16°

30°

Udienza

Aemilia: 5 parmigiani fra i 147 alla sbarra

Aemilia: 5 parmgiani fra i 147 alla sbarra
Ricevi gratis le news
9

Aemilia: la cronaca e i retroscena dell'udienza del processo che vede alla sbarra cinque parmigiani

Georgia Azzali

Fine del primo atto. E due sole uscite di scena. Non luogo a procedere per Iana Rezepova e Maurizio Bosi: posizioni minori della maxi operazione Aemilia, l'inchiesta che ha portato alla luce nomi e affari della 'ndrangheta da Piacenza a Bologna. Un maxi esercito rinviato a giudizio dal gup Francesca Zavaglia: 147 persone, tra presunti capi, sospetti affiliati e comprimari, imprenditori e colletti bianchi che avrebbero fatto affari con la 'ndrangheta. Volti famosi, come l'ex calciatore Vincenzo Iaquinta, campione del mondo 2006, finito a processo per la detenzione illegale di alcune armi insieme al padre Giuseppe, accusato anche di associazione mafiosa. Ma alla sbarra finiscono anche i cinque parmigiani che avevano deciso di scegliere il rito ordinario, a partire da Michele Bolognino, ritenuto il boss di riferimento della cosca Grande Aracri per Parma e la Bassa Reggiana. Insieme a lui, a giudizio vanno Salvatore Gerace, Rosario Adamo, Aldo Pietro Ferrari e Giuseppe Manzoni. Il dibattimento prenderà il via il 23 marzo a Reggio Emilia. Gli altri nove parmigiani coinvolti nell'inchiesta, tra cui l'ex assessore comunale Giovanni Paolo Bernini, hanno optato per i riti alternativi: le sentenze sono previste tra febbraio e marzo. Stessa scelta anche per altre 81 persone, tra cui capomafia del calibro di Nicolino Grande Aracri (che in questo processo deve rispondere di riciclaggio), ma anche personaggi come Nicolino Sarcone, Alfonso Diletto, Francesco Lamanna, Antonio Gualtieri e Romolo Villirillo, considerati dagli inquirenti gli organizzatori della cosca emiliana.

Pochi istanti per leggere quel decreto che ha mandato (quasi) tutti alla sbarra. La grande aula bunker, ricavata nel padiglione 19 delle Fiere di Bologna, è semideserta: pochi avvocati. E ancora meno imputati. Resta un'eco solitaria, quel «vergogna» che esce dalla gabbia dei detenuti. Perché se è pur vero che la vera partita comincerà a primavera, davanti al tribunale di Reggio, ieri non ci sono stati sconti. A parte i due «non luogo a procedere», per gli altri 147 tutti i reati contestati dai pm della Dda di Bologna, Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, sono rimasti in piedi.

Pagine di accuse per Michele Bolognino, il boss, rinchiuso al 41 bis nel carcere dell'Aquila, che spaziava dall'edilizia ai trasporti, senza dimenticare la ristorazione e i locali notturni. I natali a Locri, viveva e faceva affari tra Parma e il Reggiano, mantenendo i rapporti con la casa madre della cosca, a Cutro. Un'abitazione nella nostra città, in via Zanetti, ma soprattutto un giro vorticoso di società, locali e imprese. Gli contestano di tutto: dall'associazione mafiosa al reimpiego di soldi provenienti della cosca fino all'estorsione. Uno stratega delle intestazioni fittizie, secondo la procura. Aveva messo le mani su discoteche, bar e night: sarebbe stato lui il vero titolare dell'ex Astrolabio, della Para di Baganzola e dell'Ariete di via Milano, prima del passaggio ai nuovi proprietari.

Estorsione e reimpiego di soldi di provenienza illecita, invece, per Salvatore Gerace, l'ingegnere, originario di Cutro, che nel 2007 era stato consigliere del quartiere Oltretorrente con «Parma per Ubaldi» e cinque anni dopo si era candidato al consiglio comunale nella lista dell'Udc, ma non era stato eletto. Un ruolo di primo piano, secondo l'accusa, nella gestione di una serie di imprese in cui venivano reinvestiti i soldi della 'ndrangheta. Non solo. Anche lui avrebbe fatto parte del gruppo che dal 2010 al 2012 minacciò Francesco Falbo, l'imprenditore edile di Sorbolo poi costretto a cedere le quote delle sue aziende. «Francamente, però, non riusciamo a capire cosa abbia portato il giudice a disporre il rinvio a giudizio in particolare per l'estorsione, perché non c'è nulla che colleghi Gerace a questo reato», commenta Francesco Saggioro, uno dei difensori dell'ingegnere.

