10°

20°

MOSTRA

Musulmani in visita ai presepi dell'Annunziata

Musulmani in visita ai presepi dell'Annunziata
18

Una delegazione di musulmani ha visitato la mostra dei presepi all'Annunziata. «Siamo qui in nome della pace e del rispetto», hanno sottolineato i rappresentanti della comunità islamica, accompagnati da alcuni volontari dell'associazione italiana Amici del presepio.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • LaoTzu

    21 Dicembre @ 11.41

    Mescolare (confondere) l'appartenenza religiosa con la nazinalità o la cittadinanza o l'etnia è solo un pretesto per mascherare la propria intolleranza e xenofobia. I Nazisti sono arrivati all'industrializzazione dello sterminio di 8 milioni di ebrei usando la stessa identica logica. Meditate gente... meditate...

    Rispondi

    • RENZ

      21 Dicembre @ 13.41

      R E N Z

      Verissimo, LaoTzu. I nazisti avevano la stessa ossessione per la "purezza" che hanno gli islamici (o solo alcuni... ma che non sono una sparuta minoranza). Così come il disprezzo hitleriano per i "non ariani", considerati "sotto-uomini" ricorda da vicino l'atteggiamenti degli islamici verso gli "infedeli" non islamici. Ricordiamo ad es. i molti casi in cui chi conosce i versetti del corano a memoria è risparmiato, chi non li conosce viene ucciso. Meditiamo gente... meditiamo.

      Rispondi

  • jeffroy

    20 Dicembre @ 17.08

    Eh sì, cari confratelli con la scimitarra, avevamo proprio bisogno del vostro consenso per trovare il coraggio di esistere; di esistere come italiani, civilizzati, democratici, tolleranti e pluralisti ! Grazie per avercelo concesso. Il nostro mondo da noi creato con immani sforzi, sacrifici, risparmi e sopravvissuto alle ipertassazioni che da decenni ci vessano anche per inserirvi nella nostra società e mantenervi, che a voi ha dato la possibilità di essere qualcuno dopo che nei vostri paesi non eravate nemmeno numeri, è oggi a vostra totale disposizione, Grazie al potere manipolatorio di politica, media, e di quel consenso (...) di base popolare che vi protegge siamo tutti a penzolare dai vostri voleri e ad ascoltare ed assecondare qualsiasi vostra richiesta. Grazie di esistere ! Come abbiamo fatto a stare senza di voi per tutti questi secoli ! Se avessimo saputo accogliervi prima senza tenervi fuori dalle nostre terre ora saremmo interlocutori di pari grado, e invece siamo tutti qui ad accogliere la vostra superiorità culturale, la vostra democrazia, la vostra umanità, il vostro illuminismo rafforzatore del nostro neoumanesimo. Grazie !

    Rispondi

    • RENZ

      21 Dicembre @ 10.10

      R E N Z

      Jeffroy, condivido l'analisi. Come si può avere l'ingenuità di accogliere una mossa "politica", forse anche opportuna ma, per l'appunto, "opprtunista" nel senso letterale del temine, come una "lezione" di tolleranza e civiltà? Il motivo è che loro credono nella loro forza, come ci credevano i cavalieri ai tempi del tuo antenato Godefroy de Bouillon.

      Rispondi

  • Cecilia

    20 Dicembre @ 16.54

    La mia amica Saida, musulmana, mi ha regalato un piccolo presepe dentro una lanterna rossa. L'ho trovato un gesto di grande amicizia e rispetto.

    Rispondi

    • jeffroy

      20 Dicembre @ 18.37

      Scommetto che avrà atteso anni questo gesto per poterlo finalmente dire con gioia a questo giornaletto, e magari avrà anche fatto un bel selfie e lo avrà pubblicato sul suo irrinunciabile profilo Facebook; ora che lei ha la prova che ci sono i musulmani "buoni" siamo tutti più tranquilli e rivedremo le nostre posizioni sull'islam moderato sbocciato nelle primavere arabe nate sulle tastiere dei giornalettisti di sistema. Una bella storia da raccontare in questi tempi di cultura delle lacrime islamically correct. Buon idillio e compiacimento.

      Rispondi

      • 20 Dicembre @ 19.07

        Si possono esprimere le proprie opinioni anche senza offendere, soprattutto se si parla di persone che non si conoscono... Questo "giornaletto" è comunque attivo dal 1735... Redazione Gazzettadiparma.it

        Rispondi

  • RENZ

    20 Dicembre @ 14.26

    R E N Z

    Ho frequentato l'istituto Salesiano S.Benedetto negli anni '70. I padri salesiani NON HANNO MAI portato le classi a vedere i presepi.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      20 Dicembre @ 17.46

      Negli anni settanta la mostra all' Annunciata non c' era , poi i Salesiani , di Presepio , facevano il proprio.

      Rispondi

      • RENZ

        21 Dicembre @ 09.57

        R E N Z

        Lo facevano nell'oratorio della parrocchia, non nella scuola.

        Rispondi

  • Vercingetorige

    20 Dicembre @ 11.17

    CHE LEZIONE CI HANNO DATO QUESTA VOLTA GLI ISLAMICI ! Ci hanno detto : "Noi non ci vergogniamo della nostra Religione , perchè voi vi vergognate della vostra ? ".

    Rispondi

    • RENZ

      20 Dicembre @ 14.28

      R E N Z

      Eh beh, che loro non conoscano il sentimento della VERGOGNA... non è mica una novità...

      Rispondi

      • Vercingetorige

        20 Dicembre @ 17.48

        E noi non conosciamo il sentimento della DIGNITA' !

        Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Addio a Valenti, lo sportivo

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

8commenti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

7commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport