20°

34°

SERIE D

Parma, le pagelle dell'andata

Parma, le pagelle dell'andata
Ricevi gratis le news
1

In serie D si è chiuso il girone d'andata con il Parma largamente al comando e l'inseguitrice più vicina a sette punti. Abbiamo dato i voti a giocatori e allenatore crociati per quanto espresso in queste prime diciannove partite.

Paolo Grossi

Si è chiuso domenica scorsa il girone d'andata e al giro di boa il Parma ha in pratica opzionato il primo posto e dunque la promozione. Di seguito pubblichiamo le pagelle dei gialloblù in questa prima metà del campionato.

CORAPI 8
E' il primo della classe, il più continuo ad alti livelli, capace di correre tanto (anche veloce), interdire, ripartire e pure fare gol, ben cinque. Apolloni all'inizio lo toglieva dopo un'ora, adesso lo ha avanzato sulla trequarti ma lui è sempre inappuntabile. La serie D gli va stretta stretta, in Lega Pro certamente sarà un pilastro.

APOLLONI 7,5
Certamente ha a disposizione la rosa più forte del campionato. Certamente ha alle spalle una società e delle strutture in grado da sole di iper-motivare i suoi calciatori. Dopo di ché iniziano in suoi tanti meriti. E' partito ai primi di agosto con 5 giocatori e due decine di aspiranti tali in prova. Pronti via ha provato a far giocare la squadra con possesso e fraseggio. Pagati i primi dazi a certi campi di patate e avversari spiritati ha cambiato rotta, riuscendo però nell'impresa più ambita da ogni allenatore, quella cioè di conservare un mirabile equilibrio tattico in grado di far subire un gol ogni morte di papa. L'altro capolavoro è il clima che ha creato nello spogliatoio: avere tanti giocatori non è semplice. I mugugni di Lauria, Guazzo e qualche altro sono stati gestiti al meglio, con l'aiuto ovviamente dei risultati.

LONGOBARDI 7,5
L'infortunio dell'8 novembre ha stroncato l'eccellente stagione che stava vivendo. Magari non è un top scorer, ma sa fare reparto, gioca con e per la squadra, è il primo difensore quando la palla la prendono gli altri. Il suo primo gol in maglia crociata (il guizzo contro il Villafranca) e l'esultanza alla Barbuti sotto la Nord, restano uno dei ricordi più vivi di questo girone d'andata.

GIORGINO 7,5
Un altro elemento già pronto per la prossima stagione. E' partito così così ma nel giro di tre gare è decollato al punto che Apolloni piuttosto che rinunciare al suo apporto lo ha fatto giocare anche in difesa. In un 4-2-3-1 ci sono già quattro elementi votati all'attacco e il suo compagno di linea, Corapi, Miglietta o Simonetti, portato agli inserimenti. Ecco allora che lui tappa i buchi, strappa con il coltello tra i denti le seconde palle agli avversari, imbecca con passaggi sapienti le manovre offensive. A volte si innervosisce troppo, segno che tiene tanto a far bene.

LUCARELLI 7,5
Gran bella stagione. Sul piano tecnico c'era da aspettarsi che, abituato a giocare tre categorie più su, potesse non avere problemi. C'era da valutare l'aspetto piscologico e motivazionale, ma il capitano è stato impeccabile. S'è calato con grande disponibilità nel nuovo campionato, mostrando rispetto prima di tutto per se stesso, poi per la piazza, gli avversari e il calcio. E' un superbo esempio non solo per i compagni più giovani, ma per tutti coloro che hanno la passione del pallone.

ZOMMERS 7,5
Che avesse dei numeri Fulgoni lo andava dicendo già ad agosto. Di solito la domenica pomeriggio si annoia ma almeno non paga il biglietto. Proprio perché poco impegnato comunque certi guizzi salva-risultato assumono ancora più rilevanza. E anche quando, come con l'Imolese, c'è più lavoro per lui, lo sbriga alla grande. Attenzione perché nelle ultime gare è stato a tratti un po' svagato, specie con i piedi. Alla sua età guai se si sentisse un portiere completo.

BARAYE 7,5
E' vero che è il capocannoniere e che ha le potenzialità per essere il giocatore più spettacolare del campionato. Però, appunto, non sempre esprime quanto potrebbe. In molte occasioni è parso un fantasma, per di più imbronciato. Poi ogni tanto piazza la zampata felina, come il giorno del suo esordio in campionato in cui ha impiegato 3 minuti a segnare il primo gol. Chiaramente potrebbe giocare anche in Lega Pro o in B, ma deve trovare un suo equilibrio, una sua serenità interiore che gli consentano di affrontare partite e avversari con lucidità e senza vittimismi.

CACIOLI 7
In questa categoria è un vero guru e sopperisce con il mestiere e l'acume tattico alle difficoltà sul breve. Di testa è insuperabile ma ha sulla coscienza diversi dei peraltro pochi gol subiti, vuoi per irruenza nei falli da rigore vuoi per leggerezza nelle reti su azione. Con Lucarelli forma una coppia a dir poco ermetica.

LAURIA 7
Sul piano tecnico, lo ammettiamo, ci saremmo aspettati qualcosa in più, soprattutto in termini di uomini saltati, conclusioni effettuate, gol segnati. In realtà Apolloni gli sta chiedendo di lavorare molto sulla fascia e quindi può venir meno un certo spunto, quella lucidità che rende letali negli ultimi trenta metri. Per il resto si fa apprezzare per il sinistro fatato che quando non fa gol fa assist.

RICCI 7
Ha iniziato a livelli stratosferici, non pareva certo un under per l'impronta che sapeva lasciare sulla partita. Prima terzino poi, ancora meglio, esterno alto. A un certo punto ha pagato lo sforzo (aveva sostenuto la preparazione con il Pontedera) ed è calato, prima di farsi male. Ora è rientrato, e se tornerà ai livelli iniziali sarà il miglior acquisto di mercato.

SIMONETTI 7
E' rimasto in letargo per tre mesi poi, quando ormai scalpitava per andare a giocare altrove, i contemporanei acciacchi di Giorgino e Miglietta e l'avanzamento di Corapi sulla trequarti, gli hanno spalancato le porte del campo. Lui ha sfruttato appieno la chance, dimostrando ottime doti da regista e anche un buon tiro. E' un prospetto interessante e la cosa che colpisce è, in lui come in molti altri under, gli straordinari progressi fatti sotto gli occhi di tutti partita dopo partita.

ADORNI 7
L'enfant du pays è stato sorprendente. E' un '98, il bocia della compagnia, ma i campo non si sarebbe mai detto. Ci mette fisico e una calma insolita per la sua età. Non disdegna le avanzate sulla fascia, e promette di crescere ancora. E' stato bello e giusto riuscire a trattenerlo nella diaspora dei suoi ex compagni degli Allievi Nazionali.

MELANDRI 7
Grande partenza anche per lui, poi si è spenta la luce che ora si è riaccesa: prima a intermittenza, poi con il flash abbagliante della doppietta alla Sammaurese. Ha giocato in tutte e quattro le posizioni offensive. Quando è in forma, sulla fascia sa essere devastante. Piuttosto dovrebbe mantenersi più lucido sotto porta, dove tende a sbagliare mira troppo spesso. Anche nel suo caso c'è l'attenuante dell'intenso lavoro fisico a cui si sottopone in partita, con puntuali ripiegamenti.

SAPORETTI 7
Al di là dei due gol, di cui uno decisivo, va premiata la disponibilità a giocare fuori ruolo, la marcatura efficace al bomber Pera in quel di Rovigo e l'attenzione con cui presidia la fascia. Per continuare in quel ruolo dovrà naturalmente affinare il piede e sciogliere un po' la corsa.

MUSETTI 6,5
E' un eccellente attaccante, si vede dalle movenze e dallo stile delle giocate. Potenzialmente potrebbe essere un regista d'attacco alla Floccari. Decisivo, a parte il rigore di Arzgnano, lo è stato solo sul campo del San Marino, ma a frenarlo sono stati principalmente gli acciacchi fisici che gli auguriamo possano lasciarlo in pace nel girone di ritorno.

MESSINA 6,5
Essendo un prodotto del vivaio atalantino, è un ragazzo a denominazione di origine controllata, e lo si capisce apprezzandone le doti tecniche. Ha giocato un po' sì e un po' no, alternandosi con Adorni, e segnato anche un gol. Si direbbe destinato a una felice carriera.

SERENI 6
In diverse partite ha deluso, soprattutto per la precipitazione associata ad approssimazione in zona gol. Parrebbe un problema più che altro psicologico, una carenza di autostima e serenità. Allo stesso tempo però ha positivamente «spaccato» due partite: la prima ad Arzignano sgraffignando il rigore decisivo, e quella di Santarcangelo contro il San Marino, determinando la rimonta con i suoi assist.

BENASSI 6
Solo due gare da titolare, contro Legnago e Rovigo, vuoi per lo strapotere degli zar Lucarelli-Cacioli vuoi per alcuni problemi fisici. Quando è stato in campo ha mostrato buona esperienza ma anche qualche imbarazzo dovuto appunto all'inattività.

GUAZZO 6
Per quanto visto finora, soppesando la sua fama, non gli si può dare di più. Davvero convincente solo a Rovigo, prima imballato poi infortunato. La speranza è che la scellerata espulsione con i tre turni di squalifica lo abbia registrato. Pareva di sì, esultanza a parte: speriamo possa presto rientrare e tornare ai migliori livelli.

AGRIFOGLI 6
Un ragazzo sacrificato in una rosa numerosa e che però ha dimostrato di saper giocare e di meritarsi la serie D. Non è un mostro di rapidità, ma è diligente in fase difensiva, positivo in costruzione e dotato di una gran ''castagna''.

SOWE 6
Una apparizione in Coppa Italia aveva esaltato i tifosi e qualcuno più ottimista degli altri aveva scomodato Asprilla. A differenza di molti suoi colleghi però lui non è particolarmente cresciuto, anzi, all'ultima apparizione Apolloni l'ha tolto dal campo prima dell'intervallo per «scelta tecnica». Il successivo infortunio lo ha fatto finire ai margini. Potrebbe ripartire dalla juniores perché non ci sarà grande spazio.

FALL 6
Gli servirà tanta palestra per arrotondare spalle e bicipiti e sembrare un vero portiere. tra i pali mostra già buone doti, i piedi sono da raffinare ma affidato alle cure di Fulgoni promette di completarsi con soddisfazione di tutti.

RODRIGUEZ 6
Come molti altri suoi coetanei in rosa è un ragazzo che ci sa fare, ma è solo giocando che si cresce. Lui in campo ci è andato poco. Il suo difetto è una certa lentezza, ma in quella posizione ci sono stati top top players come Redondo, Dunga o Xabi Alonso che non erano velocisti. Il fisico, e la visione di gioco non gli mancano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • DAVIDE

    28 Dicembre @ 19.06

    Ma ragazzi, manca il mitico Croce (Miglietta): uno dei più forti pali della luce (senza luce, però) della serie D. Comunque tanto è stato fatto, ma il difficile arriva adesso. Ma quando il gioco si fa duro, i duri (NOI CROCIATI) iniziano a giocare !! Forza ragazzi !! (P.S: il campionato però lo possiamo per.......... -sorry, non mi viene la parola- solo noi !!).

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

«Non siamo riusciti a salvarlo»

Tragedia

«Non siamo riusciti a salvarlo»

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

Solidarietà

L'«altro» Ferragosto

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

VISITE

Collecchio, il Ferragosto si passa nei Parchi

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

Appello

«Parma aiuti la Sierra Leone»

Lutto

Addio a Giovanni Mori, il medico filosofo

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il suicidio di Samuele Turco: aperto un fascicolo per omicidio colposo Video

La Gazzetta di Parma di domani: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

PARMENSE

Incendio vicino ai binari: disagi sulla ferrovia tra Parma e Fornovo Foto

Le foto dei nostri lettori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti