10°

22°

La storia

Nereo tra le braccia degli «zii» del Maggiore

Nereo tra le braccia degli «zii» del Maggiore
Ricevi gratis le news
3

La mamma del piccolo Nereo entrò in coma quando ancora lo aspettava. La professionalità e il cuore di medici e infermieri hanno salvato due vite. Leggi la storia.

E' la storia che ha gli ingredienti e i tempi giusti per scomodare tutto ciò che celebriamo giusto oggi: l'arrivo di Gesù Bambino, l'annuncio dell'Angelo, i doni sotto l'albero. E le fotografie l'hanno catturata bene: c'è il bimbo, c'è la gioia, c'è la famiglia allargata, c'è la sorpresa.

In realtà il presepe di Nereo si è composto fuori stagione e ben prima della mattina di maggio in cui è nato. Per mesi è cresciuto nella pancia della sua mamma, finita in coma al terzo mese e mezzo di gravidanza, e ad accoglierlo in ogni giorno della sua lotta tenace ha trovato una processione di voci, di professionalità e di affetto.

I pastori artefici della doppia salvezza di mamma e bimbo sono medici, infermiere, ostetriche, ausiliari, personale di sala operatoria del Maggiore, che per cinque mesi hanno unito idealmente reparti e competenze, incastrato turni straordinari e reperibilità specifica per essere sempre pronti a tutto. Nella buona e nella cattiva sorte, se vogliamo usare una formula rituale.

Era il 29 dicembre 2014 e c'erano ancora gli addobbi natalizi nei reparti quando Vanessa, 41 anni, madre di una bimba - Aurora - di un anno e mezzo, è arrivata al Maggiore. Il verdetto: emorragia cerebrale gravissima, il coma, e il ricovero d'urgenza all'Unità Operativa di Prima Anestesia e Rianimazione diretto da Maria Luisa Caspani.

Una paziente diversa dalle altre perchè da sedici settimane – quelle settimane unità di misura delle future mamme – Vanessa non era sola in quel corpo che un po' l'ha tradita: aveva in grembo il suo secondo figlio. Non aveva fatto in tempo a scoprirne il sesso, ma lei e il marito Gianluca avevano già scelto i due nomi possibili. E appena svelato il mistero, Nereo è stato subito lui: con quel nome che porta l'eredità d'affetto del nonno e che – a ripensarci oggi – sfuma il nero della notte più buia verso il giorno, e la speranza.

Come poi davvero è stato. «Ma in quel momento, in realtà, anche per noi era solo paura e preoccupazione – confida Caspani -. Dovevamo salvare la mamma, somministrarle i farmaci necessari ma senza conseguenze per il feto, e salvare anche il bimbo, permettendogli di nutrirsi e di crescere». Una vita da ritrovare, e un'altra da far sbocciare. «E' stata questa la cosa eccezionale e di cui va onore al merito al reparto di Rianimazione – interviene Tiziana Frusca, direttore dell'Unità operativa complessa di Ginecologia e Ostetricia - Quando c'è una emorragia cerebrale l'utero non viene colpito, e ci sono state donne in coma che sono riuscite a portare a termine la gravidanza. Ma ci sono moltissime complicazioni possibili in questo percorso. E in questo caso c'era una difficoltà in più: la gravidanza era ancora nella prima fase». Piccolo, tanto piccolo Nereo. E tanto lunga la strada da fare. Ecco perché è indimenticabile quel giorno di aprile, quando la scienza e la statistica hanno dato finalmente ragione al cuore di medici e infermiere e stabilito che per il bimbo – ecografia dopo ecografia, monitoraggio dopo monitoraggio - era stata superata la soglia della sopravvivenza. A quel punto la squadra si è compattata ancor più di prima, si sono organizzati turni faticosi e reperibilità straordinarie per far sì che tutto fosse sempre pronto per un parto d'urgenza o prematuro. «Si è creata nei reparti una magica atmosfera d'attesa, seppur mista a tristezza ed apprensione per l'incognita del finale». Nel frattempo il recupero neurologico di Vanessa, seppur lentissimo, si è avviato. «Le abbiamo sempre parlato molto, come facciamo con tutti i pazienti – racconta Caspani -, e nella sua camera il marito e i familiari hanno messo ricordi, foto e anche le ecografie che mostravano la crescita del suo bimbo. La fisioterapista le faceva toccare la pancia perché sapesse che tutto andava bene. E abbiamo avuto la sensazione, difficile da spiegare e dimostrare, che questo l'abbia aiutata nel suo percorso». Così come l'emozione del parto e il ritrovarsi cinque giorni dopo tra le braccia il suo bimbo, desideratissimo.

Erano le 8.30 del 21 maggio scorso, in piena trentatreesima settimana, quando Nereo è nato, con parto cesareo programmato nella sala operatoria dell'Unità di Ostetricia e ginecologia. Un parto forse mai così affollato, al Maggiore. C'erano anche i neonatologi dell'Unità diretta da Cinzia Magnani. «E noi “zii” ci siamo mossi in pullman un'ora prima» scherza Caspani. I primi a prendere tra le braccia quei quasi due chili di coraggio e tenacia sono stati la professoressa Frusca e il dottor Lunardi, eletto padre putativo in Rianimazione. E proprio in Rianimazione, pochi minuti dopo qualcuno ha appeso un enorme fiocco azzurro.

Per tre settimane Nereo è rimasto in Neonatologia, e la sua mamma accolta fino alla dimissione del bambino in Medicina Riabilitativa, ed è lì che c'è stato quel primo abbraccio che ha commosso tutti. Sono passati sette mesi da allora. E in questi giorni è arrivata la sorpresa più bella. «Il nostro dono di Natale», racconta, commossa, Caspani. Anzi due: perché non trovando tutti gli “zii” al lavoro, papà Gianluca (“un uomo eccezionale”), è tornato due volte al Maggiore con il bimbo per fare gli auguri. “Lo so che eravamo in trenta attorno a lui, ed è passato da uno all'altro contento, senza versare una lacrima. Anche questo è difficile da dire, ma la sensazione è che abbia riconosciuto le voci di chi tutti i giorni parlava a lui e alla sua mamma».

E così la storia arriva all'oggi, alle foto in cui Nereo sorride, conteso dalle braccia dei medici e delle infermiere, l'albero di Natale alle spalle. Al tavolo dove il racconto si è dipanato a più voci si tira il sospiro delle emozioni. La porta si apre, è il direttore sanitario Antonio Balestrino. «State parlando di Nereo e della sua mamma? Uno di quei casi in cui il cuore collabora con la tecnica e la supera, anche. Un bel racconto di Natale». Eccolo, il finale. In attesa di poterlo riscrivere anche insieme a Vanessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • nerosso

    25 Dicembre @ 01.05

    Bella storia...di grande umanità e professionalità ....

    Rispondi

  • monica

    24 Dicembre @ 20.45

    monicafracassi@virgilio.it

    Non ho parole .....ma gli angeli sulla terra esistono davvero ,sotto forma di questi medici ed infermieri meravigliosi che anch'io ho conosciuto in un reparto Di rianimazione del Maggiore.

    Rispondi

  • raf

    24 Dicembre @ 08.48

    Complimenti a questa meravigliosa equipe. Non tutto va a rotoli. bravi e buona vita a Nereo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

A Campora bagni e tuffi con vista sul Fuso

PISCINE

A Campora bagni e tuffi con vista sul Fuso Foto

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Siete pronti per il concerto di Sfera Ebbasta?

PGN

Siete pronti per il concerto di Sfera Ebbasta?

Lealtrenotizie

Prostitute rapinate durante la notte

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

OLTRETORRENTE

Scoperto a rubare biciclette, si nasconde sotto a un'auto ma la polizia lo blocca: arrestato

Un residente ha visto un 24enne marocchino, di notte, dal videocitofono e ha chiamato il 113

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

3commenti

Polemica

Scuola, mancano 779 insegnanti di sostegno

FIDENZA

Addio commosso a Filippo Nencini

Berceto

Lucchi: «Non pagate le spese postali per la bolletta»

oltretorrente

Pacco sospetto in via D'Azeglio: «deflagra» l'allarme bomba

Attivato il protocollo di sicurezza. Il sacco era pieno di immondizia

SERIE B

Niente alibi ma niente processi

1commento

Infarto

Compie 40 anni il palloncino «salva-vite»

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

18commenti

IL CASO

Mezzano Rondani, la stazione-rudere

INCHIESTA

Muti senatore, i sostenitori parmigiani

1commento

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

MESSICO

Niente Mondiali paralimpici, Giulia Ghiretti tornerà a casa: "Scossa fortissima, secondi interminabili"

La manifestazione è stata annullata in seguito al violento terremoto

la storia

Quei 50 antifascisti parmensi nella guerra di Spagna Foto

3commenti

Gazzareporter

Un lettore: "Ma proprio non c'era altro posto?"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

FOGGIA

E' morta la 15enne ferita al volto dall'ex compagno della madre

1commento

Economia

Ryanair: la Procura di Bergamo apre un'inchiesta Video

SPORT

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

CALCIO

Michele Uva nominato vicepresidente dell'Uefa

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Il gattino Muffin cerca una famiglia

ANIMALI

Un cane veglia per ore il suo "amico" morto in strada: commozione a Roma (e sul web)

1commento

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

PNEUMATICI

Michelin ha una "Vision". Ed è in 3D