-3°

EDITORIALE

Ci vorrebbero uomini come Giovannino

Ci vorrebbero uomini come Giovannino
6

Settant'anni fa usciva il primo numero del Candido di Giovannino Guareschi, un figlio della nostra Bassa. Ecco l'editoriale del nostro direttore.

Michele Brambilla

Settant'anni fa, in un'Italia che si accingeva a festeggiare un Natale ben più povero di quello di oggi, usciva nelle edicole il primo numero del Candido di Giovannino Guareschi. Come nacque e che cosa rappresentò per il Paese quel settimanale - straordinario concentrato di talenti - lo abbiamo già ricordato nei giorni scorsi con un articolo di Egidio Bandini. Oggi vorrei tornare sull'argomento per rammentare a chi c'era, e per dire a chi non c'era, due cose: in quali condizioni era l'Italia subito dopo la fine della guerra, e di quali uomini era dotata.

Cominciamo dalla prima. Il Candido di Guareschi diede, del nostro Paese di quei tempi, una definizione perfetta: «Italia provvisoria». Le nostre città erano ancora, in gran parte, ammassi di ruderi lasciati dai bombardamenti. L'economia era in ginocchio. La politica, un grandissimo punto di domanda. Non si sapeva se saremmo diventati una repubblica o se saremmo rimasti una monarchia; ma soprattutto non si sapeva se saremmo finiti sotto l'ombrello americano o sotto quello sovietico. La guerra civile era tutt'altro che chiusa: odi e rancori erano ancora ben vivi, e i regolamenti di conti all'ordine del giorno. Chi dice che oggi stiamo vivendo il periodo peggiore della nostra storia, forse dovrebbe ripassare un po' la storia.

Comunque. In quell'Italia provvisoria Guareschi si batté con le sole armi che aveva: la penna, l'intelligenza e il coraggio. Di coraggio, ne aveva da vendere. L'8 settembre del 1943, piuttosto che farsi arruolare nella Repubblica Sociale, si era fatto arrestare dai tedeschi ed era finito in un campo di concentramento. Tornato libero, non aveva però goduto dello status di combattente per la Resistenza perché considerato uomo di destra, come peraltro lui stesso si definiva.

Ma Guareschi, prima ancora che essere «di» qualcosa, era un uomo libero. Appoggiò la monarchia al referendum, e perse. Appoggiò la Dc alle elezioni del '48, e vinse. Ma quando si persuase che De Gasperi stava sbagliando, lo attaccò. Per le vignette e gli articoli pubblicati sul Candido fu condannato al termine di processi che oggi sarebbero definiti staliniani; e quando seppe che avrebbe potuto chiedere la grazia, la rifiutò, preferendo farsi quattordici mesi di carcere. Perché un uomo libero è più libero in cella che quando è debitore di qualcosa. Uscito di galera patì il disprezzo di democristiani e comunisti, e l'ostracismo dei colleghi. Il tempo, che è galantuomo, gli ha dato ragione: ancora oggi Giovannino Guareschi è lo scrittore italiano più tradotto nel mondo.

Chi fu, il fondatore del Candido? Un figlio della nostra Bassa - luogo che seppe far divenire universale - e anche, appunto, di quell'Italia: povera di denaro ma ricca di uomini veri. E qui veniamo al secondo punto. La guerra, la miseria, in una parola la sofferenza avevano forgiato una generazione che si sapeva accontentare di quel poco che aveva, ma che non si accontentò del Paese che stava consegnando ai propri figli, e si rimboccò le maniche per ricostruirlo.

Ecco perché ricordiamo, oggi che si parla tanto di crisi, la storia del Candido. Perché per ripartire ci vorrebbero soprattutto uomini come Guareschi: i quali non si possono stanziare in una legge di stabilità.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la camola

    20 Dicembre @ 17.41

    Se ritornassero questi giovani, partirebbero subito per Roma e caccerebbero via a calci nel sedere gli attuali politici.

    Rispondi

  • gigiprimo

    20 Dicembre @ 12.39

    Mi sono riferito a ' Favola di Natale' per restare nel tema del periodo. Certo che il temperanto di Guareschi ha sempre avuto il sopravvento su le varie vicissitudini della vita. Ma mi sorge un dubbio, sappiamo di essere poveri? O siamo incoscienti? Quale è la differenza fra ieri ed oggi? E chi ha eletto Renzi, Letta o Monti? E chi voteremo in futuro? Non è più 'bianco o nero', è cinqiuanta sfumature di grigio, come la nebbia della bassa, servirebbe ancora quel 'faro'! Auguri di un Buon Natale e speriamo nel 2016, anche se si presenta male, bisesto e di venerdì, teniamoci letti!

    Rispondi

  • marco850

    20 Dicembre @ 10.05

    Un grande!

    Rispondi

  • fredflinstone

    20 Dicembre @ 09.38

    Il più grande scrittore italiano del secolo scorso... ed anche di questo... e dei prossimi a venire !

    Rispondi

  • gigiprimo

    20 Dicembre @ 08.36

    Grazie Direttore! Partiamo dalla 'Favola di Natale', tanto per rimanere in tema? (Spero non aver sbagliato il titolo, vado a memoria)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

1commento

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

PGN

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

3commenti

Lealtrenotizie

Investita al Barilla Center donne di 70 anni. E' grave

Parma

Una 70enne ferita in zona Barilla Center Video

parma

Luminarie: il Comune ha speso 125mila euro

7commenti

LEGA PRO

Il Parma di D'Aversa debutta a Bolzano con il Sudtirol Diretta dalle 14,30

Autostrade

Incidente: code in A1 e in uscita a Fidenza  Tempo reale

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

5commenti

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

Inchiesta

E' emergenza truffe, anziani nel mirino: ecco le "trappole" più utilizzate

1commento

Parma

Atti vandalici al gattile

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

11commenti

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Politica

Pellacini: "Via D'Azeglio, sala giochi al posto del market?"

1commento

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

1commento

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22 di ieri 

1commento

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

Istat

Cinque famiglie su 100 non riescono a rispettare le scadenze di mutuo e affitto

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

SPORT

Basket

Melli show a Tel Aviv con 4 record

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video