E tra i parmigiani spediti a processo spunta anche il nome del re Mida di Madurera, al secolo Aldo Pietro Ferrari. Vari processi per truffa sulle spalle, ma in questo caso è accusato di estorsione: nell'autunno 2011 avrebbe infatti deciso di rivolgersi a Francesco e Domenico Amato, «di cui conosceva l'appartenenza alla criminalità organizzata», si legge nella richiesta di rinvio a giudizio, per farsi restituire un'auto da Francesco Pellegri e dalla moglie. Un unico episodio, ma aggravato dal metodo mafioso.

Davanti al tribunale di Reggio dovranno poi comparire Rosario Adamo e Giuseppe Manzoni. Per il primo l'accusa è di aver accettato, nel 2008, l'attribuzione di quote fittizie dell'impresa edile di Palmo Vertinelli, l'imprenditore di Montecchio rinviato a giudizio per associazione mafiosa. Stesso reato contestato anche a Manzoni, che nel 2010 avrebbe accettato la titolarità formale delle quote della srl Truck&Trade da parte di Mario Vulcano, finito a processo per associazione mafiosa. Ma Manzoni, secondo gli inquirenti, avrebbe anche emesso false fatture per oltre 500.000 euro tramite la stessa società. Un modo per movimentare i i soldi della cosca. Cercando di non far accendere i riflettori degli investigatori. Grazie al sistema dei prestanomi. Che la 'ndrangheta aveva oliato (quasi) alla perfezione.

La soddisfazione degli inquirenti

Snocciola i numeri, il procuratore reggente di Bologna, Massimiliano Serpi. Sono i dati della più grande inchiesta sulla criminalità organizzata in Emilia Romagna. Che ieri ha superato il primo grande «esame»: 147 rinvii a giudizio e solo due «non luogo a procedere». «Avendo presente l’articolo 425 comma 3 del codice di procedura penale, secondo cui il giudice pronuncia sentenza di non luogo a procedere anche quando gli elementi acquisiti risultano insufficienti, contraddittori o comunque non idonei a sostenere l’accusa in giudizio, riteniamo che questo primo importante step processuale possa essere inteso come una conferma del lavoro sin qui svolto», ha commentato Serpi al termine dell'udienza.

Eppure, nonostante la prima parte dell'udienza preliminare si sia conclusa, l'inchiesta Aemilia è tutt'altro che finita. Ieri, i carabinieri si sono presentati di nuovo in prefettura a Modena, dopo il blitz dei giorni scorsi, e hanno acquisito altri faldoni di documentazione. Nel mirino il meccanismo delle «white list»: le certificazioni antimafia alle imprese ammesse per operare nella ricostruzione dopo il terremoto del 2012. Otto sarebbero gli indagati, tra funzionari e imprenditori, anche se la procura non ha confermato né smentito. Ma nuovi sviluppi sarebbero in arrivo. G. Az.

Riti alternativi per Bernini e altri otto

Quelli che hanno conosciuto ieri il loro destino (a breve termine). E quelli che dovranno ancora attendere. Perché se 147 sono stati rinviati a giudizio, altri 71 hanno scelto il giudizio abbreviato (che prevede lo sconto di un terzo in caso di condanna) e 19 sono pronti a patteggiare, dopo aver raggiunto l'accordo con la procura. Nel gruppone dei riti alternativi ci sono anche gli altri nove parmigiani finiti sotto inchiesta.

A partire dal nome più noto: l'ex assessore comunale Pdl, Giovanni Paolo Bernini, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Ha scelto l'abbreviato, l'ex esponente della giunta Vignali. Ma sia il gip che il tribunale del Riesame, a cui la procura aveva fatto ricorso, avevano ritenuto insussistente il reato. Per i giudici di secondo grado, in particolare, le condotte di Bernini potevano essere qualificate «come corruzione elettorale». Un'accusa, però, che, anche se fosse accertata, sarebbe già prescritta. Al centro dell'inchiesta, le elezioni comunali del 2007: secondo l'accusa, era lui l'uomo su cui la cosca aveva puntato. «Deve ritenersi che Bernini abbia effettivamente promesso, e almeno in parte versato, a Villirillo (referente dell'associazione mafiosa, ndr) l'importo complessivo di 50mila euro - si leggeva nell’ordinanza del Riesame -. Non può invece stimarsi acquisito un quadro di gravità indiziaria sufficientemente grave in ordine al fatto che il patto prevedesse anche la possibilità di partecipare ad appalti indetti dal Comune in posizione privilegiata».

E se Michele Bolognino è ritenuto un capo della cosca, ad altri tre parmigiani, che hanno scelto l'abbreviato, viene contestata l'associazione mafiosa, in quanto partecipanti: Alfonso Martino, Giuseppe Pallone e Francesco Lepera.

Ci sono, poi, Domenico Amato, Francesco Pellegri, Gaetano Caputo e Antonio Marzano. Reati diversi, ma stessa decisione per tutti: giudizio abbreviato. Infine, Francesco Falbo, l'imprenditore che si è costituito parte civile, ma che allo stesso tempo deve rispondere di reimpiego di soldi di provenienza illecita. La procura ha riconosciuto il suo contributo «determinante» alle indagini e gli ha concesso un patteggiamento a 1 anno e 11 mesi (pena sospesa). Le decisioni del giudice? Tra gennaio e febbraio. G. Az.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele E

    22 Dicembre @ 11.38

    Ah, meno male che son calati a 5, prima ne contavate ben di più... certo che Gerace, Bolognino, Grande Aracri... parmigianissimi!

    Rispondi

    • 22 Dicembre @ 13.34

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Quando la criminalità organizzata si infiltra in un territorio, qualunque sia la provenienza quel territorio deve farsi qualche domanda. Credo sia più importante che il conteggio delle carte di identità.

      Rispondi

      • Michele E

        22 Dicembre @ 14.18

        Mi spiace redazione ma anche il conteggio delle carte d'identità serve! Sapere in che contesto il tuo interlocutore è cresciuto, oltre ad osservare dal vivo i comportamenti per quello che puoi fare fisicamente, ti fa immaginare cosa potrebbe essere "probabile" e "improbabile" per lui. Cascare dal pero quando l'ennesimo "imprenditore edile" di xxx (RC) ma residente a yyy (RE) salta fuori che ha uno zio mafioso che gli manda la manodopera (s)qualificata mi ha veramente fatto venire la carie. Voi continuate pure a stupirvi, io a casa mia non li chiamerei, mi dispiace solo dover contribuire a pagargli l'appalto con le mie tasse. Almeno non ditemi che è parmig(g)iano!

        Rispondi

        • 22 Dicembre @ 14.35

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Non ci siamo capiti: ovvio che è importante sapere da dove nasce un fenomeno. Ma sarebbe semplicistico chiuderla lì, dimenticando (proprio come per lo spaccio di droga che è gestito da venditori spesso extracomunitari ma alimentato dai nostri parmigianissimi figli....) di guardare anche alle debolezze del nostro sistema, senza le quali la criminalità farebbe (o avrebbe fatto?) più fatica ad infiltrarsi. Quanto alla parola "parmigiano" dobbiamo essere coerenti: se dessero il Nobel al "parmigiano" Rizzolatti (in realtà friulano o comunque nato altrove) mi scriverà ugualmente per contestare l'aggettivo?

          Rispondi

        • Michele E

          22 Dicembre @ 17.09

          Redazione, come già detto e scritto la ndrangheta dispone di risorse economiche INFINITE, ergo SI INFILTRA DOVE E COME VUOLE! Ce l'hanno in Germania, in Usa, in Australia, dappertutto! Sono "deboli"? No, gli basta trovare una ditta in fallimento (o la fanno fallire loro) e con una manciata di contanti la rilevi come e dove vuoi! Lo ha detto anche la giornalista senatrice Capacchione in un'intervista a Balestrazzi (figlio), e parlando di camorra, che ora a confronto della ndrangheta sembra una roba da poppanti! E' infiltrazione questa? con la crisi poi le mafie ci vanno a nozze, tanto mica seguono le leggi del mercato: le fanno loro! Poi portano su un migliaio di persone con contratti di lavoro discutibili, qualche ristorante con annessi e connessi, e li fanno votare per chi vogliono. Ma non ce lo vedo Michelotti o Felice da Parma (RIP) a votare Calogero Cutrello! Per quanto riguarda il dott. Rizzolatti mi va benissimo "parmigiano d'adozione", ma non mescoliamo la cioccolata con la m...

          Rispondi

        • 22 Dicembre @ 17.22

          REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Molto di ciò che lei dice è condivisibile, ma come le dicevo non è il ragionamento generale che le "contestavo". Una cosa, invece, gliela devo contestare: ho effettivamente un figlio, ma non è l'omonimo (e per fortuna bravissimo, come gli raccomando sempre visto che tanti pensano sia mio figlio...) collega di Tv Parma e il suo lavoro non ha nulla a che fare con il giornalismo.

          Rispondi

        • Michele E

          22 Dicembre @ 17.35

          Ah non è suo figlio Marco?? Chiedo scusa, l'ho sempre pensato anch'io... Buon lavoro e Buon Natale a tutti e due! ;-)

          Rispondi

        • 22 Dicembre @ 17.40

          g.b. -L'ho specificato solo per togliere da lui e da me sospetti di "nepotismo. Comunque riferirò i suoi auguri anche al "figliolo"

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile»

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti