsa con l'incasso ed è fuggito».

Un piumino lungo e chiaro e un paio di jeans: ecco le uniche cose del rapinatore che la vittima è riuscita a vedere. Prima di alzarsi a fatica e arrivare con il passo incerto alla casa del figlio. «Mi ha suonato alla porta: l'ho trovato che tremava, con gli occhi lucidi. “Mi hanno appena rapinato”, ha solo avuto la forza di mormorare».

Subito, è ovvio, è partita la telefonata alla forze dell'ordine che hanno mandato in quella laterale di via Venezia una pattuglia.

Ma di tracce da raccogliere, purtroppo, non se ne sono trovate. E i dettagli per un identikit proprio non ci sono.

«Ora, l'unica speranza è qualche dettaglio possa essere stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza. Forse in un fotogramma ci potrebbe essere l'immagine di un'auto che segue quella di mio padre».

Ma, si sa, sono speranze. La realtà è che per un colpo del genere è assai difficile incastrare il responsabile. Se, come è probabile, il bandito si era preparato forse non ha neppure dovuto pedinare l'auto, forse anzi l'ha preceduta per attendere la sua vittima. Ma queste, anche queste, sono congetture.

«La sola cosa sicura è che non si può vivere con la paura che accadano cose come queste», è lo sfogo del titolare della stazione di servizio. Che di furti e razzie dei balordi ha una certa esperienza. «In oltre vent'anni di lavoro mi era già capitato di essere derubato, di avere problemi. Ma una rapina come questa mai».

E una rapina non ti porta via solo i soldi. Ma anche la tranquillità. «E' inutile fingere, sono preoccupato. Ho due bambini piccoli e mi spaventa pensare che possa succedere di nuovo, magari qui a casa. Mio figlio questo timore lo sente ancora più di me. Ha paura a restare solo».

Paure non da bambino, queste. Queste sono i timori di chi ha scoperto troppo presto che i cattivi non sono solo nelle favole. Ma ci sono per davvero e sono capaci anche di fare male ad un nonno. Senza neppure un'arma ma con sangue freddo. E nessuna remore a fare male.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • filippo

    19 Dicembre @ 14.21

    del resto questi sono gli effetti dei famosi svuotacarceri del PD, 5 in due anni, per non mandare in galera più nessuno...grazie renzi

    Rispondi

  • BRUNO C.

    19 Dicembre @ 09.10

    x Michele : E CASA COSA FA' ?

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS